Ictus emorragico cerebrale

Emicrania

Ictus emorragico - una forma clinica di accidente cerebrovascolare acuto (ONMK). Nell'85% dei casi, questa forma si sviluppa in violazione dell'integrità (rottura) dei vasi intracranici. E il 15% degli ictus emorragici sono associati ad una maggiore permeabilità della parete vascolare.

Secondo i medici, l'ictus emorragico è il tipo di ictus più pericoloso e grave, poiché è caratterizzato da una rottura diretta dei vasi cerebrali e da una successiva emorragia nel tessuto cerebrale. Naturalmente, le conseguenze di tale condizione sono anche le più pericolose e la prognosi per il recupero può essere deludente.

Tale prognosi è associata al fatto che dopo un ictus emorragico, gonfiore, compressione e morte del tessuto cerebrale avviene incredibilmente rapidamente, il che significa che i medici hanno un minimo di tempo per fornire cure di emergenza, e la possibilità di vita può essere facilmente persa.

classificazione

La classificazione dei tratti emorragici secondo l'ICD 10 si basa sulla localizzazione dell'emorragia. A seconda di questo, ci sono quattro tipi di malattie:

  • intracerebrale, quando l'ematoma si trova nel parenchima del tessuto nervoso;
  • subaracnoide che si verifica quando si danneggiano i vasi dell'aracnoide;
  • ventricolare, in cui il sangue si trova in uno dei quattro ventricoli del cervello o del suo acquedotto;
  • il tipo misto è parlato con la combinazione dei primi tre.

In varie aree della lesione possono svilupparsi sintomi specifici che consentono anche dopo aver esaminato il paziente di suggerire la posizione dell'ematoma.

Ictus emorragico - che cos'è?

Questo è un danno cerebrale che si sviluppa a causa del danno alla parete vascolare e, di conseguenza, l'emorragia si verifica nel tessuto o nello spazio tra le membrane del cervello. In quest'ultimo caso, l'ictus emorragico richiede che il trattamento sia estremamente operativo. In particolare, se ci fosse un'effusione di grandi quantità di sangue.

La malattia spesso si verifica all'improvviso, durante il giorno, al momento della pressione alta (crisi ipertensiva), con un forte sforzo fisico o un sovraccarico emotivo.

L'ictus cerebrale è una condizione molto pericolosa, poiché in questa sezione sono localizzati i centri nervosi vitali e il nucleo dei nervi cranici. In caso di emorragia nel tronco oltre allo sviluppo della paralisi bilaterale, alterata sensibilità e deglutizione, improvvisa perdita di conoscenza con il rapido sviluppo del coma, disfunzione dell'apparato respiratorio e cardiovascolare a causa di danni ai centri respiratori e vasomotori. In questi casi gravi, la probabilità di morte raggiunge l'80-90%.

patogenesi

Il meccanismo di innesco per l'emorragia parenchimale è una violazione della permeabilità e / o dell'integrità dei vasi delle strutture interne del cervello. Di conseguenza, il sangue scorre o penetra attraverso la parete vascolare. Arriva una disorganizzazione (violazione) del lavoro dei neuroni con la loro rapida morte. Inoltre, il tessuto cerebrale soffre sia dall'impregnazione del sangue sia dal suo rilascio attraverso il vaso "collassato" molto più che con l'ictus emorragico nelle membrane cerebrali. Pertanto, anche una piccola quantità di sangue può causare gravi danni.

Nell'emorragia subaracnoidea, d'altra parte, nel caso di una rottura della nave, il sangue esercita meno pressione sulle cellule cerebrali. Ma si diffonde molto rapidamente, il che aumenta la zona di "sconfitta". Per tutti i tipi di ictus emorragici caratterizzati da rapido sviluppo di edema cerebrale.

cause di

Perché si verifica un ictus emorragico e che cos'è? L'ictus cerebrale può verificarsi a causa di patologie congenite e acquisite che portano ai seguenti processi:

  • cambiamenti anatomici, distruzione delle arterie nell'ipertensione arteriosa;
  • la formazione e la rottura di aneurismi intracranici, malformazioni artero-venose, fistole durali e fistole carotidi-cavernose;
  • il rilascio di sangue da microangiomi, placche amiloidi (con angiopatia amiloide);
  • trombosi delle vene intracraniche;
  • infiammazione settica delle arterie.

La causa più comune di ictus emorragico è un aumento persistente della pressione sanguigna. La crisi ipertensiva porta a spasmi e paralisi delle arterie cerebrali e delle arteriole. Di conseguenza, vi è un insufficiente apporto di sangue al tessuto cerebrale. In altre parole, l'ischemia si sviluppa, a seguito della quale i processi metabolici sono disturbati, contribuendo ad un aumento della permeabilità vascolare per plasma ed elementi formati.

sintomi

Nel caso di un ictus emorragico, i sintomi si sviluppano in modo acuto, sono i seguenti:

  1. Mal di testa in rapida crescita - in particolare molto grave, accompagnato da nausea con vomito, arrossamento e pulsazione alla testa, dolore agli occhi quando si osserva una luce intensa o quando le pupille ruotano, l'aspetto delle occhiaie rosse davanti agli occhi,
  2. Violazioni del processo respiratorio, palpitazioni.
  3. Coscienza di vari gradi di gravità: stupore, stordimento o coma.

Forse un inizio improvviso della malattia con lo sviluppo di un attacco epilettico. Sullo sfondo della piena salute sulla spiaggia, durante le forti emozioni al lavoro, durante un infortunio, una persona con un grido cade, butta indietro la testa, batte le convulsioni, respira con voce rauca, schiuma esce dalla sua bocca (probabilmente con il sangue dovuto alla puntura della lingua).

Di norma, l'ictus emorragico è unilaterale, cioè colpisce il lato destro o sinistro. Ulteriori complicazioni dipenderanno dalla parte interessata del cervello.

Per diagnosticare un attacco in altre persone:

  1. Chiedi di sorridere, se il sorriso è asimmetrico, allora la probabilità di un ictus è grande.
  2. Solleva le mani da una persona e chiedi loro di tenere davanti a te, se una mano scende, allora c'è anche il rischio di un attacco che è successo.
  3. Poni la domanda più semplice: se il discorso è cambiato, anche questo è un segno di ictus.

Alle prime manifestazioni di un ictus, sarà necessaria assistenza medica immediata: dovresti chiamare un'ambulanza e inviare il paziente all'ospedale.

diagnostica

La diagnosi di "ictus emorragico" in un istituto medico si basa sui seguenti metodi di ricerca:

  • scansione tomografica computerizzata (CT) del cervello;
  • risonanza magnetica (MRI) del cervello;
  • elettrocardiografia;
  • angiografia cerebrale;
  • puntura lombare (lombare).

Sulla base dei dati di tutti gli studi, al paziente viene prescritto un trattamento - una serie di misure di emergenza che stabilizzano le condizioni del paziente e quindi eliminano gli effetti di un ictus.

Trattamento con ictus emorragico

Nel caso di un ictus emorragico diagnosticato, il trattamento consiste in una serie di misure di emergenza e un successivo lungo periodo di recupero (riabilitazione), eseguito a tappe. La terapia del paziente deve essere iniziata nelle prime 2-4 ore dopo l'insorgenza dei sintomi nel reparto neurologico o neurochirurgico dell'ospedale. Se il colpo è esteso, il paziente può cadere in un coma, che richiede il ricovero in terapia intensiva.

Il compito principale dei medici è di mantenere il normale funzionamento degli organi e dei sistemi, specialmente quelli vitali. A tal fine vengono introdotti farmaci che supportano il lavoro del cuore. In caso di insufficienza respiratoria, l'intubazione tracheale viene eseguita e il paziente è collegato a un ventilatore. Nell'ictus emorragico, è necessario abbassare il più presto possibile la pressione del sangue per eliminare ulteriori sanguinamenti. Si raccomanda di mantenere la pressione arteriosa sistolica a 130 mm Hg. È necessario combattere l'edema cerebrale, inserire farmaci diuretici.

Inoltre, spesso usato trattamenti chirurgici. Si rivolge nei casi in cui vi sia un'emorragia estesa (40 ml o più di sangue) nel cervelletto, causata da un aneurisma e che porta a deformità del tronco cerebrale, idrocefalo ostruttivo e ampio ematoma sottocorticale (3 cm di diametro).

Durante l'operazione, il chirurgo deve rimuovere completamente i coaguli di sangue dalla superficie del cervello, danneggiando minimamente i suoi tessuti, riducendo così la quantità di sostanze neurotossiche dall'emorragia risultante e riducendo la pressione intracranica.

effetti

Complicazioni di ictus emorragico possono verificarsi sia nel periodo acuto e per lungo tempo dopo l'insorgenza di emorragia.

Tra i più comuni ci sono:

  1. Funzioni motorie alterate, paresi e paralisi.
  2. Disturbo del linguaggio, difficoltà di scrittura, lettura e conteggio.
  3. Cambiamenti nella percezione.
  4. Violazioni nel campo del pensiero, disturbi della memoria, perdita di capacità di apprendimento.
  5. Cambiamento del comportamento, manifestato sotto forma di aggressività, reazione ritardata, paura, ecc.
  6. Cambiamenti nelle sfere emotive e sensuali (depressione, sbalzi d'umore, ansia, bassa autostima).
  7. Violazione di minzione e defecazione.
  8. Dolore che non si ferma agli analgesici.
  9. Disturbi epilettici

Le conseguenze dell'ictus emorragico, di regola, rimangono per il resto della loro vita. Disturbi della funzione motoria e sensoriale, linguaggio, deglutizione richiedono un'attenzione costante da parte dei parenti che si prendono cura dei malati. In caso di impossibilità di movimento e camminare, è necessario garantire la prevenzione delle piaghe da decubito.

reinserimento

Il recupero è un processo lungo e richiede sia il paziente che i suoi parenti stretti, la pazienza, la resistenza, la perseveranza e la fede. Per ripristinare la funzione motoria, viene utilizzata una serie di misure, tra cui:

  • terapia fisica
  • massaggio
  • lezioni su simulatori speciali.

Per ripristinare la parola, hai bisogno di lezioni con un logopedista e uno psicologo. Il periodo di riabilitazione dipende dalla gravità del danno cerebrale. Di norma, con un ictus esteso, la riabilitazione richiede diversi anni. Spesso, i pazienti mantengono un deficit motorio fino alla fine della vita. Secondo le statistiche, solo il 15-20% dei pazienti ritorna alla vita normale.

Prognosi di recupero

La prognosi per l'ictus emorragico è generalmente sfavorevole. La mortalità complessiva raggiunge il 60-70%, dopo la rimozione degli ematomi intracerebrali - circa il 50%. Circa il 90% dei pazienti, in stato di stupore o coma, muore nei primi cinque giorni, nonostante la terapia intensiva.

  1. Le principali cause di morte per i pazienti operati e non operati sono l'aumento del gonfiore e della dislocazione del cervello (30-40%).
  2. La seconda causa più frequente è la recidiva di emorragia (10-20%).

Circa 2/3 dei pazienti con ictus rimangono disabilitati. I principali fattori che determinano l'esito della malattia, considerare il volume di ematoma, concomitante sfondamento di sangue nei ventricoli, localizzazione di ematoma nel tronco cerebrale, prima di assumere anticoagulanti, precedenti malattie cardiache, vecchiaia.

Cos'è l'ictus emorragico pericoloso

Un ictus è una violazione acuta della circolazione cerebrale. Un ictus emorragico è un'emorragia improvvisa che si verifica da una nave rotta nel cranio. Questa è una patologia molto difficile che può causare conseguenze irreversibili. Pertanto, quando compaiono i sintomi, dovresti chiamare immediatamente un'ambulanza.

Ictus emorragico insidioso

Questo è il più pericoloso di tutti i tipi di colpi. Questa patologia provoca la rottura di vasi cerebrali.

Il diradamento delle pareti vascolari e l'aumento della pressione portano al suo sviluppo.

Se il paziente ha una possibilità di sopravvivenza, determina la combinazione di diversi fattori e dipende dallo stato di salute della persona nel suo insieme.

Abbastanza spesso, un tale colpo è accompagnato da gonfiore del cervello. Se questo sintomo non viene eliminato rapidamente, si verificheranno cambiamenti irreversibili nel corpo. Ci può essere una violazione del ritmo cardiaco, un deterioramento del funzionamento degli organi interni, degli arti.

trattamento

Lo scopo delle misure terapeutiche è:

  • Ripristino della circolazione cerebrale.
  • Eliminazione di edema cerebrale.
  • Migliorare le caratteristiche reologiche del sangue.
  • Stimolazione del processo di riparazione dei tessuti.
  • Stimolazione della neurogenesi
  • Mantenimento del normale funzionamento di sistemi e funzioni vitali.
  • L'uso della terapia basata sugli effetti dell'ictus

Terapia farmacologica

Il compito principale di tale trattamento è di normalizzare le funzioni vitali, eliminare l'edema cerebrale e interrompere il sanguinamento.

È molto importante garantire la pervietà del sistema respiratorio. Se è presente edema polmonare, viene prescritta l'inalazione di ossigeno con vapore di alcool.

È possibile utilizzare anche la cardiotonica. Per eliminare l'ipertermia, può essere prescritta una soluzione di analgin o amidopirina.

Per fermare l'emorragia, è necessario cercare di ridurre la pressione sanguigna. Per fare questo, usa dibazol o gemiton. Se non vi è alcun effetto, possono essere prescritti clorpromazina e novocaina.

Utilizzare anche strumenti che aumentano la coagulazione del sangue e riducono la permeabilità vascolare. Questi includono supplementi di calcio e soluzione di Vicasol. La rutina e la soluzione di acido ascorbico possono essere prescritte.

L'acido Epsilon-aminocaproico è usato per inibire l'attività fibrinolitica del sangue. Al fine di eliminare l'edema cerebrale e ridurre la pressione intracranica, vengono prescritti mannitolo e lasix.

Per decidere quale metodo di trattamento dell'ictus scegliere, la prima cosa da fare è capire come è la malattia. Un articolo in cui una storia di ictus emorragico è descritta in dettaglio aiuterà molto. Lì troverai i fattori scatenanti di questa malattia.

Cos'è il mutismo elettivo e come si manifesta nei bambini. Se è necessario trattarlo, o il mutismo è considerato solo un problema legato all'età, che in seguito passerà senza intervento medico. A proposito di questo nell'articolo.

Trattamento chirurgico

L'operazione viene eseguita nel reparto neurochirurgico. Di solito questa procedura viene eseguita entro tre giorni dall'esordio della malattia.

Le principali indicazioni per l'intervento chirurgico includono:

  • Grandi ematomi emisferici.
  • Sangue nei ventricoli del cervello.
  • Rottura di aneurisma, che è accompagnata da un aumento della pressione intracranica.

Durante l'operazione, il sangue viene rimosso dall'ematoma, che riduce la pressione nel cranio e nei tessuti cerebrali. Grazie a questo, la prognosi per la vita è notevolmente migliorata.

fisioterapia

Le misure fisioterapeutiche nel trattamento di questa patologia includono:

  • darsonvalutazione o elettroterapia;
  • balneoterapia o idroterapia;
  • faradizzazione - l'uso del tono variabile a bassa frequenza.

Inoltre, le persone che hanno subito un ictus sono positivamente influenzate dalla terapia con paraffina, fototerapia e agopuntura.

psicoterapia

L'aiuto di psicologi e psicoterapeuti svolge un ruolo importante in tutte le fasi del recupero.

Dopo un ictus, molte persone sono depresse e depresse. Pertanto, per il trattamento dei pazienti, gli psicologi usano metodi come la conversazione e la suggestione.

Tuttavia, il ruolo principale nel recupero dei pazienti non è svolto dai medici, ma da persone vicine. Dopo tutto, una persona che ha subito un ictus ha bisogno delle sue cure e supporto più che mai.

omeopatia

L'omeopatia non considera l'ictus come una lesione di un organo specifico - dal punto di vista di questa scienza, la malattia è una conseguenza di uno squilibrio dell'intero organismo.

Il corso del trattamento dura in genere da un mese a sei.

Rimedi popolari

I metodi ausiliari nel trattamento dell'ictus sono ricette popolari. Tuttavia, devi prima chiedere consiglio al tuo medico.

  • Prendi un cucchiaino di radici di peonia essiccate, trita e versa acqua bollente. Insistere per un'ora, filtrare bene. Bevi un cucchiaio quattro volte al giorno.
  • 30 grammi di alloro devono essere riempiti con 1 tazza di olio. Rimuovi per 2 mesi per insistere. Dopo di ciò, filtrare la composizione, portare a ebollizione e strofinare sulle aree interessate.
  • Prendere aghi di abete rosso, burro, foglie di alloro. Il rapporto è 1: 12: 6. Strofina l'unguento risultante nelle aree paralizzate.
  • Mescolare alcol e olio vegetale in rapporto 1: 2. Strofina l'unguento risultante nelle aree paralizzate.

Ginnastica terapeutica

Con l'aiuto di esercizi speciali è possibile ripristinare le capacità perse del corpo.

Dopo un ictus, l'educazione fisica dovrebbe essere terapeutica. Una persona non dovrebbe essere stanca o sovrallenata, quindi è necessario iniziare con semplici esercizi.

La pratica dimostra che nella maggior parte dei casi una tale ginnastica dà risultati positivi.

Nella fase iniziale della ginnastica ha un carattere passivo:

  • in posizione supina;
  • in posizione seduta;
  • in posizione eretta;
  • esercizi per il viso.

I seguenti esercizi sono più comunemente usati:

  • Chiudi gli occhi e fai 10 movimenti circolari a destra e poi a sinistra. Lampeggia per qualche secondo. Fai gli stessi esercizi con gli occhi aperti.
  • Piegare e raddrizzare le dita. Successivamente, il carico sui muscoli può essere aumentato - per questo è possibile utilizzare un anello di gomma.
  • In posizione supina, a turno per piegare i gomiti.
  • Le gambe si piegano alle ginocchia.
  • Ruota delicatamente la testa verso sinistra e destra. Durante la svolta a destra, è necessario correggere la vista a sinistra e fare lo stesso nella direzione opposta.

Le funzioni principali della vescica sono l'accumulo e l'escrezione controllata delle urine. La regolazione di questa attività è assegnata al sistema nervoso del corpo. Nel caso in cui ci sia una disfunzione della parte del sistema nervoso responsabile del funzionamento dell'organo, sorge una condizione, che è indicata in medicina dal termine vescica neurogenica. A causa sua, una persona perde la capacità di controllare la minzione.

Sugli scaffali delle farmacie, la scelta dei farmaci è più che sufficiente, ma quali pillole scegliere se si è influenzati su un aereo? Puoi leggere i loro vari tipi qui, ma prima di usarlo è necessario consultare un medico.

Trattamento della linfostasi della mano dopo ictus emorragico

La terapia della linfostasi prevede il ripristino del drenaggio linfatico dall'arto colpito.

Per questo, è possibile assegnare le seguenti procedure:

  • terapia magnetica;
  • massaggio linfodrenante manuale;
  • terapia laser;
  • idromassaggio;
  • compressione pneumatica dell'hardware.

La terapia farmacologica prevede l'uso di tali farmaci:

  • flebotonica con effetto linfotropico;
  • enzimi;
  • angioprotectors;
  • immunostimolanti.

Trattamento dell'ictus emorragico nel periodo acuto

Il trattamento della patologia nel periodo acuto è il seguente:

  • Mantenere un normale livello di ossigenazione;
  • Normalizzazione della pressione sanguigna.
  • Correzione del cuore
  • Controllo dell'omeostasi.
  • Monitoraggio dello stato dell'intestino e della vescica.
  • Cura della pelle
  • Ginnastica passiva e massaggio agli arti.

effetti

Un ictus emorragico ha conseguenze molto gravi per una persona. Il grado della loro gravità dipende dalla posizione della lesione. Se l'emorragia ha colpito il cervelletto, la coordinazione del movimento è disturbata.

Paresi o paralisi di solito si sviluppa sul lato opposto al sito della lesione. Se la lesione si trova a sinistra, la parola è generalmente compromessa.

prospettiva

In generale, la prognosi dopo un ictus è considerata sfavorevole. La mortalità con un ampio ictus emorragico è approssimativamente del 60-70%.

È particolarmente bello nel primo o secondo giorno dopo l'emorragia. Dopo l'eliminazione dell'ematoma, questa percentuale è del 50%.

È impossibile rispondere esattamente quanti vivono dopo un ictus emorragico. Le principali cause di morte sono l'aumento del gonfiore e della dislocazione del cervello. La ricaduta dell'emorragia può anche portare alla morte.

Circa i 2/3 delle persone che hanno subito un tale ictus rimangono disabili. Tutto dipende dal volume dell'ematoma, dalla sua localizzazione, dalle malattie esistenti e dall'età.

Il coma dopo un ictus emorragico ha una prognosi negativa, perché è molto difficile, e talvolta semplicemente impossibile, ripristinare il tessuto cerebrale morto.

Parliamo del trattamento della sindrome delle gambe senza riposo. Nella vita di tutti i giorni, si incontra spesso. Tutta la verità su questa malattia.

Proviamo a capire le cause della neurite del nervo uditivo. Il seguente link ci aiuterà in questo. Misure preventive e recupero dopo l'intervento.

Recupero da ictus emorragico e misure di prevenzione

Il recupero viene effettuato in qualsiasi fase del trattamento, dopo che i sintomi acuti sono stati eliminati.

La riabilitazione può essere effettuata a casa, previa consultazione con il medico.

Le misure preventive consistono nel trattamento tempestivo dell'ipertensione - questo aiuta a ridurre il rischio di ictus del 40-50%.

È anche molto importante eliminare tutti i fattori di rischio. Questi includono ipercolesterolemia, abuso di alcool, fumo, diabete.

Il paziente è raccomandato tali attività:

  • terapia magnetica;
  • massaggio;
  • riflessologia;
  • elettrostimolazione.

La riabilitazione comprende anche le seguenti aree:

  • Esercitare la terapia dopo un ictus. Con l'aiuto di eseguire esercizi speciali, una persona può migliorare la circolazione del sangue, aumentare l'attività muscolare.
  • Psicoterapia.
  • Lezioni con logopedista
  • Terapia vitaminica
  • Formazione self-service

Come già accennato, la riabilitazione del paziente può essere effettuata a casa, se questo non è controindicato.

La vita dopo l'ictus

Dopo un colpo vale la pena rifiutare il cibo dolce e salato. Anche i cibi grassi e piccanti sono controindicati. Non mangiare cibi ricchi di sodio. Grazie a tale dieta, sarà possibile mantenere normali livelli di zuccheri e colesterolo, che ridurranno il rischio di ictus ricorrente.

È necessario liberarsi delle cattive abitudini, sottoporsi a visite mediche in modo tempestivo, impegnarsi in terapia fisica. Tutte queste attività consentiranno un rapido recupero e prevengono possibili ricadute.

Un ictus emorragico può portare a conseguenze per la salute più gravi. Pertanto, i suoi segni non possono essere ignorati: l'assistenza tempestiva fornita permetterà a una persona di salvare la vita.

Il video aiuterà e parlerà dei metodi di recupero dopo un ictus:

Ictus emorragico cerebrale

Con il termine ictus emorragico del cervello, i medici implicano di solito una forma polietiologica nosologica di emorragia intracerebrale dello spettro non traumatico, che colpisce le aree intracerebrale e / o subaracnoidea di un organo. Questa malattia può essere fatale per il paziente e richiede misure urgenti per ospedalizzare quest'ultimo all'ospedale.

Secondo la pratica medica, una forma emorragica di ictus si verifica in un quinto di tutti i pazienti che presentano questo problema. Allo stesso tempo, è caratterizzata da una patogenesi molto grave e da basse possibilità di recupero, anche con la fornitura di cure mediche tempestive, metà dei pazienti muore, circa l'ottanta per cento diventa disabile.

Infatti, un ictus emorragico è un'emorragia nel parenchima cerebrale, che è accompagnato da grave compromissione della circolazione sanguigna all'organo, perdita totale o parziale della funzione dell'area interessata e sviluppo di patogenesi ad alto rischio di morte.

Gli esperti identificano diversi tipi di ictus cerebrale di cui sopra:

  1. Emorragico con emorragia nel parenchima cerebrale.
  2. Subaracnoide con emorragia nella corteccia dell'organo.

Questa malattia è più complessa e traumatica dell'ictus ischemico, perché nella fase evolutiva del problema si verificano processi infiammatori necrotici non circolanti, compressione dei vasi circostanti e degenerazione della periferia del nucleo cerebrale.

La localizzazione dell'ictus emorragico può essere molto varia - dalle aree lobare e putamenali a quelle cerebellari, ponti, miste e globali. La probabilità di insorgenza del problema aumenta in modo significativo con l'età, il più delle volte si osserva negli uomini affetti da ipertensione, così come nelle donne dopo i 35 anni nella fase del parto / dopo il parto, se associata a disabilità multiple del sistema cardiovascolare.

Cause di ictus emorragico

I seguenti fattori sono considerati come cause ufficialmente dimostrate che contribuiscono allo sviluppo della malattia: diabete, ipertensione, obesità, fumo, stile di vita sedentario, fibrillazione atriale, stenosi dell'arteria carotidea, dislipidemia, anemia falciforme, varie malattie del sistema cardiovascolare. I suddetti problemi provocano un ictus emorragico nei casi.

Il restante 25 percento dei casi ha un'eziologia non riconosciuta o non chiara. Chiunque abbia aggiustato in modo indipendente il proprio stile di vita nel tempo può ridurre il rischio di ictus del 25-30%.

Sintomi di ictus emorragico

Perdita parziale della vista, forte dolore agli occhi, una forte perdita di equilibrio con formicolio e intorpidimento degli arti / parti del corpo, così come difficoltà nella comprensione e riproduzione del linguaggio sono solitamente considerati precursori di un possibile ictus emorragico. Tuttavia, come mostra la pratica, gli stati sopra menzionati potrebbero non manifestarsi almeno nella metà dei pazienti, o essere lievi.

La stessa malattia si manifesta improvvisamente e più spesso viene agita da un catalizzatore per stress grave o stress emotivo. Se una persona rimane cosciente, può avvertire un forte battito del cuore, un mal di testa che cresce rapidamente, vomito con nausea, intolleranza alla luce, paresi o paralisi degli arti con difficoltà nella riproduzione / comprensione della parola.

Dopo un po 'di tempo (da uno a due minuti a mezz'ora), inizia una regressione della coscienza, accompagnata da un attacco epilettiforme (fino a un quarto di tutti i casi), la persona entra gradualmente nella fase di prima stordimento, poi sonnolenza, poi un sopore con reazione debole della pupilla e conservazione del riflesso della deglutizione. L'ultimo stadio può essere un coma. Prima viene fornita assistenza medica di emergenza al paziente, maggiori sono le possibilità di evitare la morte!

Trattamento con ictus emorragico

L'alto rischio di un risultato letale predetermina il trattamento complesso di un colpo del tipo sopra, che è effettuato al più presto possibile.

Trattamento conservativo

L'uso di droghe è strettamente regolato dal medico curante e non può essere effettuato fuori dall'ospedale a casa!

  1. L'uso di antipertensivi - bloccanti selettivi, misti e non selettivi, come Atenololo, Atsebutololo, Pindololo, Anaprilina, Carvedilolo.
  2. L'uso di calcio antagonisti della seconda e terza generazione - Nikardipina, Falipamil, Klentiazem.
  3. Dosi di shock di azione antispasmodica diretta e / o indiretta - Drotaverina, nitroglicerina, Difacile, Aprofen.
  4. Uso di ACE inibitori:
  • carbossile - Quinapril, trandolapril
  • solfidrili - Captopril, Zofenopril
  • Emostatico - Contricato
  • Fostilov - Fosinopril
  • sedativi - Elenium o Diazepam
  • Nootropics - Korteksig
  • farmaci antiproteasi - Gordox
  • lassativi - Glaksena
  • antifibrinolitici - Reopoliglyukin
  • Multivitaminici - Calcio Gluconato / Pantotenato.
  1. Combattere l'edema cerebrale e la regolazione dell'ICP:
  • corticosteroidi - desametasone.
  • diuretici - Lasix o mannitolo.
  • sostituti del plasma - Reogluman.

Intervento chirurgico (operazione)

La chirurgia è solitamente prescritta nel caso di ematomi del tronco o del cervelletto del corpo, che causano gravi sintomi neurologici, con grandi emorragie laterali / lobali, nonché nel caso di un significativo deterioramento delle condizioni del paziente durante la diagnostica dinamica mediante MRI / TC.

In questo caso, controindicazioni dirette alla chirurgia possono essere ematomi mediali e coma profondo con disfunzioni staminali irreversibili - in questo caso, il successo di una procedura chirurgica è stimato al 5-10 percento. Se il paziente è stabile, non ha deficit neurologico, e ci sono solo ematomi cerebrali sopratentoriali, i medici si stanno concentrando su un trattamento estremamente conservativo.

Indicazioni di sopra citati possono essere variati operazione destinazione dopo la diagnosi neuroimaging (CT / MRI, angiografia vasi) e rilevando serbatoio dislocazione cerebrale deterioramento dello stato e la crescita neurologica clinica VMG più di 30 millilitri.

Al momento, la tecnica endoscopica della microneurochirurgia con tecnologia a misura di paziente è considerata il metodo operativo preferito. Il metodo classico è raccomandato solo per le difficoltà nell'omeostasi del tessuto cerebrale.

Recupero da ictus emorragico

Il processo di ripristino e riabilitazione di una persona che ha subito un ictus emorragico è piuttosto complicato e richiede approcci integrati per interventi futuri. In alcuni casi, può durare fino a due anni e comprende una serie di procedure ricostruttive come chinesiterapia, fisioterapia, il ripristino di base del self-service, logopedia, l'uso di un sistema reflex-carico, qualità terapeutiche, e così via. D. Allo stesso termini di tempo di riabilitazione dipendono l'obiettivo condizioni del paziente, successo del trattamento e aspirazioni personali della persona.

Proiezioni ed effetti dell'ictus emorragico

Le cifre e le statistiche domestiche sull'ictus emorragico sono molto deludenti - fino al 50 percento dei pazienti finisce con un esito fatale. Dei sopravvissuti, circa l'ottanta percento delle persone diventa disabile in un gruppo o in un altro. Anche se siete in tempo e in pieno, è stato effettuato un trattamento qualificato e la malattia stessa è una forma non si applicava ai periodo pesante della riabilitazione può richiedere fino a uno o due anni, mentre solo uno su cinque sarà in grado di ripristinare completamente tutte le funzioni di base del corpo.

Le possibili e molto probabili conseguenze di un ictus includono la perdita parziale / completa della parola, l'attività motoria dovuta alla paralisi. Spesso, una persona acquisisce un deficit neurologico o entra in uno stato vegetativo in cui non può servirsi indipendentemente.

Prevenzione dell'ictus

La prevenzione di ictus emorragico, o la prevenzione della sua recidiva, consiste in una serie di misure complesse, tra cui:

  1. Uso regolare a lungo termine di droghe. In particolare, il medico prescrive di solito anticoagulanti (warfarin, eparina) e farmaci antipiastrinici (Aspirina con Dipiridamolo, Clopidogrel, Ticlopidina).
  2. Controlla l'ipertensione con una riduzione immediata della pressione sanguigna, se necessario. In questo caso, è necessario aggiungere il potassio alla dieta, limitare l'uso di alcol e sale, a volte sarà razionale assumere diuretici, ACE-inibitori, bloccanti del recettore dell'angiotensina. Tutti i farmaci sono prescritti esclusivamente dal medico.
  3. Regolazione della dieta per abbassare il colesterolo nel sangue.
  4. Smettere di fumare
  5. Riducendo le palpebre in eccesso con una dieta ricca di frutta e verdura.
  6. Controllo del diabete
  7. Attività fisica moderata con esercizio aerobico.

Ictus emorragico - cause, trattamento e prognosi, conseguenze

Transizione rapida sulla pagina

È noto che l'ictus ischemico causato da trombosi ed embolia si verifica nella stragrande maggioranza dei casi - nell'85%. Ma il restante 15% dei pazienti soffre di ictus emorragico, che è prognosticamente più sfavorevole.

Se diagnosticato "emorragico", significa che può essere più prolungato decorso della malattia, il paziente può richiedere un intervento chirurgico, la disabilità dopo ictus forma un significativo e la vita è più breve. Con ictus emorragici ripetuti, gli eventi si sviluppano ancora più drammaticamente.

Devo distinguere tra queste due forme? Sì, è necessario, perché anche il trattamento dell'ischemia e dell'emorragia differisce in modo significativo l'uno dall'altro, e solo le persone non consapevoli immaginano che tutti i tratti siano trattati allo stesso modo.

Ictus emorragico - che cos'è?

"Emorragia" - significa "sanguinamento".

Emorragico - un ictus o ictus ischemico acuto causato da intracerebrale (intracerebrale), emorragia, penetrazione sangue nel parenchima (sostanza) del cervello nel sistema ventricolare o rottura di un aneurisma arterioso e la comparsa di emorragia nello spazio subaracnoideo (CAA o emorragia subaracnoidea ).

In un ictus emorragico, come ischemico appare improvvisamente alopecia e (o) sintomi cerebrali, che persiste per più di 24 ore, o porta alla morte del paziente in un tempo più breve.

È importante che il GI (ictus emorragico) sia spontaneo (origine non traumatica). Nel caso in cui si verificasse a seguito di una grave contusione cerebrale, potrebbero esserci vasi molto sani, mancanza di fattori di rischio caratteristici del GI e altre cause.

Come sempre, c'è una sorta di ordinamento e tautologia: oltre alla diagnosi di "ictus", a volte viene accreditato il "cervello". Di conseguenza, il termine "emorragica ictus cerebrale" contiene un doppio indicazione del processo di localizzazione, in quanto il termine "corsa" si riferisce al disordine acuto è circolazione cerebrale.

Va detto che tra i neurochirurghi questa diagnosi (in comunicazione non ufficiale) sembra meno lusinghiera, cioè "emorragia". Si accorda con la malattia nota e sgradevole non è casuale: se veglia per erogare almeno dieci colpi e CT di emergenza (che dovrebbe essere fatto in tutti i pazienti a distinguere ischemia da emorragia) si scopre che tutti ischemica - overstrain di Neurologia e del Dipartimento della neuroreanimation.

Ma se risulta che almeno un caso di un ictus emorragico è stato consegnato, allora ciò significa che è necessaria una consultazione di emergenza di un neurochirurgo, poiché la chirurgia è possibile.

Epidemiologia e stato del problema

Abbiamo già parlato del significato socioeconomico del problema dell'ictus in generale per la Russia, e non lo ripeteremo qui. Solo dire che la quota di ictus emorragico rappresenta solo il 15% del volume, ma questi 15% dei pazienti includono persone con la più grande violazione della qualità della vita, e il primo gruppo di disabilità.

Secondo le statistiche, in Russia ogni 90 secondi c'è un caso di ictus in generale (principalmente a causa di ischemia), e ogni 10 minuti c'è un caso di emorragia nel cervello.

La mortalità complessiva da tutte le forme di ictus emorragico supera il 40%, che è significativamente più alto rispetto all'ischemia da un indicatore simile. Dopo un anno, solo un quarto dei pazienti sopravvissuti può tornare al loro precedente lavoro e stile di vita.

Cause di ictus emorragico, fattori di rischio

La causa più comune di GI è l'ipertensione arteriosa - non si verifica nel 50% di tutti i casi di ictus emorragico. In secondo luogo la degenerazione dei vasi cerebrali dovuta all'accumulo della proteina amiloide patologica (CAA o angiopatia amiloide cerebrale). Rappresenta il 12% dei casi.

In caso di sovradosaggio di anticoagulanti (warfarin), il sanguinamento può essere una complicanza. Questi farmaci sono prescritti per la fibrillazione atriale in modo tale che, a causa del "gorgoglio" e della turbolenza del sangue, il trombo non si verifica nelle camere del cuore e il sangue si liquefa. Pertanto, questa è la terza ragione, che dà il 10% dei casi.

Se un tumore cerebrale germina una nave e la distrugge, allora si sviluppa un'emorragia intracerebrale - questo è un altro 8% dei casi. I restanti motivi rappresentano il 20% del totale.

Fattori di rischio di ictus

I fattori di rischio per l'ictus emorragico, che possono essere modificati, in alcuni casi coincidono con i fattori di rischio per l'ictus ischemico. Ma ancora, molti di loro hanno un orientamento specifico, "vascolare - coagulativo".

Queste sono le seguenti malattie e condizioni:

  • ipertensione arteriosa (malattia ipertensiva);
  • frequenti crisi ipertensive;
  • feocromocitoma (tumore ormonalmente attivo che aumenta la pressione sanguigna);
  • difetti della parete vascolare;
  • disturbi dell'emostasi;
  • spasmi dell'arteria cerebrale;
  • rottura spontanea dell'aneurisma;
  • abuso di cocaina, anfetamine, eroina (incluso l'intranasale);
  • l'alcolismo;
  • terapia immunosoppressiva;
  • leucemia e emofilia.

In alcuni casi, con ictus ischemico, si sviluppa una trasformazione emorragica secondaria, cioè "sudorazione sanguigna". Di conseguenza, il centro dell'ischemia è intriso di sangue.

Per la rottura dell'aneurisma, le cause principali sono l'ipertensione e la sua crisi, il fumo e l'alcolismo.

È importante capire che nell'ictus ischemico si verifica un'intera cascata di cambiamenti nella biochimica e nell'emodinamica, causata da un alterato flusso sanguigno. Questo è un processo. L'esito dell'ischemia sarà evidente solo dopo la morte cellulare finale e la determinazione dell'area di necrosi.

Un ictus emorragico, in ogni caso, è una conseguenza di un'emorragia che si è già verificata. Questo è il risultato. Tutti gli effetti dannosi del sangue streaming sta sviluppando molto rapidamente, e quindi in emorragico tutte le azioni medici non dovrebbe essere diretta a garantire che riducono la zona di necrosi (esiste già), ma il fatto che esso non è espansa. Ciò include il supporto per la pressione sanguigna, la terapia emostatica, la prevenzione dell'edema cerebrale.

Ictus emorragico - patogenesi e localizzazione

Foto di ictus emorragico

L'ictus emorragico è convenientemente classificato per localizzazione e, di conseguenza, per lesione dei vasi corrispondenti, poiché è difficile capire dal quadro clinico quale tipo di ictus si sia verificato. I GI sono:

  1. Emorragia intracerebrale primaria. Il sangue versa nella sostanza del cervello;
  2. Emorragia subaracnoidea parenchimale. Il sangue si trova sia nello spazio subaracnoideo che nello spessore del cervello;
  3. Ventricolare parenchimale. Il sangue dalla sostanza del cervello si rompe nei ventricoli;
  4. Ventricolare primario Il sangue riempie immediatamente il sistema ventricolare;
  5. Subarachnoid (SAC). In questo caso, non c'è sangue nelle cavità dei ventricoli o nella sostanza del cervello. Si trova sulla superficie del cervello.

Il SAH si verifica più spesso a causa della rottura dell'aneurisma sacculare, la cui dimensione varia da 2 a 10 mm. La causa più comune è un difetto congenito della parete del vaso, che di solito si verifica nel sito della sua divisione in rami più piccoli. Gli aneurismi tendono a crescere gradualmente.
Sulla base eziologica in alcuni casi è anche possibile trarre conclusioni sulle caratteristiche primarie delle emorragie.

Emorragia ipertensiva

Se un ictus emorragico si verifica a causa di ipertensione arteriosa e una crisi, allora i pool di arterie perforanti sono interessati, e la localizzazione delle lesioni è la seguente:

  • 50% - nuclei basali interessati;
  • 30% - focolai talamici e sostanza bianca degli emisferi;
  • 20% del ponte e del cervelletto

GI a causa della terapia con anticoagulanti e agenti anti-trombosi

Sviluppare in pazienti che, di regola, non pagano un controllo adeguato sul dosaggio dei farmaci.

  • Molto spesso, gli ictus si verificano nel primo anno di trattamento;
  • La catastrofe vascolare si verifica quando l'INR aumenta a 5 (questo è un parametro che indica il grado di diradamento del sangue, ad una velocità di 2-3);
  • L'ictus emorragico si sviluppa come complicazione della trombolisi nell'infarto miocardico e dell'ictus ischemico nell'1% dei casi.

GI come complicanza dei tumori

Il 5% di tutte le emorragie intracerebrali è associato a emorragia in un tumore al cervello. Si trovano in luoghi atipici. Per la verifica, è necessaria l'anamnesi, un riferimento ai sintomi focali prima dell'ictus emorragico. Un segno caratteristico è il gonfiore dei dischi del nervo ottico nei primi giorni dopo un ictus.

Ci sono ictus in tali tumori come:

  • glioblastomi;
  • adenomi pituitari;
  • medulloblastoma;
  • tumori metastatici.

GI con rotture di aneurisma

Molto spesso, l'attenzione dell'ictus emorragico è localizzata nei nuclei basali o nella sostanza bianca degli emisferi del cervello:

  • Aneurismi dell'arteria connettiva anteriore formano un ematoma nelle regioni frontali;
  • Aneurismi dell'arteria comunicante posteriore (30%) - ematoma si verifica nella parte centrale del lobo temporale;
  • La localizzazione dell'aneurisma nella più grande arteria cerebrale media (20-25%) causa spesso la comparsa di un ematoma nella regione del solco laterale.

Segni e sintomi di ictus emorragico

È importante sapere che nessun segno o sintomo indica che una persona ha un ictus emorragico. Questo può essere appreso solo dalla tomografia computerizzata, che già nelle prime ore della malattia "vede" il sangue che è stato versato.

Puoi solo dare i sintomi più caratteristici per un ictus emorragico e il loro raggruppamento, perché è stato notato dai medici molto tempo fa, ei dati sono in una relazione correlativa o addirittura funzionale con la diagnosi patomorfologica.

Qual è la caratteristica dell'emorragia

Per ictus "classico" emorragico, la seguente immagine è molto caratteristica:

  • Si scopre che il paziente ha sofferto a lungo di "pressione", a volte con crisi;
  • Il colpo è avvenuto durante uno sforzo nervoso o fisico, tra stress;
  • Ai primi segni di un ictus, sono stati determinati i numeri di alta pressione sanguigna;
  • L'età del paziente è un po 'più "giovane" (meno di 65 anni) di quella necessaria per l'ictus ischemico;
  • I sintomi si sviluppano e crescono rapidamente. La coscienza è depressa rapidamente, un coma cerebrale si sviluppa in pochi minuti;
  • Aspetto caratteristico apoplessico: una faccia viola, a volte con una sfumatura bluastra, respiro rumoroso, una guancia "cascante" a causa della paresi del nervo facciale, soprattutto con un fisico completo;
  • Nausea o vomito, e ripetuto, anche in uno stato di incoscienza;
  • Disturbi tipici dei sintomi cerebrali (mal di testa arcuato).

Di conseguenza, possiamo ottenere, ad esempio, un ictus emorragico con un coma, uno strato pieno del lato destro, le cui conseguenze possono essere fatali.

E ora paragoniamo questo quadro con quello che nasce con lo stesso, "classico" ma solo ischemia cerebrale.

Qual è la caratteristica dell'ictus ischemico

Anche l'ictus ischemico e la sua clinica hanno una netta originalità, che verrà notata da un medico esperto:

  • Prima dell'ictus, "allarmi", si sviluppavano attacchi ischemici transitori che poi "rilasciavano" il paziente;
  • Il paziente ha il diabete, angina o lesione vascolare delle gambe (coaguli di sangue), fibrillazione atriale, infarto, o anche valvole cardiache artificiali;
  • Un ictus si verifica durante la notte, al mattino, dopo la fatica o in un bagno caldo, o durante un attacco di aritmia / ischemia miocardica;
  • I sintomi neurologici aumentano lentamente, spesso "rotolano" le onde e di nuovo si ritirano;
  • Età avanzata, oltre 65 anni;
  • I sintomi cerebrali (cefalea, stordimento, vomito, perdita di coscienza) sono assenti o facilmente espressi. I pazienti sono coscienti e spesso fanno reclami specifici.

Solo elencando alcuni dei sintomi, senza entrare in neurologia, puoi vedere come il flusso sanguigno, distruggendo il tessuto cerebrale, come un incidente in una diga rotta, differisce dall'ischemia lenta, che assomiglia a una lenta caduta di primavera.

Su segni di emorragia subaracnoidea

L'emorragia subaracnoidea ei suoi sintomi sono in qualche modo "a parte", se non altro perché il sangue non entra direttamente nel cervello, ma si diffonde "sulla sua superficie". SAC è molto simile se:

  • Paziente in giovane età;
  • La malattia inizia acutamente, senza anamnesi, in piena salute durante l'attività vigorosa (in palestra);
  • L'esordio è valutato come un mal di testa estremamente crudele, simile a un "colpo" alla testa, con possibile depressione della coscienza;
  • Dopo di ciò, la temperatura può aumentare, l'agitazione psicomotoria può svilupparsi, la pressione può salire;
  • Il sangue versato nelle membrane causa la sindrome meningea: si manifestano uno spasmo persistente (rigidità) dei muscoli occipitali, iperestesia, fotofobia e la ripresa dei riflessi;
  • Quando viene eseguita la puntura lombare, appare sangue.

Diagnosi di ictus emorragico

La base per la diagnosi dell'ictus emorragico è la tomografia computerizzata a raggi X, che può già determinare il più presto possibile la presenza di sangue e distinguere l'emorragia dall'ischemia.

Inoltre, molti pazienti potrebbero aver bisogno di:

  • Ultrasuoni del cuore;
  • dopplerografia delle arterie principali e cerebrali;
  • dopplerografia transcranica nel determinare il vasospasmo in SAH;
  • arteriografia cerebrale (in caso di sospetta natura del tumore, ricerca di malformazioni);
  • EEG (con lo sviluppo di episindrom sostenibili).

Rimangono importanti e noti metodi di ricerca - oftalmoscopia e test di laboratorio.

Principi del trattamento dell'ictus emorragico

Il trattamento di un paziente con grave ictus emorragico è molto grave e "cruento". Poiché questo articolo non è per specialisti, non nomineremo un singolo farmaco. Basta elencare i principi di base del trattamento e della cura è sufficiente per avere un'idea di come un paziente dovrebbe essere trattato.

Questo è il motivo per cui in tutto il mondo è arrivata alla conclusione: il trattamento dell'ictus dovrebbe essere effettuato in speciali camere a reazione e unità di terapia intensiva.

I principi di trattamento dell'ictus emorragico sono:

  • Prevenzione dell'asfissia e disturbi respiratori (retrazione della lingua, vomito);
  • Posizionamento su un letto con un capo sollevato (prevenzione di edema cerebrale);
  • Utilizzo di un materasso funzionale e materasso antidecubito;
  • Neuromonitoring, controllo della pressione sanguigna;
  • Cateterismo della vescica;
  • A condizione che l'emorragia si arresti, è necessario iniziare la lotta contro la trombosi (intimo di compressione);
  • Controllo della temperatura (l'insorgenza di ipertermia e convulsioni può essere un segno di sfondamento del sangue nel sistema ventricolare del cervello);
  • Alimentazione sonda;
  • Prevenzione delle piaghe da decubito (spugna che si sfrega su tutto il corpo, salviettine umidificate per pazienti costretti a letto, cambio di posizione del corpo 6 volte durante il giorno e 4 volte durante la notte);
  • La corretta posizione del paziente a letto, al fine di non sviluppare contratture e spasticità, il divieto di mentire sulla schiena per più di 1 ora;
  • Mantenere una temperatura confortevole di 22-23 gradi nel reparto.

Terapia farmacologica

Il supporto di una preparazione per un paziente con un colpo hemorrhagic include:

  • Correzione della pressione arteriosa, tenendo conto della consultazione di un cardiologo;
  • Normalizzazione del metabolismo idrico-elettrolitico (perdita di ioni con vomito);
  • La lotta contro l'edema cerebrale e l'aumento della pressione intracranica;
  • Sollievo di possibili convulsioni;
  • Farmaci neurometabolici e cerebroprotettivi;
  • Farmaci nootropi;
  • Combattere la spasticità - rilassanti muscolari;
  • Combattere il dolore centrale;
  • La nomina di farmaci antiemetici.

A proposito di allattamento

La "pietra angolare" del trattamento dell'ictus è la cura, compreso il trattamento a casa. Ciò significa che dopo essere stato dimesso dalla terapia intensiva, il paziente ha bisogno di un mecenatismo 24 ore su 24 e delle seguenti attività:

  • Assistenza in self-service durante il lavaggio, l'alimentazione e la distribuzione dei bisogni naturali;
  • Locali nel reparto o stanza con una sedia da comodino, servizi igienici;
  • Acquisizione di ortesi, camminatori, sedie a rotelle;
  • Conduzione della toilette igienica della pelle, compreso l'uso di mezzi speciali;
  • Prevenzione della stitichezza, piaghe da decubito;
  • L'uso di pannolini e pannolini;
  • Polmonite anti-ipostatica;
  • Ginnastica passiva e attiva negli arti colpiti;
  • Conduzione di sedute di massaggi, ginnastica medica;
  • Indossare una compressione sotto le indicazioni;
  • Nell'organizzazione della corretta alimentazione, tenendo conto della difficoltà della deglutizione e della possibilità di sviluppare l'aspirazione, macinando e riscaldando il cibo, controllando la cavità orale dopo aver mangiato.

Naturalmente, l'elenco include solo i tipi più basilari di cure e trattamenti. Quindi, abbiamo bisogno di specialisti in terapia occupazionale, ergoterapia, dispositivi con biofeedback. Pertanto, è difficile rispondere alla domanda: "Quali sono le conseguenze di un ictus emorragico sul lato sinistro?" Con la normale organizzazione di cura e trattamento non ci può essere carenza affatto, e in altri casi, la morte può verificarsi nella fase preospedaliera.

In alcuni casi sono necessarie lezioni con logopedista e un aphasiologist, sono necessari la consulenza psicologica e la lotta contro la depressione post-ictus e, infine, a volte è richiesto un trattamento chirurgico.

Chirurgia per ictus emorragico

La chirurgia per l'ictus emorragico viene eseguita secondo indicazioni severe. I tipi più frequenti includono:

  1. Drenaggio ventricolare;
  2. Rimozione di un ematoma con facile accesso e statistiche favorevoli sui risultati (fossa cranica posteriore e compressione del tronco cerebrale, per motivi urgenti);
  3. Craniopuntura minimamente invasiva (protegge dall'edema cerebrale).

Tutti i termini e le indicazioni sono determinati da neurologo, neurochirurgo e rianimatore. Attualmente, per quanto riguarda i metodi operativi, molto rimane poco chiaro. Quindi, è dimostrato che il drenaggio chirurgico aperto con la trefazione è pericoloso, ma l'aspirazione stereotassica e minimamente invasiva è più promettente. Ma le profonde emorragie intracerebrali non hanno ancora dato una risposta chiara, qual è il rapporto effetto / rischio in questa materia.

Riabilitazione dopo ictus emorragico

Sopra, abbiamo elencato le regole di base per la cura del paziente. Molti di loro sono l'inizio della riabilitazione, ad esempio, imparare a tenere un cucchiaio o legare i lacci delle scarpe.

Come l'ultima volta, elencheremo solo i principali modi per riabilitare i pazienti post-ictus. Quindi puoi essere sicuro che questo o quel tipo di riabilitazione, che non è stato prestato attenzione prima, non sfuggirà alla vista del lettore.

Quando si utilizza la riabilitazione dopo l'ictus emorragico:

  • Kinesiterapia e riabilitazione domestica in violazione dei movimenti volontari;
  • La lotta contro la spasticità, anche con l'aiuto di terapia fisica e massaggio, ozocerite, paraffina, bagni;
  • Imparare a camminare;
  • Stimolazione muscolare elettrica;
  • Massaggio, compresa l'agopuntura, la digitopressione;
  • Fisioterapia (DDT, elettroforesi);
  • Dispositivi ortopedici per contratture e accorciamento degli arti;
  • Lezioni con un logopedista;
  • Combattere il dolore centrale (antidepressivi, anticonvulsivanti);
  • psicoterapia;
  • Classi per allenare memoria, attenzione, intelligenza.

Prevenzione dell'ictus emorragico

Come mostra la pratica, non è necessario separare i tipi di tratti durante la prevenzione. Come immagina un medico che alza le spalle al paziente e dice che: "questo è un fattore di rischio per l'ischemia e non per l'emorragia, il peccato per la salute".

Pertanto, ecco i metodi e i metodi comprovati che possono aiutare a evitare un ictus:

  • Controllo della pressione arteriosa, restrizione di sodio (cloruro di sodio) e aumento dell'assunzione di potassio;
  • Dieta con un aumento della quantità di verdure, frutta, frutti di mare, fibre, prodotti lattiero-caseari e con una diminuzione del consumo di grassi refrattari;
  • Aumento dell'attività fisica, almeno 150 minuti a settimana;
  • Perdita di peso normale;
  • Smettere di fumare Esiste una chiara relazione tra il fumo e il rischio aumentato di tutti i tipi di ictus;
  • Scartare completamente o ridurre significativamente la quantità di alcol.

Se hai malattie come diabete o ipertensione, devi usare agenti antipiastrinici, il warfarin è raccomandato per la fibrillazione atriale e la fibrillazione atriale, le statine sono raccomandate per tutti i "gruppi a rischio".

Certamente, ci sono raccomandazioni solo per la prevenzione degli ictus emorragici. Quindi, per non sviluppare un'emorragia re-intracerebrale, è necessario trattare l'ipertensione arteriosa, smettere di fumare, usare l'alcol e smettere di drogare.

In conclusione, va detto che il tema dell'ictus è una branca della medicina molto estesa, all'interfaccia tra neurologia, rianimazione, neurochirurgia, cardiologia, riabilitologia, emostasiologia. Ma, insieme alla ricerca e all'introduzione di nuovi farmaci, tipi di operazioni e mezzi di riabilitazione, noi stessi dobbiamo fare tutto il possibile per evitare una catastrofe vascolare.