Commozione cerebrale

Epilessia

La commozione cerebrale è una leggera e reversibile violazione delle funzioni cerebrali causate dall'effetto traumatico. Si ritiene che la base della manifestazione di commozione cerebrale sia una rottura delle connessioni tra le cellule nervose, principalmente funzionali.

La commozione cerebrale in frequenza di eventi è la prima nella struttura della lesione cerebrale traumatica. Le cause di commozione cerebrale sono sia incidenti stradali che infortuni domestici, professionali e sportivi; anche le circostanze criminali giocano un ruolo significativo.

manifestazioni di tremori

Il sintomo principale di una commozione cerebrale è la perdita di coscienza al momento della lesione. L'eccezione potrebbe essere solo per bambini e anziani. Può anche verificarsi immediatamente una commozione cerebrale.

  • vomito singolo,
  • qualche respiro più veloce
  • impulso aumentato o lento,
  • compromissione della memoria di eventi attuali o precedenti,

ma queste cifre sono presto normalizzate. La pressione arteriosa ritorna rapidamente alla normalità, ma in alcuni casi può aumentare costantemente: ciò è dovuto non solo alla lesione in sé, ma anche ai fattori di stress associati. La temperatura corporea con commozione cerebrale rimane normale.

Sul ripristino di disturbi tipici della coscienza

  • mal di testa,
  • nausea,
  • vertigini,
  • debolezza
  • tinnito,
  • arrossamento del viso
  • sudorazione,
  • sensazione di disagio,
  • disturbo del sonno.

Con una commozione cerebrale, le condizioni generali delle vittime di solito migliorano rapidamente durante la prima e meno spesso nella seconda settimana. Tuttavia, si dovrebbe tenere presente che il mal di testa e altri sintomi soggettivi possono durare molto più a lungo per vari motivi.

Presenta manifestazioni nei bambini e negli anziani

L'immagine della commozione cerebrale è in gran parte determinata da fattori di età.

Nei neonati e nei bambini piccoli, la commozione cerebrale si verifica spesso senza compromissione della coscienza. Al momento del trauma - un forte pallore della pelle (in particolare il viso), palpitazioni cardiache, poi letargia, sonnolenza. Ci sono rigurgiti durante l'alimentazione, vomito, ansia, disturbi del sonno sono noti. Tutte le manifestazioni passano in 2-3 giorni.

Nei bambini di età più giovane (prescolastica), la commozione cerebrale può procedere senza perdita di conoscenza. La condizione generale migliora entro 2-3 giorni.

Nelle persone anziane e anziane, la perdita primaria di coscienza durante un trauma cranico è osservata molto meno frequentemente che nelle persone giovani e di mezza età. Tuttavia, spesso si manifesta un pronunciato disorientamento nel tempo e nel luogo. I mal di testa sono spesso di natura pulsante, localizzati nella regione occipitale; durano da 3 a 7 giorni, differiscono in intensità considerevole in persone che soffrono di ipertensione. Frequenti vertigini.

diagnostica

Nella diagnosi di commozione cerebrale, è particolarmente importante tenere conto delle circostanze della lesione e delle informazioni dei testimoni dell'incidente. Tracce di trauma alla testa e fattori come l'intossicazione da alcool, lo stato psicologico della vittima, ecc. Possono giocare un duplice ruolo.

Commozione cerebrale del cervello spesso non ha segni diagnostici oggettivi. Nei primi minuti e ore, il medico e altri testimoni possono vedere una perdita di coscienza (per alcuni minuti), contrazioni degli occhi quando si guarda di lato (nistagmo), uno squilibrio e la coordinazione dei movimenti, visione doppia.

I segni di laboratorio e strumentale di diagnosi di tremore non esistono.

  • Quando sono assenti le fratture a concussione delle ossa del cranio.
  • La pressione e la composizione del liquido cerebrospinale senza deviazioni.
  • Con gli ultrasuoni (M-ecoscopia), lo spostamento e l'espansione delle strutture mediane del cervello non viene rilevato.
  • La tomografia computerizzata in pazienti con commozione cerebrale non rileva anomalie traumatiche nello stato della materia del cervello e di altre strutture intracraniche.
  • Anche i dati di imaging a risonanza magnetica per concussione non rivelano alcuna lesione.

La commozione cerebrale spesso maschera lesioni cerebrali traumatiche più gravi e pertanto i pazienti sono soggetti a ricoveri di emergenza nel profilo neurochirurgico dell'ospedale (o altro profilo in cui viene fornita assistenza neuro-trauma) principalmente per l'esame e l'osservazione.

Quindi, la commozione cerebrale può essere identificata sulla base di:

  • Osservati o riportati dai pazienti sulla perdita di coscienza al momento della ferita.
  • Nausea, vomito, disturbi da vertigini e mal di testa.
  • Nessun segno di lesioni più gravi (perdita di coscienza per più di 30 minuti, convulsioni convulsive, paralisi degli arti).

Le prime azioni per sospetto trauma cranico:

  • Chiama un'ambulanza o contatta il pronto soccorso.
  • Lì il paziente sarà esaminato da un traumatologo o da un neurologo, verrà eseguita una radiografia del cranio. Sia come necessario che se possibile, la TC o la risonanza magnetica cerebrale (preferibilmente, questi esami sono una possibilità per evitare di sottovalutare la gravità della lesione, ma tale attrezzatura non è sempre disponibile), in assenza di TC o risonanza magnetica, viene eseguita la M-ecografia.
  • Quando la diagnosi è confermata, i pazienti vengono ospedalizzati nel reparto neurochirurgico o traumatologico per l'osservazione, in modo da non perdere una ferita più grave ed evitare complicazioni.

Trattamento della commozione cerebrale cerebrale

Pronto soccorso per tremori

Il primo soccorso a una vittima con una commozione cerebrale, se ha ripreso rapidamente coscienza (come di solito è il caso di una commozione cerebrale), è di dargli una comoda posizione orizzontale con la testa leggermente sollevata.

Se la commozione continua a essere in uno stato di incoscienza, è preferibile la cosiddetta posizione di salvataggio -

  • sul lato destro,
  • testa rovesciata, volto rivolto a terra,
  • il braccio e la gamba sinistra sono piegati ad angolo retto alle articolazioni del gomito e del ginocchio (le fratture degli arti e della colonna vertebrale devono essere prima escluse).

Foto: posizione sicura per le vittime inconsce

Questa posizione, garantendo il libero passaggio di aria nei polmoni e il flusso non ostruito di fluido dalla bocca verso l'esterno, previene l'insufficienza respiratoria dovuta all'adesione della lingua, che penetra nel tratto respiratorio di saliva, sangue e vomito. Se ci sono ferite sanguinanti sulla testa, benda.

Tutte le vittime di commozione cerebrale, anche se sembra essere leggera fin dall'inizio, devono essere trasportate in un ospedale in servizio, dove viene chiarita la diagnosi primaria. Alla vittima viene dato un riposo a letto per 1-3 giorni, che poi, tenendo conto delle caratteristiche del decorso della malattia, si espande gradualmente per 2-5 giorni, e quindi, in assenza di complicazioni, è possibile la dimissione dall'ospedale fino a 2 settimane ).

Terapia farmacologica

Il trattamento farmacologico per commozione cerebrale spesso non è richiesto ed è sintomatico (il trattamento principale è riposo e sonno sano). La farmacoterapia mira principalmente a normalizzare lo stato funzionale del cervello, rimuovendo mal di testa, vertigini, ansia, insonnia e altri disturbi.

Tipicamente, la gamma prescritta per l'assunzione di farmaci comprende antidolorifici, sedativi e ipnotici, principalmente sotto forma di compresse e, se necessario, iniezioni. Tra gli analgesici (analgin, pentalgin, dexalgin, sedalgin, maxigan e altri) seleziona il farmaco più efficace in questo paziente. Allo stesso modo, vengono con le vertigini, scegliendo uno dei farmaci disponibili (belloid, cinnarizina, tableylline con papaverina, tanacan, microzero, ecc.).

Valeriani, motherwort, Corvalol, Valocordinum e tranquillanti (afobazolo, Grandoxin, Sibazon, Phenazepam, Nozepam, Orehotel, ecc.) Sono usati come sedativi. Per eliminare l'insonnia, donarmil o relaxon sono prescritti per la notte.

Condurre un corso di terapia vascolare e metabolica per i tremori contribuisce a un ripristino più rapido e completo dei disturbi delle funzioni cerebrali. Preferibilmente, una combinazione di farmaci vasitosi (cavinton, stugerone, sermion, instenon, ecc.) E nootropici (glicina, nootropil, pawntogam, noopept, ecc.).

Poiché le opzioni per le possibili combinazioni possono essere presentate ogni giorno tre volte l'uso di Cavinton e 1 tab. (5 mg) e nootropil 2 capsule. (0.8) o scheda 1 di stegerone. (25 mg) e noopept 1 tab. (0,1) per 1-2 mesi. Un effetto positivo è dato dall'inclusione di farmaci contenenti magnesio (Magne B6, Magnelis, Panangin) e antiossidanti Cyto-flavina 2 t 2 p al giorno nel corso della terapia, Mildronate 250 mg 1 t 3 p al giorno.

Per superare i frequenti fenomeni astenici dopo una commozione cerebrale, viene prescritto quanto segue: fenotropil 0.1 1 volta al mattino, kogitum 20 ml 1 volta al giorno, vazobral 2 ml 2 volte al giorno, polivitaminico polyminerals del tipo "Unicap-T", "Vitrum", ecc. 1 etichetta 1 volta al giorno. Da preparazioni toniche utilizzare radice di ginseng, estratto di Eleuterococco, citronella, saparale, pantocrinum. Nei pazienti anziani e senili che hanno avuto una commozione cerebrale, la terapia anti-sclerotica è migliorata. Prestare inoltre attenzione al trattamento di varie malattie associate.

Per evitare possibili deviazioni nel completamento con successo di una commozione cerebrale, è necessaria un'osservazione dispensaria per un anno da un neurologo del luogo di residenza.

prospettiva

Con un'adeguata osservanza del regime e l'assenza di circostanze aggravanti di un trauma, la commozione cerebrale si conclude con il recupero degli infortunati con il pieno ripristino delle capacità lavorative.

In un certo numero di pazienti, al trascorrere di un periodo acuto di commozione cerebrale, vi è un indebolimento della concentrazione, memoria, depressione, irritabilità, ansia, vertigini, mal di testa, insonnia, stanchezza, ipersensibilità ai suoni e alla luce. Dopo 3-12 mesi dopo la commozione cerebrale, questi segni scompaiono o vengono significativamente attenuati.

Esame di disabilità

Secondo i criteri medici forensi, la commozione cerebrale si riferisce a lesioni fisiche minori e la percentuale di disabilità non è solitamente determinata.

Durante l'esame medico-lavorativo, l'invalidità temporanea è determinata da 7 a 14 giorni. La disabilità a lungo termine e persistente di solito non si verifica.

Tuttavia, nel 3% dei pazienti in seguito a commozione cerebrale a causa di esacerbazione e scompenso di malattie croniche già esistenti, nonché di lesioni ripetute multiple, si verifica moderata disabilità, specialmente se il regime terapeutico e il comportamento raccomandati non vengono seguiti.

Diagnosi dei sintomi

Scopri le tue possibili malattie e quale dottore dovresti visitare.

Commozione cerebrale

La concussione cerebrale (latino commocio cerebri) è una lesione cerebrale traumatica chiusa (TBI) di grado lieve che non comporta deviazioni significative nel funzionamento del cervello ed è accompagnata da sintomi transitori.

Nella struttura del neurotrauma, la commozione cerebrale rappresenta il 70-90% di tutti i casi. Stabilire una diagnosi è abbastanza problematico, ci sono frequenti casi di iper e sottodiagnosi.

L'ipodiagnosi della commozione cerebrale è di solito associata all'ospedalizzazione di pazienti in ospedali pediatrici, reparti chirurgici, unità di terapia intensiva, ecc., Quando il personale non può con un alto grado di probabilità verificare la malattia da neurotrauma. Inoltre, è necessario tenere conto del fatto che circa un terzo dei pazienti riceve danni, è sotto l'influenza di dosi eccessive di alcol, non valuta adeguatamente la gravità della loro condizione e non cerca cure mediche specialistiche. La frequenza degli errori diagnostici in questo caso può raggiungere il 50%.

La sovradiagnosi della commozione cerebrale cerebrale è dovuta, in misura maggiore, all'aggravamento e al tentativo di simulare una condizione dolorosa a causa della mancanza di criteri diagnostici oggettivi non ambigui.

Il danno al tessuto cerebrale in questa patologia è diffuso, diffuso. I cambiamenti macrostrutturali durante la concussione cerebrale sono assenti, l'integrità del tessuto non è disturbata. Esiste un temporaneo deterioramento dell'interazione interneuronale dovuto a cambiamenti nel funzionamento a livello cellulare e molecolare.

Cause e fattori di rischio

La concussione come condizione patologica è una conseguenza dell'intenso stress meccanico:

  • diretto (trauma cranico);
  • mediato (trauma inerziale o accelerato).

A causa dell'impatto traumatico, la massa cerebrale viene drasticamente spostata rispetto alla cavità cranica e all'asse del corpo, l'apparato sinaptico viene danneggiato e il fluido tissutale viene ridistribuito, che è il substrato morfologico del quadro clinico caratteristico.

Le cause più comuni di commozione cerebrale sono:

  • incidenti stradali (un'intestazione diretta o un brusco cambiamento inerziale nella posizione della testa e del collo);
  • infortuni domestici;
  • infortuni sul lavoro;
  • infortuni sportivi;
  • casi criminali.

Forme della malattia

La commozione cerebrale è tradizionalmente considerata la forma più lieve di trauma cranico e non si configura secondo i gradi di gravità. Anche le forme e i tipi della malattia non sono divisi.

Una classificazione a tre gradi, ampiamente utilizzata in passato, non è attualmente utilizzata, poiché secondo i criteri proposti, la contusione cerebrale è stata spesso erroneamente diagnosticata come una commozione cerebrale.

palcoscenico

Durante il corso della malattia, è consuetudine distinguere 3 fasi di base (periodi):

  1. Il periodo acuto, che dura dal momento dell'influenza traumatica con lo sviluppo di sintomi caratteristici fino a quando le condizioni del paziente si stabilizza, negli adulti, in media, da 1 a 2 settimane.
  2. Intermedio - il tempo dalla stabilizzazione delle funzioni disturbate del corpo in generale e del cervello in particolare, alla loro compensazione o normalizzazione, la sua durata è di solito 1-2 mesi.
  3. Il periodo remoto (residuo) in cui il paziente si riprende o l'insorgenza o la progressione di malattie neurologiche di nuova insorgenza causate da un infortunio precedente (dura 1,5-2,5 anni, sebbene nel caso di progressiva formazione di sintomi caratteristici, la sua durata può essere illimitata).

Nel periodo acuto, il tasso di processi metabolici (il cosiddetto scambio di fuoco) nei tessuti danneggiati aumenta in modo significativo e le reazioni autoimmuni sono innescate in relazione a neuroni e cellule satelliti. L'intensificazione dello scambio abbastanza presto porta alla formazione di un deficit energetico e allo sviluppo di disturbi secondari delle funzioni cerebrali.

La mortalità con commozione cerebrale non è fissa, i sintomi attivi si risolvono in sicurezza entro 2-3 settimane, dopo di che il paziente ritorna alla normale modalità di lavoro e attività sociale.

Il periodo intermedio è caratterizzato dal ripristino dell'omeostasi sia in modalità stabile, che è un prerequisito per il completo recupero clinico, sia a causa di un'eccessiva tensione, che crea la probabilità della formazione di nuove condizioni patologiche.

Il benessere del periodo remoto è puramente individuale ed è determinato dalle capacità di riserva del sistema nervoso centrale, dalla presenza di patologia neurologica pre-traumatica, dalle caratteristiche immunologiche, dalla presenza di malattie concomitanti e da altri fattori.

Sintomi di commozione cerebrale

I segni di commozione cerebrale sono rappresentati da una combinazione di sintomi cerebrali, sintomi neurologici focali e manifestazioni autonome:

  • menomazioni della coscienza che durano da alcuni secondi a diversi minuti, la cui gravità varia ampiamente;
  • perdita parziale o totale dei ricordi;
  • lamentele di cefalea versata, vertigini (associate a mal di testa o insorgenza in isolamento), tintinnio, tinnito e sensazione di calore;
  • nausea, vomito;
  • il fenomeno oculostatico di Gurevich (violazione della statica dovuta a determinati movimenti dei bulbi oculari);
  • distonia dei vasi facciali ("il gioco dei vasomotori"), manifestata dall'alternanza di pallore e iperemia della pelle e delle mucose visibili;
  • aumento della sudorazione delle palme, dei piedi;
  • microsintectomi neurologici - una leggera asimmetria di passaggio delle pieghe naso-labiali, degli angoli della bocca, un test palatasos positivo, un leggero restringimento o dilatazione delle pupille, riflesso del palmo-mento;
  • nistagmo;
  • andatura instabile.

Disturbi della coscienza hanno diverse manifestazioni - da stordimento a stupore - e si manifestano per la completa assenza o difficoltà di contatto. Le risposte sono spesso parole singole, brevi, seguite con pause, qualche tempo dopo la domanda, a volte è necessaria la ripetizione della domanda o una stimolazione aggiuntiva (tattile, parlato), a volte si osservano perseverazioni (ripetizione persistente ripetuta di una frase o parola). Deplezione facciale, la vittima è apatica, letargica (a volte, al contrario, si nota un'eccessiva eccitazione motoria e verbale), l'orientamento nel tempo e nel luogo è difficile o impossibile. In alcuni casi, le vittime non ricordano o negano il fatto di perdere coscienza.

La perdita parziale o totale dei ricordi (amnesia), che spesso accompagna una commozione cerebrale, può variare nel tempo di comparsa:

  • retrograda - perdita di ricordi di circostanze ed eventi verificatisi prima della lesione;
  • kongradnaya: il periodo di tempo corrispondente alla ferita è perso;
  • anterograda - non ci sono ricordi che si sono verificati immediatamente dopo l'infortunio.

Spesso c'è un'amnesia concomitante, quando il paziente non può riprodurre né la concussione precedente né gli eventi successivi.

Sintomi attivi della commozione cerebrale (mal di testa, nausea, vertigini, asimmetria dei riflessi, dolore al movimento dei bulbi oculari, disturbi del sonno, ecc.) Nei pazienti adulti persistono fino a 7 giorni.

Caratteristiche della commozione cerebrale cerebrale nei bambini

I segni di commozione cerebrale cerebrale nei bambini sono più indicativi, il quadro clinico è tempestoso e impetuoso.

Le caratteristiche della malattia in questo caso sono dovute alle capacità compensative pronunciate del sistema nervoso centrale, all'elasticità degli elementi strutturali del cranio, alla calcificazione incompleta delle cuciture.

La commozione cerebrale cerebrale nei bambini in età prescolare e scolastica nella metà dei casi avviene senza perdita di conoscenza (o recupera in pochi secondi), prevalgono i sintomi vegetativi: cambiamento del colore della pelle, tachicardia, aumento della respirazione, dermografismo rosso pronunciato. Il mal di testa è spesso localizzato direttamente sul luogo della lesione, nausea e vomito si verificano immediatamente o entro la prima ora dopo l'infortunio. Il periodo acuto nei bambini è ridotto, dura non più di 10 giorni, i reclami attivi vengono interrotti per diversi giorni.

Nei bambini del primo anno di vita, i segni caratteristici di una lieve lesione cerebrale traumatica sono il rigurgito o il vomito, sia durante l'alimentazione che senza essere associati a mangiare, ansia, disturbi nella modalità sonno-veglia e piangere quando la posizione della testa cambia. A causa della differenziazione insignificante del sistema nervoso centrale, è possibile un decorso asintomatico.

diagnostica

La diagnosi di commozione cerebrale è difficile a causa della povertà di dati oggettivi, la mancanza di segni specifici e si basa principalmente sui reclami del paziente.

Uno dei principali criteri diagnostici per la malattia è la regressione dei sintomi entro 3-7 giorni.

Nella struttura del neurotrauma, la commozione cerebrale rappresenta il 70-90% di tutti i casi.

Al fine di differenziare una possibile lesione cerebrale, vengono eseguiti i seguenti esami strumentali:

  • radiografia delle ossa del cranio (nessuna frattura);
  • elettroencefalogramma (variazioni cerebrali diffuse nell'attività bioelettrica);
  • imaging a risonanza magnetica o computerizzata (nessun cambiamento nella densità della materia grigia e bianca del cervello e la struttura degli spazi intracranici contenenti liquidi).

Condurre la puntura lombare in caso di sospetta lesione cerebrale è controindicato a causa della mancanza di informazioni e di una minaccia per la salute del paziente a causa di una possibile dislocazione del tronco cerebrale; l'unica indicazione è il sospetto dello sviluppo della meningite post-traumatica.

Trattamento della commozione cerebrale cerebrale

I pazienti con commozione cerebrale devono essere ricoverati in un reparto specializzato, principalmente per chiarire la diagnosi e l'osservazione dinamica (i periodi di ospedalizzazione sono 1-14 giorni o più, a seconda della gravità della condizione). La massima attenzione è rivolta ai pazienti con i seguenti sintomi:

  • perdita di coscienza per 10 minuti e più a lungo;
  • il paziente nega lo stato di incoscienza, ma ci sono dati di supporto;
  • sintomi neurologici focali che complicano la ferita alla testa;
  • sindrome convulsa;
  • sospetta violazione dell'integrità delle ossa del cranio, segni di lesioni penetranti;
  • compromissione prolungata della coscienza;
  • sospetta frattura della base del cranio.

La condizione principale per la risoluzione favorevole della malattia è la pace psico-emotiva: guardando la TV, ascoltando musica ad alto volume (soprattutto attraverso le cuffie), i videogiochi non sono raccomandati prima del recupero.

Nella maggior parte dei casi non è richiesto un trattamento aggressivo della commozione cerebrale, la terapia farmacologica è sintomatica:

  • analgesici;
  • sedativi;
  • ipnotici;
  • farmaci che migliorano il flusso sanguigno cerebrale;
  • nootropics;
  • tonici.

Il danno al tessuto cerebrale con commozione cerebrale è diffuso, diffuso. I cambiamenti macrostrutturali sono assenti, l'integrità del tessuto non è rotta.

L'appuntamento con teofillina, solfato di magnesio, diuretici, vitamine del gruppo B non è giustificato, perché questi farmaci non hanno un'efficacia provata nel trattamento della commozione cerebrale cerebrale.

Possibili complicazioni e conseguenze della commozione cerebrale

La conseguenza più frequente della commozione cerebrale è la sindrome post-comunale. Questa è una condizione che si sviluppa sullo sfondo del TBI posticipato e si manifesta in uno spettro di disturbi soggettivi del paziente in assenza di disturbi oggettivi (entro sei mesi dalla commozione cerebrale fa circa il 15-30% del debutto dei pazienti).

I principali sintomi della sindrome postcommotional sono mal di testa e vertigini, sonnolenza, umore depresso, intorpidimento delle estremità, parestesie, labilità emotiva, perdita di memoria e concentrazione, irritabilità, nervosismo e aumento della sensibilità alla luce e al rumore.

Le seguenti condizioni possono anche essere una conseguenza della lieve lesione cerebrale traumatica posticipata, di solito arrestata entro pochi mesi dopo la risoluzione della malattia:

  • sindrome astenica;
  • disfunzione vegetativa somatoformica;
  • perdita di memoria;
  • disturbi emotivi e comportamentali;
  • disturbi del sonno.

prospettiva

I pazienti sottoposti a commozione cerebrale, durante l'anno raccomandato osservazione dispensario da un neurologo.

La mortalità in questa patologia non è fissa, i sintomi attivi sono risolti in modo sicuro entro 2-3 settimane, dopo di che il paziente ritorna al solito modo di lavoro e attività sociale.

Come trattare la commozione cerebrale? Droghe a concussione

Sfortunatamente, le lesioni cerebrali traumatiche non sono affatto considerate rare nella medicina moderna. E non è un segreto per nessuno che tali stati possano essere estremamente pericolosi. E oggi, molte persone sono interessate a domande su come trattare la commozione cerebrale. Quali sono i sintomi di questo infortunio? Qual è la tecnica di primo soccorso in questo caso?

Cos'è una commozione cerebrale?

La commozione cerebrale è una forma lieve di lesione cerebrale traumatica. Secondo le statistiche, oltre l'80% delle lesioni alla testa porta proprio alla commozione cerebrale. Molto spesso, questa condizione non rappresenta una minaccia per la salute e la vita umana, specialmente se sono state fornite tempestivamente assistenza medica. I cambiamenti patologici gravi nella commozione cerebrale sono spesso assenti: possono essere rilevati solo a livello cellulare o addirittura subcellulare.

Le principali cause di commozione cerebrale

Sicuramente quasi tutti sanno che la principale causa di commozione cerebrale è il livido della testa. Tale infortunio è associato ad una caduta o un ictus. A volte la causa è un improvviso cambiamento nella posizione del corpo nello spazio.

Spesso, una caduta da un'altezza, un infortunio sul lavoro, un incidente stradale, ecc. Portano a una commozione cerebrale. Alcuni sport possono anche essere attribuiti a fattori di rischio, inclusi tutti i tipi di arti marziali, così come il calcio, il motociclismo, ecc.

In ogni caso, nessuno è immune dalla caduta e quindi dai tremori. Pertanto, è così importante conoscere i principali sintomi di questa condizione, la tecnica del primo soccorso, poiché a volte questo può salvare la vita di una persona.

Principali sintomi di commozione cerebrale

Prima di imparare a trattare la commozione cerebrale, dovresti avere familiarità con i sintomi principali di questa condizione. Abbastanza spesso, gravi lividi della testa sono accompagnati da perdita di coscienza a breve termine. Dopo che la vittima si riprende, può sentirsi molto nauseato. In circa il 70% dei casi, è seguito da un singolo vomito.

I sintomi includono anche un forte mal di testa. Alcuni pazienti lamentano stanchezza e debolezza. La commozione cerebrale è spesso accompagnata da una pelle pallida. A volte c'è confusione, ad esempio, la vittima potrebbe non ricordare gli eventi accaduti immediatamente prima dell'impatto. Segni di infortunio includono disorientamento nel tempo e nello spazio, respirazione rapida e battito cardiaco, nonché discorsi e disturbi visivi incoerenti.

In ogni caso, un livido alla testa (indipendentemente dalla gravità) richiede un esame urgente da parte di uno specialista. Solo un medico sa esattamente come diagnosticare e trattare la commozione cerebrale.

Caratteristiche dell'età del quadro clinico

Immediatamente vale la pena notare che il quadro clinico dipende in larga misura dal fattore età, che deve certamente essere preso in considerazione durante la diagnosi. Ad esempio, la commozione cerebrale nei neonati e nei bambini in età prescolare è raramente accompagnata da perdita di coscienza. I sintomi principali comprendono nausea, vomito, grave pallore della pelle, sonnolenza.

Molto spesso, la perdita di coscienza si verifica negli adolescenti e negli adulti. Ma nei pazienti anziani, si osservano sintomi come disorientamento nel tempo o nello spazio, nonché mal di testa pulsante, che sono particolarmente intensi nei pazienti ipertesi.

Commozione cerebrale: la gravità della condizione

Ovviamente, un ulteriore trattamento dipende dalla gravità della lesione. Quindi quanto può essere serio un trauma cranico? La gravità in questo caso è determinata in modo molto arbitrario e dipende dai sintomi associati:

  • Con una leggera commozione cerebrale, la perdita di coscienza è assente o dura solo poco tempo ei pazienti, di regola, si sentono relativamente bene.
  • La moderata severità è spesso accompagnata da una leggera contusione cerebrale. La perdita di coscienza può durare fino a 15 minuti, con i feriti che mostrano chiari sintomi di ferita.
  • La forte commozione cerebrale è accompagnata da una perdita prolungata di coscienza, a volte anche da un coma. Spesso, un tale trauma è accompagnato dalla formazione di ematomi in varie parti del cervello. Questo porta alla compressione e alla rottura di alcuni centri nervosi.

Ancora una volta, vale la pena notare che questo sistema è molto impreciso. Per la decisione di una diagnosi più accurata, sono necessari un esame medico e alcuni esami aggiuntivi.

Pronto soccorso per sospetto livido o commozione cerebrale

Naturalmente, il primo soccorso per la commozione cerebrale è estremamente importante. E prima devi chiamare la brigata dell'ambulanza. Allo stesso tempo, si consiglia alla vittima di giacere in una comoda posizione orizzontale. Se non vi è alcun sospetto di lesioni alla spina dorsale, al collo o alle ossa dell'anca, è meglio che il paziente si distenda sul lato destro, girando la testa e piegando le ginocchia. Questa posizione proteggerà una persona dal possibile soffocamento causato dalla caduta della lingua, dalla saliva, dal sangue o dal vomito che penetra nel sistema respiratorio.

Se c'è una ferita sulla testa, si consiglia di applicare una benda o cercare di fermare l'emorragia. La vittima riceverà ulteriore assistenza nel pronto soccorso.

Moderni metodi diagnostici

Quando sono assenti le fratture a concussione delle ossa del cranio. Le informazioni dei testimoni dell'incidente sono estremamente importanti per il medico, dato che ogni sciocchezza è importante qui. Ad esempio, uno specialista deve sapere che tipo di trauma ha causato una commozione cerebrale, quali sintomi sono comparsi nei primi minuti, per quanto tempo la vittima era incosciente, ecc. Inoltre, è necessario informare il medico e altri fatti, come problemi psicologici, alcol, droghe, droghe, ecc.

Naturalmente, dopo un'ispezione visiva, vengono effettuate ulteriori ricerche. In particolare, l'oftalmografia, l'ecografia Doppler, l'elettroencefalografia e la ricerca neurologica possono essere informativi. Ma con il computer e le deviazioni di risonanza magnetica, di regola, non vengono rilevati.

Commozione cerebrale: trattamento

Al primo sospetto di una ferita dovrebbe chiamare la squadra dell'ambulanza. In alcuni casi, la vittima può sentirsi relativamente buona, rifiutando le cure mediche. In nessun caso si può fare questo: solo uno specialista può determinare se una commozione cerebrale abbia effettivamente avuto luogo.

Il trattamento, ovviamente, dipende dalla gravità del danno. Se il paziente è leggermente ferito, può essere dimesso dall'ospedale dopo solo 2-3 giorni Prima di tutto, è necessario ripristinare il normale funzionamento del sistema nervoso. A questo scopo, ai pazienti vengono prescritti farmaci nootropici per commozione cerebrale: "Encephabol", "Pikamilon", "Nootropil", ecc. Inoltre, è necessario interrompere il dolore - i farmaci anestetici in questo caso vengono selezionati individualmente.

Se necessario, al paziente vengono somministrati sedativi, ad esempio la tintura di Corvalolo, Valocordin, valeriana o di madrasa. A volte svolgono una terapia vascolare finalizzata alla normalizzazione della circolazione sanguigna. In alcuni casi, è necessario prendere diuretici (se vi è il sospetto di edema). In ogni caso, solo il medico sa come trattare la commozione cerebrale. E per farlo da soli, a casa è severamente proibito.

Possibili effetti a breve termine e cura del paziente nel periodo post-traumatico

Dopo una commozione cerebrale, sono possibili alcuni effetti collaterali. Ad esempio, molti pazienti si lamentano di mal di testa ricorrenti, che possono essere eliminati con analgesici. A volte c'è una costante nausea, che è accompagnata da vomito. Gli incantesimi vertiginosi possono essere attribuiti agli effetti a breve termine dei tremori. E dopo un trauma, le persone spesso si lamentano dei problemi di concentrazione dell'attenzione, così come delle difficoltà nel compiere qualsiasi azione abituale e consueta (leggere, legare i lacci delle scarpe, ecc.).

Nella maggior parte dei casi, questi disturbi vanno via da soli dopo 7-14 giorni. Tuttavia, una cura adeguata e l'aderenza a determinate regole è ciò che le persone con una diagnosi di commozione cerebrale hanno bisogno. Il trattamento continua dopo la dimissione dall'ospedale. Cos'è?

Affinché il corpo si riprenda più velocemente, si consiglia al paziente di rispettare il riposo a letto. Calma, mancanza di stress e sforzo fisico: questo è ciò che aiuterà una persona a recuperare più velocemente. Questo è il motivo per cui i medici proibiscono alle vittime di ascoltare musica ad alto volume, leggere, guardare la TV a lungo, fare sport, ecc. La quantità minima di stimoli esterni aiuterà una persona a riprendersi molto più velocemente. Se, dopo due settimane, i sintomi non sono scomparsi, vale la pena visitare di nuovo il medico e fare ulteriori ricerche.

Possibili complicazioni

Sfortunatamente, in alcuni casi, la commozione cerebrale, anche con il trattamento, può portare ad alcune complicazioni. In particolare, spesso si verificano disturbi vasomotori, tra cui affaticamento generale costante, problemi di concentrazione, mal di testa e vertigini, che sono aggravati dallo sforzo fisico. Così come frequenti e forti sbalzi di sangue alla testa, si alterna bruscamente con il pallore generale della pelle.

Inoltre, la commozione cerebrale può anche influenzare lo stato psicologico. Spesso le lesioni portano a labilità emotiva, aumentata irritabilità, un brusco cambiamento di emozioni, stupore e nevrosi. Psicosi molto meno spesso osservate, che sono accompagnate da allucinazioni e delusioni. Nel gruppo a rischio in questo caso, gli atleti professionisti, in particolare i pugili, che ricevono colpi alla testa e, di conseguenza, tremori di vari gradi di gravità sono quasi costanti. Spesso in questi casi si sviluppano demenza e altri disturbi.

Come trattare la commozione cerebrale

La commozione cerebrale è la manifestazione più semplice di trauma cranico, che rappresenta il 30-40% del trauma totale. Particolarmente spesso lesioni di questo tipo si riscontrano in bambini con elevata mobilità. È importante ricordare che la presenza di sintomi anche minimi di commozione cerebrale è un pretesto per cercare aiuto medico. Ciò permetterà molto più rapidamente di liberarsi delle manifestazioni della malattia ed evitare lo sviluppo di pericolose conseguenze.

Tipi di commozione cerebrale

Il posto di concussione cerebrale nella classificazione della lesione cerebrale traumatica è il seguente:

  • TBI lieve: commozione cerebrale;
  • Chmt di grado moderato - contusione cerebrale;
  • TBI grave - contusioni cerebrali, fratture della base cranica, ematomi intracerebrali.

Cause di commozione cerebrale

I seguenti motivi possono portare a commozione cerebrale:

  • colpire un oggetto pesante sulla testa;
  • movimenti della testa affilati, ad esempio, quando è inclinato all'indietro in caso di frenata improvvisa della vettura;
  • una caduta da un'altezza del proprio corpo, ad esempio, quando sviene, un attacco epilettico
  • lividi alla testa in condizioni di vita e al lavoro;
  • saltando da altezza a piedi;
  • cadere sui glutei;
  • "Sindrome da bambino scosso" con maltrattamenti, dondolo intenso del bambino.

Per comprendere le cause dello sviluppo di una commozione cerebrale, è necessario ricordare l'anatomia del sistema nervoso centrale e del cranio. Il midollo spinale e gli emisferi del cervello giacciono liberamente nella cavità cranica e nel canale spinale della colonna vertebrale. In caso di movimenti improvvisi o di applicazione della forza, possono essere spostati drasticamente nella direzione opposta. In questo caso, c'è un danno al tessuto cerebrale sul principio di anti-sciopero. Un tale effetto meccanico può essere direttamente influenzato dalla sostanza del cervello, così come dai vasi sanguigni, dal liquido intracerebrale.

L'intensità dell'impatto sul sistema nervoso centrale determina la gravità dei disturbi risultanti. Quindi, con una commozione cerebrale, vengono rilevati solo i cambiamenti molecolari nel midollo, nelle sinapsi nervose, nella parete vascolare. Nel caso in cui la lesione causi la distruzione del midollo, parla di contusione o contusione del cervello. Con l'accumulo nella sostanza del cervello o sotto le meningi del sangue, si sviluppa un ematoma intracranico.

Sintomi di commozione cerebrale

La gravità dei sintomi clinici della commozione cerebrale dipende dalla gravità della malattia. I seguenti sintomi sono caratteristici di un leggero tremolio:

  • perdita di coscienza a breve termine;
  • la sensazione della comparsa di "scintille dagli occhi";
  • visione offuscata;
  • lampeggiante "vola" davanti ai miei occhi;
  • vertigini;
  • sudorazione;
  • lieve malessere;
  • disturbo del sonno;
  • tinnito;
  • leggera nausea.

Quando una commozione moderata può apparire come sintomi:

  • perdita di coscienza dopo l'infortunio;
  • nausea e vomito;
  • disturbo dell'andatura;
  • impulso aumentato o lento;
  • ipertensione;
  • la comparsa di ematomi sottocutanei;
  • mal di testa, provocato da una luce intensa, suoni forti;
  • amnesia anterograda e retrograda.

In caso di forti scuotimenti, le condizioni del paziente peggiorano. Il vomito diventa multiplo e non porta sollievo. Forse la comparsa di allucinazioni e delusioni, paresi e paralisi, convulsioni convulsive. Disidratazione del corpo con una violazione degli organi interni. Questa condizione richiede il ricovero immediato in unità di terapia intensiva e rianimazione.

Le caratteristiche del quadro clinico della commozione cerebrale sono determinate da fattori di età:

  • Nei bambini - la commozione cerebrale, di regola, non è accompagnata da perdita di coscienza. Immediatamente dopo la lesione, si osservano pallore della pelle, sonnolenza, letargia e battito cardiaco accelerato. Nella successiva alimentazione compaiono rigurgiti frequenti e vomito. Forse un disturbo del sonno, ha espresso preoccupazione per il bambino. Il più spesso, con un corso favorevole di manifestazioni patologiche viene a nulla entro 2-3 giorni.
  • Nei bambini in età prescolare, la commozione cerebrale non è accompagnata da perdita di coscienza. Forse una leggera indisposizione, sonnolenza o irritabilità, lieve nausea. A volte c'è un leggero aumento della temperatura corporea. Occasionalmente, i bambini sviluppano un sintomo di cecità post-traumatica. Di norma, si verifica immediatamente dopo l'infortunio o pochi minuti dopo. La disabilità visiva persiste per diverse ore o decine di minuti, per poi scomparire da sola. Entro 2-3 giorni le condizioni del bambino migliorano.
  • negli anziani - in un primo momento dopo l'infortunio c'è disorientamento nel tempo e nello spazio, disturbi della memoria, vertigini. Per le persone di età sono caratterizzati da mal di testa, localizzati nella regione occipitale e indossando un carattere pulsante. Il mal di testa particolarmente severo compare nelle persone anziane che soffrono di ipertensione. Di regola, entro 3-7 giorni scompaiono i sintomi della commozione cerebrale.

Diagnosi di commozione cerebrale

In caso di sintomi di commozione cerebrale, consultare immediatamente un medico. In caso di gravi condizioni del paziente, è meglio chiamare il team dell'ambulanza, che provvederà al trasporto in ospedale. In caso di commozione cerebrale, potrebbe essere necessario consultare un traumatologo, un neuropatologo, un neurochirurgo, un medico generico. È importante tenere a mente il cosiddetto periodo di benessere immaginario, caratterizzato da un abbassamento temporaneo dei sintomi della lesione dopo poche ore o giorni. In questo periodo "leggero", le condizioni del paziente possono deteriorarsi senza sintomi clinici visibili, ad esempio durante la formazione di un ematoma intracranico. Questo è il motivo per cui dopo aver ricevuto una ferita alla testa, dovresti consultare uno specialista.

La diagnosi di commozione cerebrale inizia con un'accurata raccolta di disturbi, anamnesi della malattia, un esame generale e neurologico. Per ulteriori esami del paziente, vengono utilizzate le seguenti tecniche strumentali:

  • Radiografia - è uno studio semplice che viene eseguito per la maggior parte dei pazienti con TBI. Lo scopo principale della radiografia è identificare le fratture delle ossa del cranio. È impossibile valutare lo stato della sostanza del cervello mediante radiografie, ma l'identificazione di eventuali fratture consente di assegnare lo stato di moderata o grave a una scossa, anche con un quadro clinico positivo.
  • La neurosonografia è un esame ecografico del cervello che consente di valutare lo stato del midollo allungato e dei ventricoli cerebrali. Con l'aiuto della neurosonografia, è possibile identificare focolai di contusioni, segni di gonfiore del cervello, sviluppo di ematomi intracranici. L'ecografia non ha controindicazioni, è un metodo di ricerca indolore e non invasivo. La neurosonografia consente la visualizzazione della struttura cerebrale attraverso una grande molla non chiusa, sottili ossa temporali, orbita e canale uditivo esterno. Nelle persone anziane, le ossa del cranio diventano spesse, il che rende difficile ottenere dati affidabili.
  • L'ecoencefalografia è un metodo di diagnosi ecografica, con il quale è possibile determinare lo spostamento delle strutture cerebrali rispetto alla linea mediana. Sulla base dei dati ottenuti, è possibile concludere che ci sono formazioni così grandi come gli ematomi o i tumori nel cervello. Inoltre, è possibile ottenere informazioni indirette sullo stato del sistema ventricolare e sul midollo.
  • La TC è uno dei metodi più istruttivi per diagnosticare malattie e lesioni del sistema nervoso centrale. L'uso dei raggi X fornisce un'immagine chiara strato per strato del cervello e delle ossa del cranio. La TC fornisce opportunità per la diagnosi di ematomi, contusioni, corpi estranei e danni alle ossa del fornice e alla base del cranio.
  • RM: si riferisce ai metodi più accurati e istruttivi per lo studio del sistema nervoso centrale. Con esso, non è possibile determinare il danno alle ossa del cranio, che limita significativamente l'uso di risonanza magnetica nella diagnosi delle lesioni traumatiche del cervello. Quando si esaminano i bambini piccoli, può essere necessaria l'anestesia.
  • Elettroencefalografia: questo studio si propone di studiare l'attività bioelettrica del cervello. L'EEG consente di determinare i fuochi del midollo allungato con attività neuronale compromessa. La presenza di tali siti di epi-attività può portare a crisi epilettiche.
  • La puntura lombare è uno studio invasivo finalizzato all'ottenimento di CSF dal canale spinale. La presenza di sangue può indicare gravi danni al tessuto cerebrale. La puntura lombare viene eseguita secondo rigorose indicazioni, ad esempio in caso di sospetto grave sanguinamento, processo infiammatorio o neoplastico.

Trattamento della commozione cerebrale cerebrale

La tattica del trattamento del commozione cerebrale è determinata dalla gravità delle condizioni del paziente. Il trattamento deve essere effettuato in un ospedale sotto la supervisione di professionisti qualificati. L'ospedalizzazione consente di monitorare le condizioni del paziente, la progressione dei sintomi clinici della malattia e condurre un esame completo. Inoltre, la permanenza in ospedale prevede la creazione di una pace psico-emotiva, che è un prerequisito per il recupero.

  • Pronto soccorso - prima dell'arrivo dei medici è necessario dare alla vittima una posizione orizzontale con un capo sollevato. Nel caso in cui il paziente non riprenda conoscenza, è meglio metterlo sul lato destro con la testa leggermente sollevata e rivolta verso il terreno. Questa è la posizione che fornisce la respirazione libera e impedisce al vomito, alla saliva e al muco di entrare nel tratto respiratorio.
  • Regime: i pazienti che hanno avuto una commozione cerebrale devono essere tenuti a letto per 3-5 giorni. Inoltre, il paziente deve osservare una modalità delicata con l'eccezione di guardare la TV, ascoltare la musica, leggere. La modalità motore viene estesa per 2-5 giorni, dopodiché il paziente viene dimesso per cure ambulatoriali.
  • Terapia farmacologica - La terapia farmacologica per commozione cerebrale ha diversi obiettivi. Prima di tutto, questa riduzione della pressione intracerebrale con l'aiuto di diuretici e preparazioni di potassio. Inoltre, i sedativi sono utilizzati per alleviare lo stress emotivo. In caso di forti mal di testa, possono essere indicati antidolorifici leggeri. Lo scopo dei farmaci nootropici è volto a migliorare il metabolismo e la nutrizione delle cellule cerebrali. In caso di grave nausea e vomito, viene eseguita la terapia di disidratazione. Il monitoraggio dell'efficacia del trattamento viene effettuato utilizzando ripetuti esami neurologici, studi strumentali.

Conseguenze e prognosi

In caso di trattamento adeguato e conformità da parte del paziente con le raccomandazioni dei medici dopo una commozione cerebrale, nella maggior parte dei casi si verifica un recupero completo e il ripristino della capacità lavorativa. Tuttavia, in alcuni pazienti potrebbe esserci una diminuzione della memoria, attenzione. Possono verificarsi capogiri ricorrenti, ansia, irritabilità, mal di testa, affaticamento, insonnia. Per qualche tempo, l'ipersensibilità alla luce intensa e ai suoni forti possono persistere. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, dopo 6-12 mesi, gli effetti della commozione cerebrale si attenuano gradualmente.

Circa il 3% delle persone ha effetti più pronunciati di tremori, il più delle volte a causa della non conformità con il regime raccomandato. In questi pazienti possono svilupparsi insonnia, distonia vegetativa-vascolare, sindrome astenica e convulsioni. Forse l'emergere della cosiddetta sindrome postkommotsionnogo, caratterizzata dalla comparsa di mal di testa, irritabilità, ansia, insonnia. Queste persone hanno difficoltà a concentrarsi, il che riduce significativamente la loro capacità di lavorare.

Un trattamento di qualità tempestivo aiuterà a ridurre al minimo gli effetti della commozione cerebrale.

Commozione cerebrale - segni e trattamento domiciliare

La commozione cerebrale è una delle forme più lievi di trauma cranico, a seguito della quale i vasi cerebrali sono danneggiati. Tutti i disturbi dell'attività cerebrale sono pericolosi e richiedono maggiore attenzione e trattamento.

La commozione cerebrale si verifica solo con effetti meccanici aggressivi sulla testa - ad esempio, ciò può accadere quando una persona cade e colpisce la testa sul pavimento. I medici non riescono ancora a dare una definizione precisa del meccanismo per lo sviluppo dei sintomi della commozione cerebrale, perché anche quando conducono una tomografia computerizzata, i medici non vedono alcun cambiamento patologico nei tessuti e nella corteccia dell'organo.

È importante ricordare che il trattamento della commozione cerebrale non è raccomandato a casa. Prima di tutto, è necessario contattare uno specialista in un istituto medico e solo dopo una diagnosi affidabile delle lesioni e la loro gravità, è possibile, in consultazione con il medico, utilizzare i metodi di trattamento a casa.

Cos'è?

La concussione è un danno alle ossa del cranio o dei tessuti molli, come tessuto cerebrale, vasi sanguigni, nervi e meningi. Una persona può avere un incidente in cui può colpire la sua testa su una superficie dura, questo comporta solo un fenomeno come una commozione cerebrale. Allo stesso tempo ci sono alcune violazioni del cervello che non portano a conseguenze irreversibili.

Come già accennato, una commozione cerebrale può essere ottenuta con una caduta, un colpo alla testa o al collo, un forte rallentamento del movimento della testa in tali situazioni:

  • nella vita di tutti i giorni;
  • in produzione;
  • nella squadra dei bambini;
  • alle occupazioni nelle sezioni sportive;
  • in incidenti stradali;
  • in conflitti interni con l'assalto;
  • nei conflitti militari;
  • con barotrauma;
  • con lesioni con rotazione (rotazione) della testa.

Come risultato di un trauma cranico, il cervello cambia posizione per un breve periodo e quasi immediatamente ritorna ad esso. In questo caso, il meccanismo di inerzia e le peculiarità della fissazione delle strutture cerebrali nel cranio entrano in vigore - non tenere il passo con il movimento improvviso, una parte dei processi nervosi può allungarsi e perdere la connessione con altre cellule.

La pressione cambia in diverse parti del cranio, l'afflusso di sangue può essere temporaneamente disturbato e quindi il potere delle cellule nervose. Un fatto importante in commozione è che tutti i cambiamenti sono reversibili. Non ci sono pause, emorragie, edema.

Segni di

I segni più caratteristici di una commozione cerebrale sono:

  • confusione, inibizione;
  • mal di testa, vertigini, ronzio nelle orecchie;
  • discorso inibito incoerente;
  • nausea o vomito;
  • mancanza di coordinamento dei movimenti;
  • diplopia (visione doppia);
  • incapacità di concentrare l'attenzione;
  • luce e fitofase;
  • perdita di memoria.

La concussione ha tre gradi di gravità, dal più leggero al terzo grave. Su quali sintomi di commozione cerebrale sono più comuni, consideriamo in seguito.

Lieve commozione cerebrale

In caso di lieve commozione cerebrale in un adulto, si verificano i seguenti sintomi:

  • grave livido della testa o del collo (il colpo "fa detonare" dalle vertebre cervicali nella testa);
  • a breve termine - pochi secondi - perdita di coscienza, spesso commozione cerebrale e senza perdita di coscienza;
  • effetto di "scintille dagli occhi";
  • vertigini, aggravato dal girare la testa e piegarsi;
  • l'effetto del "vecchio film" davanti ai miei occhi.

Sintomi di commozione cerebrale

Immediatamente dopo la lesione, si notano i sintomi della concussione cerebrale cerebrale:

  1. Nausea e riflesso del vomito nel caso in cui non si sa cosa è successo alla persona e lui è incosciente.
  2. Uno dei sintomi più importanti è una perdita di coscienza. Il tempo per la perdita della coscienza può essere lungo o, al contrario, breve.
  3. Mal di testa e compromissione della coordinazione testimoniano una lesione cerebrale, e la persona è anche vertigini.
  4. Con una commozione cerebrale, sono possibili alunni di varie forme.
  5. La persona vuole dormire o, al contrario, è iperattiva.
  6. Conferma diretta di una commozione cerebrale - convulsioni.
  7. Se la vittima è tornata in sé, potrebbe provare disagio in piena luce o un suono forte.
  8. Quando parla con una persona può provare confusione. Potrebbe anche non ricordare cosa è successo prima dell'incidente.
  9. A volte potrebbe non essere collegato.

Durante i primi giorni dopo l'infortunio, una persona può sperimentare i seguenti segni di commozione cerebrale:

  • nausea;
  • vertigini;
  • mal di testa;
  • disturbo del sonno;
  • violazione dell'orientamento nel tempo e nello spazio;
  • pallore della pelle;
  • sudorazione;
  • mancanza di appetito;
  • la debolezza;
  • incapacità di concentrarsi;
  • disagio;
  • stanchezza;
  • sensazione di instabilità nelle gambe;
  • arrossamento del viso;
  • tinnito.

Va ricordato che il paziente non troverà sempre tutti i sintomi caratteristici della commozione cerebrale - tutto dipende dalla gravità del danno e dalle condizioni generali del corpo umano. Ecco perché uno specialista esperto dovrebbe determinare la gravità della lesione cerebrale.

Cosa fare con una commozione a casa

Prima dell'arrivo dei medici, il primo soccorso alla vittima a casa dovrebbe consistere nell'immobilizzazione e nel garantire un riposo completo. Sotto la testa puoi mettere qualcosa di morbido, per applicare un impacco freddo o ghiaccio alla testa.

Se la commozione cerebrale continua ad essere in uno stato di incoscienza, è preferibile la cosiddetta posizione di salvataggio:

  • sul lato destro,
  • testa rovesciata, volto rivolto a terra,
  • il braccio e la gamba sinistra sono piegati ad angolo retto alle articolazioni del gomito e del ginocchio (le fratture degli arti e della colonna vertebrale devono essere prima escluse).

Questa posizione, garantendo il libero passaggio di aria nei polmoni e il flusso non ostruito di fluido dalla bocca verso l'esterno, previene l'insufficienza respiratoria dovuta all'adesione della lingua, che penetra nel tratto respiratorio di saliva, sangue e vomito. Se ci sono ferite sanguinanti sulla testa, benda.

Per il trattamento della commozione cerebrale della vittima deve essere ricoverato in ospedale. Il riposo a letto per questi pazienti è di almeno 12 giorni. Durante questo periodo, al paziente è vietato qualsiasi stress intellettuale e psico-emotivo (leggere, guardare la TV, ascoltare musica, ecc.).

Gradi di gravità

La divisione della commozione cerebrale sulla gravità è piuttosto arbitraria - il criterio principale per questo è il periodo di tempo che la vittima spende inconsapevole:

  • Grado 1 - lieve commozione cerebrale, in cui la perdita di coscienza dura fino a 5 minuti o è assente. La condizione generale della persona è soddisfacente, i sintomi neurologici (disturbi dei movimenti, della parola, degli organi di senso) sono praticamente assenti.
  • 2 gradi - la coscienza può essere assente fino a 15 minuti. La condizione generale è moderata, vomito, nausea e compaiono sintomi neurologici.
  • Grado 3 - danno tissutale espresso in volume o profondità, assenza di coscienza per più di 15 minuti (a volte una persona non riprende conoscenza fino alle 6 dal momento della ferita), la condizione generale è grave, con grave compromissione della funzionalità di tutti gli organi.

Va ricordato che ogni vittima che ha subito una lesione alla testa deve essere esaminata da un medico - anche con una lesione apparentemente insignificante, si può sviluppare un ematoma intracranico, i cui sintomi progrediranno dopo un po '(il "gap luminoso") e aumenteranno costantemente. Con una commozione cerebrale, quasi tutti i sintomi scompaiono sotto l'influenza del trattamento - ci vuole tempo.

effetti

In caso di trattamento adeguato e conformità da parte del paziente con le raccomandazioni dei medici dopo una commozione cerebrale, nella maggior parte dei casi si verifica un recupero completo e il ripristino della capacità lavorativa. Tuttavia, alcuni pazienti possono sperimentare alcune complicazioni.

  1. La conseguenza più grave di commozione cerebrale è la sindrome post-commozione, che si sviluppa dopo un certo periodo di tempo (giorni, settimane, mesi) dopo TBI e tormenta una persona per tutta la vita con attacchi costanti di intenso mal di testa, vertigini, nervosismo, insonnia.
  2. Irritabilità, instabilità psicoemotiva, ipereccitabilità, aggressività, ma spreco rapido.
  3. Sindrome convulsiva, simile all'epilessia, privazione del diritto di guidare un'auto e ammissione a determinate professioni.
  4. Gravi disordini vegetativo-vascolari, manifestati da pressione arteriosa irregolare, vertigini e mal di testa, rossore, sudorazione e affaticamento.
  5. Ipersensibilità alle bevande alcoliche.
  6. Stati depressivi, nevrosi, paure e fobie, disturbi del sonno.

Un trattamento di qualità tempestivo aiuterà a ridurre al minimo gli effetti della commozione cerebrale.

Trattamento di concussione

Come qualsiasi lesione e malattia del cervello, la commozione cerebrale deve essere trattata sotto la supervisione di un neurologo, un traumatologo, un chirurgo che controlla qualsiasi segno e progressione della malattia. Il trattamento prevede il riposo a letto obbligatorio - 2-3 settimane per un adulto, almeno 3-4 settimane per un bambino.

Accade spesso che un paziente dopo una commozione cerebrale abbia una forte sensibilità alla luce intensa, suoni forti. È necessario isolarlo da questo per non aggravare i sintomi.

Nell'ospedale, il paziente ha principalmente lo scopo di monitorarlo, dove gli viene somministrato un trattamento profilattico e sintomatico:

  1. Analgesici (baralgin, sedalgin, ketorol).
  2. Agenti lenitivi (tinture di valeriana e motherwort, tranquillanti - Relanium, fenazepam, ecc.).
  3. Con le vertigini, sono prescritti Bellaspon, Bellatamininal, Cinnarizine.
  4. Il solfato di magnesio aiuta anche ad alleviare la tensione generale ei diuretici aiutano a prevenire l'edema cerebrale.
  5. Si consiglia di utilizzare preparati vascolari (trental, cavinton), nootropi (nootropil, piracetam) e vitamine del gruppo B.

Oltre al trattamento sintomatico, la terapia viene solitamente prescritta per ripristinare la compromissione della funzionalità cerebrale e prevenire le complicanze. La nomina di tale terapia è possibile non prima di 5-7 giorni dopo l'infortunio.

Si raccomanda ai pazienti di assumere farmaci nootropi (Nootropil, Piracetam) e vasotropici (Cavinton, Theonikol). Hanno un effetto benefico sulla circolazione cerebrale e migliorano l'attività cerebrale. La loro ammissione è mostrata per diversi mesi dopo la dimissione dall'ospedale.

reinserimento

L'intero periodo di riabilitazione, che dura a seconda della gravità delle condizioni da 2 a 5 settimane, la vittima deve seguire tutte le raccomandazioni del medico e osservare rigorosamente il riposo a letto. È inoltre severamente vietato qualsiasi stress fisico e mentale. Durante l'anno, è necessario osservare un neurologo per prevenire complicazioni.

Ricorda, dopo aver subito una commozione cerebrale, anche in forma lieve, varie complicazioni possono insorgere sotto forma di sindrome post-traumatica e in persone che abusano di alcol, epilessia. Per evitare questi problemi, deve essere osservato durante un anno presso il medico.