Colpo e gonfiore del cervello.

Sclerosi

Ciao, lettori e ospiti del mio blog di un neurologo. Oggi, il nostro argomento di discussione è l'edema cerebrale e tutto ciò che riguarda questa condizione. Perché questo argomento particolare? Perché questa condizione è abbastanza comune negli ictus e nelle lesioni traumatiche del cervello - nelle loro forme gravi, ed è quasi sempre un compagno di queste lesioni cerebrali.

Ictus emorragico, ictus cerebrale esteso, tutti i tipi di emorragie intracerebrali, gravi lesioni della testa aperte o chiuse, nella maggior parte di questi casi, si sviluppa un concomitante edema cerebrale.

Cos'è il gonfiore del cervello?

Il fatto è che i processi metabolici sono molto intensi nel cervello, le cellule nervose (i neuroni) hanno un disperato bisogno di ossigeno e nutrienti, quindi il sistema dei vasi sanguigni è molto sviluppato nel cervello, che porta e scambia i prodotti sanguigni. Il sistema capillare si lega alle cellule attraverso un liquido interstiziale o extracellulare - un collegamento tra le cellule e i vasi sanguigni. Anche questo fluido è in movimento.

Quando una qualsiasi parte del cervello è danneggiata o compressa meccanicamente, questa rete di drenaggio è danneggiata, il che porta a violazioni delle sue funzioni. Sangue e fluido fluiscono verso il tessuto, ma non possono tornare indietro, determinando una grande quantità di accumulo in questi spazi intercellulari. Questo, a sua volta, porta all'edema cerebrale, a volte diffuso, che cattura entrambi gli emisferi. Esistono altri meccanismi in cui l'accumulo all'interno della cellula nervosa di prodotti tossici in condizioni di mancanza di ossigeno sviluppa il cosiddetto edema citotossico, che è caratteristico di un ictus compreso. Non ci soffermeremo sui dettagli del suo sviluppo.

Sintomi di edema cerebrale

I sintomi spesso non sono specifici e, se possono essere identificati, è raramente possibile descriverli in dettaglio.

Il fatto è che in questa situazione lo stato di una persona è difficile e spesso questo è accompagnato da una depressione di coscienza, persino da un coma. Nei casi in cui la coscienza è preservata, i sintomi sono quelli che si verificano spesso con un aumento della pressione intracranica: forti mal di testa di natura persistente, nausea, vomito, spesso ripetuto, capogiri, deficit visivo. Questi sono i principali, anche se ci possono essere deviazioni e sintomi minori che sono diversi da quelli sopra elencati.

Quali sono le cause dell'edema cerebrale?

  • ampio ictus ischemico, quando ci sono grandi focolai di danni alla sostanza cerebrale che possono colpire interi lobi e persino emisferi del cervello, così come l'ictus emorragico - quando il gonfiore del cervello si verifica non solo a causa della circolazione cerebrale compromessa, ma anche a causa della compressione midollo formato ematoma intracerebrale
  • gravi lesioni alla testa: grave contusione cerebrale, associata alla formazione di ematomi intracerebrali post-traumatici (subdurale, epidurale, così come emorragia subaracnoidea
  • formazioni volumetriche del cervello, che cos'è? - questi sono tutti i tumori che normalmente non dovrebbero essere nella sostanza del cervello, con l'aspetto e la crescita dei quali si verifica la compressione dei percorsi CSF e il gonfiore del cervello aumenta, ad esempio, vari tumori
  • grave intossicazione del corpo, le cui cause possono essere gravi malattie infettive (meningite, encefalite: virali, batteriche o fungine), così come tossine formate all'interno del corpo in gravi malattie degli organi interni (come fegato o reni), nonché avvelenamento con droghe, che sono anche in grado di portare a gonfiore del cervello
  • aumento della pressione intracranica o ipertensione intracranica, a causa di vari motivi, che possono essere molti
  • ci sono prove che un rigonfiamento della pressione atmosferica, più precisamente, la permanenza prolungata di una persona in queste condizioni, ad esempio, l'elevazione e un lungo soggiorno in alta quota in montagna

Forse su questi punti finiremo di descrivere le cause dell'edema cerebrale e procederemo al suo trattamento.

Edema cerebrale: trattamento

Quindi siamo arrivati ​​al trattamento diretto e ora discuteremo i metodi e i principi di base, a seguito dei quali, il trattamento viene effettuato. Nella maggior parte dei casi, questa complicanza è la causa della grave condizione del paziente e il trattamento viene eseguito, di norma, nel reparto di terapia intensiva e nel reparto di terapia intensiva. Spesso è necessario ricorrere all'aiuto di altri specialisti, come oculisti, rianimatori e altri.

Il trattamento dell'edema cerebrale è possibile in modo conservativo, prescrivendo terapia ed edema medico antiedemico. Per quanto riguarda il primo metodo, il più comune, qui sono prescritti farmaci che impediscono la crescita di edema e il suo sollievo. Il gruppo di farmaci più frequentemente usato sono i diuretici, i cosiddetti. farmaci diuretici che sono in grado di rimuovere il liquido in eccesso nel gonfiore del cervello. Anche i diuretici stessi sono divisi in gruppi, secondo il meccanismo d'azione.

Di solito, i reparti di rianimazione e neurochirurgia sono ben forniti di medicine di questo gruppo, quindi il loro uso è abbastanza comune. Inoltre, altri gruppi di farmaci sono utilizzati per mantenere le funzioni vitali del corpo. Il reintegro della composizione minerale e proteica del corpo è parte integrante della terapia per il trattamento dell'edema cerebrale, che spiega l'uso di questi gruppi di farmaci oltre ai diuretici.

Il prossimo metodo è la chirurgia, le operazioni neurochirurgiche vengono eseguite con effetti su vari meccanismi che causano e supportano il gonfiore del cervello. Utilizzare l'installazione di un catetere di drenaggio, attraverso il quale va un eccesso di liquido cerebrospinale, può anche eseguire il trepanning per decomprimere la sostanza cerebrale e prevenire tali complicazioni terribili come la dislocazione e la penetrazione del tronco cerebrale.

Eseguono anche operazioni con lo scopo di ripristinare la pervietà delle vie del liquido cerebrospinale, quelle attraverso le quali circola il liquido cerebrospinale, se è disturbato. Ci sono molte opzioni per le operazioni, un esempio di una delle quali potrebbe essere un intervento neurochirurgico in un grave idrocefalo, che ha portato a un grave gonfiore del cervello in una bambina, vedi il video qui sotto su questo.

Sfortunatamente, ci sono casi in cui il rischio di deterioramento del paziente durante l'operazione è molto più alto dei potenziali benefici dell'intervento neurochirurgico. Le indicazioni per la chirurgia per edema cerebrale sono anche specifiche e sono determinate da un medico neurochirurgo. Sfortunatamente, gli effetti di un ictus con gonfiore del cervello possono essere persistenti e disturbare seriamente una persona. Potrebbe essere necessario un corso serio di riabilitazione dopo un ictus per ripristinare le funzioni perse.

Autore: neurologo Alexander Postnikov, San Pietroburgo

Edema cerebrale come complicanza dopo un ictus

L'ictus è il risultato di insufficienza circolatoria nel cervello, si verifica quando un blocco o una rottura dei vasi sanguigni, una tale condizione ha molte complicazioni. Una conseguenza grave è il gonfiore del cervello - la concentrazione del fluido in eccesso che sposta gli emisferi o comprime il tessuto nervoso. Se si verifica un gonfiore al cervello, si prevedono previsioni deludenti, poiché la probabilità di ripristinare i disturbi neurologici è piuttosto bassa.

Cause di edema cerebrale in ictus

Ci sono due tipi di ictus che causano gonfiore del cervello: ischemico, emorragico.

Il primo tipo si sviluppa se la riserva di tessuto nervoso con sangue si deteriora. Il metabolismo cellulare è disturbato, portando a un eccessivo rilascio di liquido nei vasi sanguigni. È così che si sviluppa l'edema locale, che si diffonde nel tempo.

Il primo tipo si sviluppa se la riserva di tessuto nervoso con sangue si deteriora. Il metabolismo cellulare è disturbato, portando a un eccessivo rilascio di liquido nei vasi sanguigni. È così che si sviluppa l'edema locale, che si diffonde nel tempo.

L'ictus emorragico provoca un rapido gonfiore dopo aver attraversato i vasi sanguigni, provocando il riempimento di sangue del tessuto nervoso adiacente. Una tale condizione minaccia la vita di una persona o sviluppa conseguenze irreversibili.

L'ictus emorragico provoca un rapido gonfiore dopo aver attraversato i vasi sanguigni, provocando il riempimento di sangue del tessuto nervoso adiacente. Una tale condizione minaccia la vita di una persona o sviluppa conseguenze irreversibili.

Un ictus è una condizione acuta che contribuisce all'interruzione di diversi fattori:

  • interruzione dello scambio tra cellule, che porta a un liquido stagnante e aumenta il volume cellulare;
  • deterioramento della circolazione sanguigna nelle vene e nelle arterie, che accompagna il gonfiore del cervello;
  • Il suddetto fattore influisce sul trasporto di ossigeno, che porta alla fame di cellule e al loro aumento di dimensioni;
  • la composizione del sangue diventa più alcalina, il che ne compromette il movimento nei vasi.

Tutti questi fattori provocano la comparsa di un tumore al cervello dopo un ictus.

Sintomi di lesioni

Lo sviluppo di segni di edema è associato ad un aumento del danno cerebrale. Spesso, il paziente non nota i sintomi di un ictus a causa di una piccola area, ma il gonfiore può portare a segni pronunciati:

  • disturbi del linguaggio;
  • nausea e vomito persistenti;
  • diminuzione della vista e dell'udito;
  • convulsioni, paralisi;
  • perdita di memoria;
  • deterioramento dell'orientamento spaziale e temporale;
  • cambiamenti nella funzione respiratoria;
  • perdita di coscienza, coma.

Quando l'ictus, il gonfiore del cervello inibisce le cellule che producono la dopamina, che cambia la natura di una persona.

Primo soccorso

Riconoscere che c'è stato un ictus che provoca gonfiore del cervello, è possibile solo monitorare attentamente la condizione umana: forti capogiri; nausea e vomito occasionale; disorientamento; visione e udito offuscati; fallimento del ritmo respiratorio; stupore e disturbi del linguaggio; convulsioni periodiche; perdita di coscienza

Quando si manifestano almeno due dei suddetti sintomi, è urgente chiamare la brigata di ambulanza. Un paziente mette ed elimina i suoi movimenti improvvisi. L'ospedalizzazione tempestiva e l'esame tomografico ridurranno gli effetti dell'edema.

Eventi medici

L'edema cerebrale in ictus è la complicanza più comune, che è mortalmente pericolosa e ha gravi conseguenze per la salute. Migliora la prognosi può solo la diagnosi di emergenza e il ricovero in ospedale della vittima. In medicina, c'è il concetto di "ora d'oro" - 60 minuti dopo i primi segni di un ictus. Se l'assistenza viene fornita durante questa ora, la persona ha tutte le possibilità di un recupero completo.

diagnostica

L'esame iniziale comprende l'identificazione di segni esterni di un ictus: viso asimmetrico, disturbi del linguaggio, paralisi degli arti. Il medico controlla la pressione intraoculare e i disturbi neurologici. La diagnosi più efficace è la risonanza magnetica e la TC.

Un ulteriore esame include un esame emocromocitometrico completo, la misurazione della pressione arteriosa e un coaulogramma. Se la pressione è elevata, devono essere somministrati beta-bloccanti o inibitori e il paziente deve essere collocato in posizione prona.

medicati

Lo sviluppo di edema dopo un ictus richiede un'azione urgente. È importante prevenire la diffusione del gonfiore per prevenire lo spostamento del tessuto cerebrale.

A volte gli effetti del gonfiore richiedono un intervento chirurgico per rimuovere il liquido in eccesso. Per fare ciò, eseguire uno dei tipi di operazioni:

  1. trepanning del cranio, che è necessario per un edema esteso o per la presenza di un coagulo di sangue;
  2. rimozione del fluido usando un catetere.

In casi difficili - il paziente è in coma. Fondamentalmente, in questo caso, è prescritta la terapia di mantenimento. Se la funzione respiratoria della vittima è compromessa, viene eseguita la ventilazione polmonare artificiale.

prudente

Per ridurre le conseguenze, gli specialisti dovrebbero ripristinare l'apporto di ossigeno al cervello per evitare la morte cellulare, per la quale sono prescritti ossigenoterapia o farmaci diuretici. La circolazione sanguigna viene ripristinata utilizzando la terapia fibrinolitica, che prevede iniezioni endovenose di alteplase o urochinasi.

L'ictus emorragico è una ripetizione pericolosa, per evitare questo, i medici prescrivono la terapia antipertensiva, che è necessaria per l'ipertensione. La maggior parte delle azioni mirano a migliorare la circolazione sanguigna e la saturazione del cervello con l'ossigeno, viene effettuata un'ulteriore terapia sintomatica e restitutiva.

reinserimento

Il recupero degli effetti di un ictus complicato da edema dipende dalla prontezza delle prime azioni mediche. Con una piccola area interessata, il paziente può recuperare completamente. Ma soprattutto le vittime soffrono di paralisi unilaterale.

È possibile ripristinare le funzioni, a volte solo in parte, con l'aiuto di procedure di riabilitazione, che vengono assegnate individualmente, ma hanno un numero di caratteristiche comuni:

  1. svolgere l'attività minima in parecchi giorni dopo la normalizzazione di uno stato;
  2. massaggi per aree affette del corpo;
  3. supporto motivazionale attivo;
  4. un graduale aumento dell'attività fisica.

Inoltre, i pazienti sono incoraggiati a seguire una dieta speciale per ripristinare le cellule e saturare il corpo con potassio, calcio, proteine.

Conseguenze e prognosi

Gonfiore del cervello durante un ictus può avere gravi conseguenze:

  • paralisi parziale;
  • visione alterata, udito;
  • cambiamento nello stato mentale;
  • perdita di memoria;
  • diminuzione dell'attività mentale;
  • coma, morte.

La prognosi della vita dipende dal grado di danno delle cellule cerebrali e dalla tempestività del trattamento. È spesso possibile valutare gli effetti del gonfiore del tessuto cerebrale solo dopo la rimozione di questa condizione.

Edema cerebrale come complicanza di ictus

Un ictus è una pericolosa violazione acuta della circolazione sanguigna del cervello a seguito di ostruzione o restringimento delle vene e delle arterie principali che alimentano le strutture cerebrali. L'inevitabile conseguenza di una condizione così formidabile è l'edema. Questo è un fenomeno estremamente pericoloso, che è caratterizzato da un aumento della quantità di liquido nella regione circolatoria. Di conseguenza, la pressione intracranica sta crescendo.

L'edema cerebrale durante un ictus è mortale, poiché è probabile che l'organo si muova e le strutture cerebrali penetrino il forame occipitale.

Che cosa è il gonfiore del cervello e cosa vale la pena conoscere su una condizione così pericolosa?

Cause immediate di edema e caratteristiche

La causa immediata dell'edema delle strutture cerebrali è la stessa: si tratta di un aumento della concentrazione del liquido cerebrospinale e del liquido intercellulare nel cranio. Perché il gonfiore del cervello si forma durante un ictus?

Ci sono diversi fattori probabili:

  • Interruzione del metabolismo energetico nelle cellule cerebrali. Portare alla stagnazione e all'infiammazione locale. Di conseguenza, si forma una grande quantità di liquido in eccesso, le cellule aumentano di volume.
  • Disturbi circolatori nelle vene e nelle arterie principali. Portare a gonfiore del cervello Considerando che l'afflusso di sangue durante un ictus è compromesso in tutti i casi, la circolazione sanguigna cambia nel 100% delle situazioni cliniche.
  • Mancanza di ossigeno e sostanze nutritive. Il trasporto di sostanze è insufficiente. Di conseguenza, il gonfiore si sviluppa.
  • Cambiamenti nella composizione del sangue. Diventa molto più alcalino. Questo fattore riduce il flusso sanguigno, aumenta la formazione di liquido intercellulare.
  • Il cambiamento nella pressione del plasma sanguigno. Più è alto, più intenso il fluido intercellulare entra nello spazio delle strutture cerebrali.

I nostri lettori raccomandano!

Un nuovo strumento per la riabilitazione e la prevenzione dell'ictus, che ha un'efficacia sorprendentemente elevata: il tè monastico. Il tè monastico aiuta davvero ad affrontare le conseguenze di un ictus. Inoltre, il tè mantiene normale la pressione sanguigna.

Caratteristiche del flusso di stato

Esistono diversi schemi per lo sviluppo dell'edema cerebrale dopo un ictus.

  • Come già accennato, un ictus cerebrale porta sempre a un'alterazione dell'apporto di sangue alle cellule nervose. Il risultato è un ristagno di sangue. Il normale flusso sanguigno promuove l'evacuazione di sostanze tossiche da sostanze organiche nelle strutture intercellulari, e quindi sono completamente eliminate dal corpo attraverso l'urina. Inoltre, a causa della grave mancanza di ossigeno, la concentrazione di tossine aumenta esponenzialmente. Il risultato è lo sviluppo di una lesione citotossica. La sostanza extracellulare insieme alle tossine entra nello spazio delle cellule nervose.
  • Edema cerebrale dopo un ictus è anche in grado di svilupparsi a causa del banale ristagno cellulare. Come risultato dell'aumento della pressione osmotica del sangue, la sostanza intercellulare inizia ad entrare nello spazio cerebrale e aumenta la pressione intracranica e il volume del liquido cerebrale (liquido cerebrospinale).
  • Infine, quando si parla di ictus emorragico, l'ematoma (accumulo di sangue nello spazio subaracnoideo) è un altro fattore nello sviluppo dell'edema. Spesso è ematomi in combinazione con un aumento della pressione del fluido cerebrale aumentare la probabilità di morte.

Quadro clinico

Tra i sintomi tipici dello sviluppo di edema cerebrale sono manifestazioni comuni e focali.

Più estesa era la lesione e più pronunciato il gonfiore, più intensi erano i sintomi.

Le manifestazioni caratteristiche includono:

  • Convulsioni. È provocato dalla pressione dell'ematoma o del fluido cellulare sul lobo temporale del cervello. Sviluppare il cosiddetto. epilessia temporale. Caratterizzato dalla comparsa di sintomi tipici di crisi epilettiche. Si verifica nel 15% dei casi.
  • Mal di testa intenso Il cervello stesso non è in grado di provare dolore: le terminazioni nervose responsabili della sindrome del dolore sono assenti. Tuttavia, le strutture di rifornimento di sangue sono riccamente innervate. Con la loro stenosi, che è inevitabilmente osservata durante un ictus, le navi iniziano a dolere. Un ulteriore fattore è la compressione delle vene e delle arterie del fluido cellulare.
  • Sensazione di nausea, vomito, natura indomabile, che non è correlata alla dieta. La manifestazione è dovuta allo sviluppo della compressione del centro vomito.
  • Violazioni dei sensi. A seconda della concentrazione della lesione, c'è una perdita di visione, udito e tatto. Secondo le statistiche, è la visione che soffre più spesso. Nebbia prima degli occhi, perdita parziale o totale della vista, emianopsia (perdita di campi visivi), fotopsia (sfarfallio del fulmine) e sviluppo del mirino. La manifestazione si verifica nel 60% dei casi ed è spiegata da una lesione del lobo occipitale del cervello. La perdita uditiva è meno comune, non più del 25% dei casi. Perdita dell'udito in una o entrambe le orecchie.
  • Sensazione di derealizzazione, disorientamento. Una persona non può capire dove si trova, chi è, e che ora è adesso. Disturbi mentali - una delle più gravi manifestazioni di gonfiore.
  • Con una lesione profonda delle strutture cerebrali ci sono problemi con la respirazione, il ritmo cardiaco. Questi sono sintomi mortali di distruzione dei nuclei del tronco cerebrale (inclusi il ponte, il talamo, ecc.). È necessario un trattamento attento per prevenire effetti simili di edema cerebrale.
  • Compromissione della memoria Amnesia parziale o completa è possibile. Una persona non ricorda nulla dopo un ictus. In rari casi, una perdita completa di memoria è possibile quando una persona non ricorda chi è o dove si trova.
  • Coma e coma
  • L'afasia. Completo o parziale. È una violazione della parola e della sua percezione da parte del paziente.

Le manifestazioni più pericolose associate all'aggravamento della condizione:

  • Reazione lenta delle pupille a uno stimolo luminoso.
  • Ipertermia a livelli superiori a 40 gradi.
  • Coma profondo o coscienza alterata.

I sintomi dell'edema cerebrale non sono sufficientemente caratteristici. La maggior parte di loro esacerba il quadro clinico dell'ictus. Ma la lesione non sempre interessa le stesse parti del cervello dove c'era una mancanza acuta di circolazione del sangue. È possibile la compressione di diversi emisferi e persino l'intero cervello.

Tipi di edema

Esistono due tipi principali di edema. In ictus, di regola, entrambi si sviluppano contemporaneamente:

  • Gonfiore locale o regionale delle strutture cerebrali. Formata a causa della formazione di edema o di un parziale aumento del volume di liquido cerebrale nel cervello.
  • Gonfiore generalizzato Formato in risposta ai fattori sopra descritti.

L'edema generalizzato è irto di sviluppo di massicce lesioni delle cellule nervose. Vi sono numerosi sintomi neurologici presentati dai sintomi sopra descritti.

diagnostica

La diagnosi di questo problema è gestita da un neurologo o neurochirurgo. Poiché l'edema non ha manifestazioni patognomoniche, l'esame viene eseguito solo in ospedale.

Nel primo ordine, il profilo neurologico viene diagnosticato con lo studio dei riflessi, ecc. È possibile solo se il paziente è cosciente.

È richiesta la misurazione della pressione intraoculare. Viene prescritta una puntura del midollo spinale (puntura lombare). È necessario misurare la pressione nel midollo spinale e determinare la presenza di sangue nelle strutture cerebrali e cerebrospinali.

Tomografia computerizzata obbligatoria o imaging a risonanza magnetica. Questi studi offrono l'opportunità di valutare lo stato del cervello e il volume del fluido.

Inoltre, è necessario condurre una serie di test di laboratorio, tra cui un coagulogramma, biochimica del sangue, emocromo completo.

Sono sufficienti queste azioni per affermare la diagnosi esatta.

trattamento

Il trattamento al primo momento è conservativo, medico.

I seguenti gruppi farmaceutici sono prescritti:

  • Agenti antipiastrinici. Prevenire la formazione di coaguli di sangue.
  • Anticoagulanti. Aumenta la fluidità del sangue e normalizza la sua composizione.
  • Agenti nootropici per il recupero rapido delle cellule cerebrali.
  • Farmaci antiipertensivi. Destinato al trattamento dell'ipertensione e riduzione della pressione nell'ipertensione secondaria di una genesi diversa. Si consiglia di effettuare tale trattamento ad alte velocità del tonometro, più di 180 per 100.
  • Diuretici. Aiuta a evacuare velocemente il liquido in eccesso dal cervello.

In casi eccezionali, viene mostrato il trapasso del cranio e il drenaggio dello spazio circolatorio.

effetti

Tra gli effetti più comuni di edema cerebrale sono:

  • Convulsioni.
  • Letargia, sonnolenza.
  • Disturbi di coordinazione, respirazione, ritmo cardiaco (tachicardia, bradicardia, ritmo anormale).
  • Letargia.
  • Coscienza, stupore, coma.
  • Paralisi e paresi.
  • Disturbi mentali (psicosi indotta).

Ci sono comunque possibilità di recupero. È importante mostrare immediatamente la persona al medico e non ritardare con l'inizio del trattamento.

L'edema delle strutture cerebrali è una condizione formidabile, irta di formazione di conseguenze pericolose per la vita e la salute. La diagnosi tempestiva e una terapia adeguata sono la chiave per una cura completa.

Edema del cervello e dei suoi effetti nell'ictus

Una delle conseguenze più terribili e allo stesso tempo quasi inevitabili dopo un ictus è il gonfiore del cervello. Di per sé, il fenomeno è l'accumulo di liquido nei tessuti delle cellule nervose. Come conseguenza diretta, il volume all'interno del cranio aumenta, la pressione aumenta e si verificano mal di testa intollerabili.

Ci sono altre manifestazioni di edema, come gonfiore delle braccia o delle gambe, gonfiore sul viso. Tutto ciò parla sia del disturbo dei processi di formazione del sangue, sia dei processi di rigenerazione da allora il liquido linfatico sta cercando di riempire le zone morte perse e come proteggere il corpo.

Di solito, una reazione come l'edema cerebrale si sviluppa durante la prima volta dopo un attacco e può svilupparsi rapidamente. Se non presti attenzione in tempo e non prendi misure, l'aumento della pressione può nuovamente causare disturbi circolatori fino alla necrosi e alla morte.

Cause di edema cerebrale

Tra i medici più comuni è possibile identificare quanto segue e la loro prognosi al 60% è piuttosto deludente:

  • Lesioni cerebrali a seguito di cadute, incidenti, urti, ecc.;
  • Altre lesioni - frattura, stiramento, sovrallenamento del braccio o della gamba, paralizzato durante un ictus;
  • Infezione nel sangue, così come malattie virali - meningite, encefalite, toxoplasmosi, altri processi purulenta dopo un ictus;
  • Formazione di tumori nel cervello;
  • Emorragia aperta dopo l'ictus.

L'edema cerebrale può anche essere causato da processi rigenerativi. Il fluido che riempie i vuoti formati dopo la morte delle cellule riempie lo spazio in modo incontrollabile. Di conseguenza, l'edema cerebrale provoca una nuova emorragia o interferisce con il normale deflusso di sangue dal cervello.

Un tumore è una delle cause più probabili di edema dopo un ictus. Le cellule che si moltiplicano rapidamente causano una pressione su un midollo sano.

È anche probabile che una tale persona abbia edema dopo un ictus che sale ad un'altitudine più elevata in montagna o su un piano che scende in profondità. Dobbiamo stare attenti nella scelta del tempo libero, pensando alle conseguenze per il cervello.

Inutile dire che l'ictus ischemico ripetuto porta anche alla comparsa di un fenomeno come il gonfiore del cervello.

I sintomi di gonfiore del cervello

Come identificare l'inizio dell'edema delle braccia o delle gambe, senza dubbio, perché visivamente tutti i sintomi ci sono. Ma il paziente non sempre parla esattamente dei suoi sentimenti, a volte semplicemente non è in grado di trasmettere informazioni sulle sue preoccupazioni. Pertanto, ci sono alcuni segni di edema che devono essere costantemente monitorati. Quindi, l'edema cerebrale si manifesta nel modo seguente:

  1. Attacchi acuti di forti dolori alla testa;
  2. Nausea e vomito senza motivo;
  3. Perdita di visione o controllo di altri sensi (eventualmente parzialmente);
  4. Violazione dell'orientamento spaziale;

Puoi recuperare da un colpo a casa. Basta non dimenticare di bere una volta al giorno.

Particolarmente pericoloso è l'ultimo sintomo, che dopo un ictus può trasformarsi in un coma. La prognosi in questo caso non è la più favorevole: solo il 40% dei pazienti comatosi sopravvive.

Un nuovo strumento per la riabilitazione e la prevenzione dell'ictus, che ha un'efficienza sorprendentemente elevata - la collezione di monasteri. La collezione di monasteri aiuta davvero ad affrontare le conseguenze di un ictus. Inoltre, il tè mantiene normale la pressione sanguigna.

Effetti dell'edema

È facile indovinare che i disturbi circolatori all'interno del cervello sono pieni di conseguenze in futuro. Prima di tutto, la morte delle cellule nervose porta al fallimento di alcune funzioni vitali, che difficilmente possono essere ripristinate anche dopo il trattamento.

Un'altra conseguenza comune è l'inizio di un ictus ricorrente. Ulteriori sintomi si sviluppano secondo la struttura dell'ictus. Paralisi totale o parziale degli arti, perdita di orientamento nello spazio, incapacità di pensare adeguatamente, perdita del controllo sui sensi - tutto questo non è un elenco completo delle conseguenze dannose. Il più pericoloso dei quali è il coma e la morte.

Diagnosi e pronto soccorso per edema

Prima di tutto, se hai lamentele o altri sospetti di edema cerebrale, dovresti chiamare immediatamente un medico. La diagnosi di emergenza fino al ricovero salverà la vita di una persona.

Quando la pressione aumenta, l'edema cerebrale si sviluppa in circa mezz'ora.

Il primo passo è dare al paziente farmaci che abbassino la pressione sanguigna e leniscano. Potrebbe essere necessario fare un impacco con ghiaccio fino all'arrivo dell'ambulanza. Dopo l'ospedalizzazione, deve essere eseguita una scansione tomografica computerizzata e la misura in cui l'edema cerebrale si è diffuso e se è irto di ictus. Inoltre, sono consigliati l'imaging a risonanza magnetica e un esame emocromocitometrico completo.

Trattamento dell'edema

Sulla base dei risultati dei medici, viene prescritto un corso di trattamento individuale basato sui risultati della diagnosi. L'edema cerebrale, se risulta da un infortunio, di solito si risolve da solo. Dovrebbe solo monitorare le condizioni del paziente, fornendo pace e sostegno. Quindi, ad esempio, per le lesioni cerebrali, la scelta del trattamento prevede l'introduzione di ossigeno nel sangue, che non solo nutre le cellule cerebrali, ma contribuisce anche alla loro rigenerazione. Di conseguenza, l'edema cerebrale passa da solo.

Per quanto riguarda i casi rimanenti, non sarà possibile fare a meno dell'intervento farmacologico. I farmaci possono essere somministrati per via endovenosa. Inoltre, prima di tutto è necessario garantire l'apporto di ossigeno al cervello e la neutralizzazione del focus. L'edema cerebrale richiede la neutralizzazione immediata dell'infezione se è la causa della sua insorgenza.

Intervento chirurgico

In casi particolarmente gravi, se i medici non vedono un'altra via d'uscita, si propone di condurre un'operazione aperta e rimuovere la fonte di gonfiore. La rimozione del fluido accumulato può essere effettuata in due modi:

  1. Trepansione immediata, se il gonfiore è causato da un tumore o da un coagulo di sangue e la causa alla radice deve essere eliminata.
  2. Rimozione del liquido inserendo un catetere.

Quest'ultimo metodo è considerato più moderno, ma non meno complicato. Dopotutto, quando si colpisce la più piccola particella ossea o un altro corpo estraneo, c'è un gonfiore ricorrente, che è già, di regola, più ambizioso e pericoloso. Se il medico fa un passo simile, significa che non ci sono altre misure.

Sei a rischio se:

  • sperimentando improvvisi mal di testa, mosche lampeggianti e vertigini;
  • la pressione "salta";
  • sentirsi debole e stanco rapidamente;
  • infastidito dalle sciocchezze?

Tutti questi sono precursori di un ictus! E. Malysheva: "Col tempo, i segni notati, così come la prevenzione nell'80%, aiuta a prevenire un ictus ed evitare terribili conseguenze! Per proteggere te stesso e i tuoi cari è necessario prendere uno strumento per guadagnare soldi. »LEGGI ALTRO. >>>

Conseguenze dell'edema cerebrale dopo l'ictus

L'edema cerebrale è una delle conseguenze dell'ictus emorragico e ischemico. Questa è una violazione del deflusso del fluido e del suo accumulo nei tessuti del cervello e delle sue cavità - i ventricoli. L'edema cerebrale può portare a sintomi neurologici: convulsioni, paresi. La prognosi per l'edema causato da ictus è sfavorevole. Dipende dalla posizione della lesione e dal suo volume.

Progressione della malattia

Ictus - emorragia nel tessuto cerebrale. Esistono due tipi di disturbi circolatori cerebrali: ictus ischemico ed emorragico. L'ictus ischemico si sviluppa a causa della trombosi delle arterie cerebrali e dell'ischemia di una sezione di tessuto nervoso. L'ictus emorragico si presenta ad alta pressione, quando l'elasticità dei vasi si riduce e si rompono senza sostenere la pressione. Con la sconfitta del midollo allungato, le catastrofi vascolari sono fatali, poiché procedono con la morte delle cellule dei centri respiratori e vasomotori.

L'edema cerebrale può manifestarsi sia dopo un ictus che precedere. Ad esempio, un'elevata pressione sistemica può provocare una violazione del deflusso di fluido dalla sostanza intercellulare del sistema nervoso centrale - la neuroglia. Allo stesso tempo, una pressione elevata induce danni alle navi indebolite dal processo aterosclerotico.

L'ictus emorragico termina con una violazione dell'integrità della nave e dell'ulteriore formazione di una cisti - una cavità fatta di tessuto connettivo denso e piena di liquido. Questa cisti viene quindi rilevata su una risonanza magnetica. Quando ciò accade, la necrosi (wet) della colliquazione delle cellule cerebrali.

  1. Violazione della coordinazione dei movimenti.
  2. Paralisi degli arti e perdita di sensibilità di parti del corpo.
  3. Perdita di vista o udito.
  4. Vomito che non porta sollievo.
  5. Perdita di memoria
  6. Respirazione alterata
  7. Perdita di coscienza, stupore, stupore. A volte coma.
  8. Dolore alla testa
  9. Sindrome convulsiva
  10. Comprensione della parola.

Vomito nell'edema del cervello si verifica a causa di un'eccessiva pressione del fluido sui recettori del centro emetico nell'ipotalamo. Crampi si verificano quando l'emorragia nella cavità dei ventricoli. Se l'emorragia si è verificata nei lobi temporali del cervello, è probabile che sia possibile la perdita dell'udito. Con un ictus nei lobi occipitali dei centri di visione interessati. Paresi degli arti si verificano sul lato opposto alla lesione. Prognosi sfavorevole per i pazienti caduti in coma: sullo sfondo dell'ipossia sviluppata del cervello, le loro possibilità di sopravvivenza sono ridotte al 40%.

Con piccoli focolai di necrosi (necrosi) dei tessuti, la prognosi è molto più favorevole, in questi pazienti ci sono possibilità di recupero dell'attività fisica, del linguaggio. Tuttavia, dopo un ictus, le cellule che sintetizzano la dopamina possono morire, il che porta a depressione e irritabilità. In questo caso, il carattere del paziente si deteriora.

Gonfiore dopo un ictus può colpire entrambi gli emisferi del cervello ed essere generalizzato. Nell'edema diffuso, è interessato solo un emisfero. Se il fenomeno del gonfiore colpisce solo l'area della necrosi, allora questo processo è chiamato locale.

L'edema può colpire i neuroni del cervello ed essere citotossico. Quando si verifica un'iperidratazione vasogenica, una violazione del flusso di fluido si verifica solo nella sostanza intercellulare (neuroglia).

Diagnosi di edema cerebrale dopo ictus e trattamento

Quando compaiono i sintomi di un ictus (asimmetria del volto, disturbi del linguaggio, perdita di coscienza, paralisi), la diagnostica viene eseguita utilizzando la risonanza magnetica e la TC. Per determinare l'ipertensione del liquido cerebrospinale che fluisce attraverso i ventricoli e il canale spinale, eseguire la puntura del midollo spinale con misurazione della pressione. Determinato anche dalla pressione intraoculare. Il neurologo esamina i riflessi del paziente e i disturbi del movimento, le convulsioni.

Esame di laboratorio eseguito: emocromo completo, coagulogramma, indicatori di biochimica (creatinina, lattato deidrogenasi).

Il primo soccorso consiste nel posizionare il paziente in posizione orizzontale sul divano, per misurare la pressione. Ad alta pressione, dare al paziente un agente ipotensivo (beta-bloccanti, inibitori del canale del calcio), che, di regola, sono sempre a portata di mano. Il paziente ha bisogno di ricovero urgente.

Assistenza medica per edema cerebrale è la nomina di diuretici osmotici per ripristinare la circolazione del fluido, alleviare il gonfiore. I diuretici come il mannitolo contribuiscono al deflusso del liquido extracellulare nei capillari. L'eliminazione dell'edema cerebrale è accompagnata dall'eliminazione delle convulsioni. Il titanio e il sodio tiopentale sono efficaci per il trattamento delle crisi.

A volte è necessario un intervento chirurgico per decomprimere il tessuto e salvare la vita del paziente. In questo caso, viene eseguita una trapanazione del cranio per rimuovere il liquido in eccesso utilizzando un catetere.

Nell'ictus ischemico causato da trombosi arteriosa, la circolazione sanguigna viene ripristinata dalla terapia fibrinolitica. Gli enzimi endovenosi sono somministrati - Alteplazu o Urokinase.

Nell'ictus emorragico e nell'ipertensione, la terapia antipertensiva viene utilizzata per prevenire ictus ricorrenti e ripristinare il flusso sanguigno. Si consiglia di trattare l'ipertensione con un aumento della pressione sistolica superiore a 180 mm Hg. Art. A pressione più bassa, la terapia antipertensiva può portare a ictus ischemico.

Per ripristinare la circolazione sanguigna aumentando la coagulazione del sangue, vengono prescritti agenti antipiastrinici (Clopidogrel e Aspirina). Questi farmaci prevengono una delle complicanze dell'ictus e gli effetti del riposo a letto prolungato - embolia polmonare. I pazienti hanno anche bisogno di un massaggio delle mani, schiena, collo. Per evitare l'aspirazione di vomito, i medici installano un sondino nasogastrico.

Se il processo respiratorio è disturbato e la pressione parziale dell'ossigeno nel sangue cade, è necessaria la ventilazione polmonare artificiale.

Edema cerebrale in pazienti con ictus: profilassi, prognosi

L'edema cerebrale è una delle prime complicanze che si presentano nei pazienti dopo un ictus. Può svilupparsi sia nei disturbi circolatori emorragici che ischemici. Il picco di questa condizione patologica cade il 3-5 ° giorno dopo un ictus, quindi, quando un paziente viene ricoverato in ospedale, è necessaria la profilassi per prevenire il suo sviluppo.

Una delle complicazioni dell'ictus è il gonfiore del cervello.

Allo stesso tempo, può anche verificarsi durante il periodo di riabilitazione del paziente, sullo sfondo di un miglioramento relativo del suo benessere. La probabilità di edema nei pazienti dopo un incidente cerebrovascolare è aumentata, in quanto hanno già lesioni che possono modificare l'equilibrio elettrolitico dell'acqua nei tessuti cerebrali.

motivi

L'edema cerebrale si verifica a causa della compromissione della permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni e delle membrane cellulari. Ciò causa un eccessivo rilascio di liquido nello spazio extracellulare e si verifica sotto l'azione di ipossia o intossicazione. Questo può portare a:

  • lesioni alla testa, urti, cadute possono causare danni neuronali;
  • malattie infettive che interessano il tessuto cerebrale e le membrane. Infezioni batteriche e virali, causare infiammazione, intossicazione;
  • neoplasie nel cranio, che portano a pressione meccanica sul tessuto cerebrale, alcuni tumori emettono sostanze tossiche durante il periodo di decadimento;
  • respirazione alterata o ossigeno ridotto nell'aria. La mancanza di ossigeno negli altipiani causa l'ipossia, che è molto pericolosa dopo un ictus. L'ipossia può essere causata da malattie cardiovascolari concomitanti e malattie respiratorie;
  • recidiva.

Meccanismi di sviluppo

L'edema cerebrale durante un ictus può verificarsi durante l'ischemia o l'emorragia, quando il sangue passa attraverso il midollo o il liquido cerebrospinale quando si rompe una nave, causando disturbi nelle membrane cellulari e l'otturazione delle strutture responsabili del mantenimento della normale pressione intracranica. Il sangue può accumularsi non solo nello spazio subaracnoideo, ma anche nei ventricoli. Un aumento della pressione intracranica provoca la sudorazione del fluido nel tessuto.

In ischemia, l'ipossia è l'indicatore principale, è il suo sviluppo che determina la velocità della morte dei neuroni. Pertanto, il ripristino della perfusione e la lotta contro di esso diventano l'obiettivo principale nel trattamento del paziente.

L'ipossia provoca il rilascio di sostanze vasoattive che agiscono sui vasi, riducono la loro capacità di autoregolazione, che porta ad un ulteriore deterioramento del flusso sanguigno dei tessuti e della perfusione generale.

Inoltre, la mancanza di ossigeno influisce sui processi metabolici nei tessuti non solo del sistema nervoso centrale, ma anche di tutto il corpo, questo è dovuto al fatto che il paziente ha disturbi respiratori, non possono essere espressi, ma gradualmente portano ad una diminuzione del contenuto di ossigeno nei tessuti. Allo stesso tempo, si formano sostanze endotossiche che contribuiscono a cambiamenti nella permeabilità della parete cellulare e dei vasi sanguigni. Le sostanze secrete da batteri, virus o un tumore possono anche essere tossiche per le cellule.

Tutto ciò porta alla scarica di fluido nello spazio extracellulare, che degrada lo stato dei neuroni e può portare alla loro morte.

I disordini respiratori causano ipossia tissutale in tutti gli organi, questo porta a fallimento multiorganico e rilascio di mediatori citotossici nel sangue, quindi è necessario garantire al paziente la respirazione libera anche nella fase preospedaliera.

sintomi

Un mal di testa può essere uno dei sintomi dell'edema cerebrale.

La prognosi in caso di edema cerebrale è sfavorevole, molto spesso durante il suo sviluppo il paziente cade in coma e solo il 40% dei pazienti sopravvive dopo di esso. Pertanto, è necessario sapere quali sintomi stanno parlando dello sviluppo di edema al fine di avviare misure preventive nel tempo. Potrebbe essere:

  • mal di testa parossistico;
  • nausea, vomito;
  • disturbo dell'orientamento;
  • amnesia parziale;
  • perdita di sensibilità;
  • problemi alla vista, all'udito;
  • convulsioni;
  • perdita di coscienza, stupore, stupore, coma.

Misure preventive e terapeutiche

I principi e le procedure terapeutiche che aiutano a prevenire e curare il gonfiore del cervello in un paziente che ha avuto un ictus sono finalizzati a:

  • mantenere una adeguata funzione respiratoria;
  • ripristino della microcircolazione e dell'afflusso di sangue;
  • eliminazione di ipossia;
  • combattere contro l'infezione, per questo utilizzare antibiotici o farmaci antivirali;
  • assicurare il deflusso del liquido in eccesso nei tessuti cerebrali.

Mantenere una adeguata funzione respiratoria

Il paziente sul ventilatore

In alcuni casi l'insufficienza respiratoria dovuta a ictus, lesioni e patologie polmonari causa la necessità di rianimazione. Pertanto, un paziente dopo un ictus in tali situazioni deve garantire il libero accesso all'ossigeno, evitare che il vomito penetri nel tratto respiratorio. Dopo il ricovero in ospedale o anche in ambulanza, può essere necessario l'intubazione e la ventilazione meccanica.

Anche se il paziente respira in modo indipendente, ma ha tipi patologici di respirazione, o insufficienza respiratoria, oltre a fornire ossigeno, sono indicati l'intubazione e la ventilazione meccanica nella modalità di iperventilazione. Questo è spesso richiesto quando un paziente sviluppa il coma, peggiora la prognosi.

Ripristino della microcircolazione e della circolazione sanguigna

Il ripristino della microcircolazione nei tessuti è ottenuto in diversi modi.

  • monitorare e assicurare una pressione sanguigna sufficiente per la perfusione dei tessuti;
  • ripristino del volume ematico circolante;
  • migliorare le proprietà reologiche del sangue.

Ai pazienti con ictus non può essere assegnato un gran numero di soluzioni per la somministrazione endovenosa (soluzione salina e glucosio al 5%), questo può causare gonfiore del cervello. Pertanto, per il diradamento del sangue, la ritenzione di liquidi nel sangue e il miglioramento della microcircolazione, vengono utilizzati farmaci che migliorano le proprietà reologiche del sangue. Questi includono reopoliglyukin, macrodex, polyglukin.

Soluzione di destrano altamente molecolare

Nei pazienti con diabete mellito, a causa di disturbi metabolici che portano ad un aumento dell'osmolarità del tessuto cerebrale, il gonfiore del cervello dopo un ictus si verifica molto più rapidamente e più spesso. Questo peggiora la prognosi e può portare al coma, quindi, nel loro trattamento, è necessario mantenere un livello normale di glucosio nel sangue.

I glucocorticoidi sono anche usati per prevenire l'edema e il desametasone è il farmaco di scelta qui. L'azione dei glucocorticoidi previene lo sviluppo di edema, poiché stabilizzano le membrane cellulari e ripristinano la loro permeabilità.

Garantire il deflusso del fluido

È necessario rimuovere il fluido in eccesso dal corpo, questo contribuisce all'uso del mannitolo. Il mannitolo è un diuretico osmotico che, quando entra nel flusso sanguigno, attira il liquido dal tessuto cerebrale, prevenendo così l'edema. Dopo somministrazione endovenosa, la furosemide deve essere iniettata in modo che l'acqua in eccesso possa essere rilasciata nelle urine.

Il farmaco con azione diuretica e anti-edematosa

Nei pazienti con ictus emorragico, per prevenire l'edema, a volte è necessario garantire il deflusso del liquido cerebrospinale dallo spazio subaracnoideo o interrompere il sanguinamento. Per fare ciò, eseguire un'operazione o eseguire il drenaggio con un catetere.

Metodi per l'eliminazione dell'ipossia

Per ridurre l'ipossia, che causa il gonfiore del cervello è necessario:

  • aumentare la percentuale di ossigeno che entra nel paziente;
  • utilizzare farmaci antiipoxici, antiossidanti (Mexidol, Tsitikolin);
  • mantenere l'attività metabolica delle cellule in condizioni ischemiche (Actovegin).

Mexidol è un farmaco che influenza direttamente i processi energetici nelle cellule, poiché contiene sale di acido succinico. E avvia la sintesi di ATP durante il ciclo di Krebs e ripristina l'attività della citocromo ossidasi, l'enzima nella catena respiratoria mitocondriale. Oltre all'effetto antiossidante, l'effetto anti-radicale del farmaco riduce il livello di colesterolo nel sangue e la quantità di lipoproteine ​​a bassa densità.

Il suo uso per la prevenzione dell'edema cerebrale è associato al fatto che Mexidol stabilizza le membrane cellulari e ripristina la loro permeabilità. C'è uno studio che dimostra che l'uso di Mexidol in pazienti con ictus ischemico riduce il rischio di complicanze. L'uso di Tsitikolin ha lo stesso effetto, inoltre, aumenta il riassorbimento del fluido dai tessuti, che contribuisce allo sviluppo inverso dell'edema.

L'uso di Tsitikolin per la prevenzione non solo aiuta a prevenire il gonfiore del cervello, ma aiuta anche a ridurre lo sviluppo dei disturbi cognitivi post-ictus, la demenza.

Actovegin è diverso da altri farmaci che influenzano il contenuto di ATP, è uno stimolante del metabolismo cerebrale in ischemia. Contiene sostanze necessarie per il metabolismo (aminoacidi, peptidi, microelementi). Actovegin migliora anche le proprietà reologiche del sangue e della microcircolazione. Questo non solo contribuisce alla fornitura di ossigeno alle cellule, ma è anche usato ulteriormente come misura preventiva per lo sviluppo di piaghe da decubito. Actovegin prescritto nel periodo acuto a 1000 mg al giorno.

L'edema cerebrale nei pazienti con ictus peggiora in modo significativo la prognosi della malattia e aumenta la probabilità di sviluppo di conseguenze, come deterioramento cognitivo, demenza, movimento alterato. Pertanto, le misure preventive iniziano a essere eseguite immediatamente dopo l'ammissione del paziente all'ospedale e continuano durante il trattamento.

Conseguenze di edema cerebrale dopo un ictus, raccomandazioni di specialisti

Se una persona sviluppa gonfiore del cervello dopo un ictus, le conseguenze sono molto gravi. L'edema porta a una scissione del cervello nel grande forame occipitale e alla spremitura dei centri vitali - questo nella maggior parte dei casi causa la morte di una persona.

Colpo con gonfiore - grave danno cerebrale

L'essenza della patologia

L'ictus è il processo di violazione della circolazione cerebrale. Si verifica per due motivi:

  • spasmo vascolare e ischemia del midollo;
  • rottura della nave e sanguinamento nel cervello.

In connessione con questi meccanismi distinguere ictus ischemico ed emorragico. L'emergere di queste condizioni contribuisce a numerosi fattori.

Tabella. Fattori provocatori per disturbi della circolazione cerebrale.

Cattive abitudini - fumo, abuso di alcool

Stile di vita sedentario

Tumore al cervello

Patologie vascolari - aneurismi, vasculiti

Disturbi emorragici

Il picco della formazione di lesioni ischemiche è nella vecchiaia. Gli ictus emorragici si verificano a qualsiasi età.

Gli ictus ischemici sono caratteristici degli anziani.

sintomi

Qualsiasi tipo di incidente cerebrovascolare ha un quadro clinico caratteristico. Sintomi più pronunciati osservati nell'ictus emorragico. L'ischemia si sviluppa gradualmente, quindi i sintomi si sviluppano entro poche ore.

Nelle lesioni ischemiche si osservano mal di testa moderati, capogiri, nausea e vomito. Su questo sfondo, compaiono i sintomi focali. Essi dipendono da quale parte del cervello subisce l'ischemia e quale sia la prevalenza della lesione. Le manifestazioni principali sono:

  • visione e udito alterati, sono possibili allucinazioni;
  • disturbi del linguaggio di varia gravità;
  • paresi e paralisi degli arti - sinistra o destra, sotto o sopra;
  • violazione della sensibilità delle diverse parti del corpo;
  • paresi o paralisi dei muscoli facciali.

Con lo sviluppo di emorragia intracerebrale, si manifesta un forte mal di testa, accompagnato da nausea e vomito. C'è visione offuscata, tinnito. I segni focali si sviluppano entro un'ora. Dipendono da dove si è verificata l'emorragia. La loro gravità aumenta con l'aumentare dell'ematoma intracerebrale. L'ictus emorragico è caratterizzato da sintomi più gravi. Spesso, un ampio ematoma porta allo sviluppo di uno stato comatoso.

Attenzione! Un paziente con ictus acquisisce un aspetto distintivo. A causa della paresi dei muscoli facciali, si verifica l'abbassamento dell'angolo della bocca e dell'occhio, la guancia da un lato si blocca e si gonfia. Se una persona è cosciente, non può chiudere completamente gli occhi o sorridere i denti. C'è un disturbo del linguaggio - una persona emette solo suoni individuali.

Ulteriori informazioni sulla diagnosi di ictus sono descritte nel video:

effetti

L'ictus è accompagnato da numerose conseguenze. Tra loro ci sono i primi e i remoti. Questi ultimi consistono nello sviluppo di un deficit neurologico di vari gradi di gravità dopo la rimozione di una condizione acuta. Gli effetti iniziali sono di solito gravi e causano la morte. Una di queste conseguenze è il gonfiore del cervello, che si sviluppa nei primi giorni della malattia.

Gonfiore della sostanza cerebrale

La sua comparsa è dovuta alla morte di un gran numero di neuroni e all'accumulo di liquido nello spazio intercellulare. La maggior parte dell'edema si sviluppa sullo sfondo dell'ictus emorragico. Può sorgere solo in un sito o catturare vaste aree.

È importante! Questa condizione è pericolosa per la vita perché, a causa dell'aumento del volume del midollo, viene introdotta nel grande forame occipitale alla base del cranio e nella compressione dei centri vitali, vasomotoria e respiratoria.

Tabella. Meccanismi di sviluppo dell'edema cerebrale in diversi tipi di ictus

In questo contesto, altre gravi conseguenze si stanno già sviluppando.

manifestazioni

È piuttosto difficile determinare la formazione di edema cerebrale, poiché ha quasi gli stessi sintomi dell'ictus stesso. Le caratteristiche principali sono:

  • forte mal di testa, non eliminato da alcun farmaco;
  • aumento della nausea e del vomito;
  • aumento del deficit neurologico;
  • perdita di orientamento nello spazio e nel tempo;
  • il verificarsi di mancanza di respiro e tipi patologici di respirazione;
  • il verificarsi di convulsioni convulsive;
  • forte depressione della coscienza fino al coma;
  • emodinamica compromessa.

Se l'edema cerebrale si sviluppa durante un ictus, la prognosi per la vita diventa estremamente sfavorevole.

Con lo sviluppo dell'edema, la condizione umana peggiora

Come determinare

Lo sviluppo dell'edema è diagnosticato sulla base della dinamica dei sintomi e del deterioramento delle condizioni del paziente. Per confermare la diagnosi è stata utilizzata la diagnostica strumentale. I metodi più accurati sono l'elaborazione e la risonanza magnetica.

Se questi metodi non sono disponibili, viene utilizzato un midollo spinale per determinare l'aumento della pressione intracranica. È necessario eseguire la puntura con estrema cautela, poiché è in grado di provocare un'ulteriore penetrazione cerebrale.

trattamento

Con lo sviluppo di questi sintomi, è importante iniziare il trattamento più complesso il più presto possibile, perché senza un trattamento tempestivo, l'edema cerebrale in quasi il 100% dei casi finisce con la morte. L'obiettivo della terapia è eliminare la progressione dell'edema e assicurare il flusso del fluido. Questo è ottenuto con metodi medici e chirurgici.

La terapia farmacologica consiste nel condurre la diuresi forzata. Viene somministrato un forte effetto diuretico al paziente e contemporaneamente viene eseguita la terapia di infusione con soluzioni colloidali. Questo assicura la rimozione del fluido in eccesso dal corpo. Se l'edema si è sviluppato sullo sfondo del sanguinamento cerebrale, viene eseguita la terapia emostatica. Allo stesso tempo prescritto farmaci per mantenere la circolazione sanguigna e la funzione respiratoria. Il paziente viene trasferito alla ventilazione polmonare artificiale.

Ulteriore trattamento è quello di eliminare i sintomi e viene fornito dai seguenti farmaci:

  • antipertensivi;
  • anticonvulsivanti;
  • neuroprotettivo;
  • nootropics.

Il trattamento viene eseguito nell'unità di terapia intensiva. Tutti i farmaci vengono iniettati per via endovenosa - questo è il modo in cui viene raggiunta la massima velocità della loro azione. La durata della terapia è determinata dal medico curante.

Se la terapia conservativa è inefficace, è necessaria la decompressione chirurgica del cervello. Qui si usano due metodi:

  1. A danno di ventricoli di un cervello in loro istituiscono un drenaggio. Attraverso di esso, il fluido accumulato viene regolarmente rimosso.
  2. Trapanazione del cranio Durante l'operazione, rimuovere il lembo dell'osso. Ciò fornisce una riduzione della pressione intracranica.

Dopo la decompressione chirurgica, viene eseguito un complesso di trattamento farmacologico.

Con l'inefficacia dei farmaci spendono trepanning del cranio

prospettiva

L'edema cerebrale è una condizione grave, con alto rischio di morte. La prognosi della sopravvivenza dipende da quanto tempo passa dall'insorgenza dei sintomi fino all'inizio del trattamento. Le probabilità di sopravvivere con edema cerebrale sono basse, ma anche se una persona viene salvata, avrà inevitabilmente conseguenze di diversa gravità.

Un ictus con edema lascia i seguenti sintomi:

  • vertigini croniche;
  • mal di testa;
  • deformazione del viso;
  • visione e udito compromessi;
  • limitazione della funzione motoria;
  • disturbi della sensibilità;
  • diminuzione delle capacità intellettuali;
  • convulsioni convulsive;
  • cambiamenti mentali.

Nella maggior parte dei casi, queste manifestazioni sono irreversibili, cioè persistono fino alla fine della vita di una persona. Ridurre la loro gravità aiuta a completare la riabilitazione.

misure di riabilitazione

Le conseguenze del colpo stesso e lo stato di edema cerebrale di accompagnamento sono indicazioni per le misure di riabilitazione. Sono finalizzati al massimo adattamento sociale di una persona e, se possibile, al ripristino delle funzioni motorie perse.

La riabilitazione viene effettuata in due direzioni: psicologica e fisiologica. La riabilitazione psicologica richiede spesso l'aiuto di specialisti - consulenza da uno psicologo e psichiatra, lezioni individuali. L'ambiente familiare favorevole è importante. Una persona non ha bisogno di sentirsi un peso per i propri cari. Si consiglia di trovargli una lezione per l'anima: gruppi di hobby, lezioni di gruppo con altre persone che hanno avuto una grave malattia.

La riabilitazione richiede l'aiuto di uno psicologo.

La riabilitazione fisiologica aiuta una persona a riacquistare la capacità di auto-cura e l'esecuzione delle abilità quotidiane. Viene effettuato con l'aiuto di fisioterapia e fisioterapia. Inizialmente, il paziente viene addestrato da un istruttore esperto in terapia fisica, massaggiatore e fisioterapista. Quindi una persona pratica a casa da sola.

Puoi imparare di più su queste tecniche dal video:

L'edema cerebrale dopo ictus emorragico o ischemico peggiora sempre le condizioni e la prognosi del paziente non solo per il recupero, ma anche per la vita. Anche il trattamento tempestivo può essere inefficace - tutto dipende dalla gravità iniziale della patologia. Eppure, prima vengono prese le misure necessarie, maggiori sono le probabilità del paziente.