Vertigine posizionale parossistica benigna

Commozione cerebrale

La vertigine parossistica benigna è una malattia dell'apparato vestibolare, caratterizzata da improvvisi attacchi di vertigini. Le quattro parole del titolo portano l'essenza principale di questo problema: "benigno" significa nessuna conseguenza e la possibilità di auto-guarigione, "parossistica" indica la malattia parossistica, "posizionale" indica dipendenza dalla posizione del corpo nello spazio e "capogiro" è il sintomo principale. Tuttavia, l'apparente semplicità nasconde molte sottigliezze. Riguardo a tutto ciò che riguarda le vertigini posizionali parossistiche benigne, è possibile conoscere le informazioni di base e le complessità di questa malattia leggendo questo articolo.

Generalmente, le vertigini sono un sintomo non specifico. A mano libera può essere chiamato più di 100 malattie che possono manifestare vertigini. Ma le vertigini posizionali parossistiche benigne hanno alcune caratteristiche cliniche che consentono di stabilire la diagnosi corretta all'esame iniziale da parte di un medico.

La vertigine posizionale parossistica benigna (DPPG) è considerata una malattia abbastanza comune. I paesi dell'Europa occidentale emettono le seguenti statistiche: fino all'8% della loro popolazione soffre di questa malattia. I paesi della CSI, sfortunatamente, non dispongono di statistiche affidabili su questo problema, ma difficilmente potrebbero essere significativamente diversi da quelli europei. Fino al 35% di tutti i casi di vertigini vestibolari può essere associato a BPPH. I numeri sono impressionanti, no?

Per la prima volta DPPG fu descritto da un otorinolaringoiatra austriaco Robert Barani nel 1921 per una giovane donna. E da allora, i sintomi di DPPG sono stati individuati come una malattia separata.

Cause e meccanismo di sviluppo di DPPG

Per capire perché e come si sviluppa questa malattia, è necessario approfondire un po 'la struttura dell'apparato vestibolare.

La parte principale dell'apparato vestibolare sono tre canali semicircolari e due sacche. I canali semicircolari si trovano quasi ad angolo retto l'uno con l'altro, il che rende possibile registrare i movimenti di una persona su tutti i piani. I canali sono pieni di liquido e hanno l'estensione - ampolla. Nell'ampolla c'è una sostanza simile alla gelatina della cupula, che è strettamente correlata ai recettori. I movimenti della cupula insieme al flusso di fluido all'interno dei canali semicircolari creano un senso di posizione nello spazio negli esseri umani. Lo strato superiore della cupula può contenere cristalli di bicarbonato di calcio - otoliti. Normale per tutta la vita si formano otoliti e poi distrutti dall'invecchiamento naturale dell'organismo. I prodotti di distruzione sono utilizzati da celle speciali. Questa situazione è normale.

In alcune condizioni, gli otoliti spesi e obsoleti non vengono distrutti e sotto forma di cristalli galleggiano nel fluido dei canali semicircolari. L'aspetto di oggetti aggiuntivi nei canali semicircolari, ovviamente, non passa inosservato. I cristalli irritano l'apparato recettoriale (oltre agli stimoli normali), a seguito del quale si ha la sensazione di vertigini. Quando i cristalli si depositano in qualsiasi zona sotto l'azione della gravità (di solito la zona della borsa), le vertigini scompaiono. Le modifiche descritte sono il principale meccanismo per il verificarsi di DPPG.

In quali condizioni gli otoliti non collassano, ma vai a "nuoto libero"? Nella metà dei casi, la causa rimane inspiegabile, l'altra metà si verifica quando:

  • danno cerebrale traumatico (dovuto al distacco traumatico di otoliti);
  • infiammazione virale dell'apparato vestibolare (labirinto virale);
  • Malattia di Meniere;
  • manipolazioni chirurgiche sull'orecchio interno;
  • prendendo antibiotici ototossici fila gentamicinovogo, intossicazione da alcol;
  • spasmo dell'arteria labirintica che trasporta l'apporto di sangue all'apparato vestibolare (ad esempio durante l'emicrania).

sintomi

DPPG caratterizzato da caratteristiche cliniche specifiche, che sono la base per la diagnosi di questa malattia. Quindi, DPPG è caratterizzato da:

  • attacchi improvvisi di forti capogiri, che si verificano solo quando si cambia la posizione del corpo, cioè, le vertigini non appaiono mai da sole. Molto spesso, un attacco provoca una transizione da una posizione orizzontale a una verticale dopo aver dormito, si gira a letto in un sogno. Il ruolo principale qui appartiene a un cambiamento nella posizione della testa e non nel corpo;
  • le vertigini possono essere percepite come un movimento del proprio corpo nello spazio su qualsiasi piano, come la rotazione di oggetti intorno, come una sensazione di caduta o di sollevamento, che ondeggiano sulle onde;
  • la durata dell'attacco di vertigini non supera i 60 secondi;
  • a volte le vertigini possono essere accompagnate da nausea, vomito, battito cardiaco lento, sudorazione diffusa;
  • l'inizio della vertigine è accompagnato da nistagmo: movimenti involontari oscillatori dei bulbi oculari. Il nistagmo può essere orizzontale o rotazionale. Non appena le vertigini si fermano, il nistagmo scompare immediatamente;
  • gli attacchi di vertigini sono sempre gli stessi, non cambiano mai la loro "colorazione clinica", non sono accompagnati dall'apparizione di altri sintomi neurologici;
  • le convulsioni sono più pronunciate al mattino e al mattino. Molto probabilmente, questo è dovuto alla dispersione di cristalli nel fluido dei canali semicircolari con movimenti costanti della testa. I cristalli si rompono in particelle più piccole nella prima metà della giornata (l'attività fisica è molto più elevata durante la veglia che durante il sonno), quindi, nella seconda metà, i sintomi praticamente non si verificano. Durante il sonno, i cristalli "si attaccano" di nuovo, portando ad un aumento dei sintomi al mattino;
  • all'esame e all'esame approfondito, non si riscontrano altri problemi neurologici. Non c'è rumore nelle orecchie, nessuna perdita dell'udito, nessun mal di testa - nessun reclamo aggiuntivo;
  • possibile miglioramento spontaneo dello stato e scomparsa di vertigini. Ciò è probabilmente dovuto alla dissoluzione indipendente dei cristalli staccati di bicarbonato di calcio.

DPPG: questo è spesso il numero di persone con più di 50 anni. Forse a quest'ora, i processi naturali di riassorbimento del bicarbonato di calcio vengono rallentati, motivo per cui l'insorgenza più frequente della malattia a questa età. Secondo le statistiche, il sesso femminile soffre di DPPG 2 volte più spesso del maschio.

diagnostica

Le caratteristiche cliniche di DPPG consentono un approccio ravvicinato alla diagnosi corretta già nella fase di interrogatorio del paziente. Chiarificazione del momento in cui si verificano vertigini, fattori provocatori, durata degli attacchi, assenza di ulteriori reclami - tutto ciò suggerisce un'idea di DPPG. Tuttavia, è necessario ottenere una conferma più affidabile. A questo scopo vengono eseguiti test speciali, il più comune e più semplice dei quali è il test Dix-Hallpayok. Il campione viene eseguito come segue.

Il paziente è seduto sul divano. Quindi ruotano (non inclinano!) La testa in una direzione (presumibilmente, nella direzione dell'orecchio interessato) di 45 °. Il medico fissa la testa in questa posizione e mette rapidamente il paziente sulla schiena, mantenendo l'angolo di rotazione della testa. In questo caso, il corpo del paziente deve essere posizionato in modo tale che la testa sia leggermente appesa sopra il bordo del divano (cioè, la testa deve essere leggermente inclinata all'indietro). Il medico osserva gli occhi del paziente (in previsione del nistagmo) e allo stesso tempo chiede la sensazione di vertigini. In realtà, il campione è un test provocatorio per un tipico attacco di DPPG, poiché provoca uno spostamento di cristalli nei canali semicircolari. Nel caso della presenza di DPPG in circa 1-5 secondi, il nistagmo e le vertigini tipiche derivano dalla deposizione del paziente. Quindi il paziente viene riportato in posizione seduta. Spesso, quando si ritorna in posizione seduta, il paziente riemerge una sensazione di vertigini e nistagmo di intensità minore e orientamento opposto. Tale test è considerato positivo e conferma la diagnosi di DPPG. Se il campione è negativo, conduci uno studio girando la testa nella direzione opposta.

Per notare il nistagmo durante il test, si consiglia di utilizzare occhiali speciali Frenzel (o Blessing). Si tratta di occhiali con un alto grado di ingrandimento, che consentono di escludere l'effetto della fissazione volontaria dell'occhio sui pazienti. Con lo stesso scopo può essere usato il videonstagmografo o la registrazione a infrarossi del movimento degli occhi.

Si tenga presente che quando si ripete il test Dix-Hallpayka, la gravità delle vertigini e del nistagmo sarà inferiore, cioè i sintomi sembrano esaurirsi.

trattamento

Gli attuali approcci al trattamento di DPPG sono principalmente non farmacologici. Solo 20 anni fa era diverso: il principale metodo di trattamento erano i farmaci che riducono le vertigini. Quando il meccanismo dello sviluppo della malattia divenne noto agli scienziati, l'approccio al trattamento cambiò. I cristalli fluttuanti con farmaci non possono essere sciolti o immobilizzati. Ecco perché il ruolo principale di oggi appartiene ai metodi non farmacologici. Cosa sono?

Queste sono le cosiddette manovre posizionali, cioè una serie di cambiamenti successivi nella posizione della testa e del tronco, con l'aiuto del quale stanno cercando di guidare i cristalli in una zona dell'apparato vestibolare dal quale non possono più muoversi (la zona del sacco), e quindi non provocano vertigini. Nel corso di tali manovre possibili attacchi di DPPG. Parte delle manovre può essere svolta in modo indipendente, altre possono essere eseguite solo sotto la supervisione di un medico.

Le seguenti manovre posizionali sono attualmente considerate le più comuni ed efficaci:

  • Manovra di Brandt-Daroff. Può essere effettuato senza la supervisione di personale medico. Al mattino, subito dopo aver dormito, una persona deve sedersi sul letto con le gambe penzoloni. Quindi è necessario prendere rapidamente una posizione orizzontale su un lato, le gambe leggermente piegate. La testa deve essere ruotata di 45 ° verso l'alto e giace in questa posizione per 30 secondi. Dopo - siedi di nuovo. Se c'è un attacco tipico di DPPG, allora in questa posizione è necessario aspettare la fine di vertigini e poi sedersi. Azioni simili vengono quindi eseguite dall'altra parte. Successivamente, è necessario ripetere tutto 5 volte, cioè 5 volte da un lato e 5 volte dall'altro. Se durante la manovra non si verificano i capogiri, la prossima volta che la manovra viene eseguita la mattina successiva. Se un attacco di vertigini è ancora avvenuto, è necessario ripetere la manovra nel pomeriggio e alla sera;
  • Manovra di Semont. Richiede la supervisione del personale medico, poiché possono esserci reazioni vegetative pronunciate sotto forma di nausea, vomito e disturbi del ritmo cardiaco transitori. La manovra viene eseguita come segue: il paziente si siede sul divano, le gambe penzoloni. La testa gira di 45 ° rispetto al lato sano. La testa è fissata dal medico in questa posizione con le mani e il paziente è disteso sul lettino dalla sua parte sul lato dolorante (la testa, quindi, si alza leggermente). In questa posizione, dovrebbe rimanere per 1-2 minuti. Quindi, mantenendo la stessa posizione fissa della testa, il paziente ritorna rapidamente alla posizione di seduta originale e si adatta immediatamente sull'altro lato. Poiché la testa non ha cambiato la sua posizione, quando è posizionata sull'altro lato, la faccia è abbassata. In questa posizione, è necessario rimanere un altro 1-2 minuti. E poi il paziente ritorna alla posizione di partenza. Tali movimenti bruschi causano solitamente forti capogiri e reazioni autonomiche nel paziente, quindi i medici hanno un duplice atteggiamento nei confronti di questo metodo: alcuni lo trovano troppo aggressivo e preferiscono sostituirlo con manovre più delicate, altri, concordando con il carico per il paziente, sono più efficaci (specialmente nei casi di DPPT);
  • La manovra di Epley. Questa manovra è anche auspicabile per eseguire sotto la supervisione di un medico. Il paziente si siede sul divano e gira la testa verso il lato dolorante con un angolo di 45 °. Il medico fissa la testa con le mani in questa posizione e distende il paziente sulla schiena con la caduta simultanea della testa (come nel campione Dix-Hall). Aspettano 30-60 secondi, poi girano la testa dal lato opposto all'orecchio sano e poi girano il busto di lato. La testa è rivolta verso il basso. E aspetta ancora 30-60 secondi. Dopo di che il paziente può assumere una posizione di partenza mentre è seduto;
  • Manovra di Lempert. È simile nella tecnica alla manovra Epley. Allo stesso tempo, dopo aver girato il busto del paziente di lato, e la testa con un orecchio sano verso il basso, il busto continua a ruotare. Cioè, allora il paziente prende una posizione sdraiata sullo stomaco con il naso in basso, e poi - dal lato del paziente con un orecchio dolorante verso il basso. E alla fine della manovra, il paziente si siede di nuovo nella posizione di partenza. Come risultato di tutti questi movimenti, l'uomo sembra ruotare attorno ad un asse. Dopo la manovra di Lempert, è necessario limitare il busto del corpo nel processo di attività vitale e dormire il primo giorno con la testata sollevata di 45 ° -60 °.

Oltre alle manovre di base, ci sono varie modifiche. In generale, con il corretto svolgimento della ginnastica posizionale, l'effetto arriva dopo poche sedute, cioè solo pochi giorni di tale terapia sono necessari e l'RPTP si ritirerà.

Il trattamento farmacologico di DPPG oggi è quello di utilizzare:

  • farmaci vestibulolitichesky (Betahistin, Vestibo, Betaserk e altri);
  • antistaminici (dramma, cinetosi);
  • vasodilatatori (cinnarizina);
  • nootropia a base di erbe (estratto di Ginkgo biloba, Bilobil, Tanakan);
  • farmaci antiemetici (Metoclopramide, Reglan).

Tutti questi farmaci sono raccomandati per l'uso nel periodo acuto di gravi attacchi di DPPG (accompagnati da forti capogiri con vomito). Quindi si consiglia di ricorrere a manovre posizionali. Alcuni medici, al contrario, parlano dell'uso ingiustificato di droghe per CPPG, motivandolo sopprimendo i propri meccanismi per compensare i disordini vestibolari e anche riducendo l'effetto delle manovre posizionali sullo sfondo dei farmaci. La medicina basata sull'evidenza non fornisce ancora dati affidabili sull'uso di droghe per DPPG.

Una serie di esercizi vestibolari viene utilizzata come terapia di fissazione, per così dire. La loro essenza consiste nell'eseguire un numero di movimenti con gli occhi, la testa e il corpo in quelle posizioni in cui si verificano vertigini. Ciò porta alla stabilizzazione dell'apparato vestibolare, a un aumento della sua resistenza e ad un miglioramento dell'equilibrio. A lungo termine, questo porta ad una diminuzione dell'intensità dei sintomi di DPPG durante la ricorrenza della malattia.

Qualche volta è possibile la scomparsa spontanea di sintomi di DPPG. Molto probabilmente, questi casi sono associati a colpire in modo indipendente i cristalli nella zona vestibolare "muta" durante i normali movimenti della testa o con il loro riassorbimento.

Nello 0,5-2% dei casi di BPTP, la ginnastica posizionale non ha alcun effetto. In tali casi, è possibile la rimozione chirurgica del problema. Il trattamento chirurgico può essere effettuato in vari modi:

  • Transizione selettiva delle fibre del nervo vestibolare;
  • sigillatura del canale semicircolare (quindi i cristalli semplicemente non hanno nessun posto dove "galleggiare");
  • distruzione dell'apparato vestibolare con un laser o la sua completa rimozione dal lato interessato.

Molti medici trattano i metodi chirurgici di trattamento in due modi. Dopotutto, si tratta di operazioni con conseguenze irreversibili. È semplicemente impossibile ripristinare le fibre nervose transeunte o l'intero apparato vestibolare dopo la distruzione e, inoltre, la rimozione.

Come potete vedere, DPPG è una malattia imprevedibile dell'orecchio interno, le cui crisi di solito prendono di sorpresa una persona. A causa di improvvise e gravi vertigini, a volte accompagnate da nausea e vomito, una persona malata diventa spaventata dalle possibili cause della sua condizione. Pertanto, quando compaiono questi sintomi, è necessario consultare un medico il più presto possibile per non perdere altre malattie più pericolose. Il medico dissiperà tutti i dubbi sui sintomi e spiegherà come superare la malattia. DPPG è una malattia sicura, se si può dire così, perché non è irto di complicazioni e certamente non mette in pericolo di vita. La prognosi per il recupero è quasi sempre favorevole, e nella maggior parte dei casi sono necessarie solo manovre posizionali per eliminare tutti i sintomi spiacevoli.

C. m. N. A. L. Guseva legge il rapporto su "Vertigine posizionale parossistica benigna: caratteristiche di diagnosi e trattamento":

"Oh, come le vertigini!": Come vivere con un apparato vestibolare mal funzionante

Immagina di essere in un luogo sconosciuto e in un tempo indefinito, mentre non hai né una mappa, né un navigatore, né un orologio e, inoltre, non c'è una sola persona nelle vicinanze a cui rivolgere aiuto. Presentato? Qualcosa del genere sarebbe la vita di una persona se non ci fosse un apparato vestibolare nel suo corpo. Questo corpo aiuta le persone a navigare nello spazio. E se funziona in modo errato, allora la persona avverte disagio quando gira bruscamente la testa o cambia la posizione del corpo. In questo caso, si dovrebbe parlare di alcune patologie nel funzionamento dell'apparato vestibolare, una delle quali è la vertigine posizionale parossistica benigna.

Perché si verifica DPPG?

I colpevoli di attacchi improvvisamente di vertigini sono collegamenti interrotti tra i recettori sensoriali situati nella regione dell'orecchio medio e del cervello. Di conseguenza, il navigatore vestibolare semplicemente non ha il tempo di reagire ai movimenti di una persona nello spazio che lo circonda.

In ogni terzo caso, diventa una ragione per diagnosticare le sue vertigini posizionali benigne. Tuttavia, questa diagnosi significa che la situazione non è senza speranza, che le circostanze che provocano attacchi di vertigini possono e devono essere resistite.

Leggi perché le vertigini compaiono dopo un pasto e cos'è la sindrome da dumping.

Cause di vertigini alcoliche e misure preventive.

Per quanto riguarda i motivi per cui l'apparato vestibolare non affronta le sue funzioni, se una persona si alza bruscamente o semplicemente gira la testa non troppo agevolmente a destra oa sinistra, ce ne sono diverse:

  • conseguenze di traumi alla testa o lesioni alla testa più gravi di vario tipo;
  • effetto collaterale di prendere alcuni farmaci (è necessario leggere attentamente le istruzioni per il farmaco);
  • il risultato di azioni non professionali dei chirurghi durante il trattamento chirurgico;
  • una conseguenza di processi infettivi o infiammatori nell'orecchio interno o malattie di questo organo non infiammatorio (labirintite o malattia di Meniere);
  • osteocondrosi nel collo, quando c'è una compressione dei vasi sanguigni, dei nervi;
  • manifestazione di malattie neurologiche associate a spasmi arteriosi (ad esempio emicrania).

In questo caso, il capogiro parossistico benigno è più spesso registrato nelle donne, così come in coloro che sono già in pensione. Sfortunatamente, nella maggior parte dei casi, è impossibile stabilire la causa più precisa di DPPG. Il compito principale del medico è formulare la diagnosi corretta in base ai sintomi della malattia.

Come sono le vertigini posizionali benigne

Se le vertigini - non significa che si soffre di CPP. Il capogiro è un sintomo molto comune. Il discorso sulle vertigini parossistiche benigne può essere condotto solo se il cerchio della testa è accompagnato da altri segni specifici:

  • il mondo "galleggia davanti ai nostri occhi" non sempre, ma piuttosto come un attacco, ed è quasi impossibile prevedere quando un altro attacco ti colpirà e quanto durerà;
  • Fortunatamente per il paziente, gli attacchi di DPPG sono di breve durata: da alcuni secondi a un minuto, non di più;
  • quando viene attaccato, una persona può avere la febbre, suda, diventa pallido, sente la nausea;
  • gli attacchi non sono accompagnati da effetti collaterali: mal di testa, problemi di udito e visione;
  • Tra un attacco e l'altro, una persona si sente sana senza alcuna manifestazione patologica.

Molto spesso, i sintomi della malattia si dichiarano durante i movimenti improvvisi (vedere Vertigini quando si cambia la posizione del corpo). Quindi lo stato di riposo per i pazienti con DPPG può essere considerato ideale.

Come viene diagnosticata la DPPG

Per il riconoscimento della malattia, vengono utilizzate tecniche speciali in cui vengono eseguite varie manipolazioni con il paziente, costringendolo a cambiare la posizione della testa e del corpo in una determinata sequenza e provocando in tal modo attacchi di vertigini. Inoltre, è prescritto un esame hardware (TC, RM e radiografia del collo e della testa).

Come trattare DPPG

Se viene confermata la diagnosi di capogiro parossistico posizionale benigno, il trattamento non deve essere ritardato, anche se la malattia non è in pericolo di vita. Inoltre, questo processo è semplice e, di norma, porta a risultati positivi.

Il trattamento delle vertigini posizionali benigne viene eseguito in modo completo, ma i metodi terapeutici giocheranno un ruolo primario in questo. L'apparato vestibolare può e deve essere addestrato in modo che non si rifiuti di lavorare quando una persona è attiva.

Per fare questo, i terapeuti hanno sviluppato esercizi speciali che possono aiutare a controllare gli attacchi di vertigini o addirittura a sbarazzarsene. Questi esercizi hanno nomi diversi (metodo Brandt-Daroff, manovra Epley, manovra Simon e manovra di Lempert), ma la loro essenza si riduce a una cosa: il paziente deve alternativamente tradurre per cambiare posizione (seduto, sdraiato), scuotere il corpo avanti e indietro e girare la testa in diversi lato. Parte degli esercizi può essere eseguita a casa, ma per alcuni è necessaria la presenza di un medico.

Tali esercizi terapeutici possono essere usati anche con l'accompagnamento medicinale. Al paziente vengono prescritti farmaci che migliorano la circolazione sanguigna, alleviano i sintomi della cinetosi e neutralizzano l'impulso emetico (Betaistina, Cinnarizina, Tanakan, Zeercal).

In casi eccezionali, la malattia può richiedere un intervento chirurgico. In generale, le vertigini benigne vengono trattate con successo e, dopo diverse sedute terapeutiche, il paziente si libera completamente dei sintomi spiacevoli.

Perché c'è la vertigine psicogena. Leggi i fattori provocanti.

Cosa fare se si verificano vertigini dopo un raffreddore nel primo periodo.

Tutto sulle cause delle vertigini nelle donne e negli uomini. Perché le vertigini nelle persone anziane e come affrontare la patologia.

Riassumiamo

Le vertigini parossistiche posizionali benigne sono una malattia molto comune associata a un malfunzionamento dell'apparato vestibolare, in cui una persona sperimenta una rotazione della testa a breve termine in determinate situazioni. La malattia non è critica per la vita di una persona, ma può causare disagio nelle situazioni quotidiane. Ecco perché, ai primi segni del DPPG, è necessario consultare un medico, soprattutto perché questa patologia viene trattata con successo.

Vertigini parossistiche posizionali benigne (DPPG): che cos'è, sintomi e trattamento

Vertigine posizionale parossistica benigna è una condizione patologica di origine vestibolare, che è caratterizzata da manifestazioni parossistiche di vertigini. Provocano un tale stato di cambiamento nella posizione spaziale del corpo umano. Le differenze in questo tipo di vertigini sono relative facilità di trattamento e la possibilità di auto-miglioramento.

Fattori eziologici nello sviluppo di vertigini funzionali

Vertigini parossistiche posizionali benigne, uno stato molto complesso secondo l'eziologia, in alcuni casi non è possibile stabilire la vera causa della malattia.

Le cause più comuni di jipp includono:

  • lesioni traumatiche del cranio e commozione cerebrale;
  • processi infiammatori nel labirinto dell'orecchio interno;
  • intervento posticipato alla testa.

Caratteristiche di manifestazioni sintomatiche

Sintomatologia benigna parossistica vertigini si manifesta sotto forma di una sensazione che gli oggetti situati intorno ruotano, questa sensazione appare dopo un improvviso cambiamento nella posizione del corpo.

Le vertigini parossistiche di solito si manifestano al mattino dopo il sonno, è difficile per una persona orientarsi nello spazio dopo essersi alzato dal letto. La durata del periodo parossistico è, di regola, non più di tre minuti, e quindi passa indipendentemente attraverso l'uso di tecniche ausiliarie.

Inoltre, vertigine posizionale parossistica benigna si manifesta sotto forma di disturbi dispeptici, che è un componente sintomatico comune per tutti i tipi di vertigini.

L'autunno è importante nella diagnosi della malattia: le vertigini posizionali benigne non sono accompagnate da sindromi di disordini organici del sistema nervoso. Con questa patologia, nessuna patologia si sviluppa da parte degli organi dell'udito, della vista o dell'olfatto. Quindi, la malattia non rappresenta una particolare minaccia per la vita di una persona, ma provoca qualche disagio.

Misure diagnostiche

Per la formulazione della diagnosi finale, vertigini parossistiche posizionali benigne sono utilizzate test diagnostici funzionali appositamente progettati Dix-Hallpayka.

Il test Dixa-Hallpayka, che cos'è, è una tecnica mirata con l'aiuto di cui viene diagnosticata la malattia.

Per eseguire questo test, il medico deposita il paziente sul letto, poi prende la testa con entrambe le mani e lo ruota di fronte a lui sul lato intorno a lui e poi tiene la testa sul letto. Dopo l'esercizio, il medico deve chiedere come si sente il paziente. Di solito, le persone con vertigini posizionali benigne, convincono il medico che le vertigini dopo tale scossa per loro la solita condizione.

Obiettivamente osservato in un paziente, nistagmo, che di fronte al pavimento o verso l'alto, dipende dalla localizzazione immediata del processo patologico nei canali semicircolari dell'orecchio interno. In caso di un effetto negativo, l'esercizio deve essere ripetuto alcuni minuti dopo il riposo. A volte accade che dopo aver eseguito un test diagnostico in posizione supina, non si possa ottenere un risultato positivo, e lo stato appare dopo che il paziente si alza dal divano e il corpo acquisisce una posizione seduta.

Quando i campioni posizionali vengono ripetuti, la gravità dei risultati come regole è in qualche modo ridotta, anche questo deve essere preso in considerazione quando si effettua una diagnosi. Come aggiunta al campione posizionale, puoi usare non solo la rotazione verso la testa, ma anche tutto il corpo.

I più difficili sono i pazienti che trasferiscono la posizione del corpo dalla menzogna alla posizione eretta.

Studi strumentali

Come diagnosi strumentale della malattia, vengono utilizzati metodi per valutare la gravità del nistagmo a questo scopo, vengono utilizzate tecniche come elettro-oculografia, video-oculografia.

Per escludere la patologia organica dal sistema nervoso centrale o dalla patologia oncologica, i pazienti devono sottoporsi a risonanza magnetica cerebrale. Per escludere patologia da otorinolaringoiatria, è necessario sottoporsi a un esame consultivo con uno specialista appropriato.

Diagnosi differenziale di vertigini parossistiche posizionali benigne

Differenze da formazioni tumorali nel cervello, così come patologie dalla fossa cranica posteriore in caso di sviluppo benigno di vertigini, non ci sono segni di danno del sistema nervoso simpatico e parasimpatico, i sintomi più comuni sono sintomi di squilibrio di equilibrio e vertigini di natura posizionale. Test funzionali posizionali ripetuti con capogiri normali sono solitamente caratterizzati da una diminuzione della gravità di un risultato positivo, poiché nella patologia organica, il test ripetuto non influenza la gravità del risultato.

Un nistagmo posizionale può manifestarsi anche in una malattia come la sclerosi multipla o la compromissione acuta della circolazione del sangue nel cervello, mentre i sintomi del danno al sistema nervoso sono preservati.

Misure terapeutiche per eliminare la patologia e il disagio

Il trattamento conservativo senza l'uso di droghe include i seguenti metodi:

Metodo di Brandt-Daroff.

Tale esercizio il paziente può eseguire in modo indipendente a casa. Per eseguire questa tecnica, il paziente deve sedersi al centro del letto per fare diverse inclinazioni da un lato all'altro. Quindi il paziente fora la posizione orizzontale e ripete i movimenti già in posizione supina. È necessario lasciare riposare il corpo per un minuto, quindi ripetere gli esercizi specificati da Brandt Daroff. Il metodo per trattare la malattia viene ripetuto tre volte al giorno. La durata della procedura è determinata individualmente, in base al benessere generale del paziente.

La manovra di Semont

Questa tecnica può essere eseguita sia in modo indipendente che con l'aiuto di uno specialista qualificato. Il paziente si siede sul letto, il medico prende la testa del paziente con entrambe le mani e gira bruscamente, poi lo fora sullo stesso lato senza cambiare la posizione della testa rispetto al piano iniziale. Il paziente deve mentire fino a quando tutte le sensazioni di disagio scompaiono. Dopo il riposo, senza cambiare la posizione fissa, la testa del paziente viene riportata in posizione seduta, la testa viene girata e posta sul lato opposto, il paziente deve anche riposare. Questo esercizio viene ripetuto 2 - 3 volte una volta al giorno. Nei casi in cui un malato di dolny con vertigine parossistica benigna ha una storia di patologia di vita da parte del sistema cardiovascolare, i farmaci cardiaci tonici vengono introdotti come una previsione specifica prima di iniziare la procedura. Se durante la manipolazione compare la nausea e ai pazienti che vomitano vengono prescritti farmaci antiemetici.

La manovra di Epley

La procedura di questo tipo viene eseguita solo da specialisti qualificati. Una caratteristica di questo metodo è che la procedura viene eseguita con l'aiuto di movimenti del corpo lisci e lenti. Il paziente deve inizialmente sedersi sul divano, il medico prende la testa con entrambe le mani e fissa la testa, girandola di lato nella stessa posizione in cui la testa del paziente è posata sulla sua schiena. Dopodiché, il corpo umano viene girato su un fianco, quindi lentamente seduto nella sua posizione originale. Questo metodo di trattamento non farmacologico è molto efficace e nella maggior parte dei casi la ripetizione di due o tre sessioni può aiutare a liberarsi completamente dalla condizione patologica. L'efficacia di questo metodo dipende interamente dal modo in cui lo specialista esegue questa procedura.

Manovra di Lempert

Questa tecnica viene eseguita esclusivamente da uno specialista qualificato. La posizione iniziale del paziente deve essere sessile in tutto il lettino. Girando la testa a quarantacinque gradi, fissalo sul piano del corpo orizzontale sul lato della fonte della condizione patologica. Dopo di ciò, il paziente viene posto in posizione supina sulla sua schiena e cambia lentamente la posizione della testa nella direzione opposta, quindi la testa viene girata dall'altra parte e la posizione del corpo viene cambiata dalla parte posteriore allo stomaco, mentre la testa deve ruotare insieme al corpo umano. L'esercizio può essere ripetuto più volte, ma con la condizione di mantenere il tempo di riposo.

Trattamento chirurgico della malattia

L'intervento chirurgico viene effettuato nei casi in cui il trattamento conservativo della malattia non ha mostrato risultati assolutamente non positivi. Questo metodo di trattamento è effettuato molto raramente e in casi del tutto eccezionali.

A questo scopo, vengono eseguite le seguenti procedure chirurgiche:

  1. sigillando il lume del canale osseo semicircolare dell'orecchio interno con estratti dalla struttura ossea, che è presa da un'altra parte dello scheletro del corpo umano. L'osso tibiale è il più ottimale per il trapianto;
  2. rimozione selettiva delle terminazioni nervose che innervano i canali vestibolari dell'orecchio interno di una persona;
  3. rimozione totale delle strutture e labirinto di ossa spugnose;
  4. distruzione distruttiva delle strutture labiriniche mediante sistemi laser appositamente selezionati.

Assolutamente tutte le procedure chirurgiche sono estremamente traumatiche per l'uomo e pertanto dovrebbero essere eseguite solo per speciali motivi medici.

Dopo l'intervento chirurgico, la terapia antibiotica è obbligatoria per il paziente per prevenire lo sviluppo di complicanze infettive. Per la prevenzione della dissenteria come effetto collaterale degli antibiotici, i probiotici sono assegnati al paziente in combinazione.

Prevenzione delle malattie

Le misure preventive in caso di vertigini parossistiche posizionali benigne non sono state ancora sviluppate poiché i fattori eziologici per lo sviluppo della malattia non sono stati completamente chiariti.

Come raccomandazioni per i pazienti, è necessario per qualche tempo non sedersi per guidare una macchina.

La condizione patologica può persistere per diversi giorni o settimane dopo le misure terapeutiche adottate. Per quanto riguarda la riabilitazione, può anche essere difficile per diverse settimane, ma bisogna tenere presente che le vertigini posizionali benigne possono ripresentarsi con il tempo e quando un tale momento non appare.

prospettiva

La prognosi per il recupero è generalmente favorevole, questa condizione non rappresenta un pericolo particolare per la vita del paziente. A seconda di quale malattia o danno potrebbero scatenare lo sviluppo di questa condizione, dipendono ulteriori recuperi e l'effetto del trattamento effettuato. La prognosi per il completo recupero dipende anche da quanto tempo il paziente ha richiesto un'assistenza medica qualificata. Il pericolo di questa malattia sta nel fatto che è piuttosto difficile svolgere attività diagnostiche e, se una malattia infettiva dell'orecchio interno innesca la malattia mentre il processo di infezione è in corso, l'infezione può diffondersi nella cavità cranica e causare la morte per il paziente.

Cause e trattamento delle vertigini posizionali parossistiche benigne

DPPG è una condizione patologica abbastanza comune che si verifica nella maggior parte dei pazienti che cercano assistenza medica. Questo capogiro è causato dalla maggior parte delle lesioni dell'apparato vestibolare.

Caratteristiche manifestazioni di DPPG

Una condizione patologica si verifica più spesso durante il movimento, il cambiamento di posizione. La vertigine benigna dura un tempo relativamente breve. Anche un semplice esercizio fisico può causare sintomi.

Leggi di più sulla malattia nel video:


Più spesso, i segni di questo tipo di vertigini compaiono nelle persone anziane che hanno già compiuto 50 anni. Inoltre, nelle donne viene diagnosticata più volte più spesso che negli uomini. Si differenzia dagli altri tipi di vertigini DPPG in quanto puoi farcela da solo. Inoltre, il trattamento dell'attacco posizionale parossistico benigno è quasi sempre efficace.

DPPG ha alcuni sintomi distintivi che ti permettono di fare una diagnosi corretta già al primo esame di un dottore.

Come si sviluppa la patologia?

L'apparato vestibolare si trova nell'orecchio interno nei canali semicircolari, che si espandono alle estremità e terminano con una piccola "ampolla" contenente i dotti del labirinto membranoso. Contiene una consistenza viscosa liquida specifica, che è associata ai recettori.

Vertigine posizionale benigna parossistica deriva dalla precipitazione di sali di calcio (otoliti) in questa capsula. Inoltre, contribuiscono all'irritazione del recettore, a causa della quale appare una condizione patologica.

Cause di DPPG

Non è sempre possibile determinare esattamente cosa abbia causato tali vertigini. Tuttavia, ci sono alcune cause note che contribuiscono ai sintomi:

  1. Trauma cranico, in cui gli otoliti si staccano dal luogo di localizzazione costante.
  2. Infiammazione dell'apparato vestibolare a causa di ingestione di un'infezione virale.
  3. Patologia Meniere.
  4. Chirurgia sull'orecchio interno.
  1. Intossicazione da alcol
  2. Trattamento di alcuni tipi di farmaci.
  3. Uno spasmo dell'arteria labirintica, a seguito della quale viene disturbata la normale circolazione dell'apparato vestibolare.
  4. Emicrania.

Sintomi di DPPG

Le vertigini posizionali parossistiche sono quasi le stesse. I sintomi hanno queste caratteristiche:

  • Negli umani, ci sono attacchi acuti che appaiono durante determinati movimenti o in una particolare posizione del corpo: con una testa piegata, il collo piegato.
  • Spesso le vertigini posizionali non durano più di mezzo minuto.
  • Una persona con una tale lesione è in grado di determinare indipendentemente l'orecchio dolorante, poiché è dalla sua parte che verrà contrassegnato un attacco.
  • Durante vertigine posizionale parossistica, la nausea si verifica spesso.
  • Fondamentalmente, la condizione patologica è singola, sebbene non siano esclusi attacchi periodici (fino a diverse volte al giorno).
  • Se il paziente non esegue azioni che provocano vertigini, non apparirà.
  • Gli attacchi sono sempre gli stessi, l'immagine clinica non cambia mai.
  • Molto spesso si sviluppano vertigini benigne al mattino e prima di pranzo.
  • Questa patologia non causa altri problemi neurologici.
  • L'attacco è in grado di passare improvvisamente.

Mal di testa, tinnito o perdita dell'udito non sono caratteristici di BPHP.

Come viene diagnosticata la malattia?

Le vertigini parossistiche posizionali benigne sono determinate rapidamente e facilmente. Il medico è sufficientemente attento ad ascoltare i reclami del paziente e fare alcune domande. Tuttavia, affinché la diagnosi sia fatta il più accuratamente possibile, il medico può condurre uno speciale test Dix-Hall.

Portarlo fuori è facile. Per fare questo, al paziente viene chiesto di sedersi su un divano, e il medico gira la testa verso sinistra o destra di 45 gradi. Quindi la testa è fissa e il paziente si adatta rapidamente alla sua schiena. L'angolo di rotazione non deve essere violato. E ancora la testa dovrebbe essere rovesciata un po ', cioè leggermente appesa al divano. Inoltre, il medico deve osservare il movimento degli occhi, chiedere al paziente i suoi sentimenti.

Se il test è positivo, allora il medico può fare una diagnosi. Per notare che lo specialista del movimento oculare (nistagmo) ha bisogno di occhiali speciali. Viene anche applicato il rilevamento del movimento a infrarossi.

Una storia dettagliata sulla diagnosi, vedere il video dal candidato di scienze mediche, assistente professore del dipartimento di otorinolaringoiatria dell'Università medica russa di ricerca nazionale. N. I. Pirogov Alexandra Leonidovna Guseva:


La diagnosi deve necessariamente essere differenziale, per escludere la presenza di tumori cerebrali. In questo caso, applicare ulteriori metodi strumentali di ricerca: RM o TC. Caratteristica del danno cerebrale grave è la presenza di segni neurologici, che sono completamente assenti nelle vertigini parossistiche.

Dovrebbe anche essere escluso dall'ictus del paziente, dai sintomi della sclerosi multipla, dall'insufficienza vertebro-basilare della circolazione sanguigna. Sono caratterizzati da ulteriori sintomi che non compaiono quando vertigine parossistica posizionale.

Classificazione della patologia


Quindi, la forma di DPPG (vertigine parossistica posizionale benigna) dipende dalla posizione delle particelle di sali bicarbonato di calcio:

  1. Kupulolitiaz. In questo caso, le particelle sono localizzate sulla cupola del canale del recettore vestibolare.
  2. Kanapolitiaz. La posizione delle particelle si trova nella cavità del canale.

Caratteristiche del trattamento della malattia

La vertigine parossistica benigna della posizione viene eliminata con l'aiuto di farmaci, così come esercizi speciali, terapia fisica. Naturalmente, prima che la nomina del trattamento dovrebbe determinare con precisione le cause dello sviluppo della patologia.

Per quanto riguarda la terapia farmacologica, al paziente possono essere prescritti tali farmaci:

  • Per il trattamento della nausea e del vomito con vertigini parossistiche benigne: "Zerukal", "Metoclopramide".
  • Per alleviare lo stress emotivo.
  • Contribuire alla normalizzazione della circolazione sanguigna nei vasi cerebrali: "Cinnarizine", "Bilobil", "Tanakan".
  • Antistaminici: "Dramina" (aiuta ad eliminare la nausea, in quanto è destinato al trattamento della cinetosi in capogiro parossistico benigno).
  • Agenti vestibololitici: Vesto, Betaistina, Betaserk.

Con un'alta intensità di vertigini parossistiche, il trattamento viene eseguito in conformità con il riposo a letto. In casi particolarmente difficili, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico. Farmaci per vertigini posizionali benigne sono usati nel periodo di attacco acuto e grave.

Dopo l'uso di droghe, il trattamento continua con l'aiuto di manovre posizionali che contribuiscono alla stabilizzazione della funzionalità dell'apparato vestibolare, aumentano la sua resistenza e migliorano l'equilibrio della persona. E l'esercizio fisico può ridurre l'intensità delle vertigini e ridurre la frequenza della loro manifestazione.

Il neurologo, terapista manuale Anton Kinzersky racconta le fasi del trattamento e della diagnosi:


Per quanto riguarda il trattamento chirurgico, è prodotto solo nel 2% dei casi quando le manovre sono inefficaci. I seguenti tipi di operazioni possono essere utilizzati per il trattamento:

  1. Taglio di alcune fibre nervose selezionate nell'apparato vestibolare.
  2. Trattamento con le foche del canale semicircolare, in cui i cristalli non possono entrare.
  3. Distruzione laser dell'apparato vestibolare o sua completa rimozione dal lato della lesione.

Vertigine posizionale parossistica benigna con intervento chirurgico viene eliminato rapidamente. Tuttavia, tale trattamento può causare effetti irreversibili. Ad esempio, quelle fibre nervose che sono state tagliate, ripristinate non funzioneranno. Dopo la distruzione, è improbabile che anche l'apparato vestibolare venga rigenerato.

Esercizio per combattere le vertigini

Le vertigini parossistiche contribuiranno ad eliminare la ginnastica regolare, contribuendo a una più rapida dissoluzione dei sali di calcio. In questo caso, il trattamento può essere eseguito senza l'uso di farmaci. Questo è utile se la controindicazione all'uso di droghe è l'età di un bambino.

I seguenti esercizi sono considerati efficaci:

  • Metodo di Brandt-Daroff. Per eseguire questo esercizio, una persona non avrà bisogno di aiuto esterno. Ha bisogno di sedersi al centro del letto e appoggiare i piedi sul pavimento. Ora dovresti sdraiarti sul lato sinistro o destro e girare la testa di 45 gradi verso l'alto. In questa posizione devi stare in piedi per mezzo minuto. Quindi, per 30 secondi il paziente deve assumere la posizione originale. Dopo questo, l'azione viene ripetuta dall'altra parte. Il paziente dovrebbe fare 5 ripetizioni. Se gli attacchi si interrompono e le vertigini parossistiche non vengono più osservate per 3 giorni, l'esercizio non può più essere eseguito. Tale ginnastica è abbastanza efficace e persino un bambino può farlo. Tuttavia, ci sono esercizi più efficaci che dovrebbero essere eseguiti sotto la supervisione di un medico.
  • La manovra di Epley. Per il trattamento di CPPG in questo caso, tali movimenti sono fatti: il paziente si siede lungo il divano e la sua testa gira di 45 gradi rispetto al lato dove si osservano le vertigini. Uno specialista in questo momento risolve una persona in questa posizione. Inoltre, ha bisogno di posare il paziente sulla sua schiena e in aggiunta gettare indietro la testa di altri 45 gradi, dopo di che si gira nella direzione opposta. Ora il paziente deve essere disteso su un fianco, girando la testa verso la parte sana. Dopo di ciò, la persona dovrebbe sedersi e appoggiarsi nella direzione in cui c'è un DPPG. Inoltre, può tornare alla posizione normale. Per eliminare l'attacco, l'esercizio deve essere ripetuto 2-4 volte.

Cari lettori, per maggiore chiarezza, vi consigliamo di guardare il meraviglioso video di Dr. Christopher Chang (attivare i sottotitoli in russo, originale in inglese):

  • Esercizio di Semont. La persona dovrebbe sedersi sul letto e abbassare le gambe. Allo stesso tempo, la testa gira di 45 gradi nella direzione in cui non vi sono vertigini posizionali e viene fissata con le mani. Sdraiati sul lato colpito. È necessario essere in questa posizione fino a quando l'attacco non si ferma completamente. Dopo di ciò, il paziente deve trovarsi dall'altra parte e la posizione della testa non cambia. Quindi dovrà mentire fino a quando l'attacco non si ferma. Se necessario, la manovra può essere ripetuta.
  • L'esercizio di Lempert. Quindi, in questo caso, CPPG viene trattato come segue: il paziente deve sedersi lungo il divano e girare la testa verso il lato interessato di 45 gradi. Quando si esegue questo esercizio, il medico deve tenere il paziente in ogni momento. Inoltre, il paziente viene posto sulla schiena e la testa gira nella direzione opposta. Dopo questo, viene fatta una svolta verso un orecchio sano. Ora il paziente deve essere girato sullo stomaco e la testa - naso in basso. Inoltre, il paziente si gira dall'altra parte e la testa è colpita.

Per chiarezza, ti offriamo di guardare il video:


Se il trattamento di CPP è stato avviato in tempo, quindi non rappresenta alcun pericolo per la vita. Pertanto, è meglio consultare un medico quando compaiono i primi segni. È lo specialista che deve determinare quali farmaci sono necessari per il paziente, e quale esercizio sarà più efficace per lui. È particolarmente importante contattare rapidamente gli specialisti se il bambino è malato.

Va ricordato che a volte l'esercizio di tali esercizi può provocare troppe vertigini posizionali, accompagnate da vomito e nausea. Se un tale effetto è presente, al paziente viene prescritta la "betaistina". Prendilo dovrebbe essere prima di fare ginnastica.

Il trattamento della patologia deve essere reso necessario in modo che le condizioni del paziente non peggiorino nel tempo. Agli attacchi non è più colto un uomo di sorpresa, ha bisogno di consultare un medico e sottoporsi ad una terapia appropriata. Nella maggior parte dei casi, la previsione è positiva.

Esercizi come trattamento per vertigini in otolitiasi

Ogni giorno invio alcune domande nei commenti. Nella maggior parte dei casi, le domande sono troppo specifiche, strette o ambigue, quindi rispondo in privato e pubblico solo quei commenti che potrebbero essere interessanti per altri lettori. Ma a volte ottengo informazioni interessanti dalle domande.

All'inizio di maggio una donna di Ekaterinburg mi ha scritto che, tra le altre cose, ha detto che "non molto tempo fa è apparso il capogiro, tutti gli esami della testa, dei vasi sanguigni e del collo non hanno visto ragioni chiare per questo" e l'otoneurologo ha diagnosticato l'otolitiasi. Dal momento che in greco. "Otos" è un orecchio, e "litos" è una pietra, il termine "otolitiasi" dovrebbe significare "pietre nelle orecchie". Conosco calcoli biliari, calcoli renali, ho sentito parlare di calcoli nella ghiandola salivare (sialolitiasi) e persino di tartaro (placca indurita sulla superficie dei denti), ma ho imparato a conoscere l'otolitiasi per la prima volta, anche se ho diligentemente insegnato le malattie otorinolaringoiatriche nel mio tempo. Usando i motori di ricerca, ho scoperto che ci sono relativamente poche informazioni sull'otolitiasi su Internet. E sebbene questa malattia sia abbastanza comune, molti medici non ne sono a conoscenza e cancellano le vertigini per ragioni completamente diverse. E il più interessante è che l'otolitiasi è ben trattata con esercizi speciali, anche a casa. E ho deciso di condividere informazioni sul mio blog.

La parte teorica si è rivelata piuttosto complicata, ma non è necessario conoscere tutte le sfumature. Basta immaginare i sintomi e il metodo di trattamento.

Un po 'di teoria sulla percezione dell'equilibrio

Suoni, equilibrio e accelerazione del corpo sono percepiti nell'orecchio interno. Il suono è nella lumaca. La posizione statica (stazionaria) del corpo è percepita dalle cellule vestibolari nelle sacche ovali e rotonde del vestibolo. In questi sacchetti, gli otoliti sono normali (cristalli di bicarbonato di calcio CaCO3), che in qualsiasi posizione del corpo esercita pressione su qualsiasi gruppo di recettori e inviano impulsi elettrici al cervello.

L'orecchio è diviso in esterno, medio e interno.

I cambiamenti dinamici nella posizione del corpo (svolte, accelerazione) sono percepiti dai canali semicircolari, che partono dal sacco ovale (sinonimo - regina, utricolo in latino). Ogni canale semicircolare (ce ne sono 3) ha 2 gambe (basi), una delle quali è espansa, formando la cosiddetta fiala. Nelle fiale sono cellule sensibili, ricoperte da una capsula di gelatina - cupula. Poiché i canali semicircolari si trovano in 3 piani reciprocamente perpendicolari, qualsiasi movimento della testa non passerà inosservato dai recettori dell'apparato vestibolare. Quando la posizione della testa cambia, l'endolinfa si muove per inerzia e provoca oscillazioni della cupula e dei peli recettori coperti da essa. Gli impulsi nervosi dai recettori vanno al cervello.

Le cellule sensoriali (recettore) sono mescolate con cellule di supporto (di supporto) (vedi figura). I processi delle cellule di supporto e le estremità sensibili delle cellule recettoriali sono immersi in una massa gelatinosa - la membrana dell'otolite. Gli otoliti sono intervallati nella parte superiore della membrana dell'otolite, che raddoppia la sua densità rispetto all'endolinfa circostante. Questa differenza di peso è necessaria per il normale funzionamento dei recettori. Se la testa è esposta all'accelerazione, la forza inerziale che agisce sulla endolymph e sulla membrana dell'otolite è diversa a causa della differenza di densità. L'intero apparato otolitico scorre facilmente per inerzia lungo l'epitelio sensibile. Di conseguenza, le ciglia vengono deviate e stimolano i recettori.

Dai recettori dell'apparato vestibolare, gli impulsi nervosi arrivano al cervello. I centri dell'analizzatore vestibolare sono strettamente collegati con i centri del nervo oculomotore nel mesencefalo, il che spiega l'illusione del movimento degli oggetti in un cerchio dopo aver interrotto la rotazione. I centri vestibolari sono anche strettamente collegati al cervelletto e all'ipotalamo, il che rende la coordinazione del movimento e la nausea quando una persona dondola. L'analizzatore vestibolare termina nella corteccia cerebrale. La partecipazione della corteccia all'attuazione dei movimenti coscienti ci consente di controllare il corpo nello spazio.

Cos'è l'otolitiasi?

L'otolitiasi è anche chiamata DPPG - vertigine posizionale parossistica benigna. La parola "parossistica" significa "sotto forma di attacchi", "parossistica", e la parola "posizionale" enfatizza la dipendenza dall'insorgere degli attacchi sulla posizione del corpo, sulla postura e sulla "posizione". In altre parole, l'otolitiasi si manifesta sotto forma di vertigini quando la testa del paziente si trova in determinate posizioni.

Quando otoliatiaze otolith membrana per ragioni sconosciute, è danneggiato con la formazione di frammenti mobili che si muovono liberamente e penetrano nella endolfa dei canali semicircolari, più spesso nella parte posteriore, come il più basso situato. Esistono 2 tipi di otolitiasi:

  • canalolitiasi (comune) - frammenti disposti liberamente in un grumo nella parte liscia del canale semicircolare,
  • Cupulolithiasis (raro) - frammenti ancorati sulla cupula nella fiala di uno dei canali semicircolari.

I frammenti sul kupul peggiorano la sua mobilità, quindi quando la testa si muove, il cervello riceve informazioni asimmetriche dai recettori vestibolari, da cui "glitch" sotto forma di vertigini, nistagmo (movimenti oculari rapidi e ritmici involontari, dal nistagmo greco - S - sonnolenza) e reazioni vegetative.

Nel 50-75% dei casi, la causa dell'otolitiasi non può essere stabilita (forma idiopatica), in altri casi ci sono:

  • ferita
  • neyrolabirintit (infiammazione del labirinto),
  • La malattia di Meniere
  • interventi chirurgici (sia sull'orecchio che sulla chirurgia generale).

Sintomi di Otolitiasi

L'otolitiasi è caratterizzata da vertigini improvvise e intense (con una sensazione di rotazione degli oggetti attorno al paziente) quando cambia la posizione della testa e del corpo. Molto spesso si verificano vertigini al mattino dopo il sonno o di notte quando si gira a letto. I capogiri non durano più di 1-2 minuti (ma il paziente può sentirsi più a lungo). Se il paziente ritorna alla posizione iniziale quando si verificano vertigini, le vertigini si fermano più velocemente.

La provocazione di un attacco può anche essere inclinata all'indietro e inclinata verso il basso (prestare attenzione a questi movimenti), quindi la maggior parte dei pazienti, definendo sperimentalmente questo effetto, cerca di rendere i movimenti "pericolosi" lentamente o meno sul piano del canale interessato. Come tipico capogiro periferico, un attacco di otolitiasi può essere accompagnato da nausea (meno vomito).

Oltre alla vertigine, la presenza di nistagmo (movimenti oculari rapidi e involontari degli occhi) è caratteristica dell'otolitiasi. Il nistagmo posizionale ha un grande valore diagnostico, perché lo specialista può facilmente identificare il problema del canale semicircolare con i movimenti oculari caratteristici. Durante un attacco di DPPG, contemporaneamente nistagmo e vertigini si alzano, diminuiscono e scompaiono. La durata del nistagmo posizionale per la canalolitiasi del canale anteriore e anteriore non supera i 30-40 secondi, per la canalolitiasi del canale orizzontale - 1-2 minuti. La kupulolithiasi è caratterizzata da un nistagmo posizionale più lungo.

Diagnosi di Otolitiasi

Il medico osserva i movimenti degli occhi del paziente e gli chiede se c'è qualche vertigine. Il paziente viene avvertito in anticipo della possibilità di capogiri a lui familiari e che questa condizione è reversibile e sicura.

Vertigo sono periferici e centrali:

  • vertigine periferica causata da anomalie dell'analizzatore vestibolare al di fuori del cervello. Sono spesso, ma di solito non raggiungono un grado pronunciato, perché il cervello si adatta all'operazione scorretta della fonte di impulsi.
  • vertigini centrali si verificano quando le strutture cerebrali sono colpite, più spesso il midollo allungato e il cervelletto. Sono spesso combinati con altre manifestazioni:
    1. disartria (violazione della pronuncia dovuta all'insufficiente innervazione dell'apparato vocale),
    2. diplopia (visione doppia),
    3. parestesia (sensazione insolita di intorpidimento della pelle, "strisciare pelle d'oca", formicolio che si verifica senza influenza esterna),
    4. mal di testa,
    5. debolezza
    6. atassia (disturbo del coordinamento dei movimenti volontari) delle estremità.

Problemi di diagnosi di vertigini

Spesso le vertigini sono accusate di osteocondrosi cervicale. Se fai radiografie della colonna vertebrale, la diagnosi di osteocondrosi può essere fatta a qualsiasi persona anziana. Cambiamenti patologici possono essere trovati nel 100% della popolazione di questa età, ma sarebbe un errore assoluto dare la "osteocondrosi" come causa di vertigini.

Un po 'più ragionevolmente (ma anche erroneamente) i medici accusano vertigini sull'insufficienza vascolare vertebro-basilare (VBN che si verifica quando il flusso sanguigno al cervello attraverso le arterie vertebrali viene disturbato) a causa dell'aterosclerosi o della tortuosità congenita dei vasi, spiegando al paziente: "gira la testa, vasi vengono pizzicati e il sangue smette di fluire verso il cervello, che causa vertigini. "

Teoria: come il cervello viene rifornito di sangue.

Rifornimento di sangue al cervello (vista dal basso).

Il tronco brachiocefalico (2), l'arteria carotide comune sinistra e l'arteria succlavia sinistra (3) si spostano a loro volta dall'arco aortico (1). Su ciascun lato, l'arteria carotide comune (destra - 4) è divisa in esterna (destra - 6) e interna. Le arterie carotidi interne (sinistra - 7) vanno al cervello e forniscono sangue alle sezioni anteriori e agli occhi (arteria oftalmica - 9).

L'arteria vertebrale parte dall'arteria succlavia su ciascun lato (arteria vertebrale sinistra - 5). Le arterie vertebrali passano nei fori dei processi trasversali delle vertebre cervicali. Nella cavità cranica sulla base del cervello 2, le arterie vertebrali sono collegate in un'arteria basilare (principale) (8).

Le due arterie carotidi interne sono interconnesse tra loro e l'arteria basilare con l'aiuto di rami di collegamento, nel 25-50% dei casi che formano un anello arterioso - il cerchio di Willis, che consente alle sezioni cerebrali di non morire se il sangue scorre attraverso 1 su 4 arterie al cervello si ferma improvvisamente. Con insufficiente apporto di sangue al cervello nelle arterie vertebrali, si verifica insufficienza vertebro-basilare.

  • sintomi di deficit visivo (il velo davanti agli occhi, visione tubulare - un restringimento dei campi visivi periferici), perché il centro visivo si trova nelle regioni occipitali della corteccia cerebrale;
  • deficit uditivo in tipo neurosensoriale (percepibile dal suono), perché l'orecchio interno è fornito dall'arteria labirinto, che si allontana dall'arteria basilare (principale).

È curioso che la Sindrome della Cappella Sistina (sbiadita dai turisti anziani piegando il collo mentre ispeziona i dipinti di Michelangelo sul soffitto della Cappella Sistina a Roma) sia ancora, secondo le informazioni su Internet, non associate all'otolitiasi, ma con una brusca diminuzione del flusso sanguigno attraverso le persone colpite Aterosclerosi delle arterie vertebrali. Chi ha ragione? Pensa per te.

Vertigini si verificano quando ipotensione ortostatica (un forte calo dei livelli di pressione sanguigna con una possibile perdita di coscienza durante una transizione da una posizione orizzontale a una verticale), ad esempio, come l'effetto della prima dose quando si assumono alfa bloccanti. La vertigine con ipotensione ortostatica è accompagnata da una sensazione di "mosche" davanti agli occhi, non è accompagnata da nistagmo e si verifica solo con un brusco aumento e caduta della testa. Per una corretta diagnosi, è imperativo confrontare il livello della pressione sanguigna nella posizione del paziente disteso e in piedi.

Trattamento di otolitiasi

Negli ultimi 20 anni sono stati compiuti progressi significativi nel trattamento dell'otolitiasi. Se prima si consigliava ai pazienti di evitare disposizioni "pericolose" e il trattamento era solo sintomatico, allora sono stati sviluppati metodi che consentono ai frammenti di otolito di ritornare al sacco ovale. In alcuni casi, una vertigine posizionale parossistica benigna (otolitiasi) viene curata da una manovra efficace in un paio di minuti. In altri casi, gli esercizi devono essere ripetuti diversi giorni, 1-3 volte al giorno.

Cito esercizi che possono essere usati da pazienti e medici per trattare le vertigini durante l'otolitiasi.

Secondo questa tecnica, al paziente si consiglia di eseguire gli esercizi tre volte al giorno, 5 volte in entrambe le direzioni in una sessione. Se le vertigini si verificano almeno una volta al mattino in qualsiasi posizione, gli esercizi si ripetono nel pomeriggio e alla sera. Per eseguire la tecnica, il paziente deve sedersi al centro del letto dopo essersi svegliato, con le gambe penzoloni. Quindi viene posato su qualsiasi lato, con la testa rivolta verso l'alto di 45 °, ed è in questa posizione per 30 secondi (o fino a quando le vertigini non si fermano). Dopo di ciò, il paziente ritorna nella posizione di partenza in posizione seduta, in cui rimane per 30 s, dopodiché si distende rapidamente sul lato opposto, ruotando la testa verso l'alto di 45 °. Dopo 30 secondi, assume la sua posizione di seduta originale. Al mattino il paziente esegue cinque ripetute inclinazioni in entrambe le direzioni. Se le vertigini si verificano almeno una volta in qualsiasi posizione, le pendenze devono essere ripetute durante il giorno e la sera.

Un esempio di esercizi secondo il metodo Brandt-Daroff (spiegato in inglese).

La durata di questa terapia è selezionata individualmente. L'efficacia di questa tecnica per il sollievo da vertigine posizionale parossistica benigna è di circa il 60%. È possibile completare gli esercizi se la vertigine posizionale che si verifica durante gli esercizi di Brandt-Daroff non si ripeta entro 2-3 giorni.

Le restanti manovre terapeutiche richiedono la partecipazione diretta del medico curante. La loro efficacia può raggiungere il 95%, tuttavia, è possibile avere capogiri significativi con nausea e vomito, pertanto, in pazienti con malattie del sistema cardiovascolare, le manovre vengono eseguite con cautela e previa prescrizione di betaistina (24 mg una volta per 1 ora prima di eseguire la manovra).

2. La manovra di Semont.

Viene eseguito con l'aiuto di un medico o in modo indipendente. Posizione di partenza: seduti sul divano, gambe penzoloni. Il paziente seduto gira la testa su un piano orizzontale a 45 ° in modo salutare. Quindi, fissando la testa con le mani, il paziente è disteso sul fianco, sul lato colpito. Resta in questa posizione fino a che le vertigini non si fermano. Successivamente, il medico, spostando rapidamente il centro di gravità e continuando a fissare la testa del paziente sullo stesso piano, mette il paziente dall'altra parte attraverso la posizione seduta senza modificare la posizione della testa del paziente (cioè, la fronte verso il basso). Il paziente rimane in questa posizione fino a quando le vertigini scompaiono completamente. Inoltre, senza cambiare la posizione della testa del paziente, è seduto su un divano. Se necessario, puoi ripetere la manovra.

3. Manovra di Epley (in caso di patologia del canale semicircolare posteriore).

Si consiglia di essere eseguita da un medico. La sua caratteristica è una traiettoria chiara, che si sposta lentamente da una posizione all'altra. La posizione iniziale del paziente - seduto lungo il divano. In precedenza, la testa del paziente è ruotata di 45 ° nella direzione della patologia. Il medico fissa la testa del paziente in questa posizione. Successivamente, il paziente viene disteso sulla schiena, con la testa rovesciata a 45 °. La prossima svolta della testa fissa è nella direzione opposta nella stessa posizione sul divano. Quindi il paziente viene disteso sul fianco e la testa viene abbassata con un orecchio sano. Successivamente, il paziente si siede, la sua testa è inclinata e rivolta nella direzione della patologia, dopo di che viene riportata nella sua posizione abituale - guarda avanti. La permanenza del paziente in ogni posizione è determinata individualmente, in base alla gravità del riflesso vestibolo-oculare. Molti specialisti usano strumenti aggiuntivi per accelerare la deposizione di particelle che si muovono liberamente, il che aumenta l'efficacia del trattamento. Di norma, 2-4 manovre durante una sessione di trattamento sono sufficienti per interrompere completamente la BPHD.

4. La manovra di Lempert (nella patologia del canale semicircolare orizzontale).

Si consiglia di eseguire un medico. La posizione iniziale del paziente - seduto lungo il divano. Il medico aggiusta la testa del paziente durante tutta la manovra. La testa è girata di 45 ° e il piano orizzontale nella direzione della patologia. Quindi il paziente viene posto sulla sua schiena, girando costantemente la testa nella direzione opposta, e poi - da un lato sano, la testa, rispettivamente, rivolge l'orecchio sano verso il basso. Inoltre, nella stessa direzione, il corpo del paziente viene girato e posto sullo stomaco; la testa è posizionata verso il basso; mentre gira, la testa gira ulteriormente. In seguito, il paziente viene posizionato sul lato opposto; testa - orecchio dolorante verso il basso; si è seduto il paziente sul divano attraverso un lato sano. La manovra può essere ripetuta.

Dopo aver eseguito le manovre, è importante che il paziente osservi la modalità di limitazione delle inclinazioni, e il primo giorno è necessario dormire con una testiera sollevata a 45-60 ° (per questo è possibile utilizzare diversi cuscini). La recidiva di vertigine posizionale parossistica benigna si verifica in meno del 6-8% dei pazienti, pertanto le raccomandazioni sono limitate all'osservanza del regime di inclinazione.

Recentemente sono state create sedie speciali con possibilità di fissaggio completo del paziente, 2 assi di rotazione, un azionamento elettronico con un pannello di controllo e la possibilità di rotazione meccanica in situazioni di emergenza. Permettono di formulare individualmente un programma di manovra terapeutica, spostando precisamente il paziente sul piano di qualsiasi canale semicircolare a 360 ° con possibilità di rotazione sfalsata. L'efficacia della manovra su una sedia del genere aumenta il più possibile e, di regola, non richiede ripetizioni.

L'efficacia delle manovre (esercizi) è significativamente più alta nei pazienti con canalolitiasi, che è molto più comune rispetto alla cupupolitiosi. Con la litiasi Cupry, gli esercizi di solito richiedono la ripetizione e una combinazione di diverse manovre. In casi speciali, l'esercizio Brandt-Daroff può essere raccomandato per prestazioni indipendenti a lungo termine al fine di formare l'adattamento.

Nell'1-2% di tutti i pazienti con esercizi di vertigine posizionale benigna parossistica e manovre sono inefficaci. In questi casi, viene eseguita la chirurgia.

  • limitare il movimento
  • scegli una comoda posizione sdraiata,
  • prova a girare meno a letto e alzati in modo da non provocare vertigini;
  • prova il prima possibile per ottenere un appuntamento con un medico (neurologo o otoneurologo), che può essere raggiunto in qualsiasi modo, ma senza guidare una macchina.

Altre cause di vertigini

Oltre alla otolitiasi sopra descritta, all'insufficienza vertebro-basilare e all'ipotensione ortostatica, sono possibili altre cause di vertigini:

  • infezione da herpes: il virus dell'herpes danneggia il nervo vestibolare. Più spesso nei giovani. Ci vogliono diversi giorni (il cervello compensa i danni ai nervi), ma molti pazienti hanno il tempo di ottenere una diagnosi errata di ictus.
  • Malattia di Meniere (stress sulla seconda sillaba, quindi il medico descrisse che la malattia era francese): vertigini, problemi di udito, tinnito. È causato da un aumento di pressione (quantità di fluido) nella cavità dell'orecchio interno.
  • emicrania vestibolare: una forma rara di emicrania con vertigini senza mal di testa e problemi di udito. I farmaci convenzionali per l'emicrania (analgesici, sumatriptan, diidroergotamina) sono efficaci.
  • disturbi nevrotici e depressione: ad esempio, il disagio con l'agorabi (paura degli spazi aperti) può essere assunto dal paziente per capogiri.

Vertigini è oggetto di scienza otoneurology, che si trova all'incrocio tra neuroscienze e otorinolaringoiatria. Pertanto, i medici ENT inviano tali pazienti ai neurologi per il trattamento e quelli sono tornati ai pazienti ORL.

Ci sono pochissimi otoneurologi. A Mosca, ci sono solo 7 otoneurologi, strettamente coinvolti nelle vertigini. Non ci sono molti specialisti in Europa e negli Stati Uniti, ma ci sono cliniche specializzate o dipartimenti che si occupano solo di disordini vestibolari. Un tentativo è stato fatto per aprire un centro di questo tipo a Mosca sulla base di una clinica per malattie nervose.

postfazione

Ho consigliato al paziente, da cui ho appreso per la prima volta sull'otolitiasi, esercizi per prestazioni indipendenti. Recentemente ho ricevuto un'email da lei:

Mi scuso per non aver risposto immediatamente: sono stato portato via con gli esercizi dai link che hai inviato. Il risultato è che è solo dopo ogni volta che lo stato è disgustosamente nauseabondo. In generale, questo non è intrattenimento. Quindi non ho immediatamente risposto alla tua lettera. Vertigo va via. Smetto di studiare, e dopo qualche giorno tornano e tutto è nuovo di nuovo. Ma spero ancora, se tutto è fatto nel sistema ed è abbastanza lungo - ci sarà un risultato costante.

Spero che starà bene.

Questo articolo è stato ispirato dal materiale "Medici di una grande città. Otoneurologist "sul sito bg.ru: http://bg.ru/medicine/vrachi_bolshogo_goroda_otonevrolog-9740/ (Candidato di scienze mediche, autore di oltre 30 pubblicazioni scientifiche, Maxim Zamergrad ha parlato del suo lavoro).

Se sei interessato, ti consiglio di leggere altri "Medici della grande città" altamente professionali nello stesso luogo: neurochirurgo, coloproctologo, immunologo, chirurgo endovascolare, terapista, medico sportivo, farmacologo clinico, andrologo, cardiochirurgo, ecc.