Elettroencefalogramma (EEG)

Prevenzione

L'elettroencefalogramma (EEG) è un metodo altamente informativo per diagnosticare lo stato del sistema nervoso, basato sulla registrazione dei potenziali bioelettrici della corteccia cerebrale (GM) durante la sua attività vitale.

I sensori sulla testa del paziente sono posizionati in modo da registrare l'attività di tutte le parti del cervello. Di conseguenza, un elettroencefalogramma può essere utilizzato per analizzare le prestazioni del GM nel suo complesso, identificare focolai patologici, valutare la natura e l'entità del danno, effettuare una diagnosi accurata, determinare le tattiche di trattamento o monitorare l'efficacia della terapia.

testimonianza

L'EEG è ampiamente utilizzato per diagnosticare malattie mentali, neurologiche e neuropsichiatriche, è incluso nel programma di screening per esami medici.

Elettroencefalogramma prescritto per malattie sospette come:

  • epilessia;
  • distonia vascolare vegetativa;
  • ritardo del linguaggio, balbuzie;
  • lesioni infiammatorie, tossiche e degenerative del cervello;
  • trauma cranico;
  • patologie vascolari e disturbi circolatori;
  • processi tumorali nel cervello.

Inoltre, l'EEG può essere prescritto dal medico curante per i reclami dei pazienti a:

  • mal di testa cronico, tra cui emicrania;
  • capogiri e frequenti svenimenti;
  • disturbi del sonno, insonnia o risvegli irragionevoli durante la notte.

Non ci sono controindicazioni per EEG.

formazione

48 ore prima della procedura, è necessario abbandonare l'uso di bevande alcoliche e prodotti contenenti caffeina (caffè, coca cola, tè nero, energia, cioccolato, ecc.).

In caso di assunzione di neurolettici e sonniferi, è necessario informare il medico curante di questo aspetto, in modo che durante la decifrazione dell'elettroencefalogramma della loro azione sia stato preso in considerazione.

Il giorno dello studio, è consigliabile lavare i capelli con shampoo - gli elettrodi sono meglio attaccati alla pelle pulita, con conseguente miglioramento della qualità del segnale. Con lo stesso scopo, gli esperti non raccomandano l'uso di vari prodotti cosmetici per capelli (cera per vernici o styling, balsami, gel e balsami).

2 ore prima della procedura non puoi mangiare o fumare.

Immediatamente prima dell'esame, dovresti liberarti dei gioielli metallici (orecchini, fermagli, piercing, ecc.).

Per coloro che hanno i capelli lunghi, si consiglia di portare con sé un asciugamano per rimuovere i residui di gel medico dalla testa, che viene utilizzato per migliorare la fissazione degli elettrodi.

Tecnica EEG

Foto: come viene eseguita l'elettroencefalografia per adulti e bambini

Puoi fare un EEG nel dipartimento di neurologia o neurofisiologia, o in un centro medico specializzato.

Alla testa del paziente sono collegati sensori di registrazione - elettrodi, che sono collegati all'elettroencefalografo. Questo dispositivo amplifica ripetutamente gli impulsi ricevuti dai sensori e li registra su carta o su supporti elettronici sotto forma di più linee spezzate, simile a un elettrocardiogramma.

La durata del sondaggio è di circa mezz'ora. Per tutto questo tempo il paziente è seduto con gli occhi chiusi, cercando di rilassarsi il più possibile. Gli esperti chiamano questo stato di veglia passiva. A volte durante la registrazione EEG, è possibile utilizzare le procedure di attivazione (lampi di luce intensa, movimento dell'aria, suoni forti, immersione nel sonno dei farmaci, ecc.).

Monitoraggio EEG

In alcuni casi, è necessario correggere l'attività cerebrale durante un attacco (ad esempio l'epilessia). Quindi il paziente viene ricoverato in ospedale per diversi giorni o settimane e conduce un monitoraggio EEG giornaliero con registrazione video e audio simultanea.

Per provocare un attacco nei pazienti con epilessia, interrompono l'uso di anticonvulsivi. Questo metodo fornisce molte più informazioni sulla malattia di un elettroencefalogramma standard (nello stato di veglia passiva) ed è più efficace per determinare i focolai patologici nel cervello che provocano l'attività convulsiva.

Decodifica risultati

Se l'EEG viene eseguito da uno specialista altamente qualificato (elettroencefalografo o neurofisiologo), quando decifra l'elettroencefalogramma, terrà necessariamente conto di tutti i punti importanti (età del paziente, malattie concomitanti, ecc.). Oltre a una descrizione dettagliata dei risultati dell'esame, il medico effettuerà la propria diagnosi clinica elettroencefalografica.

Alla nota: solitamente quando si descrive un EEG, vengono usati termini professionali specifici e comprensibili solo come componenti a breve termine e attività ritmica. Gli intervalli di frequenza dell'attività ritmica sono convenzionalmente chiamati "alpha", "beta", "gamma", ecc.

Preparazione EEG per il cervello

Il cervello è l'organo più importante, che è il punto di controllo centrale per tutti i processi nel corpo. Qualsiasi violazione nel lavoro di questa struttura comporterà una serie di complicazioni gravi e pericolose, che sono molto difficili da affrontare.

Al fine di evitare il confronto con tali problemi, è necessario effettuare una diagnosi appropriata in presenza di sintomi allarmanti. L'elettroencefalogramma è un livello elevato nella lista delle procedure più importanti, è un tipo abbastanza comune di esame del cervello. La preparazione per EEG ha un numero di caratteristiche significative che richiedono particolare attenzione.

Breve introduzione all'EEG

Questo tipo di esame consente, attraverso la scansione, di tracciare l'attività di ciascuna sezione del cervello, impulsi neuronali e, cosa più importante, l'EEG registra chiaramente il livello di coordinazione delle azioni di tutte le componenti della sezione del cervello (o proprietà del ritmo). Se il sistema nervoso centrale di una persona ha attaccato un particolare disturbo, la diagnosi rivelerà una violazione nel lavoro dell'organo.

Il test non è molto complesso. Il paziente è posizionato convenientemente su un lettino attrezzato in posizione reclinata. Alcuni punti della testa vengono elaborati dal gel, che fornisce impulsi e piccoli elettrodi sono attaccati alla superficie. Quando si esegue la diagnostica, una persona dovrebbe rilassare i muscoli e coprire le palpebre.

Successivamente, viene lanciato un programma per computer che, con l'aiuto di sensori, registra l'attività cerebrale e fornisce le informazioni necessarie sotto forma di diversi grafici. La procedura può durare 1 ora e, in alcuni casi, tutta la notte sotto stretto controllo medico. I dati decifrati verranno ricevuti dopo alcuni giorni.

Con l'aiuto dell'EEG è possibile identificare:

  • fuochi di attività epilettica;
  • possibili cause di svenimenti e attacchi di panico;
  • varie patologie nel cervello e nel sistema nervoso centrale nel suo complesso;
  • l'effetto del complesso prescritto di farmaci sul corpo;
  • violazione delle funzioni rilevanti, ecc.

Indicazioni e controindicazioni

Vale la pena notare una gamma abbastanza ampia di anomalie, al momento della scoperta di cui il medico, con un alto grado di probabilità, prescriverà al suo paziente una direzione per un elettroencefalogramma del cervello:

  • disturbo del sonno, come sonnambulismo e insonnia;
  • presenza di lesioni meccaniche: lividi, fratture;
  • malattie vascolari del cervello;
  • formazioni tumorali;
  • disturbi mentali, nevrosi, tic nervoso;
  • sincope cronica, attacchi di panico incontrollati;
  • condizione di coma.
  • la necessità di confermare la morte cerebrale;
  • convulsioni epilettiche;
  • vari crampi;
  • ictus;
  • rottura endocrina;
  • autismo, sindrome di Down, paralisi cerebrale (CP);
  • encefalite e meningite;
  • distonia vascolare vegetativa (VVD);
  • mal di testa cronico di vario tipo;
  • ritardo mentale o ritardo del linguaggio;
  • violazione della circolazione vascolare nel cervello, ecc.

Controindicazioni speciali non sono state identificate al momento, ma si raccomanda di astenersi dall'EEG per coloro che hanno varie infiammazioni causate da infezione, dermatosi focale, la presenza di ferite aperte e altre lesioni nella zona della testa, la presenza di suture non ancora guarite, applicate chirurgicamente.

Se un paziente ha pronunciato anomalie neurologiche sotto forma di mancanza di controllo sull'attività motoria delle sue membra, la diagnosi deve essere eseguita solo sotto stretta supervisione di un medico qualificato.

Procedura di preparazione EEG

Come accennato in precedenza, prima che l'encefalogramma dovrebbe prestare attenzione alle caratteristiche della fase preparatoria. Esiste una classica lista di regole, la cui osservanza porterà al risultato più corretto dello studio del cervello.

A volte al paziente viene assegnato un EEG nella fase onirica. In questo caso, un prerequisito è la mancanza di sonno per 24-38 ore. Il corpo non dovrebbe essere "dormito" al momento del test diretto del cervello.

Costo EEG

Se vai in un centro medico privato, molto probabilmente dovrai pagare circa 1800-4200 rubli per sessione. Il costo della ricerca nelle istituzioni pubbliche è molto più basso - 480-1800 rubli.

L'elettroencefalogramma del cervello è in grado di identificare patologie del sistema nervoso centrale o, al contrario, di escludere qualsiasi. Nonostante la relativa semplicità di diagnosi, non si dovrebbe trascurare il codice delle regole elementari di preparazione per l'EEG. Ricorda: solo la corretta osservanza di ogni oggetto in modo adeguato garantirà un buon risultato dell'esame e, di conseguenza, indicherà una chiara direzione verso il vettore della terapia medica.

Elettroencefalografia del cervello: indicazioni e controindicazioni, metodi di

Un metodo indolore ed abbastanza efficace per studiare il cervello è l'elettroencefalogramma (EEG). Fu usato per la prima volta nel 1928 da Hans Berger, ma è ancora usato nella clinica. Invia pazienti ad esso con determinate indicazioni al fine di diagnosticare varie patologie del cervello. L'EEG non ha praticamente controindicazioni. Grazie a un metodo accuratamente sviluppato per eseguire la decodifica computerizzata dei dati ottenuti, aiuta il clinico a riconoscere in tempo la malattia e prescrive un trattamento efficace.

Indicazioni e controindicazioni per EEG

L'attività bioelettrica del cervello riflette lo stato di veglia, metabolismo, emodinamica e liquorodinamica. Ha le sue caratteristiche di età, ma nei processi patologici differisce significativamente dalla norma, quindi, con l'aiuto dell'EEG, è possibile rivelare la presenza di una lesione cerebrale.

Questo metodo di ricerca è sicuro, è usato per identificare varie malattie del cervello, anche nei neonati. L'EEG è efficace per la diagnosi di patologie in pazienti che sono incoscienti o in coma. Con l'aiuto di dispositivi moderni, elaborazione dati dei dati, display elettroencefalografici:

  • stato funzionale del cervello;
  • presenza di danno cerebrale;
  • localizzazione del processo patologico;
  • la dinamica dello stato del cervello;
  • natura dei processi patologici.

Questi dati aiutano il clinico a fare una diagnosi differenziale e a prescrivere il corso terapeutico ottimale. In futuro, si osserverà l'uso dell'EEG, man mano che il trattamento procede. L'elettroencefalografia più efficace per la diagnosi di tali patologie:

Se si sospetta un patologo, il medico rileverà l'uso dell'EEG:

  • danno cerebrale diffuso o focale;
  • lato e localizzazione del focus patologico;
  • superficiale è un cambiamento o profondo.

Inoltre, l'EEG è utilizzato per monitorare lo sviluppo della malattia, l'efficacia del trattamento. Durante le operazioni neurochirurgiche ricorrono a un metodo speciale di registrazione dei potenziali del cervello - elettrocorticografia. In questo caso, la registrazione viene eseguita utilizzando elettrodi immersi nel cervello.

L'elettroencefalogramma si riferisce ai metodi più sicuri e non invasivi per lo studio dello stato funzionale del cervello. È usato per registrare biopotenziali del cervello a diversi livelli di coscienza in un paziente. Se non c'è attività bioelettrica, questo indica una morte cerebrale.

L'EEG è uno strumento diagnostico efficace quando non è possibile controllare i riflessi e chiedere al paziente. I suoi principali vantaggi sono:

  • innocuità;
  • non invasiva;
  • indolore.

Non ci sono controindicazioni alla procedura. Non puoi provare autonomamente a decifrare l'elettroencefalogramma. Questo dovrebbe essere fatto solo da un esperto. Anche un neurologo e un neurochirurgo hanno bisogno di una trascrizione dettagliata. Un'interpretazione errata dei dati comporterà l'inefficacia del trattamento.

Se il paziente determina che ha una malattia più grave di quanto non sia in realtà, allora lo stress nervoso aggraverà gravemente il suo stato di salute.

La procedura deve essere eseguita da un neurofisiologo. Poiché troppi fattori esterni possono influenzare i dati ottenuti, è stata sviluppata una metodologia speciale.

Come eseguire l'EEG

Per evitare l'influenza di stimoli esterni, l'EEG viene eseguito in una stanza leggera e insonorizzata. Prima che la procedura non possa:

  • assumere un sedativo;
  • essere affamato;
  • essere in uno stato di eccitazione nervosa.

Per la registrazione dei biopotenziali viene utilizzato un dispositivo ultrasensibile: un elettrocelografo. Gli elettrodi sono attaccati alla testa del paziente secondo lo schema standard. Possono essere:

Per cominciare, l'attività in background viene registrata. In questo momento, il paziente si trova su una sedia comoda nella posizione semiposta, con gli occhi chiusi. Quindi, per la determinazione avanzata dello stato funzionale del cervello, vengono effettuati test provocatori:

  1. Iperventilazione. Il paziente esegue movimenti di respirazione profonda 20 volte al minuto. Questo porta ad alcalosi, costrizione dei vasi sanguigni del cervello.
  2. stimolazione luminosa. Il test con uno stimolo luminoso viene eseguito utilizzando uno stroboscopio. Se non c'è reazione, la conduttività degli impulsi visivi è disturbata. La presenza di onde patologiche sull'EEG indica un'aumentata eccitabilità delle strutture corticali e una stimolazione prolungata con luce provoca il verificarsi di vere e proprie scariche convulsive e può verificarsi una reazione fotoparossistica caratteristica dell'epilessia.
  3. Test con un suono irritante. È, come il test della luce, necessario per la differenziazione di disturbi visivi e uditivi veri, isterici o simulati.

Effettuare la procedura per i bambini sotto i 3 anni è difficile a causa dei loro disordini, la mancata osservanza delle istruzioni. Ecco perché la tecnica dell'elettroencefalografia ha le proprie caratteristiche:

  1. I bambini vengono esaminati sul fasciatoio. Se il bambino è sveglio, dovrebbe essere tra le braccia di un adulto con la testa sollevata o seduto (dopo 6 mesi).
  2. Per identificare un ritmo simile a un alfa, è necessario attirare l'attenzione del bambino con l'aiuto di un giocattolo. Deve fissare il suo sguardo su di lei.
  3. In casi estremi, l'EEG viene fatto quando il bambino lascia il farmaco a dormire.
  4. Un test con iperventilazione viene eseguito per bambini di età superiore ad 1 anno in una forma di gioco, suggeriscono di far saltare il tè caldo o di chiedere di gonfiare un palloncino.

I dati ricevuti vengono analizzati da un elettroencefalografo e la decodifica viene trasmessa al medico. Prima di fare una diagnosi definitiva, un neurologo o un neurochirurgo non guardano solo ai risultati EEG, ma prescrivono anche altri test (sangue, urina, analisi del liquido cerebrospinale), valutano i riflessi. Se si sospetta un tumore, si consiglia una risonanza magnetica o TC. La visualizzazione di metodi diagnostici determina in modo più accurato la localizzazione del danno organico del cervello.

conclusione

Le indicazioni per l'elettroencefalogramma sono sospette epilessia, tumore, danno cerebrale diffuso. Riflette lo stato funzionale del sistema nervoso centrale, aiutando così un neurologo o un neurochirurgo a fare una diagnosi accurata, monitorando l'efficacia. Conduce un sondaggio e interpreta i dati tenendo conto delle caratteristiche di età dell'elettroencefalografo del paziente.

Film di formazione medica "Elettroencefalografia":

elettroencefalografia

Elettroencefalografia (dall'elettro greco, Enkefalos - il cervello e Graphy), il metodo per studiare l'attività del cervello di animali e umani; basato sulla registrazione totale dell'attività bioelettrica di singole zone, regioni, lobi cerebrali.

Nel 1929, Berger (N. Berger), utilizzando un galvanometro a corda, registrò l'attività bioelettrica della corteccia cerebrale umana. Avendo mostrato la capacità di deviare l'attività bioelettrica dalla superficie intatta della testa, scoprì la promessa di usare questo metodo nell'esaminare i pazienti con attività cerebrale compromessa. Tuttavia, l'attività elettrica del cervello è molto debole (il valore dei biopotenziali è in media 5-500 mV). L'ulteriore sviluppo di questi studi e il loro uso pratico è diventato possibile dopo la creazione di amplificazione di apparecchiature elettroniche. Ha permesso di ottenere un significativo miglioramento dei biopotenziali e, grazie alla sua natura priva di inerzia, ci ha permesso di osservare le vibrazioni senza distorcerne la forma.

Per registrare l'attività bioelettrica viene utilizzato un elettroencefalografo che contiene amplificatori elettronici con un guadagno sufficientemente elevato, un basso rumore intrinseco e una banda di frequenza da 1 a 100 Hz o superiore. Inoltre, l'elettroencefalogramma include una parte di registrazione che rappresenta un sistema oscillografico con accesso a una penna a inchiostro, a un fascio di elettroni oa oscillografi ad anello. Gli elettrodi di scarica che collegano l'oggetto in studio all'ingresso dell'amplificatore possono essere sovrapposti sulla superficie della testa o impiantati per un periodo più o meno lungo nelle regioni cerebrali studiate. Oggi inizia a svilupparsi la teleencefalografia, che consente di registrare l'attività elettrica del cervello a una distanza dall'oggetto. In questo caso, l'attività bioelettrica modula la frequenza del trasmettitore a onda ultracorta situata sulla testa di una persona o di un animale, e il dispositivo di ingresso dell'elettroencefalografo riceve questi segnali. La registrazione dell'attività bioelettrica del cervello è chiamata elettroencefalogramma (EEG), se registrata da un cranio intatto, e un elettrocorticogramma (ECOG) quando viene registrato direttamente dalla corteccia cerebrale. In quest'ultimo caso, il metodo di registrazione delle biocorrenti del cervello è chiamato elettrocorticografia. Gli EEG sono curve sommarie dei cambiamenti nel tempo delle potenziali differenze che si verificano sotto gli elettrodi. Per valutare l'EEG sono stati sviluppati analizzatori che decompongono automaticamente queste curve complesse nelle loro frequenze componenti. La maggior parte degli analizzatori contiene un numero di filtri a banda stretta sintonizzati su frequenze specifiche. L'attività bioelettrica è alimentata a questi filtri dall'uscita dell'elettroencefalografo. I risultati dell'analisi di frequenza sono presentati da un dispositivo di registrazione, generalmente parallelo al corso dell'esperimento (analizzatori Walter e Kozhevnikov). Per l'analisi di EEG ed EKOG, vengono utilizzati anche gli integratori, fornendo una stima totale dell'intensità delle oscillazioni in un determinato periodo di tempo. La loro azione si basa sulla misurazione dei potenziali di un condensatore che viene caricato con una corrente proporzionale ai valori istantanei del processo in esame.

Rilevazione dell'attività epilettica e determinazione del tipo di crisi epilettiche.

Diagnosi di lesioni intracraniche (ascesso, tumore).

Valutazione dell'attività elettrica del cervello in malattie metaboliche, ischemia cerebrale, lesioni, meningite, encefalite, alterazioni dello sviluppo mentale, malattie mentali e trattamento con vari farmaci.

Valutazione del grado di attività cerebrale, diagnosi di morte cerebrale.

Dovrebbe essere spiegato al paziente che lo studio consente di valutare l'attività elettrica del cervello.

È necessario spiegare l'essenza della ricerca al paziente e alla sua famiglia e rispondere alle loro domande.

Prima dell'esame, il paziente deve astenersi dall'uso di bevande contenenti caffeina; non sono richieste altre restrizioni nella dieta e nella dieta. Il paziente deve essere avvertito che se non fa colazione prima dello studio, avrà ipoglicemia, che influenzerà il risultato dello studio.

Il paziente deve lavare e asciugare accuratamente i capelli per rimuovere residui di spray, creme, oli.

L'EEG è registrato nella posizione del paziente sdraiato o sdraiato sulla schiena. Gli elettrodi sono attaccati al cuoio capelluto con una pasta speciale. È necessario calmare il paziente, spiegando a lui che gli elettrodi non scioccano.

Gli elettrodi lamellari vengono utilizzati più spesso, ma se lo studio viene eseguito utilizzando elettrodi a forma di ago, il paziente deve essere avvertito che si sentirà un cazzotto quando inserisce gli elettrodi.

Dovrebbe essere possibile eliminare la paura e l'ansia del paziente, poiché influenzano in modo significativo l'EEG.

È necessario scoprire quali farmaci sta assumendo il paziente. Ad esempio, l'assunzione di anticonvulsivanti, tranquillanti, barbiturici e altri farmaci sedativi deve essere interrotta 24-48 ore prima dello studio. Ai bambini che piangono spesso durante lo studio e ai pazienti irrequieti dovrebbero essere somministrati sedativi, sebbene possano influenzare l'esito dello studio.

Un paziente con epilessia può richiedere l'EEG del sonno. In tali casi, alla vigilia dello studio, deve trascorrere una notte insonne e prima dello studio gli viene somministrato un farmaco sedativo (ad esempio, idrato di cloralio) in modo che si addormenti durante la registrazione di eeg.

Se l'EEG viene registrato per confermare la diagnosi di morte cerebrale, i parenti del paziente dovrebbero essere sostenuti psicologicamente.

Procedura e assistenza per il follow-up:

Il paziente viene posizionato in posizione supina o reclinata e gli elettrodi sono attaccati al cuoio capelluto.

Prima di iniziare la registrazione di EEG, il paziente è invitato a rilassarsi, chiudere gli occhi e non muoversi. Nel processo di registrazione, il momento in cui il paziente ha sbattuto le palpebre, inghiottito o altri movimenti dovrebbero essere annotati, poiché questo si riflette nell'EEG e può causare la sua interpretazione errata.

La registrazione, se necessario, può essere messa in pausa per dare al paziente una pausa, mettersi a proprio agio. Questo è importante, poiché l'ansia e la fatica del paziente possono influire negativamente sulla qualità dell'EEG.

Dopo il periodo iniziale di registrazione dell'EEG basale, la registrazione viene proseguita sullo sfondo di vari test di stress, vale a dire azioni che di solito non esegue in uno stato di calma. Quindi, al paziente viene chiesto di respirare rapidamente e profondamente per 3 minuti, il che provoca l'iperventilazione, che può provocare un tipico attacco epilettico o altri disturbi in lui. Questo test viene solitamente utilizzato per diagnosticare convulsioni come l'assenza. Allo stesso modo, la fotostimolazione consente di indagare la reazione del cervello alla luce intensa, migliora l'attività patologica nelle crisi epilettiche come l'assenza o in convulsioni miocloniche. La fotostimolazione viene eseguita utilizzando una fonte di luce stroboscopica che lampeggia a una frequenza di 20 al secondo. L'EEG viene registrato con gli occhi del paziente chiusi e aperti.

È necessario garantire che il paziente riprenda l'uso di anticonvulsivi e altri farmaci, che è stato interrotto prima dello studio.

Dopo lo studio, sono possibili le convulsioni epilettiche, pertanto viene prescritto al paziente un regime delicato e viene fornita un'assistenza attenta.

Il paziente deve essere aiutato a rimuovere la pasta residua per gli elettrodi dal cuoio capelluto.

Se il paziente ha assunto sedativi prima del test, dovrebbe essere sicuro, ad esempio, sollevare le tavole del letto.

Se viene rilevata la morte cerebrale sull'EEG, i parenti del paziente dovrebbero essere sostenuti moralmente.

Se le crisi non sono epilettiche, lo psicologo dovrebbe esaminare il paziente.

I dati EEG sono diversi in una persona sana e malata. In uno stato di riposo sull'EEG di una persona sana per adulti, sono visibili oscillazioni ritmiche di biopotenziali di due tipi. Vibrazioni più grandi, con una frequenza media di 10 in 1 sec. e con una tensione di 50 μV, sono chiamate onde alfa. Altre fluttuazioni più piccole, con una frequenza media di 30 in 1 sec. e una tensione di 15-20 μV sono chiamate onde beta. Se il cervello umano si sposta da uno stato di riposo relativo a uno stato di attività, il ritmo alfa si indebolisce e il ritmo beta aumenta. Durante il sonno, sia il ritmo alfa che il ritmo beta diminuiscono e i biopotenziali più lenti appaiono con una frequenza di 4-5 o 2-3 oscillazioni al secondo. e una frequenza di 14-22 oscillazioni in 1 sec. Nei bambini, l'EEG differisce dai risultati dello studio dell'attività elettrica del cervello negli adulti e si avvicina a loro quando il cervello matura, cioè dai 13 ai 17 anni di età. In varie malattie del cervello sull'EEG, si verificano vari disturbi. Segni di patologia sull'EEG di riposo sono: assenza persistente di attività alfa (desincronizzazione del ritmo alfa) o, al contrario, il suo forte aumento (ipersincronizzazione); violazione della regolarità delle oscillazioni dei biopotenziali; e la comparsa di forme patologiche di biopotenziali - alta lentezza (onde theta e delta, onde acuminate, complessi di onde di picco e scariche parossistiche, ecc.) Per questi disturbi, un neurologo può determinare la gravità e, in una certa misura, la natura della malattia del cervello. per esempio, se c'è un tumore nel cervello o si è verificata un'emorragia cerebrale, le curve elettroencefalografiche danno al medico un'indicazione di dove (in quale parte del cervello) si trova questo danno. Durante l'epilessia sull'EEG, anche nel periodo interictale, o Osservare il verificarsi di onde acute o complessi di onde di picco sullo sfondo dell'attività bioelettrica L'elettroencefalogramma è particolarmente importante quando si tratta della necessità di un intervento chirurgico al cervello per rimuovere il tumore, l'ascesso o il corpo estraneo di un paziente. operazione futura In tutti quei casi in cui, quando si esamina un paziente con una malattia del SNC, un neuropatologo ha sospetti sulle lesioni cerebrali strutturali, è Varie studio elettroencefalografico, si raccomanda a tal fine di fare riferimento ai pazienti di istituti specializzati, dove gli uffici EEG operano.

Fattori che influenzano il risultato dello studio

Porta da dispositivi elettrici, movimenti oculari, testa, lingua, corpo (presenza di artefatti sull'EEG).

Ricevere farmaci anticonvulsivanti e sedativi, tranquillanti e barbiturici può mascherare l'attività convulsa. L'avvelenamento acuto con narcotici o grave ipotermia causa una diminuzione del livello di coscienza.

Tomografia computerizzata del cervello.

La TC del cervello consente di ottenere sezioni seriali (tomogrammi) del cervello sullo schermo del monitor utilizzando un computer in diversi piani: orizzontale, sagittale e frontale. Per ottenere immagini di sezioni anatomiche di vario spessore, vengono utilizzate le informazioni ottenute dall'irradiazione del tessuto cerebrale a centomila livelli. La specificità e l'affidabilità dello studio aumentano con l'aumento del grado di risoluzione, che dipende dalla densità calcolata dal computer della radiazione del tessuto nervoso. Nonostante il fatto che la risonanza magnetica superi la CT nella qualità della visualizzazione delle strutture cerebrali in condizioni normali e patologiche, la TC ha trovato un'applicazione più ampia, specialmente nei casi acuti, ed è economicamente più vantaggiosa.

Diagnosi di danno cerebrale.

Monitoraggio dell'efficacia del trattamento chirurgico, radioterapia e chemioterapia dei tumori cerebrali.

Eseguire la chirurgia cerebrale sotto controllo CT.

Uno scanner CT, un oscilloscopio, un mezzo di contrasto (meglumina yotalame o sodio diatrizoat), una siringa da 60 litri, un ago calibro 19 o calibro 21, un catetere endovenoso e un sistema di iniezione endovenosa in caso di necessità.

Procedura e post-terapia

Il paziente è posto sulla sua schiena sul tavolo dei raggi X, se necessario, fissato con cinghie e ha chiesto al paziente di non muoversi.

La testata del tavolo viene spinta nello scanner, che ruota attorno alla testa del paziente, producendo raggi X con un passo di 1 cm lungo un arco di 180 °.

Dopo aver ricevuto questa serie di sezioni, da 50 a 100 ml di un mezzo di contrasto viene iniettato per via endovenosa entro 1-2 minuti. Monitorare attentamente il paziente al fine di identificare tempestivamente i segni di una reazione allergica (orticaria, difficoltà di respirazione), che di solito appare durante i primi 30 minuti.

Dopo l'iniezione dell'agente di contrasto, viene creata un'altra serie di sezioni. Le informazioni sulle sezioni sono memorizzate su nastri magnetici, che vengono inseriti in un computer che converte queste informazioni in immagini visualizzate sull'oscilloscopio. Se necessario, le singole sezioni vengono fotografate per lo studio dopo lo studio.

Se è stata eseguita una scansione TC a contrasto, essi cercano di vedere se il paziente ha manifestazioni residue di intolleranza all'agente di contrasto (mal di testa, nausea, vomito) e gli ricordano che può passare alla sua dieta abituale.

La TC cerebrale con contrasto è controindicata nei pazienti con intolleranza allo iodio o ad un agente di contrasto.

L'introduzione di un mezzo di contrasto contenente iodio può avere un effetto dannoso sul feto, specialmente nel primo trimestre di gravidanza.

La quantità di radiazione che penetra nel tessuto dipende dalla sua densità. La densità del tessuto è espressa in bianco e nero e in varie tonalità di grigio. L'osso in quanto il tessuto più denso ha un colore bianco sulla TC. Il liquido cerebrospinale che riempie i ventricoli del cervello principale e lo spazio subaracnoideo, come il meno denso, è nero nelle immagini. La sostanza del cervello ha diverse sfumature di grigio. La valutazione dello stato delle strutture cerebrali si basa sulla loro densità, dimensione, forma e posizione.

Deviazione dalla norma

Variazioni di densità sotto forma di aree più chiare o più scure nelle immagini, spostamento dei vasi sanguigni e altre strutture sono osservate in tumori cerebrali, ematomi intracranici, atrofia, infarto, edema, così come anomalie congenite dello sviluppo del cervello, in particolare dell'ubriacea del cervello.

I tumori cerebrali sono significativamente differenti nelle loro caratteristiche. Le metastasi di solito causano edema significativo in una fase precoce e possono essere riconosciute con la TC a contrasto.

Normalmente, i vasi cerebrali non sono visibili sui tomografi computerizzati. Ma con malformazione artero-venosa, le navi possono avere una maggiore densità. L'introduzione di un mezzo di contrasto consente di vedere meglio l'area interessata, ma al momento la risonanza magnetica è il metodo preferito per diagnosticare le lesioni vascolari nel cervello. Un altro metodo di imaging del cervello è la tomografia ad emissione di positroni.

TCEAM - una mappatura topografica dell'attività elettrica del cervello - un'area di elettrofisiologia, che opera con una varietà di metodi quantitativi per l'analisi dell'elettroencefalogramma e dei potenziali evocati (vedi Video). L'uso diffuso di questo metodo è diventato possibile con l'emergere di personal computer relativamente economici e ad alta velocità. La mappatura topografica aumenta significativamente l'efficienza del metodo EEG. Il TKEM consente un'analisi molto sottile e differenziale dei cambiamenti negli stati funzionali del cervello a livello locale in accordo con i tipi di attività mentale svolta dal soggetto. Tuttavia, va sottolineato che il metodo di mappatura del cervello non è altro che una forma molto conveniente di presentazione sullo schermo di un'analisi statistica di EEG e VP.

Il metodo di mappatura del cervello stesso può essere scomposto in tre componenti principali:

Registrazione dei dati Il numero di elettrodi utilizzati per registrare EEG ed EP varia solitamente nell'intervallo da 16 a 32, ma in alcuni casi raggiunge 128 e anche di più. Allo stesso tempo, un numero maggiore di elettrodi migliora la risoluzione spaziale quando si registrano i campi elettrici del cervello, ma è associato a superare grandi difficoltà tecniche. Per ottenere risultati comparabili, viene utilizzato il sistema "10-20" e viene utilizzata principalmente la registrazione monopolare. È importante che con un gran numero di elettrodi attivi sia possibile utilizzare solo un elettrodo di riferimento, ad es. quell'elettrodo rispetto al quale viene registrato l'EEG di tutti gli altri punti della produzione dell'elettrodo. Il luogo di applicazione dell'elettrodo di riferimento è il lobi delle orecchie, il ponte del naso o alcuni punti sulla superficie del cuoio capelluto (occipite, vertice). Ci sono modifiche di questo metodo che rendono possibile non utilizzare affatto l'elettrodo di riferimento, sostituendolo con i valori potenziali calcolati su un computer.

Analisi dei dati Esistono diversi metodi principali di analisi quantitativa di EEG: tempo, frequenza e spazio. Temporary è una variante del riflesso dei dati EEG e EP sul grafico, mentre il tempo è tracciato sull'asse orizzontale e l'ampiezza è sull'asse verticale. L'analisi del tempo viene utilizzata per stimare i potenziali totali, i picchi di EP, le scariche epilettiche. L'analisi della frequenza consiste nel raggruppare i dati per intervalli di frequenza: delta, theta, alfa, beta. L'analisi spaziale implica l'uso di vari metodi di elaborazione statistica quando si confronta l'EEG da diversi lead. Il metodo più comunemente utilizzato è il calcolo della coerenza.

Modi per presentare i dati. Gli strumenti di brain mapping computer più avanzati rendono facile riflettere sul display tutte le fasi dell'analisi: i dati grezzi dell'EEG e dell'EP, gli spettri di potenza, le mappe topografiche, sia statiche e dinamiche sotto forma di cartoni animati, vari grafici, grafici e tabelle, e su richiesta del ricercatore, - varie rappresentazioni complesse. Va sottolineato che l'uso di varie forme di visualizzazione dei dati consente di comprendere meglio le caratteristiche del corso di complessi processi cerebrali.

Imaging a risonanza magnetica nucleare del cervello. La tomografia computerizzata è diventata la madre di una serie di altri metodi di ricerca più avanzati: tomografia che utilizza l'effetto della risonanza magnetica nucleare (tomografia NMR), tomografia a emissione di positroni (PET) e risonanza magnetica funzionale (FMR). Questi metodi sono tra i metodi più promettenti di studio combinato non invasivo della struttura, del metabolismo e del flusso sanguigno del cervello. Nella tomografia NMR, l'imaging si basa sulla determinazione della distribuzione della densità dei nuclei di idrogeno (protoni) nel midollo e sulla registrazione di alcune delle loro caratteristiche mediante potenti elettromagneti situati attorno al corpo umano. Le immagini ottenute mediante tomografia NMR forniscono informazioni sulle strutture cerebrali studiate non solo di natura anatomica, ma anche di natura fisico-chimica. Inoltre, il vantaggio della risonanza magnetica nucleare è l'assenza di radiazioni ionizzanti; nella possibilità di ricerche su più piani effettuate esclusivamente con mezzi elettronici; in alta risoluzione. In altre parole, utilizzando questo metodo, è possibile ottenere un'immagine chiara delle "fette" del cervello in piani diversi. Tomografia transassiale a emissione di positroni (scanner PET) combina le capacità della diagnostica CT e radioisotopica. Utilizza isotopi emettitori di atrone ("coloranti") ultracorti, che fanno parte dei metaboliti naturali del cervello, che vengono introdotti nel corpo umano attraverso il tratto respiratorio o per via endovenosa. Le aree cerebrali attive necessitano di più flusso sanguigno, quindi una maggiore "tintura" radioattiva si accumula nelle aree di lavoro del cervello. La radiazione di questo "colorante" viene convertita in immagini sul display. Vengono misurati il ​​PET, il flusso ematico cerebrale regionale e il metabolismo del glucosio o dell'ossigeno in alcune parti del cervello. Il PET consente la mappatura intravitale sulle sezioni cerebrali del metabolismo regionale e del flusso sanguigno. Attualmente vengono sviluppate nuove tecnologie per studiare e misurare i processi che si verificano nel cervello, basandosi, in particolare, sulla combinazione del metodo NMR con la misurazione del metabolismo del cervello utilizzando l'emissione di positroni. Queste tecnologie sono chiamate metodo di risonanza magnetica funzionale (FMR).

Tecnica elettroencefalografica

Nella pratica normale, l'EEG viene rimosso utilizzando elettrodi situati sulle coperture intere della testa. I potenziali elettrici amplificano e registrano. Gli elettroencefalografi dispongono di 16-24 o più unità identiche di registrazione dell'amplificazione (canali) che consentono la registrazione simultanea dell'attività elettrica da un numero corrispondente di coppie di elettrodi montate sulla testa del paziente. I moderni elettroencefalografi sono basati su computer. I potenziali potenziati sono digitalizzati; la registrazione EEG continua viene visualizzata sul monitor e contemporaneamente registrata sul disco. Dopo l'elaborazione, l'EEG può essere stampato su carta.

Gli elettrodi, potenziali di deviazione, sono piastre metalliche o aste di varie forme con un diametro della superficie di contatto di 0,5-1 cm. I potenziali elettrici sono alimentati alla scatola di ingresso di un elettroencefalografo, con 20-40 o più prese di contatto numerate, con cui è possibile collegare il corrispondente numero di elettrodi. Nei moderni elettroencefalografi, la scatola di input combina un quadro elettrico, un amplificatore e un convertitore analogico-digitale EEG. Dalla casella di input, il segnale EEG trasformato viene inviato a un computer, con il quale vengono controllate le funzioni del dispositivo, l'EEG viene registrato ed elaborato.

L'EEG registra la differenza potenziale tra due punti della testa. Di conseguenza, le tensioni assegnate da due elettrodi sono applicate a ciascun canale dell'elettroencefalografo: uno a "input 1" e l'altro a "input 2" del canale di amplificazione. Interruttore multi-contatto EEG consente di commutare gli elettrodi su ciascun canale nella giusta combinazione. Installando, ad esempio, su qualsiasi canale la corrispondenza dell'elettrodo occipitale alla presa della scatola di ingresso "1" e quella della sonda temporale alla presa della scatola "5", ciò rende possibile registrare la differenza di potenziale tra gli elettrodi corrispondenti attraverso questo canale. Prima di iniziare il lavoro, il ricercatore recluta, utilizzando programmi appropriati, diversi schemi di piombo, che vengono utilizzati nell'analisi dei record ottenuti. Per impostare la larghezza di banda dell'amplificatore usando filtri analogici e digitali di alta e bassa frequenza. La larghezza di banda standard per la registrazione dell'EEG è 0,5-70 Hz.

Registrazione e registrazione dell'elettroencefalogramma

Gli elettrodi di registrazione sono posizionati in modo che tutte le sezioni principali del cervello, indicate dalle lettere iniziali dei loro nomi latini, siano rappresentate nella registrazione multicanale. Nella pratica clinica, vengono utilizzati due principali sistemi di elettrocateteri EEG: il sistema internazionale "10-20" e un circuito modificato con un numero ridotto di elettrodi. Se è necessario ottenere un'immagine più dettagliata dell'EEG, è preferibile lo schema "10-20".

Il riferimento è chiamato "lead", quando "input 1" dell'amplificatore viene fornito con il potenziale dall'elettrodo in piedi sopra il cervello e "input 2" dall'elettrodo lontano dal cervello. L'elettrodo situato sopra il cervello è spesso chiamato quello attivo. L'elettrodo, distante dal tessuto cerebrale, è chiamato il riferimento. Come tale, usa la sinistra (A1) e destra (A2) lobi delle orecchie. L'elettrodo attivo è collegato all '"ingresso 1" dell'amplificatore, l'alimentazione a cui un potenziale spostamento negativo induce la penna di registrazione a spostarsi verso l'alto. L'elettrodo di riferimento è collegato all '"ingresso 2". In alcuni casi, come elettrodo di riferimento, viene utilizzata una derivazione da due elettrodi (AA) in cortocircuito tra loro e localizzata sui lobi delle orecchie. Poiché la differenza di potenziale tra i due elettrodi è registrata sull'EEG, i cambiamenti potenziali sotto ciascuna di una coppia di elettrodi influenzeranno la posizione di un punto sulla curva in modo uguale, ma nella direzione opposta. Nel cavo di riferimento, sotto l'elettrodo attivo viene generato un potenziale cervello variabile. Sotto l'elettrodo di riferimento, che è lontano dal cervello, c'è un potenziale costante che non passa nell'amplificatore AC e non influenza il pattern di registrazione. La differenza di potenziale riflette senza distorsione delle fluttuazioni del potenziale elettrico generato dal cervello sotto l'elettrodo attivo. Tuttavia, la regione di testa tra gli elettrodi attivi e di riferimento fa parte del circuito elettrico "oggetto amplificatore" e la presenza in quest'area di una sorgente di potenziale sufficientemente intensa situata asimmetricamente rispetto agli elettrodi influenzerà significativamente le letture. Pertanto, nel caso di un lead di riferimento, il giudizio sulla localizzazione di una fonte di potenziale non è abbastanza affidabile.

Bipolar è chiamato lead, in cui gli elettrodi sono posizionati sopra il cervello verso "input 1" e "input 2" dell'amplificatore. La posizione del punto di registrazione EEG sul monitor è ugualmente influenzata dai potenziali sotto ciascuno di una coppia di elettrodi, e la curva registrata riflette la differenza di potenziale di ciascuno degli elettrodi. Pertanto, il giudizio sulla forma di oscillazione sotto ciascuno di essi sulla base di una singola derivazione bipolare è impossibile. Allo stesso tempo, l'analisi dell'EEG registrata da diverse coppie di elettrodi in varie combinazioni consente di individuare la localizzazione delle fonti di potenziali che costituiscono i componenti della curva sommaria complessa ottenuta con il piombo bipolare.

Ad esempio, se una regione locale di oscillazioni lente è presente nella regione temporale posteriore, il collegamento ai terminali dell'amplificatore degli elettrodi temporali anteriore e posteriore (Ta, Tr) è un record contenente una componente lenta corrispondente all'attività lenta nella regione temporale posteriore (Tr), sovrapposta ad essa oscillazioni più veloci generate dal midollo normale della regione temporale anteriore (Ta). Per chiarire la domanda su quale tipo di elettrodo registri questo componente lento, le coppie di elettrodi vengono attivate su due canali aggiuntivi, in ognuno dei quali uno è rappresentato da un elettrodo della coppia originale, cioè Ta o Tr. e il secondo corrisponde ad un lead non temporale, ad esempio, F e O.

È chiaro che nella coppia appena formata (Tr-O), incluso l'elettrodo temporale posteriore Tr, situato sopra il midollo modificato patologicamente, sarà nuovamente presente la componente lenta. In una coppia, agli ingressi di cui l'attività è fornita da due elettrodi che si trovano sopra il cervello relativamente intatto (Ta-F), verrà registrato un EEG normale. Pertanto, nel caso di un fuoco corticale patologico locale, il collegamento dell'elettrodo in piedi sopra questo fuoco, associato a qualsiasi altro, porta alla comparsa di una componente patologica sui corrispondenti canali EEG. Questo ti permette di determinare la localizzazione della fonte delle fluttuazioni patologiche.

Un ulteriore criterio per determinare la localizzazione della fonte del potenziale di interesse nell'EEG è il fenomeno della distorsione della fase di oscillazione. Se tre elettrodi sono collegati agli ingressi di due canali elettroencefalografici come segue: elettrodo 1 - a "ingresso 1", elettrodo 3 - a "ingresso 2" dell'amplificatore B, ed elettrodo 2 - contemporaneamente a "ingresso 2" dell'amplificatore A e "ingresso 1" dell'amplificatore B; partendo dal presupposto che sotto l'elettrodo 2 c'è uno spostamento positivo del potenziale elettrico rispetto al potenziale delle altre regioni cerebrali (indicato da "+"), è ovvio che la corrente elettrica dovuta a questo spostamento del potenziale avrà la direzione opposta nei circuiti degli amplificatori A e B, si rifletterà in pregiudizi diretti opposti della differenza potenziale - in fasi opposte - sui record EEG corrispondenti. Pertanto, le oscillazioni elettriche sotto l'elettrodo 2 nelle registrazioni sui canali A e B saranno rappresentate da curve che hanno la stessa frequenza, ampiezza e forma, ma opposte in fase. Quando gli elettrodi vengono commutati su diversi canali dell'elettroencefalografo come una catena, le oscillazioni antipodi del potenziale in esame verranno registrate attraverso questi due canali, agli ingressi opposti di cui un elettrodo comune è collegato sopra la sorgente di questo potenziale.

Regole per la registrazione dell'elettroencefalogramma e test funzionali

Il paziente durante lo studio dovrebbe trovarsi in una stanza luminosa e insonorizzata su una comoda sedia con gli occhi chiusi. L'osservazione del soggetto è condotta direttamente o con l'aiuto di una videocamera. Durante la registrazione, i marker contrassegnano eventi significativi e test funzionali.

Quando il campione apre e chiude gli occhi sull'EEG, appaiono degli artefatti caratteristici dell'electrooculogram. I cambiamenti nascenti nell'EEG permettono di identificare il grado di contatto del soggetto, il suo livello di coscienza e stimare approssimativamente la reattività dell'EEG.

Per identificare la risposta del cervello agli stimoli esterni, singoli stimoli sono usati sotto forma di un breve lampo di luce, un segnale sonoro. Nei pazienti con stato comatoso, è consentito l'uso di stimoli nocicettivi premendo un'unghia sulla base del letto ungueale dell'indice del paziente.

Per la fotostimolazione, vengono utilizzati lampi di luce brevi (150 μs), vicini allo spettro di bianco, di intensità piuttosto elevata (0,1-0,6 J). Gli stimolatori fotografici consentono di presentare una serie di flash utilizzati per studiare la reazione di assimilazione del ritmo - la capacità delle oscillazioni elettroencefalografiche di riprodurre il ritmo degli stimoli esterni. Normalmente, la reazione di assimilazione del ritmo è ben espressa a una frequenza lampeggiante vicina ai propri ritmi EEG. Le onde ritmiche di assorbimento hanno la massima ampiezza nelle regioni occipitali. Nelle crisi epilettiche fotosensibili, la fotostimolazione ritmica rivela una risposta fotoparossale - una scarica generalizzata dell'attività epilettiforme.

L'iperventilazione viene eseguita principalmente per indurre attività epilettiforme. Al paziente viene chiesto di respirare profondamente ritmicamente per 3 minuti. La frequenza respiratoria dovrebbe essere tra 16-20 al minuto. La registrazione EEG inizia almeno 1 minuto prima dell'inizio dell'iperventilazione e continua per tutta l'iperventilazione e per almeno altri 3 minuti dopo il suo completamento.

Elettroencefalogramma (EEG): l'essenza dell'esame che rivela, conduce, risultati

Per comodità, la parola lunga "elettroencefalografia" e medici, e pazienti sostituiscono l'abbreviazione e chiamano questo metodo diagnostico semplicemente - EEG. Va notato che alcuni (probabilmente, per aumentare il significato della ricerca) parlano dell'EEG del cervello, ma questo non è del tutto corretto, dal momento che la versione latinizzata dell'antica parola greca "encephalon" è tradotta in russo come "cervello" e di per sé è parte del termine medico è l'encefalografia.

Elettroencefalografia o EEG è un metodo di studio del cervello (GM) per identificare focolai di maggiore prontezza convulsiva della sua corteccia, che è tipica per l'epilessia (compito primario), tumori, condizioni dopo un ictus, encefalopatie strutturali e metaboliche, disturbi del sonno e altre malattie. La base dell'encefalografia è la registrazione dell'attività elettrica del GM (frequenza, ampiezza), e questo viene fatto con l'aiuto di elettrodi attaccati in diversi punti sulla superficie della testa.

Che tipo di ricerca è EEG?

Periodicamente le convulsioni convulsive, che si verificano nella maggior parte dei casi con una completa perdita di coscienza, vengono comunemente definite epilessia, che la medicina ufficiale chiama l'epilessia.

Il primo e principale metodo di diagnosi di questa malattia che ha servito l'umanità per molti decenni (il primo colpo EEG è stato datato 1928) è l'encefalografia (elettroencefalogramma). Certamente, l'apparato per lo studio (encefalogramma) fino ad oggi è cambiato in modo significativo e migliorato, le sue capacità con l'uso della tecnologia informatica sono aumentate notevolmente. Tuttavia, l'essenza del metodo diagnostico rimane la stessa.

Gli elettroencefalografi sono collegati agli elettrodi (sensori), che nella forma di un cappuccio sono sovrapposti sulla superficie della testa del soggetto. Questi sensori sono progettati per catturare le più piccole esplosioni elettromagnetiche e trasmettere informazioni su di loro all'apparecchiatura principale (apparecchiatura, computer) per l'elaborazione e l'analisi automatica. L'encefalogramma elabora gli impulsi ricevuti, li amplifica e li fissa sulla carta sotto forma di una linea spezzata, che ricorda molto un ECG.

L'attività bioelettrica del cervello è creata principalmente nella corteccia con la partecipazione di:

  • Il talamo, supervisione e realizzazione della ridistribuzione delle informazioni;
  • L'ARS (attivando il sistema reticolare), i cui nuclei, sistemati in diverse parti del GM (midollo e midollo, ponte, sistema diencefalico), ricevono segnali da molti percorsi e li trasmettono a tutte le parti della corteccia.

Gli elettrodi leggono questi segnali e li consegnano al dispositivo dove avviene la registrazione (l'immagine grafica è un encefalogramma). Elaborazione e analisi delle informazioni - il compito del software informatico, che "conosce" le norme dell'attività biologica del cervello e la formazione dei bioritmi, a seconda dell'età e di una certa situazione.

Ad esempio, un EEG di routine rileva la formazione di ritmi patologici durante un attacco o nel periodo tra le crisi, l'EEG del sonno o il monitoraggio notturno dell'EEG mostra come cambiano i biopotenziali del cervello durante l'immersione nel mondo dei sogni.

Pertanto, l'elettroencefalografia mostra l'attività bioelettrica del cervello e la consistenza dell'attività delle strutture cerebrali durante la veglia o durante il sonno e risponde alle seguenti domande:

  1. Se ci sono punti focali di maggiore prontezza convulsiva del GM, e se esistono, in quale area si trovano;
  2. A quale stadio è la malattia, fino a che punto è andata, o, al contrario, ha cominciato a regredire;
  3. Quale effetto dà il medicinale selezionato e se la sua dose è correttamente calcolata;

Naturalmente, anche la macchina più "intelligente" non sostituirà uno specialista (di solito un neurologo o un neurofisiologo), che ha il diritto di decifrare un encefalogramma dopo aver subito un addestramento speciale.

Caratteristiche dell'EEG nei bambini

Cosa dire dei bambini, se alcuni adulti, dopo aver ricevuto un rinvio ad un EEG, iniziano a chiedere cosa e come, perché dubitano della sicurezza di questa procedura. Nel frattempo, in realtà non può arrecare alcun danno a un bambino, ma ora è davvero difficile realizzare un EEG per un piccolo paziente. Per i bambini fino a un anno, l'attività bioelettrica del cervello viene misurata durante il sonno, prima di lavarsi la testa, dar da mangiare al bambino e, senza allontanarsi dal solito programma (sonno / veglia), regolare la procedura per il sonno del bambino.

Ma se i bambini al di sotto di un anno possono aspettare fino a quando non si addormentano, allora un bambino da uno a tre (e alcuni anche più anziani) ha ancora bisogno di essere persuaso, quindi per 3 anni lo studio è solo sveglio e calmo, dando la preferenza in altri casi il sonno.

I preparativi per la visita al rispettivo gabinetto devono iniziare tra qualche giorno, trasformando la futura campagna in un gioco. Puoi provare ad interessare il tuo bambino con un viaggio piacevole, dove può andare con sua madre e il suo giocattolo preferito, trovare altre opzioni (di solito i genitori sono più consapevoli di come convincere il bambino a sedersi tranquillamente, a non muovere, a non piangere ea non parlare). Sfortunatamente, tali restrizioni sono molto difficili da sopportare per i bambini piccoli, perché non riescono ancora a capire la gravità di un tale evento. Beh, in questi casi, il dottore sta cercando un'alternativa...

Le indicazioni per l'encefalografia diurna nel sonno di un bambino o di notte EEG sono:

  • Rilevamento di stati parossistici di varia genesi - convulsioni epilettiche, sindrome convulsiva sullo sfondo di alta temperatura corporea (convulsioni febbrili), convulsioni epilettiformi, non associata a vera epilessia e differenziata da essa;
  • Monitorare l'efficacia della terapia antiepilettica per la diagnosi accertata di "epilessia";
  • Diagnosi delle lesioni ipossiche e ischemiche del SNC (presenza e gravità);
  • Determinazione della gravità delle lesioni cerebrali a scopo prognostico;
  • Lo studio dell'attività bioelettrica del cervello nei giovani pazienti per studiare le fasi della sua maturazione e lo stato funzionale del sistema nervoso centrale.

Inoltre, viene spesso suggerito di eseguire l'elettroencefalogramma in distonia vegetativa-vascolare con frequenti svenimenti e vertigini, con ritardo nell'acquisizione delle abilità del linguaggio e della balbuzie. Non trascurare questo metodo in altri casi che richiedono lo studio delle riserve della funzionalità del cervello, poiché la procedura è innocua e indolore, ma può fornire la massima informazione per la diagnosi di una particolare patologia. L'elettroencefalogramma è molto utile se ci sono episodi di disturbi della coscienza, ma la loro causa non è chiara.

Diversi metodi di registrazione

La registrazione dei potenziali bioelettrici del cervello viene effettuata in diversi modi, ad esempio:

  1. All'inizio di una ricerca diagnostica che identifica le cause delle condizioni parossistiche, viene utilizzato un metodo di registrazione encefalogramma di routine time-brief (≈ 15 min), che prevede l'uso di test provocatori per rilevare violazioni nascoste: al paziente viene chiesto di respirare profondamente (iperventilato), aprire e chiudere gli occhi o dare una stimolazione luminosa (fotostimolazione);
  2. Se l'EEG di routine non fornisce le informazioni necessarie, il medico prescrive l'encefalografia con privazione (privazione del sonno durante la notte, in tutto o in parte). Per condurre uno studio di questo tipo e ottenere risultati affidabili, una persona non è autorizzata a dormire o viene svegliata 2-3 ore prima che la persona test "suoni la sveglia biologica";
  3. La registrazione EEG a lungo termine con la registrazione dell'attività bioelettrica della corteccia GM durante l'ora di riposo (EEG del sonno) avviene se il medico sospetta che i cambiamenti nel cervello avvengano esattamente quando sono in "modalità sonno";
  4. Gli esperti più informativi considerano l'EEG notturno, che è registrato in un ospedale. Iniziano lo studio mentre sono ancora svegli (prima di andare a letto), continuano mentre si assopiscono, catturano l'intero periodo di sonno notturno e finiscono dopo un risveglio naturale. Se necessario, la registrazione dell'attività bioelettrica del GM è completata dalla sovrapposizione di elettrodi soprannumerari e dall'uso di apparecchiature di fissaggio video.

Registrazione a lungo termine di attività elettrica per diverse ore durante il sonno e registrazione della notte EEG è chiamato monitoraggio EEG. Naturalmente, tali metodi richiedono il coinvolgimento di ulteriori attrezzature e risorse materiali, così come la permanenza del paziente in un ospedale.

Tempo e equipaggiamento formano un prezzo.

In altri casi, è necessario misurare i biopotenziali di GM al momento dell'attacco. Perseguendo obiettivi simili, il paziente, così come per condurre l'EEG notturno, viene inviato all'ospedale per il ricovero in ospedale, dove il monitoraggio EEG quotidiano viene effettuato utilizzando apparecchiature audio e video. Il monitoraggio EEG continuo con fissazione video durante il giorno offre l'opportunità di verificare l'origine epilettica dei disturbi della memoria parossistica, delle aure isolate e dei fenomeni psicomotori episodici.

L'elettroencefalogramma è uno dei metodi più accessibili per studiare il cervello. E anche per il prezzo. A Mosca, questo studio può essere trovato per 1.500 rubli, e per 8.000 rubli (monitoraggio del sonno EEG per 6 ore) e 12.000 rubli (EEG notturno).

In altre città della Russia si può ottenere con una piccola quantità, ad esempio, in Bryansk il prezzo parte da 1200 rubli, in Krasnoyarsk da 1100 rubli, e in Astrakhan inizia da 800 rubli.

Certo, è meglio fare un EEG in una clinica specializzata di un profilo neurologico, dove nei casi dubbi è possibile stabilire una diagnosi collettiva (in tali istituti, molti esperti possono criptare l'EEG), così come consultare un medico subito dopo il test o risolvere rapidamente il problema riguardante altri metodi di ricerca cerebrale.

Informazioni sui principali ritmi dell'attività elettrica GM

Nel decifrare i risultati dello studio vengono presi in considerazione diversi fattori: età del soggetto, condizioni generali (presenza di tremore, debolezza degli arti, deficit visivo, ecc.), Terapia anticonvulsivante al momento della registrazione dell'attività bioelettrica del cervello, tempo approssimativo (data) dell'ultimo episodio e et al.

Un elettroencefalogramma è costituito da vari bioritmi complessi che emanano dall'attività elettrica di un GM in diversi periodi di tempo, a seconda delle situazioni specifiche.

Quando decifrate l'EEG, prestate innanzitutto attenzione ai ritmi principali e alle loro caratteristiche:

  • Ritmo alfa (frequenza - nell'intervallo da 9 a 13 Hz, l'ampiezza dell'oscillazione - da 5 a 100 μV), presente in quasi tutti gli individui che non reclamano la propria salute durante il periodo di inattività (rilassamento durante il riposo, rilassamento, meditazione superficiale). Non appena una persona apre gli occhi e cerca di visualizzare un'immagine, le onde α diminuiscono e possono scomparire del tutto se l'attività funzionale del cervello aumenta ulteriormente. Quando decodificano gli EEG, i seguenti parametri del ritmo α sono importanti: ampiezza (μV) sopra l'emisfero sinistro e destro, frequenza dominante (Hz), prevalenza di alcuni contatti (frontale, parietale, occipitale, ecc.), Asimmetria inter-emisferica (%). La depressione del ritmo α è causata da ansia, paura, attivazione dell'attività nervosa autonoma;
  • Il ritmo beta (la frequenza è nell'intervallo da 13 a 39 Hz, l'ampiezza dell'oscillazione è fino a 20 μV) non è solo la modalità della nostra veglia, il ritmo β è caratteristico del lavoro mentale attivo. Nello stato normale, la gravità delle onde β è molto debole, il loro eccesso indica la risposta immediata del GM allo stress;
  • Ritmo theta (frequenza - da 4 a 8 Hz, l'ampiezza è compresa tra 20 e 100 μV). Queste onde riflettono un cambiamento di coscienza non patologico, per esempio, una persona che sonnecchia, è mezza addormentata, nella fase del sonno superficiale, vede già alcuni sogni, e quindi i ritmi θ vengono rivelati. In una persona sana, l'immersione nel sonno è accompagnata dall'apparizione di un numero significativo di θ ritmi. Il rafforzamento del ritmo theta si osserva durante lo stress psico-emotivo prolungato, i disturbi mentali, le condizioni di crepuscolo tipiche di alcune malattie neurologiche, la sindrome astenica, la commozione cerebrale cerebrale;
  • Un ritmo delta (la frequenza si trova nell'intervallo da 0,3 a 4 Hz, l'ampiezza va da 20 a 200 μV) è caratteristico di un'immersione profonda nel sonno (sonno naturale addormentato e sonno artificiale - anestesia). In varie patologie neurologiche si osserva l'amplificazione dell'onda-δ;

Inoltre, nella corteccia cerebrale si verificano altre oscillazioni elettriche: i ritmi gamma che raggiungono le alte frequenze (fino a 100 Hz), i ritmi kappa formati nei lead temporali durante l'attività mentale attiva, i ritmi mu associati allo stress mentale. Queste onde nel piano diagnostico non sono particolarmente interessanti, poiché si verificano durante un carico mentale significativo e un intenso "lavoro di pensiero", che richiede un'alta concentrazione di attenzione. Un elettroencefalogramma è noto per essere registrato, anche se durante la veglia, ma in uno stato calmo, e in alcuni casi viene generalmente prescritto il monitoraggio notturno dell'EEG o EEG del sonno.

Video: ritmi alfa e beta su EEG

Decodifica EEG

principali conduttori EEG e loro designazioni

Un EEG cattivo o buono può essere giudicato solo dopo l'interpretazione finale dei risultati dello studio. Pertanto, verrà discusso un buon EEG se durante il periodo di veglia sull'encefalogramma del nastro sono stati registrati:

  • Nei conduttori occipitale-parietale - onde α sinusoidali con una frequenza di oscillazione compresa tra 8 e 12 Hz e un'ampiezza di 50 μV;
  • Nelle aree frontali - β-ritmi con una frequenza di oscillazione maggiore di 12 Hz e un'ampiezza non superiore a 20 μV. In alcuni casi, le onde β si alternano con i ritmi θ con una frequenza compresa tra 4 e 7 Hz e si parla anche delle varianti della norma.

Va notato che le singole onde non sono specifiche per una particolare patologia. Un esempio sono le onde acute epilettiformi, che in alcune circostanze possono apparire in persone sane, non affette da epilessia. Al contrario, i complessi delle onde di picco (frequenza 3 Hz) indicano inequivocabilmente epilessia con piccole convulsioni convulsive (petit mal) e onde acute (frequenza 1 Hz) indicano una progressiva malattia degenerativa della malattia GM - Creutzfeldt-Jakob, quindi queste onde con La decodifica è una funzione diagnostica importante.

Nel periodo tra gli attacchi, l'epilessia può essere trascurata, poiché i picchi e le onde acuminate caratteristiche di questa malattia non sono osservati in tutti i pazienti che mostrano tutti i sintomi clinici della patologia al momento di un attacco convulsivo. Inoltre, manifestazioni parossistiche in altri casi possono essere registrate in persone completamente sane, senza segni o prerequisiti per lo sviluppo della sindrome convulsiva.

In relazione a quanto sopra, dopo aver condotto uno studio singolo e non aver trovato attività epilettica sullo EEG di fondo ("EEG buono"), l'epilessia non può essere completamente esclusa dai risultati di un test se vi sono segni clinici della malattia. È necessario esaminare il paziente per questa spiacevole malattia con altri metodi.

La registrazione EEG durante un attacco convulsivo in un paziente con epilessia può fornire le seguenti opzioni:

  1. Frequenti scariche elettriche di alta ampiezza, che dicono che il picco del sequestro è arrivato, un rallentamento dell'attività - l'attacco si è spostato nella fase di attenuazione;
  2. Epiactivity focale (indica la posizione del focus di prontezza convulsa e la presenza di crisi parziali - dovrete trovare la causa del danno focale del GM);
  3. Manifestazioni di cambiamenti diffusi (registrazione di scariche parossistiche e onda di picco) - tali indicatori indicano che l'attacco è di natura generalizzata.

Se l'origine della lesione GM viene stabilita e le variazioni diffuse sono registrate sull'EEG, allora il valore diagnostico di questo studio, sebbene non così significativo, consente comunque di trovare una particolare malattia che è lontana dall'epilessia:

  • Meningite, encefalite (soprattutto causata da infezione da herpes) - su EEG: formazione periodica di scariche epilettiformi;
  • Encefalopatia metabolica - su un encefalogramma: presenza di onde "trifase" o decelerazioni diffuse del ritmo e focolai di attività lenta simmetrica nelle aree frontali.

Cambiamenti diffusi su un encefalogramma possono essere registrati in pazienti che hanno subito un livido GM o una commozione cerebrale, il che è comprensibile - l'intero cervello soffre di gravi ferite alla testa. Tuttavia, c'è un'altra opzione: cambiamenti diffusi si trovano nelle persone che non mostrano alcun reclamo e si considerano completamente sani. Succede e questo, e se non ci sono manifestazioni cliniche di patologia, quindi non c'è motivo di preoccupazione neanche. Forse, al prossimo esame, il record EEG rifletterà il tasso completo.

In alcuni casi, la diagnosi aiuta l'EEG

L'elettroencefalogramma, che rivela le capacità funzionali e le riserve del sistema nervoso centrale, è diventato il punto di riferimento per lo studio del cervello, che i medici ritengono opportuno in molti casi e in varie condizioni:

  1. Per valutare il grado di immaturità funzionale del cervello nei pazienti giovani (in un bambino di età inferiore ad un anno, la ricerca viene sempre eseguita durante il sonno, nei bambini più grandi, a seconda della situazione);
  2. Con vari disturbi del sonno (insonnia, sonnolenza, frequenti risvegli notturni, ecc.);
  3. In presenza di convulsioni e convulsioni epilettiche;
  4. Per confermare o escludere complicazioni di processi infiammatori causati da neuroinfection;
  5. Con lesioni vascolari del cervello;
  6. Dopo TBI (contusione cerebrale, commozione cerebrale) - EEG mostra la profondità della sofferenza del GM;
  7. Valutare la gravità degli effetti dei veleni neurotossici;
  8. In caso di sviluppo del processo oncologico che interessa il sistema nervoso centrale;
  9. Con disturbi mentali di vario tipo;
  10. Il monitoraggio EEG viene effettuato nel valutare l'efficacia della terapia anticonvulsivante e la selezione dei dosaggi ottimali di agenti terapeutici;
  11. La ragione per fare un EEG può essere segni di disfunzione delle strutture cerebrali nei bambini e il sospetto di alterazioni degenerative del tessuto nervoso di GM negli anziani (demenza, morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer);
  12. I pazienti in coma devono essere valutati per lo stato del cervello;
  13. In alcuni casi, lo studio richiede un intervento chirurgico (determinazione della profondità dell'anestesia);
  14. Fino a che punto i disturbi neuropsichiatrici sono andati incontro all'insufficienza epatocellulare (encefalopatia epatica) e ad altre forme di encefalopatia metabolica (renale, ipossica) aiuteranno a riconoscere l'encefalografia;
  15. Tutti i conducenti (futuri e attuali) quando si sottopongono a una visita medica per ottenere / sostituire i loro diritti sono offerti di sottoporsi a un EEG di riferimento fornito alla polizia stradale. Il sondaggio è disponibile nell'applicazione e si identifica facilmente completamente non idoneo alla guida, pertanto è stato messo in servizio;
  16. L'elettroencefalogramma è prescritto alle reclute con anamnesi di disturbo convulsivo (sulla base di dati della scheda medica) o in caso di reclamo di convulsioni con perdita di coscienza accompagnata da convulsioni;
  17. In alcuni casi, un tale studio come EEG viene utilizzato per stabilire la morte di una parte significativa delle cellule nervose, cioè la morte cerebrale (queste sono situazioni in cui si dice che "una persona molto probabilmente si è trasformata in una pianta").

Video: EEG e rilevazione dell'epilessia

Lo studio non richiede una formazione specifica.

La preparazione speciale dell'EEG non richiede, tuttavia, alcuni pazienti hanno chiaramente paura della procedura imminente. Non è uno scherzo - hanno messo sensori con fili in testa, che leggono "tutto ciò che accade all'interno della scatola del cranio" e trasmettono l'intera quantità di informazioni al dispositivo intelligente (infatti, gli elettrodi registrano variazioni nella differenza potenziale tra due sensori in derivazioni diverse). Gli adulti sono dotati di un attacco simmetrico alla superficie della testa di 20 sensori + 1 disaccoppiati, che è sovrapposto alla regione parietale, un bambino piccolo ne ha anche 12.

Nel frattempo, i pazienti particolarmente sensibili vogliono rassicurare: lo studio è assolutamente innocuo, non ha restrizioni sulla frequenza e l'età (almeno diverse volte al giorno ea qualsiasi età - dai primi giorni di vita fino all'età avanzata, se le circostanze lo richiedono).

La preparazione principale è quella di garantire la pulizia dei capelli, per i quali il paziente lava la testa con lo shampoo il giorno prima, risciacqua e asciuga bene, ma non usa alcun mezzo chimico per pettinare i capelli (gel, schiuma, vernice). Gli oggetti di metallo che servono per la decorazione (clip, orecchini, forcine per capelli, piercing) vengono rimossi anche prima che un EEG sia fatto. In aggiunta a questo:

  • Per 2 giorni, rinuncia all'alcol (forte e debole), non usare bevande che stimolano il sistema nervoso, non assapora il cioccolato;
  • Prima dello studio, ricevono consigli da un medico per quanto riguarda i farmaci presi (ipnotici, tranquillanti, anticonvulsivi, ecc.). Potrebbe essere necessario cancellare singoli farmaci, concordando con il medico curante, e se ciò non può essere fatto, è necessario informare il medico, che sarà impegnato a decifrare l'encefalogramma (contrassegnato nel modulo di direzione), in modo che tenga a mente queste circostanze e ne tenga conto al momento di redigere l'opinione.
  • 2 ore prima dell'esame, i pazienti non dovrebbero permettersi di mangiare e rilassarsi con una sigaretta (tali eventi possono falsare i risultati);
  • Non è raccomandato fare un EEG all'altezza di una malattia respiratoria acuta, così come con tosse e congestione nasale, anche se questi segni non riguardano un processo acuto.

Quando vengono osservate tutte le regole della fase preparatoria, vengono presi in considerazione alcuni punti, il paziente è seduto su una sedia comoda, i punti di contatto della superficie della testa con gli elettrodi sono macchiati di gel, i sensori sono attaccati, un cappuccio viene applicato o dispensato, il dispositivo viene acceso - la registrazione è passata... I test provocativi sono utilizzati secondo necessità il tempo di registrazione dell'attività bioelettrica del cervello. Di norma, questo bisogno sorge quando i metodi di routine non forniscono informazioni adeguate, cioè quando si sospetta l'epilessia. I metodi che provocano l'attività epilettica (respirazione profonda, apertura e chiusura degli occhi, sonno, leggera irritazione, privazione del sonno) attivano l'attività elettrica della corteccia GM, gli elettrodi raccolgono gli impulsi inviati dalla corteccia e trasmettono all'apparecchiatura principale per l'elaborazione e la registrazione.

Inoltre, quando si sospetta l'epilessia (soprattutto temporale, che nella maggior parte dei casi presenta difficoltà nella diagnosi), vengono utilizzati sensori speciali: temporale, sfenoidale, rinofaringeo. E, va notato, i dottori hanno riconosciuto ufficialmente che in molti casi sono le derivazioni nasofaringee che rivelano il focus dell'attività epilettica nella regione temporale, mentre altre derivazioni non reagiscono ad essa e inviano impulsi normali.