Idrocefalo nel feto durante la gravidanza

Sclerosi

L'idrocefalo è una malattia manifestata da una maggiore pressione intracranica. Nell'ospedale di Yusupov vengono create tutte le condizioni per il trattamento di pazienti affetti da idrocefalo. Nella clinica di neurologia, le camere sono dotate di aria condizionata e ventilazione a estrazione, che consente di fornire aria purificata e creare una temperatura confortevole. I pazienti vengono forniti con mezzi individuali di igiene personale e alimenti dietetici.

Professori e dottori della più alta categoria, che sono i principali neurologi, lavorano all'ospedale di Yusupov. Per un esame completo dei pazienti con encefalopatia utilizzando dispositivi moderni delle migliori aziende del mondo. I medici affrontano individualmente il trattamento di ciascun paziente, prendono in considerazione la causa e la gravità della malattia, la tolleranza dei farmaci.

L'idrocefalo del cervello nel feto si sviluppa a seguito dell'esposizione a patogeni di malattie infettive che una donna incinta è malata. Gli assistenti di laboratorio dell'Ospedale Yusupov conducono test di laboratorio che determinano il titolo di anticorpi contro batteri o virus. L'idrocefalo fetale è determinato durante la gestazione, che consente di prendere una decisione informata sulla fattibilità del prolungamento della gravidanza.

Tipi e cause di idrocefalo fetale

L'idrocefalo è un complesso di sintomi, che è accompagnato da un accumulo patologico di liquido cerebrospinale sotto le membrane del cervello o nelle sue cavità, con conseguente aumento della pressione intracranica. L'idrocefalo nel feto durante la gravidanza può svilupparsi a causa dell'esposizione a fattori dannosi infettivi e non infettivi. L'idrocefalo cerebrale primario nel feto sorge a causa di difetti alla nascita e anomalie genetiche. Idrocefalo primario o isolato vero, ha ereditarietà recessiva o autosomica recessiva legata all'X. Nel 30% dei casi di vero idrocefalo, si osserva un aumento del volume del cranio in utero, nel 50% dei casi - 3 mesi dopo la nascita.

L'idrocefalo secondario si verifica a causa di alterazioni del deflusso dal sistema ventricolare. Anatomicamente distinguere tra idrocefalo interno ed esterno del feto. Nell'idrocefalo interno, il liquido cerebrospinale si accumula nei ventricoli laterali del cervello e nell'idrocefalo esterno, negli spazi subdurale e subaracnoideo.

Le formazioni intracraniche e l'ernia spinale possono contribuire ad un eccessivo accumulo di liquido cerebrospinale nel feto. Un altro fattore che porta alla formazione di idrocefalo secondario è l'infezione intrauterina.

Le cause basilari dell'idrocefalo fetale durante la gravidanza includono:

  • infezioni materne trasmesse sessualmente;
  • Infezione TORCIA in una donna incinta;
  • anormalità congenita del feto;
  • cattive abitudini di una donna incinta.

L'infezione intrauterina del feto con la sifilide porta a difetti congeniti del sistema nervoso, che causano l'idrocefalo. Gli studi dopo l'aborto a causa di idrocefalo fetale spesso confermano la presenza di ureaplasmosis. La clamidia causa anche uno sviluppo anormale del sistema nervoso.

Nello sviluppo dell'idrocefalo fetale, l'infezione TORCH nella madre è di particolare importanza. La toxoplasmosi viene infettata dal contatto con i gatti e dal consumo insufficiente di carne trattata termicamente. È un'infezione particolarmente pericolosa all'inizio della gravidanza, che porta a gravi danni cerebrali al feto. Quando un agente patogeno della rosolia entra nel corpo durante le prime settimane di gestazione, provoca la morte dell'embrione. L'infezione in un secondo momento minaccia lo sviluppo dell'idrocefalo. Il virus dell'herpes simplex può causare difetti nello sviluppo del tubo neurale fetale. Il citomegalovirus è altamente correlato alle cellule del sistema nervoso e causa anomalie nello sviluppo del cervello fetale che causano l'idrocefalo.

L'idrocefalo nel feto durante la gravidanza può svilupparsi in presenza della sindrome di Chiari. Questo è un difetto dello sviluppo in cui il cervelletto e il tronco cerebrale vengono abbassati nel forame occipitale, a seguito del quale la circolazione del liquido cerebrospinale viene disturbata. La sindrome di Edwards è indicata come anomalie cromosomiche. La malattia è più comune nelle ragazze. È caratterizzato da molteplici lesioni di organi e sistemi, tra cui l'idrocefalo. I neonati non sono vitali e muoiono durante i primi mesi di vita. Le lesioni congenite comprendono il restringimento dell'acquedotto cerebrale e l'asimmetria dei ventricoli laterali. Il flusso libero di liquido cerebrospinale nei ventricoli cerebrali è compromesso, ma la malattia si manifesta nei bambini più grandi.

Fumo, uso eccessivo di alcool o alcolismo cronico, permanenza prolungata in aree ad alto livello di radiazioni, uso incontrollato di droghe, specialmente durante le prime settimane di gravidanza, quando si verifica la formazione del sistema nervoso centrale del feto, può causare l'idrocefalo.

Metodi di diagnosi di idrocefalo fetale durante la gravidanza

Per diagnosticare l'idrocefalo fetale, i medici conducono un'ecografia. La testa del bambino viene misurata mediante cross-scanning. Le caratteristiche principali dell'idrocefalo fetale sugli ultrasuoni includono un indicatore della larghezza dei ventricoli laterali, che normalmente non deve superare i 10 mm.

Qual è il termine per determinare l'idrocefalo? La diagnosi viene effettuata dalla diciassettesima settimana, riesame effettuato alle 20-22 settimane di gravidanza. Nella maggior parte dei casi, la patologia viene visualizzata a 26 settimane di gestazione. Un altro metodo per determinare l'idrocefalo fetale durante la gravidanza è l'ecografia.

Tattiche di gestione della gravidanza con idrocefalo fetale

Gli effetti dell'idrocefalo fetale possono essere diversi. Essi dipendono dalle dimensioni del disturbo e dai difetti di sviluppo associati. Nel caso in cui la dimensione dei ventricoli laterali non superi i 15 mm, non sono state identificate altre anomalie e il trattamento è prescritto, la prognosi è relativamente favorevole - non si possono verificare deviazioni nel neonato. Una prognosi sfavorevole si sviluppa se le dimensioni dei ventricoli superano i 15 mm e l'obesità è intensamente in aumento, l'idrocefalo viene rilevato nella prima metà della gravidanza e vi sono più lesioni organiche che sono caratteristiche delle malattie cromosomiche. In questo caso, i medici raccomandano l'aborto a causa dell'idrocefalo fetale.

Attualmente, il trattamento intrauterino di idrocefalo. Con l'aiuto della puntura della parete frontale dell'addome della madre, dallo spazio intorno al cervello del feto pompava il fluido in eccesso, esercitando una pressione sul cervello del feto. La procedura viene eseguita 1 volta. Il secondo metodo di trattamento è lo shunt intrauterino. Il sistema rimane nel cervello del feto fino alla fine dell'età gestazionale. La prevenzione dell'idrocefalo nel feto consiste nel prevenire le malattie infettive, la cautela nell'assumere farmaci durante la gravidanza, uno stile di vita sano per le donne che pianificano una gravidanza.

Cosa fare se viene rilevato idrocefalo fetale durante la gravidanza? Prendi un appuntamento con un neurologo chiamando l'ospedale Yusupov. Dopo la diagnosi, la gestione della gravidanza è sviluppata collettivamente. Le donne offrono la migliore soluzione al problema.

Idrocefalo nel feto durante la gravidanza

Cause di idrocefalo nel feto durante la gravidanza

  • malattie infettive (rosolia, citomegalovirus, herpes, toxoplasmosi, sifilide);
  • patologia del cervello o del midollo spinale;
  • tumori maligni emergenti.
Eventuali difetti congeniti (sindrome di Chiari, disturbi cromosomici, restringimento del canale) sono provocati anche dall'accumulo di liquido cerebrospinale.

Il volume del cervello in un bambino, spesso molto più grande del cranio, crea pressione, il liquido ristagna e la testa aumenta di dimensioni.
Pertanto, durante la diagnosi degli ultrasuoni, è necessario prestare attenzione alla forma e ai parametri della testa. Le misurazioni sono effettuate in sezione trasversale. La larghezza dei ventricoli nel normale dovrebbe essere fino a 10 mm. Un leggero eccesso indica il monitoraggio regolare dello sviluppo della patologia.

Cause di idrocefalo nel feto

Hydrocephalus (un altro nome per idropisia) è caratterizzato come un sintomo complesso con un accumulo patologico di liquido cerebrospinale sotto le membrane del cervello e / o nelle sue cavità (ventricoli), ed è accompagnato da una maggiore pressione intracranica. Le cause dell'idrocefalo nel feto sono di origine infettiva e non infettiva. La patologia si verifica a causa di una eccessiva produzione di liquido cerebrospinale o in violazione del suo deflusso.
Dropsy è classificato in:
• primario - il risultato di difetti alla nascita e anomalie genetiche;
• secondario - a causa dell'infezione intrauterina.

Le principali cause di idrocefalo nel feto

Ci sono molti fattori che contribuiscono alla malattia, ma un ruolo speciale è assegnato agli agenti infettivi che penetrano nel corpo del bambino dalla madre. Quanto prima si verifica l'infezione, tanto più insidiose sono le conseguenze.
Le cause sottostanti dell'idrocefalo fetale durante la gravidanza includono:
1. Infezioni della madre che sono trasmesse sessualmente
Sifilide - l'infezione intrauterina di un bambino affetto da sifilide porta alla comparsa di difetti congeniti del sistema nervoso, che potrebbero includere l'idropisia cerebrale. Ureaplasmosis - il suo ruolo nella presenza di idrocefalo nella fase di discussione, tuttavia, molte donne con diagnosi di idrocefalo fetale dopo l'aborto hanno confermato la presenza dell'agente causale dell'ureaplasmosi. La clamidia causa difetti agli occhi congeniti e anomalie del sistema nervoso.
2. Infezione della TORCHIA nella madre.
L'infezione da toxoplasmosi si verifica quando si mangia carne con un trattamento termico insufficiente e quando si è in contatto con gatti domestici e selvatici. Di particolare pericolo è l'infezione all'inizio della gravidanza, che porta a gravi danni cerebrali.
La rosolia - l'agente eziologico quando si entra in una donna incinta che non ha avuto una rosolia, nelle prime settimane provoca la morte dell'embrione. L'infezione in un secondo momento minaccia il cervello fetale e probabilmente lo sviluppo di idrocefalo.
Infezione da herpes - c'è un alto rischio (oltre il 40%) di infezione del feto da una madre infetta. Nei neonati, lesioni del sistema nervoso, pelle, occhi, ecc.;
Infezione da Cytomegalovirus - il citomegalovirus è altamente correlato alle cellule del sistema nervoso e causa per lo più anormalità dello sviluppo del cervello fetale, ad esempio - l'idropisia cerebrale.
3. Patologia congenita del bambino.
La sindrome di Chiari è un disturbo nello sviluppo del cervello, in cui il tronco cerebrale e il cervelletto sono abbassati nel forame occipitale e la circolazione del liquido cerebrospinale è disturbata. Secondo i nuovi dati, la malattia si verifica a causa del rapido aumento delle dimensioni del cervello, che non corrisponde alla dimensione del cranio.
La sindrome di Edwards viene chiamata anomalie cromosomiche, è più comune tra le ragazze, è caratterizzata da lesioni multiple di organi e sistemi (incluso l'idrocefalo), i bambini non sono vitali e muoiono nei primi mesi di vita.
Il restringimento dell'acquedotto cerebrale, l'asimmetria dei ventricoli laterali appartiene alle lesioni congenite, il flusso libero del liquido cerebrospinale nei ventricoli cerebrali è compromesso, si manifesta con l'età.
4. Abitudini dannose alle donne: uso eccessivo di alcool o alcolismo cronico, fumo, uso incontrollato di droghe, permanenza prolungata in aree ad alto livello di radiazioni, specialmente nelle prime settimane in cui un bambino si avvia e forma componenti del sistema nervoso centrale.

È importante! Piano di gravidanza e test di condotta per la presenza di infezioni trasmesse sessualmente e infezioni TORCH latenti. Con il suo esordio, condurre uno stile di vita sano e attento senza abitudini dannose e fattori negativi per dare alla luce un bambino sano.

Metodi di diagnosi di idrocefalo fetale durante la gravidanza

Il metodo principale di diagnosi dell'idrocefalo cerebrale nel feto è l'ecografia. La testa del bambino viene misurata mediante cross-scanning. Il criterio principale per l'idrocefalo fetale sugli ultrasuoni comprende il valore della larghezza dei ventricoli laterali, che normalmente non deve superare i 10 mm. La diagnostica viene effettuata a partire dalla settimana 17, l'esame ripetuto viene eseguito alle 20-22 settimane di gravidanza, tuttavia, il periodo medio in cui viene visualizzata la patologia nella maggior parte dei casi è di 26 settimane.
Un altro metodo per determinare se c'è idrocefalo fetale durante la gravidanza è l'uso di ecografia. Tuttavia, è disponibile solo in grandi centri diagnostici.

Possibili previsioni e conseguenze dell'idrocefalo fetale

Le conseguenze possono essere diverse e dipendono dalle dimensioni della menomazione e dai difetti di sviluppo associati. Nel caso in cui la dimensione dei ventricoli laterali non superi i 15 mm, non sono state identificate altre anomalie e viene prescritto il trattamento corretto, la prognosi è favorevole - il bambino potrebbe non avere alcuna anomalia.
Una prognosi sfavorevole si sviluppa se la dimensione dei ventricoli è superiore a 15 mm e l'alcova aumenta intensivamente, la patologia è stata rilevata nella prima metà della gravidanza e vi sono lesioni multiple di organi che sono caratteristiche delle malattie cromosomiche. Le conseguenze dell'idrocefalo fetale durante la gravidanza in tali situazioni sono abbastanza pietose: la morte di un bambino o gravi danni al sistema nervoso centrale in un neonato.
Pertanto, sono state identificate una serie di cause di edema del cervello fetale nel feto e metodi efficaci per identificare questa patologia. Un'attenta preparazione alla gravidanza e il rispetto delle raccomandazioni per gli studi ecografici preventivi aiuteranno a prevenire le malattie del bambino.

Cause ed effetti dell'idrocefalo intrauterino del cervello fetale

L'idrocefalo è un eccessivo accumulo e disturbo del deflusso del liquido cerebrospinale (liquido cerebrospinale) e un corrispondente aumento dello spazio contenente il cervello nel liquido cerebrospinale. Questa condizione è caratterizzata da un aumento delle dimensioni dei ventricoli del cervello, un aumento della pressione intracranica e, di regola, un aumento delle dimensioni della testa.

Le cause di idrocefalo nel feto possono essere associate sia alla lesione primaria delle singole strutture cerebrali sia a fattori secondari, tra cui malattie infettive, ipossia e lesioni patite durante la gravidanza.

Esistono 3 tipi di idrocefalo fetale intrauterino, a seconda del luogo di accumulo del liquido cerebrospinale:

  1. interno, caratterizzato da un aumento delle dimensioni dei ventricoli del cervello;
  2. esterno, caratterizzato dall'espansione dello spazio subaracnoideo;
  3. misto, combinando entrambi i tipi.

Idrocefalo interno

Segni classici di idrocefalo interno del feto su ultrasuoni sono un aumento dei parametri di dimensione dei ventricoli laterali del cervello e del terzo ventricolo.

L'idrocefalo fetale è più spesso registrato dal secondo ultrasuono programmato durante la gravidanza, sebbene non sia facile determinare la patologia anche in questo momento, specialmente nelle fasi iniziali. Il criterio più sensibile e affidabile è un aumento dell'altezza del corpo dei ventricoli del cervello di 0,2-0,3 cm rispetto allo stato normale.

La larghezza dei corpi dei ventricoli laterali del cervello fetale è normalmente di 7,5 mm. Con un aumento di oltre 1 cm, registrare la ventricolomegalia - un'espansione isolata dei ventricoli. La progressione dell'idrocefalo intrauterino è accompagnata non solo da un aumento della larghezza dei ventricoli laterali, ma anche dall'espansione delle corna frontali e occipitali, il terzo e il quarto ventricolo del cervello.

Idrocefalo all'aperto

L'immagine ecografica di idrocefalo esterno è caratterizzata dalle seguenti caratteristiche:

  1. un aumento delle dimensioni di un grande serbatoio oltre 1,1 cm;
  2. un aumento del gap emisferico di oltre 0,5 cm a livello dei lobi frontali del cervello, con una diminuzione simultaneamente registrata della sua ecogenicità;
  3. rilevazione di spazi subaracnoidi del cervello fetale, normalmente assente in questa età gestazionale.
Segni distintivi di idrocefalo intrauterino possono essere registrati su ultrasuoni, a partire da circa 20 settimane - l'inizio del periodo di screening del 2 ° trimestre

Conseguenze e trattamenti

La terapia ha lo scopo di abbassare e normalizzare la pressione intracranica e dipende dalla gravità del "drenaggio cerebrale", di solito:

  1. prescrivere farmaci che riducono la pressione;
  2. fare una puntura - rimozione del liquido in eccesso attraverso le molle della fontana;
  3. nei casi difficili ricorrere alla chirurgia.

Idrocefalo durante la gravidanza

L'idrocefalo (edema) del cervello in medicina è chiamato una condizione estremamente grave, che rappresenta una grande minaccia per lo sviluppo armonioso del bambino. La malattia è caratterizzata da un aumento della circonferenza della testa, che è causata da un eccessivo accumulo di liquido cerebrospinale nel cervello - il sistema ventricolare.

L'idrocefalo può essere di natura primaria se si sviluppa come una malattia indipendente. E secondaria, quando la malattia si sviluppa a seguito di una diversa malattia (formazioni tumorali del cervello o del midollo spinale, patologie dello sviluppo del sistema nervoso centrale, sistema vascolare del cervello).

L'eruzione del cervello può svilupparsi sia nell'utero nel feto, nei neonati, nei bambini piccoli e più grandi e negli adulti.

motivi

L'idrocefalo si sviluppa nel feto durante la gravidanza per i seguenti motivi:

  • sviluppo della patologia cerebrale (cervello o spinale);
  • disturbi genetici;
  • sconfiggere le infezioni;
  • formazioni tumorali.

Inoltre svolge un ruolo importante fattore ereditario. L'idrocefalo, che viene trasmesso dai genitori al feto, purtroppo non può essere avvertito. Ma un lavoro sicuro senza infortuni contribuirà ad evitare complicazioni.

L'idrocefalo nel feto può essere accompagnato da malattie come la sindrome di Down, patologia del tubo neurale, labbro leporino, atrofia cerebrale, oltre ad essere una conseguenza di altre anomalie fetali.

Nel primo trimestre di gravidanza, cioè nella quarta settimana, sta avvenendo la formazione del cervello del futuro bambino. Con la sconfitta delle strutture cerebrali e la violazione della circolazione del liquido cerebrospinale, il volume del liquido accumulato può raggiungere 1500 ml Nei casi più gravi, fino a 5 litri di liquore possono accumularsi nel cervello.

Il grande volume della testa non consente al bambino di assumere la posizione corretta nell'utero. Spesso il bambino si trova le gambe in avanti, il che porta a complicazioni durante il parto. Se la circonferenza della testa raggiunge troppo grande e non penetra nel canale del parto, la consegna viene eseguita con taglio cesareo.

Durante la gravidanza, l'idrocefalo può anche svilupparsi nella futura mamma. Le ragioni possono essere:

  • ferite alla testa;
  • infezione da agenti patogeni (ad esempio l'encefalite);
  • abuso di alcol;
  • patologia cerebrale;
  • processi tumorali, emorragia cerebrale;
  • fattore ereditario

Se una donna incinta ha una storia di diagnosi di idrocefalo, esiste un'alta probabilità che la malattia venga trasmessa da madre a feto.

A seconda del grado di sintomi, della forma e della gravità della malattia, viene prescritto il trattamento. Il medico valuta i rischi di complicanze durante il parto, viene prescritta una terapia di supporto. Se non ci sono indicazioni per la cessazione della gravidanza, si dovrebbe essere sotto la stretta supervisione degli specialisti fino alla nascita.

sintomi

L'idrocefalo cerebrale è caratterizzato da un movimento alterato e dall'assorbimento del liquido cerebrospinale, che porta al suo eccessivo accumulo. Questa condizione provoca un aumento della pressione intracranica, che è accompagnata da frequenti e gravi mal di testa.

I principali sintomi di idrocefalo durante la gravidanza sono:

  • vomito frequente e nausea,
  • mal di testa intenso e prolungato
  • deterioramento del benessere generale,
  • sonnolenza,
  • aumentare la pressione intracranica e il sangue.

La nausea e il vomito possono spesso essere confusi con segni di tossicosi precoce e mal di testa con cambiamenti nei livelli ormonali. L'aumento della pressione intracranica e della pressione sanguigna può anche indicare tossicosi tardiva: preeclampsia. In ogni caso, sarà richiesto il trattamento e possibilmente l'ospedalizzazione. Pertanto, al fine di non perdere i segni dello sviluppo della malattia, è necessario consultare un medico in caso di eventuali cambiamenti nello stato e deterioramento della salute.

Diagnosi di idrocefalo

L'idrocefalo nel feto si sviluppa asintomatico. Di norma, la malattia viene diagnosticata durante un'ecografia programmata a 19 settimane o in una data successiva. Un esame ginecologico rivela che la patologia nel feto è molto difficile.

Sulla base dell'esame, raccolta e analisi delle manifestazioni cliniche, il neurochirurgo prescrive un esame.

Per diagnosticare la malattia in una donna incinta, vengono eseguiti i seguenti tipi di diagnostica:

  • esamina il fondo,
  • la neurosonografia viene eseguita,
  • Ultrasuono cerebrale,
  • TAC
  • MRI
  • la consulenza genetica è condotta.

Lo sviluppo della patologia nel feto è determinato dall'ecografia.

complicazioni

Cos'è l'idrocefalo pericoloso durante la gravidanza? Poiché la malattia è ereditaria, è altamente probabile che questa patologia sia nel feto. Con la rilevazione tempestiva delle deviazioni dalla norma e un trattamento adeguato, le conseguenze possono essere evitate.

Quando acquisite idrocefalo a causa di malattie infettive, vi è il rischio di sviluppo di patologie nel feto incompatibili con la vita. In questi casi, si raccomanda l'aborto.

L'idrocefalo del feto può causare complicazioni come malformazioni degli organi e dei sistemi interni, ritardo della crescita e anche ritardo fisico e mentale dopo la nascita.

trattamento

Cosa puoi fare?

Se sospetti idrocefalo, devi consultare immediatamente un medico. La diagnosi e il trattamento tempestivi contribuiranno a ridurre al minimo il rischio di complicanze.

Cosa sta facendo il dottore?

Dropsy è trattato con diversi tipi di terapia. Per l'idrocefalo causato da un'infezione o da un trauma cranico, viene selezionato un trattamento farmacologico. Si basa sull'uso di farmaci che aiutano a ridurre la produzione di liquido cerebrospinale e la rimozione del fluido in eccesso dal corpo (diuretici). A seconda del quadro clinico, i farmaci possono anche essere prescritti per migliorare la circolazione del sangue nel cervello, complessi vitaminici e altri farmaci che eliminano i sintomi. Si consiglia alle donne incinte con diagnosi di idrocefalo di evitare il calore eccessivo (ad esempio vasche idromassaggio), di monitorare attentamente la quantità di fluido consumato.

Il trattamento dell'idrope del cervello con l'aiuto dello smistamento deve essere effettuato prima dell'inizio della gravidanza.

Con lo sviluppo della medicina moderna, è diventato possibile trattare i dispositivi intrauterini di idrocefalo del cervello fetale. Ci sono due metodi:

  1. Quando si utilizza una puntura attraverso l'addome della madre, il liquido in eccesso viene pompato fuori dallo spazio attorno al cervello del feto, esercitando una pressione sul cervello del bambino. La procedura viene eseguita una volta.
  2. Uno shunt è inserito nel cervello del feto per scaricare il liquido cerebrospinale. Il tubo rimane nel cervello del bambino fino alla fine della gravidanza.

Misure terapeutiche intempestive, oltre a ignorare il trattamento, causano serie complicazioni e interruzione della gravidanza.

prevenzione

Se l'idropisia cerebrale non è ereditaria, la futura gestante deve monitorare attentamente la sua salute, sottoporsi a test in tempo e superare tutti i test necessari. È anche necessario assumere acido folico all'inizio della gravidanza, complessi vitaminici prenatali.

Il trattamento delle malattie infettive deve essere effettuato prima di pianificare una gravidanza.

Il trattamento di idrocefalo con il metodo di smistamento viene effettuato prima del concepimento. In assenza di complicazioni e sintomi crescenti, la consegna viene eseguita per via vaginale. Se ci sono prove, può essere assegnato uno shunt di sostituzione.

Rilevazione di idrocefalo fetale su ultrasuoni

L'idrocefalo è l'accumulo di liquido dal midollo spinale alla testa, compresi i suoi ventricoli. Questo fattore è accompagnato da una pressione intracranica. Questa malattia può essere causata dalla presenza di un'infezione o di un'altra causa. L'immagine di questa manifestazione è la seguente: una grande quantità di fluido lascia il midollo spinale, che viene successivamente trattenuto nel cervello. In totale ci sono 2 classi di questa malattia:

  • primario, derivante da anomalie congenite;
  • secondaria, acquisita nell'utero durante l'infezione del feto.

La malattia è classificata nelle seguenti aree:

  • patologia acquisita;
  • malattia congenita;
  • idrocefalo aperto o interconnesso;
  • idrocefalo chiuso o occlusivo;
  • causato da atrofia delle cellule cerebrali;
  • normotesi o pressione normale.

Cause di idrocefalo

L'idrocefalo del cervello nel feto sorge a causa di molti fattori, ma è ancora principalmente le infezioni che entrano nel corpo della madre. E prima succede, peggio per il futuro bambino.

L'elenco delle cause probabili associate allo sviluppo dell'idrocefalo:

  1. Infezioni trasmesse per via sessuale La sifilide porta alla compromissione della funzionalità del sistema nervoso e contribuisce allo sviluppo dell'idropisia.
  2. Ureaplasmosis. E 'possibile che il verificarsi della malattia a causa di questa infezione, è ancora un problema controverso, ma ci sono stati casi registrati su ultrasuoni del feto durante la gravidanza.
  3. La presenza di infezione da clamidia nell'utero causa anche questa patologia e, insieme a essa, influisce sulla funzione visiva e sul sistema nervoso.
  4. Toxoplasmosi: questi agenti patogeni nocivi sono causati dal contatto con animali e dall'ingestione di carne mal lavorata. Particolarmente pericoloso quando si tratta delle prime fasi della gravidanza.
  5. L'agente eziologico dell'infezione da rosolia può causare aborto spontaneo all'inizio della gravidanza. Ma se l'infezione del feto si è verificata nei periodi successivi, allora è possibile che questa sarà la causa dello sviluppo di idropisia nel cervello del feto.
  6. Se la madre ha herpes durante la gravidanza, il rischio di idrocefalo esiste nella metà dei casi. I bambini hanno anche lesioni della pelle e del sistema nervoso.
  7. Cytomegalovirus - questa infezione colpisce il livello cellulare del sistema nervoso, contribuisce allo sviluppo di anomalie, tra cui l'idrocefalo.
  8. Sindrome di Chiari, o patologia congenita, in cui il tronco cerebellare si abbassa nell'occipite. Quindi, vi è una violazione della circolazione del fluido nel midollo spinale. Il cervello cresce di dimensioni e il cranio rimane piccolo.
  9. Con le anomalie cromosomiche o la sindrome di Edwards, quasi tutti gli organi sono colpiti, quindi questi neonati muoiono nei primi mesi di vita.
  10. Quando l'acquedotto cerebrale, che appartiene ai fattori congeniti della malattia, viene ristretto, l'uscita del fluido dal cervello viene disturbata. Molto spesso questo si verifica quando una certa età.
  11. L'idrocefalo contribuisce anche alle cattive abitudini che una donna amava durante la gravidanza. Ad esempio, bere e fumare, assumere farmaci non prescritti da uno specialista, l'impatto di fattori nocivi durante la formazione del feto.

Prima di diventare madre, si raccomanda di sottoporsi a un esame completo: superare tutti i test necessari e, se si rileva la presenza di agenti infettivi, seguire un corso di procedure terapeutiche.

Sintomi di idrocefalo

Come precedentemente affermato, l'idropisia durante lo sviluppo fetale si verifica quando vi è una violazione del flusso di liquido dal cervello, che ne assicura l'accumulo. Questo fattore contribuisce ad un aumento della pressione intracranica e porta a frequenti emicranie.

Alcuni sintomi di idrocefalo:

  • costante sensazione di nausea;
  • vomito;
  • mal di testa di natura prolungata e intensità;
  • sentirsi male;
  • letargia e sonnolenza;
  • aumentare la pressione sanguigna.

Allo stesso tempo, il vomito e la nausea possono essere facilmente confusi con segni di tossicosi o cambiamenti ormonali durante la gravidanza. In caso di tossicosi tardiva, sono possibili anche frequenti cefalee causate da un aumento della pressione intracranica.

In questi casi, è necessario condurre un trattamento ospedaliero sotto la supervisione di uno specialista. E in tempo per monitorare lo stato di salute durante la gravidanza, è necessario il minimo motivo per contattare la clinica prenatale.

Diagnosi di patologia

Per identificare la malattia nelle sue fasi iniziali, il metodo più efficace è l'ecografia. La scansione misura la testa del nascituro, e il parametro principale è la larghezza dei ventricoli situati sul lato, la loro dimensione non deve superare i 10 mm. Gli ultrasuoni vengono eseguiti alla settimana 17 e il test è ripetuto alla settimana 22, ma la media è di 26 settimane di gestazione. L'idrocefalo sugli ultrasuoni del feto indica la presenza di coinfezione, che deve iniziare a combattere immediatamente.

La sonografia è un altro metodo per determinare l'idrocefalo fetale, ma viene eseguita solo in grandi centri medici specialistici.

Per diagnosticare la malattia in una donna incinta, gli esperti usano:

  • esame del fondo;
  • Ecografia cerebrale;
  • tomografia computerizzata del feto;
  • imaging a risonanza magnetica;
  • consulenza genetica;
  • ecografia cranica.

I sondaggi sono nominati in base ai test raccolti.

Le conseguenze della patologia

Tutti quei fattori che minacciano il verificarsi di conseguenze negative dipendono dai difetti dello sviluppo e dalle cause della violazione. Ad esempio, se la dimensione dei ventricoli laterali non ha raggiunto i 15 mm e non sono state identificate altre patologie, questo è facilmente curabile durante il passaggio della gravidanza. Allora il bambino nascerà sano.

Se la dimensione dei ventricoli supera i 15 mm, l'idrocefalo fetale inizia a svilupparsi rapidamente, con effetti negativi sul nascituro. La conseguenza della presenza di idropisia può essere fatale, così come possibili malattie del sistema nervoso centrale.

Solo la preparazione per la futura gravidanza e il parto non consentirà la nascita della patologia.

trattamento

Se ci sono segni dell'aspetto della malattia, è necessario consultare un medico. A sua volta, lo specialista nominerà una serie di esami e deciderà sul trattamento. Se la patologia è causata da malattie infettive, quindi, di regola, viene prescritta una terapia mirata a rimuovere il fluido in eccesso dal corpo e a ridurre la produzione di liquido cerebrospinale. Può anche essere prescritto vitamine, farmaci per migliorare la circolazione cerebrale. Le donne incinte con una diagnosi di idrocefalo non devono stare in stanze ad alta temperatura, bere molti liquidi. Nelle prime fasi della malattia viene applicato un trattamento terapeutico, cioè il medico curante prescrive farmaci che siano benigni per la donna e il suo futuro bambino.

La medicina moderna ha altri due metodi di trattamento unici:

  1. Con l'uso della puntura pompando fuori il liquido in eccesso all'interno dell'utero. Questa procedura viene eseguita una volta.
  2. Uno speciale shunt è inserito nel cervello del feto, che è necessario per drenare il liquido cerebrospinale o il liquido cerebrospinale dal cervello del nascituro. Questa condizione persiste durante la gravidanza.

Se le misure per proteggere la salute del futuro bambino non si svolgono in modo tempestivo, le conseguenze potrebbero essere diverse e irreversibili.

Misure preventive

Se l'idrocefalo non ha sintomi ereditari, allora la donna nel periodo di attesa per il bambino deve monitorare attentamente lo stato della sua salute. È importante visitare la clinica, essere testati in tempo, mangiare bene, avere più tempo per stare all'aria aperta e assumere preparazioni di acido folico per il normale sviluppo fetale.

Se ci sono malattie infettive, è meglio effettuare il trattamento prima di pianificare la gravidanza, poiché durante la gravidanza molti farmaci sono controindicati. La procedura di smistamento per una donna deve essere eseguita prima di concepire un bambino. Gli esami ecografici pianificati sono anche misure profilattiche.

Idrocefalo fetale

L'idrocefalo fetale è una patologia cerebrale caratterizzata da un eccessivo accumulo di liquido cerebrospinale (sistema cerebrospinale) nel sistema ventricolare del cervello a seguito di una violazione del suo assorbimento (idrocefalo arteriotettivo) o della difficoltà del suo deflusso dal sito di secrezione al sito di assorbimento nel flusso sanguigno (idrocefalo occlusivo).

La presenza di idrocefalo nei neonati nella maggior parte dei casi è dovuta all'infezione della madre durante la gravidanza con un'infezione (spesso infezione da citomegalovirus), che porta alla disfunzione del sistema ventricolare (ventricolare) del cervello fetale. Di conseguenza, la circolazione del liquido cerebrospinale viene ostacolata e / o si verifica la sua eccessiva secrezione. Oltre alla forma congenita, l'idrocefalo acquisito può verificarsi anche dopo neuroinfezioni posticipate (meningoencefalite, meningite), intossicazione, ferite alla testa, ecc. Interruzione della circolazione del liquido cerebrale porta ad un aumento della pressione intracranica (sindrome ipertensiva-idrocefalica).

Sintomi di idrocefalo fetale

Il sintomo più caratteristico di idrocefalo nei bambini è la crescita anticipatoria della circonferenza della testa, che si traduce in una forma idrocefalica visivamente facilmente rilevabile del cranio. Un segno della malattia nei neonati può essere una primavera intensa, lo spostamento dei bulbi oculari verso il basso, il frequente abbassamento della testa. Alla congiunzione delle ossa del cranio può formare una protuberanza arrotondata pulsante arrotondato. Spesso si verificano strabismo, nistagmo. Ci sono mal di testa, disturbi dell'udito e della vista, nausea.

Segni di idrocefalo nei bambini:

  • crescita più rapida della circonferenza della testa;
  • testa insolitamente grande;
  • rigonfiamento della grande molla;
  • insonnia;
  • vomito indomabile;
  • irritabilità;
  • lo spostamento degli occhi verso il basso (occhi che rotolano);
  • convulsioni;
  • ritardo dello sviluppo

Segni di idrocefalo negli adulti e nei bambini più grandi:

  • nausea;
  • mal di testa con successivo vomito;
  • lo spostamento dei bulbi oculari verso il basso;
  • mancanza di coordinazione, andatura ed equilibrio, goffaggine, debolezza;
  • regressione dello sviluppo o sviluppo ritardato;
  • perdita di memoria;
  • visione doppia, visione offuscata;
  • incontinenza urinaria;
  • confusione, irritabilità, cambiamenti di personalità.

La malattia può essere diagnosticata nel feto durante l'ecografia prenatale. Nell'infanzia, viene diagnosticata misurando regolarmente le dimensioni della testa.

L'esame di un adulto o di un bambino che ha segni di idrocefalo inizia con un'indagine approfondita e un esame neurologico. I metodi diagnostici più accurati sono la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica.

• idrocefalo (aperto) comunicante;

• idrocefalo occlusivo (chiuso);

• ex vacuo idrocefalo (idrocefalo esterno, che si manifesta a causa dell'atrofia della sostanza cerebrale);

• idrocefalo normoteso (idrocefalo a pressione normale).

Se manifesti segni di idrocefalo, dovresti contattare il tuo neurologo il prima possibile e condurre un esame.

Trattamento dell'idrocefalo fetale

Nelle prime fasi della malattia viene utilizzata la terapia farmacologica. Nei casi in cui l'idrocefalo progredisce rapidamente, è necessario un trattamento chirurgico. Fino a poco tempo fa, l'unico metodo di trattamento chirurgico era lo smistamento ventricolo-peritoneale. Usando tubi speciali con valvole, il liquido dal cervello è stato prelevato nella cavità addominale, mantenendo una pressione intracranica ottimale e non permettendo al liquido cerebrospinale di fluire nella direzione opposta. Lo svantaggio di questo metodo è che il diametro dello shunt è troppo piccolo, che può essere facilmente piegato o intasato, così come la sua fragilità.

Attualmente, viene utilizzato un nuovo metodo di funzionamento dell'idrocefalo - neuroendoscopico. Questo metodo è meno traumatico e più affidabile. L'essenza di questa operazione è di creare il deflusso di liquore attraverso il fondo del terzo ventricolo nelle cisterne extracerebrali del sistema di fluido cerebrospinale. Per fare questo, creare un foro con un catetere speciale. Come risultato dell'operazione, il liquido cerebrospinale può defluire dal cervello senza difficoltà. Questo metodo non richiede operazioni ripetute.

La gravità dell'idrocefalo dipende dall'età del paziente. Nella forma congenita è probabile un grave danno cerebrale, che è pieno di disabilità fisica.

Prevenzione dell'idrocefalo fetale

La prevenzione dell'idrocefalo è la prevenzione delle malattie infettive, la cautela quando si assumono farmaci durante la gravidanza, così come la prevenzione delle neuroinfettive nell'infanzia.

Esame ecografico di screening di neonati e donne in gravidanza.

Come riconoscere l'idrocefalo del cervello fetale

L'idrocefalo fetale non è una patologia comune, tuttavia, si verifica in alcune madri e rappresenta un grave pericolo per lo sviluppo di un piccolo organismo all'interno dell'utero. In medicina, questa condizione è caratterizzata come estremamente grave. A causa dell'edema del cervello, la circonferenza della testa del feto aumenta, provocata dall'eccessivo accumulo di liquidi.

L'eczema può svilupparsi in utero, così come nei neonati, negli adolescenti e persino negli adulti.

classificazione

Ci sono due diversi casi di manifestazione della patologia. Il primo è caratterizzato dall'impossibilità del rilascio di liquido cerebrospinale dai ventricoli. Tale manifestazione è chiamata idrocefalo non comunicante. Il secondo tipo è tutte le altre manifestazioni che hanno il nome di una malattia trasmissibile.

La medicina moderna utilizza una singola classificazione della patologia, in cui si distinguono primarie e secondarie. L'idrocefalo primario nel feto è la principale malattia congenita, quella secondaria è causata da qualche altro disturbo nel corpo (tumori, difetti cardiaci, deformazione vascolare, ecc.).

motivi

Ci sono molti fattori che scatenano la malattia, ma le principali e più pericolose sono le infezioni che entrano nell'utero da madre a figlio. Le cause più comuni possono essere identificate:

  1. Infezioni trasmesse per via sessuale La prima infezione del feto si verifica, più gravi sono le conseguenze di tale sviluppo. La peggiore delle infezioni è la sifilide che, penetrando nel feto, causa difetti nel sistema nervoso, provoca un disturbo nello sviluppo del cervello nel feto, oltre che nell'idropisia. Chlamydia e ureaplasmosis sono spesso provocatori di patologie. Sebbene l'ultima infezione non sia confermata dalla medicina, le statistiche sull'aborto con questa malattia aumentano di anno in anno.
  2. Infezione TORCIA. La toxoplasmosi, la rosolia, l'herpes, il citomegalovirus sono molto pericolosi e sono pieni di complicazioni gravi soprattutto all'inizio della gravidanza, quando il cervello si è appena formato. Questi virus non solo influenzano i sistemi interni e gli organi del feto, ma possono anche causare la perdita di una gravidanza, indipendentemente dalla durata.
  3. Processi patologici congeniti. Questa può essere la sindrome di Edwards, in cui compaiono interruzioni cromosomiche nel corpo del bambino, caratterizzate da lesioni di vari organi, tra cui il midollo spinale. Esiste il rischio di manifestazioni della sindrome di Chiari - disturbi dello sviluppo cerebrale, durante i quali il cervelletto e il tronco cerebrale discendono nello spazio occipitale, il che porta a una cattiva circolazione del fluido.
  4. Abuso di cattive abitudini durante la gravidanza. Se durante il periodo della gravidanza una donna ha trascurato le regole di base per il mantenimento della salute, il fumo e l'alcol possono mettere un segno negativo sul feto e portare a interruzioni nel lavoro del sistema nervoso centrale. E l'idrocefalo ha origine.

sintomatologia


Durante la gravidanza, una donna può riconoscere questa patologia, sulla base di alcuni dei sintomi:

  • nausea e vomito regolari;
  • debolezza, sensazione di malessere;
  • intenso mal di testa, emicranie;
  • salta nella pressione sanguigna, il suo frequente aumento;
  • sonnolenza.

Tuttavia, senza la diagnosi, questi segni non possono essere percepiti come aventi problemi con il feto, perché sintomi simili possono accompagnare una donna a causa di un cambiamento nel contesto ormonale durante la gravidanza. In questo momento è impossibile cedere a un panico ingiustificato, solo un medico sarà in grado di fare una diagnosi.

Metodi di ricerca diagnostica

Il principale metodo diagnostico è l'ecografia. Mediante la scansione misurare il volume e le dimensioni della testa del bambino, stimare il valore dei ventricoli laterali. La norma della larghezza di questo indicatore è di 10 mm, l'eccesso di questi indicatori è considerato patologico. L'esame ecografico viene effettuato dopo la 17a settimana di gravidanza, poiché il tempo medio per la formazione dei cambiamenti è di 26 settimane. È necessario ripetere la procedura diagnostica in un mese.

L'ecografia è un altro metodo diagnostico efficace, ma viene eseguita solo in grandi centri diagnostici specializzati.

Possibili complicazioni e conseguenze

Se una donna incinta soffre di idrocefalo, allora c'è un'alta probabilità che questa patologia possa essere trasmessa al feto, poiché è ereditaria. Tuttavia, le conseguenze possono essere evitate se il problema viene diagnosticato in tempo e viene avviata la sua tempestiva terapia medica.

Se l'idropisia si verifica a causa di uno stile di vita povero o di una malattia infettiva, è necessario adottare urgentemente misure per salvare il feto, poiché esiste la possibilità di morte a causa di processi patologici in rapido sviluppo. In questi casi, i medici raccomandano l'aborto, indipendentemente dal periodo di gestazione.

Oltre ai disturbi del sistema nervoso centrale, l'idrocefalo causa difetti cardiaci, ritardo nello sviluppo mentale e fisico, mancanza di crescita, difetti nei sistemi interni e negli organi.

trattamento


La diagnosi precoce e l'individuazione di possibili rischi possono consentire di aggirare le complicanze patologiche e la morte del feto a causa di diagnosi tempestive e trattamento iniziato. Con il rapido progresso della malattia ricorrere alla chirurgia. Di solito, in questi casi, veniva usata la creazione ventricolo-peritoneale di un percorso addizionale, attraverso la quale il fluido veniva rimosso dal cervello e reindirizzato alla cavità addominale attraverso speciali tubi situati nelle valvole. Ciò ha permesso di rimuovere il fluido, impedendo il suo flusso inverso, e di stabilizzare la pressione intracranica nel cervello fetale. Tuttavia, questo metodo è stato presto escluso a causa della fragilità dei dispositivi.

Fu sostituito da un nuovo metodo di operazioni: la neuroendoscopia. Ha un principio leggermente diverso, ma questo metodo si distingue per l'affidabilità e il minimo rischio di lesioni per il feto durante l'intervento. Uno speciale catetere crea un'apertura per consentire al fluido di uscire attraverso il fondo del ventricolo. Successivamente, il fluido entra nei serbatoi speciali fuori dal cervello, dove va liberamente, senza accumularsi nel cervello. Il vantaggio principale di questo metodo è l'eternità del sistema, le operazioni ripetute in questo caso non sono richieste.

Irritato del feto

L'autore dell'articolo è AV Sozinova, un ostetrico-ginecologo. Esperienza professionale dal 2001

L'eruzione del feto è la sua condizione patologica, in cui il liquido si accumula in tutte le cavità del corpo e vi è un edema generalizzato (edema di tutto il corpo - anasarca).

Nella maggior parte dei casi, l'idropisia fetale è osservata nella gravidanza con conflitto Rh e nella malattia emolitica del neonato. La prevalenza di questa condizione è 1 caso per 1000-14000 generi. Ci sono idropisie immuni e non immuni del feto.

motivi

La causa principale dello sviluppo dell'idropisia immune del feto è la sua malattia emolitica.

La ragione che ha portato allo sviluppo dell'idropisia non immune è spesso non riconosciuta, ma i seguenti fattori sono noti:

  • anomalia cromosomica fetale (sindrome di Down, mosaicismo, trisomia, sindrome di Shereshevsky-Turner e altri);
  • malattia genetica: la mancanza di glucosio-6-fosfato, A-talassemia, sindrome di Noonan, ahondrogenez, tanatofornaya nanismo, la sindrome di Pena-shock, pterigio multipla, acondroplasia;
  • malformazioni della cavità toracica (displasia del torace, ernia diaframmatica, malattia polmonare adenomatosa cistica);
  • malformazioni del sistema urinario (sindrome nefrosica congenita, malformazioni dell'uretra e dei reni);
  • patologia cardiovascolare (cardiomiopatia, difetti cardiaci congeniti, difetti anatomici, shunt venosi arteriosi)
  • corioangioma placenta;
  • in gravidanze multiple (trasfusioni fetotossali, gemelli cardiaci);
  • malattie infettive della madre durante la gravidanza (infezione da citomegalovirus, sifilide, infezione da parvovirus, toxoplasmosi, pancardite da virus di Coxsackie);
  • complicanze della gravidanza (preeclampsia, grave anemia, diabete mellito non corretto, ipoproteinemia);
  • disordini metabolici congeniti (mucopolisaccaridosi tipo 4, malattia di Gaucher, deficit di neuraminidasi, morecio);
  • tumori congeniti del cervello e del midollo spinale, sistema urinario e tratto digestivo, fegato, teratoma sacrococcigea, neuroblastoma.

diagnostica

La diagnosi di edema fetale ha lo scopo di identificare la causa che l'ha provocata. Prima di tutto, il gruppo sanguigno e il fattore Rh sono determinati a confermare / escludere il conflitto Rh e il sistema immunitario del feto.

L'analisi della storia di vita (malattie infettive in passato, chirurgia, patologia cronica), storia ostetrica e ginecologica (presenza di patologie ginecologiche, naturalmente e gli esiti di gravidanze precedenti), analizzati durante l'attuale gravidanza e le sue complicazioni, il guadagno di peso totale e più.

Il principale metodo diagnostico è l'ecografia fetale. Le funzionalità basate su ultrasuoni includono:

  • gonfiore della placenta ("placenta densa");
  • fluido amniotico in eccesso (polidramnios);
  • la dimensione del feto è più grande del normale a causa dell'edema (in particolare, l'aumento della dimensione addominale dovuta all'ascite rispetto alla taglia della testa);
  • accumulo di liquido in tutte le cavità dell'organismo della frutta (idropericardio, ascite, idrotorace)
  • gonfiore dello strato di grasso sottocutaneo sotto forma di un doppio contorno;
  • gonfiore del cuoio capelluto, braccia e gambe;
  • cardiomegalia (aumento della dimensione del cuore);
  • ispessimento intestinale (gonfiore delle pareti);
  • fegato e milza ingrossati (epatosplenomegalia)
  • "Postura di Buddha" - pancia gonfia con estremità e colonna vertebrale ritratta da esso;
  • bassa attività motoria in combinazione con altri segni.

Foto: stima dell'idropisia fetale, 12 settimane

Dopo un'ecografia, viene prescritto un amnio o cordocentesi per determinare il cariotipo del feto, il sangue fetale (valutazione dell'emoglobina, delle proteine) e il possibile trattamento intrauterino. Al fine di escludere l'infezione intrauterina, la PCR è prescritta per sospette infezioni.

Trattamento dell'edema fetale

Quando si identificano malformazioni congenite del feto che sono incompatibili con la vita (1-2 trimestre di gravidanza), alla donna viene offerto un aborto. In caso di rifiuto dell'interruzione, continuano a monitorare il corso della gravidanza e lo sviluppo della malattia fino a quando il quadro temporale prevede la terapia prenatale (prenatale).

Il trattamento dell'idropisia del feto consiste nella cordocentesi e nella trasfusione di sangue nel cordone ombelicale (in caso di anemia grave e diminuzione dell'ematocrito a 30 e al di sotto). Se necessario, le trasfusioni di sangue sostituibili si ripetono dopo 2-3 settimane.

In caso di rilevamento della trasfusione fetale-fetale di gemelli, viene eseguita la coagulazione laser delle navi che collegano i frutti. Se non è possibile eseguire il trattamento prenatale, il grado di rischio di parto prematuro in relazione alla morte e al parto prenatali del parto viene effettuato in anticipo con la prescrizione preventiva di farmaci per accelerare la maturazione dei polmoni fetali. In alcuni casi, è indicata l'introduzione di glicosidi cardiaci materni per la normalizzazione dell'attività cardiaca fetale.

Prima della consegna (di solito accade pianificazione) si stanno preparando per la nascita di un bambino con idrocefalo. Sala parto dovrebbe essere dotato di un apparecchio per la rianimazione cardio-polmonare, le squadre di rianimazione formate di 2-3 e 2-3 rianimatori neonatologia (subito dopo la nascita intubato ed eseguire ventilazione meccanica con ossigeno al 100%).

Subito dopo la nascita e rianimazione pericardiocentesi eseguita (rimozione perforando il liquido accumulato pericardio), puntura pleurica (rimozione del fluido dalla cavità pleurica) e laparocentesis (esaurimento del fluido dalla cavità addominale). I cateteri arteriosi ombelicali per la successiva infusione di globuli rossi concentrati o sangue.

previsioni

La prognosi dell'idropisia non immune del feto è sfavorevole e la percentuale di bambini sopravvissuti è del 20-33%. Con lo sviluppo dell'idropisia nel primo trimestre, la gravidanza di solito termina con un aborto spontaneo, nel secondo e terzo trimestre il rischio di morte fetale prenatale è alto.

Con l'idropisia immune, la prognosi è più confortante, l'effetto del trattamento prenatale e post-natale raggiunge l'80-90%.

Alcuni studi durante la gravidanza

Irritato del feto

L'eruzione del feto è una condizione patologica che si verifica nel periodo prenatale, caratterizzata da anasarca e accumulo di trasudato nelle cavità corporee. Le principali manifestazioni cliniche: edema generalizzato, aumento della dimensione della testa a causa del cranio cranico, idrotorace, idropericardio, ascite, insufficienza cardiovascolare e respiratoria. La diagnosi prenatale comprende gli ultrasuoni e la determinazione dei gruppi sanguigni, identificazione postnatale - visiva di tutti i sintomi caratteristici dell'edema fetale, esami di laboratorio, ecografia, TC, risonanza magnetica. Trattamento sintomatico - rianimazione, drenaggio del trasudato. Nella forma immunitaria è indicata la trasfusione intrauterina.

Irritato del feto

idrope fetale - polietiologic è una condizione patologica in neonatologia e pediatria, che è caratterizzata dallo sviluppo intrauterino di edema generalizzato, accumulo di liquido nella cavità toracica e addominale, e nel sacco pericardico. La prevalenza complessiva - 1: 1-14 mila neonati, la forma immunitaria si verifica 1 volta nella nascita 3000. Nonostante la prevalenza relativamente elevata di AB0 e madre Rh-conflitto e per il feto nella popolazione, lo sviluppo della forma idrope fetale immunitario su questo sfondo è rara. Ciò è dovuto alla capacità diagnostiche moderne, trattamento intrauterino e la prevenzione della malattia emolitica del neonato. Più della metà (55-60%) eziologia non è nota. La prognosi per questa patologia è sempre seria. Letalità forme non immune è molto alta e pari a circa il 70-80%, mentre per il sistema immunitario - circa il 20%.

Cause di edema fetale

L'eruzione del feto è una malattia eterogenea. Spesso, l'esatta eziologia non può essere stabilita, tuttavia, noto per le cause più probabili del suo sviluppo. modulo non immune può essere causata da mutazioni (sindrome di Down, Turner, triploidia e tetraploidia), malattie genetiche (deficienza di G-6-PDG, α-talassemia, sindrome di Noonan e schiuma-shock et al.), una violazione della conducibilità e malattia cardiaca congenita (ASD, VSD, sopraventricolare e tachicardia ventricolare), patologie vasi principali (trombosi superiore ed inferiore vene cave, shunt artero) anomalia struttura torace (apertura ernia e displasia asfittica), torcia infezioni (toxoplasmosi, CMV, sifilide, etc. ), Displasia del sistema genito-urinario (aplasia o stenosi congenita dell'uretere, idronefrosi), patologie della gravidanza (sindrome placentare trasfusione, horioangioma, eclampsia). La patogenesi del feto idrope non immune basa sulla insufficienza cardiaca del bambino, ipoproteinemia e anemia, che riduce la pressione oncotica del sangue.

In aggiunta a tutti questi motivi, lo sviluppo di idrope fetale, possiamo distinguere i fattori di rischio che aumentano il rischio di forma non-immune. Questi includono gravidanza prima 16 o dopo 40 anni, gravidanza multipla e prolungata, macrosomia. Il sesso maschile è considerato più soggetto all'idropisia del feto. La causa principale del sistema immunitario idrope fetale - incompatibilità materno e gruppo sanguigno fetale (0 (I) nella madre e A (II) o In (III) - bambino) o fattore Rh (madre - Rh +, e il bambino - Rh-), in tal modo causando il bambino emolisi amplificato sviluppa malattia emolitica. Al momento questa opzione è estremamente raro in relazione a misure diagnostiche convenzionali in ostetricia.

Classificazione e sintomi dell'edema fetale

L'eruzione del feto ha due forme eziologiche:

  • Idropisia immune del feto Di regola, si sviluppa sullo sfondo della malattia emolitica del neonato. Allo stato attuale, sullo sfondo della diagnosi precoce e del trattamento, questa forma di edema fetale praticamente non si verifica, nonostante la prevalenza relativamente alta dei conflitti Rh e AB0. La previsione è relativamente favorevole.
  • Forma non immune Gruppo polietiologico Questa variante dell'edema fetale può essere causata da difetti cardiaci congeniti e interruzione del suo sistema conduttivo, mutazioni genomiche e cromosomiche, infezioni TORCH, varie displasie, patologie della gravidanza, ecc. Nella maggior parte dei casi, è fatale.

Le manifestazioni cliniche dell'edema fetale sono determinate dal momento della nascita. La condizione generale del bambino è solitamente grave o molto grave (più spesso). In questi bambini, una testa sproporzionatamente grande viene rivelata a causa di un aumento significativo della parte cerebrale del cranio. A causa della generale debolezza muscolare, il bambino prende la posa della rana. Le suture del cranio sono aperte, le fontanelle sporgono, le ossa hanno una consistenza flessibile. Sul corpo viene rilevato un grande volume di lubrificante simile al formaggio e un sacco di capelli grandi, vengono rilevati gonfiore generale e pallore. Il tessuto adiposo sottocutaneo è delicato, motivo per cui la temperatura corporea è molto labili e altamente dipendente dall'ambiente. Quando l'idropisia del feto nei ragazzi può essere osservato criptorchidismo e nelle ragazze - sottosviluppo delle labbra. I riflessi fisiologici (tra cui succhiare ed esplorare, Moreau) sono depressi. Risposta di emergenza labile (120-160 battiti / min), pressione sanguigna inferiore al normale (50-65 mm Mercurio.). Esiste una tachipnea, alternata a periodi di apnea. Spesso marcato epatosplenomegalia, idrotorace, ascite, idropericardio. In alcuni casi, potrebbero formarsi ipotiroidismo transitorio e pollakiuria.

Diagnosi di edema fetale

La diagnosi di edema fetale comprende la raccolta di dati anamnestici, un esame obiettivo del bambino, metodi di ricerca strumentali e di laboratorio. Nell'intervistare le madri prestate attenzione alle malattie infettive e ginecologiche trasferite, alle patologie croniche, alle caratteristiche del corso della gravidanza e alle sue complicanze. Un esame obiettivo da parte di un neonatologo o di un pediatra stabilisce i sintomi caratteristici dell'idropisia fetale, vengono valutate le complicazioni presenti, le condizioni generali del bambino e la necessità di rianimazione. La diagnostica di laboratorio sotto forma di ELISA, PCR o altre reazioni sierologiche consente di identificare il probabile agente patogeno infettivo. Se si sospetta una malattia emolitica del feto, si ripetono il gruppo sanguigno e il fattore Rh della madre e del bambino. Test di laboratorio generali (OAK, OAM, biochimica del sangue) vengono utilizzati per valutare il funzionamento degli organi interni ed escludere le malattie associate.

Il ruolo principale nella diagnostica strumentale dell'idropisia fetale viene svolto dagli ultrasuoni. La scansione ad ultrasuoni consente di effettuare una diagnosi preliminare nel periodo prenatale. I segni ultrasonici che possono indicare un'idropisia fetale includono edema della placenta, flusso di acqua alta, presenza di fluido nelle cavità del corpo del bambino, epatosplenomegalia, edema del grasso sottocutaneo e postura del Buddha. L'ecografia postnatale viene eseguita per confermare condizioni patologiche pericolose (idropericardio, idrotorace, ascite) e per determinare le tattiche terapeutiche. È inoltre possibile utilizzare l'ECG, l'imaging a risonanza magnetica e computerizzata ai fini della diagnosi differenziale e della valutazione della struttura degli organi interni.

Trattamento dell'edema fetale

Non esiste un trattamento specifico per l'idropisia non immune del feto. La consegna viene effettuata in condizioni di piena disponibilità di attrezzature per la rianimazione. Immediatamente dopo la nascita, il bambino ha un volume completo di terapia intensiva: intubazione tracheale con apporto di ossigeno al 100%, se necessario, rianimazione cardiopolmonare, trasfusione di sangue o massa di eritrociti, ecc. Quando tutte le misure sono inefficaci, sotto il punto di vista sono mostrate punture pleuriche e pericardiche e laparocentesi controllo degli ultrasuoni e dei segni vitali del bambino. A seconda della situazione, può essere prescritta una terapia antiemorragica, antibatterica, immunocorrettiva, metabolica, anticonvulsivante, ecc.

Nella forma immunitaria dell'idropisia fetale, il trattamento inizia nel periodo prenatale. Consiste nella trasfusione intrauterina del sangue Rh nel feto mediante cordocentesi. Questa procedura è mostrata nell'anemia grave e in una diminuzione dell'ematocrito inferiore a 30 g / l. Se necessario, la trasfusione può essere effettuata in 14-21 giorni.

Previsione e prevenzione dell'edema fetale

Nella maggior parte dei casi la prognosi dell'idropisia non immune del feto è sfavorevole. Il tasso di sopravvivenza non supera il 20-30% del numero totale di neonati con questa patologia. Se nella prima metà della gestazione si verifica un'idropisia non immune, esiste un alto rischio di aborto spontaneo e nel secondo la morte intrauterina del bambino. Con l'idropisia immune del feto, l'esito è più favorevole - circa l'85% dei bambini sopravvive sullo sfondo del trattamento. La profilassi specifica può essere effettuata solo in relazione alla forma immunitaria dell'edema fetale. È indicato per una incompatibilità confermata del sangue della madre e del bambino. La sua essenza risiede nell'introduzione della madre delle immunoglobuline, che impedirà l'emolisi dei globuli rossi fetali. Le misure preventive non specifiche consistono nella pianificazione razionale della gravidanza, un esame completo durante la gravidanza, visite regolari alle cliniche prenatali, trattamento delle malattie somatiche e infettive della madre.