Trattamento cardiaco

Sclerosi

L'encefalopatia vascolare (SE) può essere definita come una violazione di più di una componente della cognizione (memoria, discorso, attenzione, funzioni visive e / o esecutive) e nella misura in confronto con lo stato premorboso in cui raggiunge una violazione delle attività quotidiane (impiego, contatti sociali, vita personale).

Insieme alla malattia di Alzheimer, l'encefalopatia vascolare del cervello è la causa più comune di demenza in età avanzata.

Quando encefalopatia genesi vascolare, stiamo parlando di danni alle cellule cerebrali. Questo danno può essere interno (Alzheimer) o esterno, quando c'è mancanza di ossigeno. La malattia può svilupparsi a causa di danni ai vasi sanguigni nel cervello, in varie parti di esso.

L'incidenza aumenta con l'età e colpisce ugualmente uomini e donne.

Patogenesi e cause della violazione

Nella letteratura professionale si nota che la malattia si verifica quando l'infarto, almeno 50 ml (fino a 100 ml) di tessuto cerebrale. Nel caso di un posizionamento strategico di infarto cerebrale, possiamo parlare di una minore quantità di tessuto cerebrale.

Cos'è l'encefalopatia: educazione neurologica

Quando l'encefalopatia vascolare arriva a danneggiare il tessuto cerebrale a causa di ipoperfusione prolungata e ipossia, che sono definite come alterazioni degenerative aterosclerotiche nei vasi cerebrali con possibile trombosi ed embolia, così come a causa di arteriopatia e microangiopatia di varia origine, a volte a causa di ipossia e ischemia. con ipossia globale.

Durante l'encefalopatia della genesi vascolare durante i processi ipossico-ischemici del cervello, sono coinvolte molte altre cellule patogene coinvolte nei disordini morfologici e funzionali del tessuto nervoso centrale: durante l'ipossia si parla di deficit metabolico energetico dei neuroni, destabilizzazione dell'ambiente interno dei neuroni, attivazione dell'apoptosi, formazione di radicali liberi che danneggiano membrane biologiche ed enzimi che alla fine portano ad una diminuzione del numero di neuroni e sinapsi.

Esiste un disturbo neurotrasmettitore, inclusi i disturbi del sistema colinergico, che è molto simile al tipo di deterioramento dei neurotrasmettitori nella malattia di Alzheimer.

Cause dell'encefalopatia vascolare:

  • ischemia;
  • ictus;
  • aumento della coagulazione del sangue o tendenza alla formazione di coaguli;
  • ipertensione (pressione alta);
  • aterosclerosi (arterie coronarie o periferiche);
  • fattori genetici.

Tipi di malattia

L'encefalopatia vascolare è eziologicamente correlata a un gruppo eterogeneo di malattie. Secondo la classificazione di NINCDS-AIREN (Istituto Nazionale di Neurologia e Disturbi della Comunicazione e Associazione degli Strozzi Internazionali per la Ricerca e l'Enseignement en Neurosciences), sono definiti i seguenti tipi di encefalopatia di origine vascolare:

Sintomi di demenza vascolare

I segni di sviluppare l'encefalopatia vascolare possono essere suddivisi in diversi grandi gruppi.

Cognitivo (con valore cognitivo):

  • perdita di memoria;
  • pensiero e giudizio alterati;
  • violazione dell'orientamento, della parola e della capacità di apprendere;
  • scarsa conoscenza

Comportamentale (correlato al comportamento):

  • disturbi della personalità, emotività;
  • depressione, ansia;
  • delusioni, allucinazioni;
  • violazione dell'identificazione;
  • disturbi comportamentali;
  • disturbi del sonno.
  • difficoltà in attività complesse;
  • difficoltà nelle faccende domestiche;
  • self-service in un giorno qualunque;
  • disordini continentali;
  • disturbi della comunicazione;
  • disturbo dell'andatura.

I sintomi dell'encefalopatia vascolare spesso iniziano a manifestarsi improvvisamente, spesso dopo un ictus. Una persona può avere una storia di ipertensione, malattie vascolari, ictus precedenti o infarti.

La malattia può, ma non dovrebbe progredire nel tempo, a seconda che la persona abbia ulteriori presupposti a riguardo. In alcuni casi, i sintomi possono attenuarsi nel tempo. Se la malattia progredisce, i suoi sintomi spesso procedono gradualmente, con bruschi cambiamenti di intensità.

L'encefalopatia vascolare con danno al mesencefalo, tuttavia, può portare ad un graduale, progressivo deterioramento delle funzioni cognitive, che può assomigliare alla malattia di Alzheimer. A differenza delle persone con asma, le persone con EI spesso mantengono la loro personalità e livelli normali di risposta emotiva nelle fasi successive della malattia.

Criteri e metodi diagnostici

  • assunzione della storia (anamnesi familiare, anestesia generale, sostanze che provocano dipendenza, malattie gravi);
  • test di laboratorio;
  • test sierologici;
  • esame interno e neurologico;
  • EEG, CT, RM.

Criteri diagnostici per SE:

  • perdita di memoria;
  • declino cognitivo;
  • annebbiamento della coscienza;
  • perdita di controllo o motivazione emotiva, cambiamento nel comportamento sociale;
  • durata dei sintomi per almeno 6 mesi.

I primi segni della malattia sono difficili da riconoscere. È necessario distinguere la malattia da nevrosi, depressione, manifestazioni fisiologiche dell'invecchiamento, pseudodemenza.

Il trattamento farmacologico è l'unica via d'uscita.

Per influenzare la malattia, è stata iniettata un'intera gamma di agenti di diversi gruppi di farmaci, dalle sostanze vasoattive ai farmaci nootropici, che ora viene introdotta.

I risultati della meta-analisi mostrano che la maggior parte di questi farmaci non ha effetti evidenti sulle capacità cognitive o sull'ulteriore progressione dell'encefalopatia vascolare.

La maggior parte delle indicazioni relative alla droga si riferiscono alla somministrazione di pentossifillina e ginkgo biloba (EGb 761).

Come risultato dello studio, è stato determinato che entrambi i farmaci avevano un leggero vantaggio rispetto al gruppo di controllo che aveva ricevuto il placebo. Alcuni studi indicano il potenziale beneficio della somministrazione di Nimodipina in un sottogruppo di pazienti con encefalopatia vascolare sottocorticale, tuttavia, altri studi hanno criticato in modo significativo questo effetto.

Per quanto riguarda le altre sostanze studiate (Nicergolin, Vinpocetine, Cerebrolysin, Piracetam), non sono disponibili risultati convincenti positivi di studi o meta-analisi che giustifichino la loro somministrazione nell'encefalopatia vascolare.

Negli ultimi anni, ampi studi randomizzati hanno dimostrato l'efficacia dell'introduzione di acetilcolinesterasi e inibitori di memantina in pazienti con encefalopatia vascolare e mista.

I pazienti, presumibilmente, hanno un deficit colinergico a causa di alterati pilastri colinergici della corteccia e lesioni dei nuclei colinergici.

Sebbene vi siano numerosi dati disponibili sull'efficacia e la tollerabilità dei farmaci cognitivi nel trattamento dell'encefalopatia vascolare, la loro introduzione non è ancora ampiamente accettata e in molti paesi (incluso il nostro) il loro trattamento per il trattamento non è stato ancora approvato. la malattia.

La progressione della malattia porta a compromissione della funzionalità cerebrale e, di conseguenza, alla disabilità di una persona. L'insorgenza di queste complicanze può essere prevenuta con un trattamento tempestivo e l'osservanza del paziente con tutte le raccomandazioni del medico curante.

Insieme di attività preventive

I pazienti con lo stadio iniziale dell'encefalopatia della genesi vascolare e le persone con un aumentato rischio di sviluppare questa malattia possono raccomandare le seguenti misure preventive per ridurre i principali fattori di rischio:

  • controllo sequenziale della pressione sanguigna;
  • restrizione / esclusione del fumo e consumo eccessivo di alcol;
  • controllo del peso corporeo;
  • normalizzazione dei lipidi del sangue;
  • compensazione coerente di qualsiasi tipo di diabete;
  • aderenza coerente alle misure preventive contro l'aterosclerosi, sia non farmacologica che farmacologica;
  • correzione dei fattori di rischio vascolare;
  • trattamento della malattia ischemica e dell'aritmia cardiaca;
  • trattamento di malattie precipitanti concomitanti.

Per prevenire lo sviluppo di danno cerebrale multi-infarto, è importante limitare la ricorrenza di ictus. Il più comunemente usato è la terapia antiaggregante (acido acetilsalicilico, Clopidogrel, Ticlopidina), in alcuni casi - terapia anticoagulante (Warfarin).

La forma vascolare dell'encefalopatia è un danno cerebrale generale, causato da un insufficiente apporto di sangue all'organo, che causa alterazioni ischemiche, carenza di ossigeno, ipossia e una varietà di malattie. Violazioni della circolazione cerebrale e, di conseguenza, effetto dannoso dell'ipossia sulle cellule neurali. Nella fase iniziale del processo patologico, si verifica un piccolo focus sulla morte neuronale, ma in assenza di una terapia appropriata, tutte le nuove aree del cervello sono interessate, i sintomi aumentano, portando a cambiamenti irreversibili.

Negli ultimi anni, l'encefalopatia vascolare è diventata un tema scottante, poiché la soglia di età della malattia è notevolmente diminuita, i medici la diagnosticano sempre più in pazienti giovani che lamentano sintomi caratteristici delle patologie cerebrali. Inoltre, uno stato simile del cervello si sviluppa sullo sfondo di malattie comuni: ipertensione, aterosclerosi e tromboflebiti venose.

Dalla natura dell'origine dell'encefalopatia si dividono in:

  • Congenito - causato da sviluppo intrauterino del cervello, trauma intracranico, che il bambino ha ricevuto durante il parto, disordini metabolici ereditari, ecc.
  • Acquisito - si sviluppa durante la vita di una persona a causa dell'impatto di fattori esterni negativi, lesioni, varie malattie, disordini metabolici.

Le cause della violazione

Come abbiamo detto, la condizione patologica può verificarsi in un bambino durante lo sviluppo fetale o durante il travaglio. In diversi periodi della vita, la violazione può essere causata da:

  • Ipertensione associata a salti di pressione, ipotensione patologica.
  • Esposizione a composti tossici.
  • Lesione cerebrale traumatica.
  • Malattie renali ed epatiche, disturbi del pancreas, causando un aumento del contenuto di sostanze tossiche nel sangue e la loro penetrazione nel tessuto cerebrale.
  • Effetti sul cervello delle radiazioni radioattive.
  • Lo sviluppo di neoplasie maligne.
  • Malattie polmonari dovute a cui si sviluppa l'ipossia.

Quando l'encefalopatia nel cervello diminuisce il numero di neuroni pienamente funzionanti, compaiono piccole foci di necrosi, si sviluppa il ristagno di sangue, si osserva un'emorragia delle meningi. Foci patologici, più spesso localizzati in materia bianca o grigia.

Isolamento delle varietà in base alla patologia delle navi che hanno causato il disturbo. Le encefalopatie più comuni sono:

  • Atherosclerotic - si sviluppa come risultato di occlusione dei vasi cerebrali con placche aterosclerotiche e l'insorgenza di ipossia. Il disturbo è spesso diagnosticato nelle persone anziane, ma è anche possibile in giovane età con elevati livelli di colesterolo causati da varie cause. Questo tipo di encefalopatia si sviluppa a lungo, ma, in assenza di diagnosi e trattamenti tempestivi, può manifestarsi in forma acuta, portando a serie complicazioni.
  • Iperteso - si verifica a seguito di nefrite acuta, eclampsia, improvvisi salti di pressione sanguigna o crisi ipertensiva, che è la più pericolosa. L'encefalopatia che si sviluppa durante una crisi e i cambiamenti ad essa associati sono irreversibili e hanno una prognosi infausta.
  • Venoso - si sviluppa gradualmente, a causa del ristagno del sangue, dopo l'insorgenza dei primi sintomi, non può causare un notevole deterioramento del benessere per diversi anni. In caso di trattamento efficace nelle fasi iniziali, il disturbo è completamente reversibile, ma in assenza di terapia, progredisce rapidamente e porta a gravi conseguenze.

Altre forme di violazione

Esistono diversi tipi di encefalopatia meno comuni:

  • Ipossico-ischemico: questo tipo di disturbo può anche essere attribuito ai tipi sopra elencati, poiché i disturbi circolatori comportano lo sviluppo di alterazioni ischemiche nel tessuto cerebrale e nell'ipossia. Una differenza caratteristica di questo tipo di violazione è la sua frequente manifestazione nei bambini nel primo mese di vita. Può verificarsi durante lo sviluppo prenatale o durante il parto, portando a danni cerebrali minori, manifestati in iperattività e distrazione dell'attenzione e patologie gravi.
  • La leucoencefalopatia è la variante più grave del disturbo con cui il paziente può vivere al massimo due anni. Le forme acute di solito finiscono nella morte entro un mese. Una lesione focale della sostanza bianca non è curabile e ha una natura virale. Il più delle volte, la malattia viene diagnosticata negli anziani, con un sistema immunitario indebolito.

Ad oggi, non esiste un metodo per il trattamento della leucoencefalopatia. Ciò è dovuto alla presenza negli approcci al cervello di una sorta di barriera protettiva attraverso la quale i farmaci non penetrano, finalizzati all'eliminazione del virus patogeno. La ragione sta nel fatto che la barriera consente solo prodotti farmaceutici liposolubili, mentre i farmaci mostrati in questo caso sono per lo più idrosolubili.

Comune a varie forme di violazione sono tali sintomi:

  • Mal di testa simile a emicrania e vertigini.
  • Suonando nelle orecchie.
  • Diminuzione dell'udito e dell'acuità visiva.
  • Sbalzi d'umore
  • Fatica.
  • Disturbi emotivi - irritabilità, stati depressivi, pianto.
  • Disturbi del sonno
  • Il deterioramento della memoria a breve termine.
  • Incapacità di concentrazione, distrazione.
  • Disturbi di coordinazione
  • Intorpidimento delle dita delle mani e dei piedi.

Si distinguono tre fasi di encefalopatia:

  1. Compensato - il corpo affronta più o meno la patologia in via di sviluppo, i sintomi dolorosi sono lievi. Una persona soffre di mal di testa, vertigini, sensazione di pesantezza alla testa. Di notte, una persona non può dormire, e durante il giorno, al contrario, soffre di sonnolenza e letargia.
  2. Subcompensata: la patologia vascolare progredisce, le lesioni del tessuto cerebrale diventano più estese. Il paziente ha un'andatura instabile, tinnito costante, sintomi di malattie che causano encefalopatia.
  3. Scompenso - a causa dell'aumento dell'ipossia, i fenomeni atrofici si sviluppano nella corteccia cerebrale, i sintomi appaiono molto intensamente, le misure terapeutiche non producono effetti tangibili.

Come diagnosticare

Prima di tutto, il dottore esamina il paziente, ascolta i suoi reclami ed esamina la storia. Per chiarire la diagnosi sono stati usati questi metodi:

  • Imaging a risonanza magnetica e computerizzata.
  • Ultrasuoni: ecografia Doppler, scansione duplex e triplex.
  • Elettroencefalografia.
  • Risonanza magnetica nucleare.
  • Analisi biochimiche del sangue, del liquido cerebrospinale e delle urine.

Metodi per trattare un disturbo

Dopo che è stata diagnosticata l'encefalopatia vascolare del cervello, viene prescritto un trattamento, principalmente finalizzato all'eliminazione della causa del disturbo. In futuro, verrà selezionato un ciclo di terapia farmacologica complessa, della durata da uno a tre mesi. Per alleviare i sintomi dolorosi e migliorare le condizioni dei vasi sanguigni, utilizzare tali farmaci:

  • Angioprotectors - Etamzilat, Vasobral.
  • Agenti ipolipidimici, normalizzando un livello aumentato di acidi grassi saturi e riducendo la probabilità di aterosclerosi - Polisponina, Miskleron.
  • Agenti vasoattivi - Cinnarizine, Cavinton.
  • Flebotonica utilizzata nelle patologie delle vene - Troxevasin, Eskuzan.
  • Nootropes - Nootropil, Piracetam.
  • Vitamine e complessi minerali.

Fisioterapia, fisioterapia e altre procedure hanno un effetto positivo. Tuttavia, si dovrebbe sempre ricordare che questi sono metodi ausiliari che funzionano solo in combinazione con il corso terapeutico principale.

Ivan Drozdov 08/04/2017

L'encefalopatia vascolare è una malattia in cui i tessuti cerebrali sono danneggiati a causa della prolungata mancanza di ossigeno. La patologia è caratterizzata dalla presenza di molteplici focolai, si sviluppa lentamente sullo sfondo di varie malattie vascolari e disturbi neurologici. Il pericolo di encefalopatia vascolare è che è abbastanza difficile riconoscerlo nella fase iniziale dai suoi segni primari. La perdita di tempo in questi casi porta allo sviluppo di processi irreversibili nelle strutture cerebrali e alla limitazione delle funzioni vitali del paziente.

L'encefalopatia vascolare si riferisce alle malattie cerebrovascolari, quindi, nell'ICD-10, a seconda delle cause della sua insorgenza, viene assegnato uno dei codici I60-I69.

Fasi e sintomi associati e segni di encefalopatia vascolare

La malattia si sviluppa in più fasi, ognuna delle quali ha caratteristiche peculiari:

  1. Fase di compensazione. In questa fase, il tessuto cerebrale è leggermente danneggiato, quindi le cellule vicine sono in grado di compensare la loro funzione. Il paziente inizia ad apparire segni neurologici lievi, mentre è impossibile diagnosticare disturbi nelle strutture cerebrali. I primi sintomi di encefalopatia vascolare sono:
    • mal di testa;
    • congestione e rumore all'orecchio;
    • affaticamento, debolezza muscolare;
    • disturbo del sonno;
    • gocce di pressione sanguigna;
    • dimenticanza;
    • cambiamento di umore - una tendenza alla depressione, irritabilità, pianto.
  2. Fase di sub-integrazione. Il processo patologico si diffonde alle cellule cerebrali vicine, formando così lesioni. Durante la diagnostica strumentale, i cambiamenti che si verificano nei tessuti cerebrali diventano visibili. In questa fase, i sintomi diventano moderatamente pronunciati, il paziente può essere osservato:
    • aumento del mal di testa, le convulsioni spesso finiscono con lo svenimento;
    • diminuzione delle capacità intellettuali, delle funzioni mentali e delle abilità professionali come risultato;
    • disturbi mentali - attacchi di panico, disturbi della coscienza;
    • aumento della debolezza muscolare;
    • diminuzione di funzioni cognitive come il riflesso della deglutizione, la parola, la memoria;
    • coordinamento alterato, manifestato esternamente in un'andatura barcollante.
  3. Stadio di decompensazione. La massiccia distruzione delle cellule nervose porta all'atrofia cerebrale e all'emergere di processi irreversibili nelle sue strutture. I sintomi insiti nelle fasi precedenti della malattia, completati da condizioni aggravanti dei sintomi:
    • un progressivo declino dell'intelligenza, della memoria e dello sviluppo della demenza;
    • limitazione del movimento dovuta alla debolezza e intorpidimento degli arti;
    • incapacità di lavorare e mantenersi nella vita di tutti i giorni.

Encefalopatia vascolare: il trattamento della malattia

Con una malattia diagnosticata, è importante iniziare il trattamento nella fase iniziale. A seconda del grado e dell'estensione del danno alle cellule cerebrali, i seguenti trattamenti possono essere indicati per un paziente con encefalopatia vascolare:

  1. Terapia di mantenimento - è prescritto nella fase iniziale della malattia per inibire il processo di morte cellulare. Include:
  • cambiamento nella dieta (limitando l'assunzione di sale, cibi grassi, carboidrati, cibi piccanti, grassi animali);
  • regolazione del peso con tendenza al sovrappeso e all'obesità;
  • cambio del programma del giorno (preferenza dovrebbe essere data alle passeggiate regolari e riposo attivo);
  • evitando la dipendenza come alcol e fumo.
  1. Terapia farmacologica - è prescritto al centro e all'ultimo stadio della malattia per alleviare i sintomi di disturbo e sospendere il processo di danno al tessuto cerebrale. A un paziente viene prescritto un corso di droga che include i seguenti gruppi di farmaci:
  • farmaci per la pressione sanguigna;
  • farmaci diuretici;
  • nootropici e agenti neuroprotettivi;
  • pillole per il dolore;
  • antiossidanti;
  • farmaci che normalizzano il sistema vascolare e il diradamento del sangue;
  • vitamine "B";
  • farmaci che riducono il colesterolo nel sangue;
  • sedativi, antidepressivi.
  1. La fisioterapia è prescritta in combinazione con un trattamento medico per stimolare il lavoro delle cellule nervose e migliorare la circolazione sanguigna nei tessuti cerebrali. Le procedure che possono essere prescritte per l'encefalopatia vascolare includono:
  • terapia magnetica;
  • elettroforesi;
  • ozonoterapia;
  • agopuntura;
  • stimolazione elettromagnetica;
  • scambio plasmatico.
  1. Il trattamento chirurgico è necessario in caso di mancanza acuta di ossigeno nei tessuti cerebrali e nel decorso rapido della malattia. La chirurgia endovascolare, lo stent vascolare, può essere indicata per ripristinare il flusso sanguigno al paziente. Questo tipo di operazione si riferisce a un intervento chirurgico minimamente invasivo, durante il quale il carico sul corpo del paziente è minimo.

Il trattamento per l'encefalopatia vascolare è selezionato da un neurologo in accordo con la natura del danno al tessuto cerebrale e il grado di abbandono della malattia.

Metodi tradizionali di trattamento

Per mantenere le strutture del cervello e l'inibizione del processo di morte cellulare insieme alle cure mediche, puoi considerare l'uso di rimedi popolari. Si tratta principalmente di infusi e decotti a base di erbe che contribuiscono alla nutrizione del cervello, nonché al miglioramento dei processi metabolici tra i suoi tessuti:

  1. Infusione di trifoglio Fiori d'erba nella quantità di 1 cucchiaio. versato in un barattolo da un litro, quindi versato la vodka. L'infusione viene messa da parte per 2 settimane in un luogo buio. Dovrebbe essere consumato tre volte al giorno in una forma diluita poco prima dei pasti: 1 cucchiaio. 0,5 st. acqua.
  2. Tintura di cipolla Spremuto da succo di cipolla mescolato con miele in un rapporto di 1: 2. La miscela risultante deve essere presa poco prima dei pasti tre volte al giorno, 1 cucchiaio.
  3. Infuso di fiori di valeriana, buccia di limone e camomilla. Sbuccia 1 limone, 3 cucchiai. camomilla essiccata e 2 radici di valeriana si mescolano e schiacciano insieme. Le materie prime versano un bicchiere di acqua bollente e lasciano in infusione per 1 ora. Bevanda filtrata refrigerata consumata due volte al giorno per 1 bicchiere.
  4. Infuso di biancospino In 1 cucchiaio. acqua bollente alla sera mettere 2 cucchiai. frutta di biancospino e lasciare in infusione durante la notte. Devi prendere il farmaco al mattino poco prima di colazione.

La ricezione e il dosaggio delle infusioni a base di erbe devono essere coordinati con il medico, tenendo conto dei possibili effetti collaterali.

Conseguenze dell'encefalopatia vascolare

La progressione della malattia e la formazione nei tessuti dei foci cerebrali delle cellule morenti comporta conseguenze irreversibili per il paziente.

Nella fase di sottocompensazione in un paziente, c'è una limitazione delle funzioni vitali. Può svolgere la maggior parte delle attività quotidiane, ma non può rifiutare completamente l'aiuto esterno.

L'ultima fase dell'encefalopatia vascolare ha conseguenze più gravi. Di regola, a questo punto il paziente è già riconosciuto come disabilitato. Sullo sfondo della patologia principale, ha un'alta probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer e la demenza senile. Una persona diventa completamente dipendente dall'assistenza di terzi nella vita di tutti i giorni, nella sua attività professionale viene riconosciuto come non idoneo.

Cause e sintomi della leucoencefalopatia cerebrale

L'eziologia della malattia e le sue forme

È stato dimostrato che la leucoencefalopatia è causata dalla presenza di un poliomavirus umano. Secondo alcuni dati, circa l'80% della popolazione mondiale è infetto. Ma, nonostante questo, i casi di attivazione del poliomavirus non si verificano così spesso. Di solito, il meccanismo di attivazione del virus si verifica in determinate condizioni, una delle principali è il declino delle funzioni protettive naturali del corpo, cioè l'immunità.

Cause e sintomi della leucoencefalopatia cerebrale

Oltre all'infezione da HIV e all'AIDS, cause predisponenti per lo sviluppo di questa malattia includono anche:

  • leucemia e altre patologie del sangue;
  • ipertensione;
  • la tubercolosi;
  • oncologia;
  • sarcoidosi;
  • lupus sistemico;
  • artrite reumatoide;
  • assumere farmaci immunosoppressivi che vengono prescritti dopo il trapianto di organi;
  • uso di anticorpi monoclonali;
  • la malattia di Hodgkin.

La malattia ha diverse forme:

  1. 1. Piccola leucoencefalopatia focale della genesi vascolare. È una malattia in cui si osserva una condizione patologica cronica dei vasi cerebrali, che successivamente porta alla sconfitta delle cellule della materia bianca degli emisferi cerebrali. Fattori predisponenti allo sviluppo di questa forma di patologia è l'ipertensione. Molto spesso, questa forma viene diagnosticata negli uomini la cui età supera i 55-60 anni. Anche a rischio sono le persone con una predisposizione genetica ereditaria alla patologia. Lo sviluppo della demenza senile è una complicazione della leucoencefalopatia focale piccola della genesi vascolare.
  2. 2. Encefalopatia multifocale progressiva. In questa forma della malattia si osserva un virus del sistema nervoso centrale che, a sua volta, provoca la distruzione della sostanza bianca del cervello. Nella maggior parte dei casi, l'encefalopatia multifocale progressiva si verifica sullo sfondo dell'immunodeficienza umana. Questa patologia è tra le più pericolose, poiché la sua conseguenza potrebbe essere un risultato fatale improvviso.
  3. 3. Forma periventricolare. Si sviluppa sullo sfondo della mancanza cronica di ossigeno e ischemia. Il risultato di tali circostanze è la sconfitta delle strutture subcorticali del cervello, principalmente del tronco, del cervelletto e di quei reparti che sono responsabili dell'attività motoria. La forma periventricolare è caratteristica dei neonati e può portare allo sviluppo di paralisi cerebrale.

VI RACCOMANDIAMO!

Un modo semplice per sbarazzarsi di ipertensione! Il risultato non tarda ad arrivare! I nostri lettori hanno confermato che usano con successo questo metodo. Avendo studiato attentamente, abbiamo deciso di condividerlo con voi.

Sintomi del processo patologico

I sintomi della malattia dipenderanno dall'area in cui si è verificato il danno cerebrale e dalla forma della patologia. Nelle fasi iniziali della malattia, il paziente può presentare sintomi come affaticamento, debolezza persistente, pensiero più lento e altri segni che sono spesso confusi con i soliti segni di affaticamento. Per quanto riguarda i sintomi neuropsichiatrici, poi per ogni paziente si sviluppa con la sua velocità, da diversi giorni a diverse settimane.

Com'è facile pulire i vasi e liberarsi dei dolori al petto. Modo provato - scrivi una ricetta.

I segni più comuni che caratterizzano lo sviluppo della leucoencefalopatia includono:

  • problemi con il coordinamento (sua violazione);
  • diminuzione della funzione motoria;
  • problemi di linguaggio;
  • ridotta qualità della visione;
  • smarrimento di certi sentimenti, incluso il dolore;
  • annebbiamento della coscienza;
  • sbalzi d'umore emotivi;
  • degrado intellettuale;
  • violazione del riflesso della deglutizione;
  • frequenti mal di testa;
  • convulsioni epilettiche.

In medicina, ci sono stati casi in cui i focolai colpiti dal virus erano localizzati solo nel midollo spinale. Queste circostanze hanno portato al fatto che al paziente sono stati osservati solo i sintomi della colonna vertebrale, mentre non vi erano disturbi cognitivi (associati a prestazioni mentali).

Il modo più efficace per diagnosticare la leucoencefalopatia è la risonanza magnetica. La risonanza magnetica può rilevare focolai nella fase iniziale del suo sviluppo. Anche la reazione a catena della polimerasi (PCR), che è un metodo di alta precisione di diagnostica genetica molecolare, è altamente informativa. Questo metodo di indagine è accurato a circa il 95%. Un altro vantaggio è che può sostituire tale diagnostica come una biopsia cerebrale. Ma a volte quest'ultimo può essere raccomandato come uno studio separato, che confermerà con precisione se i processi irreversibili sono già iniziati e in che misura ha la progressione della malattia.

Encefalopatia vascolare

L'encefalopatia vascolare è una malattia piuttosto grave, manifestata da una lesione diffusa dell'organo principale del sistema nervoso centrale - il cervello. Con lo sviluppo di questa condizione patologica, c'è una progressiva violazione delle funzioni cerebrali, accompagnata dalla morte delle cellule nervose. L'encefalopatia della genesi vascolare si verifica a seguito dell'afflusso di sangue al tessuto cerebrale. Tale mancanza può essere sia innata che acquisita.

Le cause dell'insufficienza vascolare nel sistema nervoso centrale possono essere i seguenti fattori:

Sintomi di encefalopatia vascolare

L'encefalopatia deambulatoria ha diverse fasi di sviluppo che hanno un quadro clinico caratteristico.

  • Stadio 1 - segni di encefalopatia vascolare comprendono mal di testa, perdita di memoria, instabilità del background emotivo, vertigini. Caratterizzato dalla compensazione della condizione patologica.
  • Stadio 2 - manifestato da una sottocompensazione della malattia con l'emergere di sintomi più chiari e stabili. I pazienti possono lamentarsi di rumore costante nella testa, pianto, letargia, disturbi del sonno, depressione, mal di testa doloroso.
  • Stadio 3 - è caratterizzato da scompenso del processo patologico, che porta al verificarsi di complicazioni pericolose.

Diagnosi encefalopatia vascolare in Israele

L'esame dei pazienti con una diagnosi simile a quella dell'encefalopatia d scala-vascolare vascolare viene effettuato utilizzando una serie di tecniche altamente informative.

  • La reenceencefalografia è un metodo di esame non invasivo che fornisce preziose informazioni sullo stato della parete vascolare delle arterie e delle vene del cervello. L'esecuzione della rheoencephalography è un metodo valido per studiare i letti arteriosi e venosi del sistema nervoso centrale.
  • L'ecografia Doppler è un metodo di ricerca altamente informativo e non invasivo volto a determinare i disturbi vascolari che causano lo sviluppo di encefalopatia. L'esame ecografico ha lo scopo di determinare lo stato della succlavia, della vertebrale, della carotide e di altre arterie principali del cervello.
  • Imaging a risonanza magnetica - è un metodo non invasivo per lo studio del sistema nervoso centrale, che consente di valutare lo stato del letto vascolare del cervello, del collo e della testa, dell'ipofisi, dei nervi cranici, dei bulbi oculari, dei nervi cranici. La risonanza magnetica è l'esame più informativo utilizzato per esaminare le strutture dei tessuti molli della testa e del collo.
  • Raggi X - L'esame radiografico del rachide cervicale consente di identificare anomalie nello scheletro osseo, che sono la causa del processo patologico.
  • L'angiografia è uno studio radiopaco che consente di determinare i cambiamenti patologici nel lume dei vasi sanguigni che causano l'interruzione dell'afflusso di sangue al midollo.
  • Tomografia computerizzata: è un metodo di ricerca moderno che combina i vantaggi dell'esame a raggi X e dei metodi di elaborazione dei dati dei computer.
  • Elettroencefalogramma: è un metodo diagnostico semplice e non invasivo che consente di registrare potenziali elettrici dal cervello. Con questo studio, le anomalie prevalentemente organiche sono registrate nel tessuto cerebrale.

Trattamento di encefalopatia vascolare

L'encefalopatia vascolare del cervello richiede un trattamento tempestivo. Le tattiche di impatto sono determinate individualmente per ciascun paziente in accordo con le caratteristiche del quadro clinico della malattia.

  • Il trattamento conservativo ha lo scopo di eliminare i fattori di rischio che portano al verificarsi di disturbi cerebrovascolari. Al fine di ridurre il tasso di progressione della malattia e prevenire un ulteriore deterioramento della condizione patologica, si raccomanda al paziente di ridurre il peso corporeo, di smettere di mangiare grandi quantità di sale, grassi animali e carboidrati semplici. Si raccomanda inoltre di osservare la corretta modalità motore con un livello sufficiente di attività fisica. Indubbiamente, è necessario rifiutare l'uso di alcol e fumo.
  • Trattamento farmacologico: un'adeguata terapia farmacologica può ridurre significativamente il tasso di progressione del processo patologico e ridurre la gravità dei sintomi della malattia. Per alleviare la condizione dei pazienti consente l'uso di farmaci diuretici, vasodilatatori, ipolipemizzanti e antipertensivi. Si consiglia la consultazione con nutrizionisti esperti e specialisti in esercizi di fisioterapia.
  • Trattamento di fisioterapia - per migliorare la circolazione del sangue nel tessuto cerebrale, vengono utilizzati metodi di esposizione come stimolazione elettromagnetica, terapia magnetica, elettroforesi con farmaci, ozonoterapia, agopuntura e irradiazione del sangue ultravioletto. Le procedure di purificazione del sangue extracorporea, ad esempio, l'emosorbimento, lo scambio plasmatico, possono migliorare significativamente la condizione dei pazienti.
  • Trattamento chirurgico - al momento, per ripristinare il flusso sanguigno nei vasi cerebrali, vengono eseguiti interventi chirurgici endovascolari efficaci, con un carico minimo sul corpo del paziente. Una di queste operazioni è lo stent carotideo, finalizzato a rimuovere gli ostacoli al flusso sanguigno e prevenire la riocclusione delle navi. Le operazioni endovascolari a raggi X vengono eseguite senza grandi incisioni attraverso piccole aperture nei vasi periferici. Il recupero dal trattamento chirurgico minimamente invasivo è facile e indolore.

Trattamento dell'encefalopatia vascolare in Israele

Centinaia di pazienti vengono in Israele per il trattamento per i seguenti motivi:

  • elaborare un piano di trattamento individuale per ciascun paziente;
  • l'uso di metodi innovativi di terapia farmacologica;
  • conduzione di un trattamento di fisioterapia sui dispositivi più recenti;
  • interventi chirurgici minimamente invasivi.

Con un trattamento tempestivo per cure mediche qualificate, la prognosi per il trattamento dell'encefalopatia vascolare è significativamente migliorata.

Encefalopatia vascolare del cervello

L'encefalopatia è una malattia del cervello. Esistono molte varietà di diverse encefalopatie. I sintomi di diverse forme sono diversi, ma in uno sono tutti simili - i mali sono pericolosi per la salute e dovrebbero essere affrontati immediatamente dopo la scoperta dei primi sintomi.

Encefalopatia vascolare

Questa forma della malattia viene diagnosticata più spesso di altre. Il suo nome alternativo è l'encefalopatia dyscirculatory. La malattia è associata a insufficiente circolazione del sangue nei vasi del cervello, a causa della quale disturba il suo normale funzionamento.

L'encefalopatia vascolare del cervello si sviluppa a lungo. Il processo potrebbe richiedere diversi anni. Questa malattia non può essere considerata indipendente. È piuttosto il risultato dell'impatto sul corpo di un determinato elenco di fattori:

  1. L'encefalopatia vascolare si sviluppa spesso sullo sfondo dell'aterosclerosi.
  2. L'ipertensione e la distonia vascolare possono anche essere le cause dello sviluppo dell'encefalopatia di origine vascolare.
  3. La congestione venosa ha un effetto negativo sulla circolazione cerebrale. Anche vari disturbi del sangue contribuiscono alla malattia.

I principali stadi e segni dell'encefalopatia vascolare

Ci sono tre fasi principali della malattia. A seconda del grado di sviluppo dell'encefalopatia, anche i principali sintomi della malattia sono diversi.

Le fasi e i sintomi dell'encefalopatia vascolare cerebrale sono caratterizzati come segue:

  1. Compensato, in cui il corpo cerca di resistere. Un paziente con il primo stadio di encefalopatia dyscirculatory sente leggero capogiro, pesantezza alla testa, dolore spiacevole. In alcuni casi, ci sono problemi con la memoria e l'insonnia.
  2. Stadio sottocompensato di encefalopatia vascolare richiede un trattamento più serio. In questa fase, lo stato dei vasi sanguigni si deteriora rapidamente e i sintomi diventano più pronunciati. Il paziente può sentire il ronzio nelle orecchie. I problemi iniziano con il funzionamento di quegli organi i cui centri hanno colpito la malattia.
  3. Al terzo stadio di scompenso, il corpo abbassa le braccia (in senso figurato e talvolta anche letterale). Il trattamento in questo caso non garantisce la completa riabilitazione.

Il trattamento dell'encefalopatia vascolare cerebrale dovrebbe essere completo. Il paziente deve rispettare uno stile di vita sano, evitare lo stress, lo sforzo nervoso e fisico, rispettare il regime quotidiano e mangiare bene. Parallelamente, viene prescritto un corso di medicina per migliorare la circolazione sanguigna e sostenere il corpo.

Cos'è l'encefalopatia vascolare del cervello?

Eziologia dell'encefalopatia vascolare

La base dello sviluppo di questa malattia è l'ischemia cerebrale, che si verifica a causa di varie patologie vascolari. In quasi il 60% dei casi, è causato da aterosclerosi dei vasi cerebrali. Al 2o posto tra i fattori eziologici è l'ipertensione arteriosa. Molto spesso si verifica nella malattia ipertensiva e nelle patologie croniche dei reni (ad esempio, nella policistica o glomerulonefrite).

Poiché le arterie vertebrali rispondono al 30% della circolazione del sangue nel cervello, la presenza di alcuni difetti congeniti di questi vasi, la loro sconfitta sullo sfondo dell'osteocondrosi spinale o come conseguenza di lesioni porta allo sviluppo della cosiddetta sindrome delle arterie vertebrali, che si manifesta con segni di encefalopatia. Inoltre, nell'eziologia del diabete dovrebbe essere notato. L'angiopatia diabetica con ischemia cerebrale cronica, vasculite sistemica e lesioni vascolari ereditarie, lesioni alla testa, ipotensione si sviluppa sullo sfondo.

L'encefalopatia della genesi vascolare porta al deterioramento della circolazione del sangue nel cervello. Questo è accompagnato da ipossia e disturbi trofici, che alla fine causano la morte delle cellule nervose. Le strutture sottocorticali e la sostanza bianca sono le più sensibili all'ischemia cronica. All'inizio, l'encefalopatia vascolare si manifesta solo nei disturbi funzionali, che, con una terapia appropriata, sono reversibili. In assenza di terapia, si verificano difetti neurologici permanenti.

Manifestazioni cliniche

L'insorgenza della malattia è quasi impercettibile. La fase iniziale di distonia vascolare, di regola, è caratterizzata da violazioni nella sfera emotiva. Nel 65% dei casi è depressivo. Inoltre, ci sono lamentele di natura somatica. Pertanto, i pazienti notano mal di testa, dolore alla schiena, articolazioni e vari organi, rendendo difficile la diagnosi. Una caratteristica distintiva della depressione è che si verificano sotto l'azione di un fattore traumatico minore o senza la sua influenza. La psicoterapia o un ciclo di antidepressivi non danno risultati positivi.

Con il decorso della malattia, i pazienti diventano emotivamente labili. Il loro umore cambia drammaticamente, c'è un'eccessiva irritabilità o persino aggressività verso gli altri. Ci sono anche lamentele che imitano la nevrastenia. Questo è un disturbo del sonno, stanchezza e confusione, mal di testa.

Tali disturbi sono spesso associati a un deterioramento cognitivo. Tra questi può essere chiamato un deterioramento della memoria, l'incapacità di concentrare o ricordare le informazioni appena ricevute, la bassa velocità di pensiero e la rapida stanchezza dovuta all'attività mentale. Inoltre, vengono registrati disturbi motori, tra cui vertigini e andatura instabile. A volte camminare provoca nausea e vomito.

I pazienti formano gradualmente un'andatura specifica (la cosiddetta "andatura dello sciatore"). Si muovono lentamente, i passi sono piccoli, durante il movimento del piede non si staccano completamente dal pavimento, quindi camminare è accompagnato da uno specifico mischiare. È importante notare che è abbastanza difficile per i pazienti iniziare ad andare avanti o fermarsi. Tali manifestazioni assomigliano alla malattia di Parkinson, quindi, a volte tali sintomi sono chiamati "parkinsonismo vascolare".

L'encefalopatia vascolare del cervello nello stadio di scompenso si manifesta con disturbi del linguaggio, una diminuzione del riflesso della deglutizione, un tremore delle estremità e una discordanza. Anche la visione è ridotta e l'udito si sta deteriorando, rendendo difficile ai pazienti adattarsi all'ambiente. Il tessuto cerebrale viene distrutto attivamente. Questo provoca crisi epilettiche. La demenza è formata (demenza acquisita).

Caratteristiche del trattamento

La terapia viene effettuata prendendo in considerazione l'eziologia delle lesioni cerebrali, così come i farmaci che migliorano la microcircolazione e il flusso sanguigno cerebrale, proteggono le cellule nervose dall'ischemia e dalla carenza di ossigeno. Assicurati di trattare la malattia sottostante che ha portato all'encefalopatia vascolare. Quindi, se si osserva una lesione aterosclerotica dei vasi cerebrali, vengono prescritti speciali farmaci ipolipemizzanti e farmaci che abbassano il colesterolo (ad esempio Lipamid, Essentiale, Clofibat). In presenza di diabete, i livelli di glucosio nel sangue devono essere monitorati e se necessario sono prescritti farmaci ipoglicemici. Se la causa delle lesioni è l'ipertensione, vengono prescritti farmaci antipertensivi.

Se l'encefalopatia è accompagnata da insufficiente deflusso venoso, utilizzare Troxevasin o Eskuzan. Spesso usi angioprotectors per rinforzare i vasi sanguigni. Per migliorare la microcircolazione, si consiglia di assumere Aspirina o Curantil. Inoltre, per migliorare il flusso sanguigno e prevenire gli spasmi vascolari, viene prescritto No-shpu o Cinnarizin.

Il trattamento complesso comprende vitamine e farmaci con proprietà neuroprotettive che migliorano il funzionamento dei neuroni in condizioni di costante mancanza di ossigeno. Di norma vengono prescritti derivati ​​pirrolidonici (Piracetam), derivati ​​GABA (ad esempio, Aminalon), agenti stabilizzanti di membrana (Tsereton), nonché farmaci di origine animale (ad esempio Actovegin o Cerebrolysin).

Con un trattamento adeguato, la progressione di encefalopatia vascolare compensata anche può essere rallentata.

Encefalopatia vascolare del cervello - che cos'è e come trattarla

L'encefalopatia vascolare è una malattia in cui i tessuti cerebrali sono danneggiati a causa della prolungata mancanza di ossigeno. La patologia è caratterizzata dalla presenza di molteplici focolai, si sviluppa lentamente sullo sfondo di varie malattie vascolari e disturbi neurologici. Il pericolo di encefalopatia vascolare è che è abbastanza difficile riconoscerlo nella fase iniziale dai suoi segni primari. La perdita di tempo in questi casi porta allo sviluppo di processi irreversibili nelle strutture cerebrali e alla limitazione delle funzioni vitali del paziente.

L'encefalopatia vascolare si riferisce alle malattie cerebrovascolari, quindi, nell'ICD-10, a seconda delle cause della sua insorgenza, viene assegnato uno dei codici I60-I69.

Fasi e sintomi associati e segni di encefalopatia vascolare

La malattia si sviluppa in più fasi, ognuna delle quali ha caratteristiche peculiari:

  1. Fase di compensazione. In questa fase, il tessuto cerebrale è leggermente danneggiato, quindi le cellule vicine sono in grado di compensare la loro funzione. Il paziente inizia ad apparire segni neurologici lievi, mentre è impossibile diagnosticare disturbi nelle strutture cerebrali. I primi sintomi di encefalopatia vascolare sono:
    • mal di testa;
    • congestione e rumore all'orecchio;
    • affaticamento, debolezza muscolare;
    • disturbo del sonno;
    • gocce di pressione sanguigna;
    • dimenticanza;
    • cambiamento di umore - una tendenza alla depressione, irritabilità, pianto.
  2. Fase di sub-integrazione. Il processo patologico si diffonde alle cellule cerebrali vicine, formando così lesioni. Durante la diagnostica strumentale, i cambiamenti che si verificano nei tessuti cerebrali diventano visibili. In questa fase, i sintomi diventano moderatamente pronunciati, il paziente può essere osservato:
    • aumento del mal di testa, le convulsioni spesso finiscono con lo svenimento;
    • diminuzione delle capacità intellettuali, delle funzioni mentali e delle abilità professionali come risultato;
    • disturbi mentali - attacchi di panico, disturbi della coscienza;
    • aumento della debolezza muscolare;
    • diminuzione di funzioni cognitive come il riflesso della deglutizione, la parola, la memoria;
    • coordinamento alterato, manifestato esternamente in un'andatura barcollante.
  3. Stadio di decompensazione. La massiccia distruzione delle cellule nervose porta all'atrofia cerebrale e all'emergere di processi irreversibili nelle sue strutture. I sintomi insiti nelle fasi precedenti della malattia, completati da condizioni aggravanti dei sintomi:
    • un progressivo declino dell'intelligenza, della memoria e dello sviluppo della demenza;
    • limitazione del movimento dovuta alla debolezza e intorpidimento degli arti;
    • incapacità di lavorare e mantenersi nella vita di tutti i giorni.

Encefalopatia vascolare: il trattamento della malattia

Con una malattia diagnosticata, è importante iniziare il trattamento nella fase iniziale. A seconda del grado e dell'estensione del danno alle cellule cerebrali, i seguenti trattamenti possono essere indicati per un paziente con encefalopatia vascolare:

  1. Terapia di mantenimento - è prescritto nella fase iniziale della malattia per inibire il processo di morte cellulare. Include:
  • cambiamento nella dieta (limitando l'assunzione di sale, cibi grassi, carboidrati, cibi piccanti, grassi animali);
  • regolazione del peso con tendenza al sovrappeso e all'obesità;
  • cambio del programma del giorno (preferenza dovrebbe essere data alle passeggiate regolari e riposo attivo);
  • evitando la dipendenza come alcol e fumo.
  1. Terapia farmacologica - è prescritto al centro e all'ultimo stadio della malattia per alleviare i sintomi di disturbo e sospendere il processo di danno al tessuto cerebrale. A un paziente viene prescritto un corso di droga che include i seguenti gruppi di farmaci:
  • farmaci per la pressione sanguigna;
  • farmaci diuretici;
  • nootropici e agenti neuroprotettivi;
  • pillole per il dolore;
  • antiossidanti;
  • farmaci che normalizzano il sistema vascolare e il diradamento del sangue;
  • vitamine "B";
  • farmaci che riducono il colesterolo nel sangue;
  • sedativi, antidepressivi.
  1. La fisioterapia è prescritta in combinazione con un trattamento medico per stimolare il lavoro delle cellule nervose e migliorare la circolazione sanguigna nei tessuti cerebrali. Le procedure che possono essere prescritte per l'encefalopatia vascolare includono:
  • terapia magnetica;
  • elettroforesi;
  • ozonoterapia;
  • agopuntura;
  • stimolazione elettromagnetica;
  • scambio plasmatico.
  1. Il trattamento chirurgico è necessario in caso di mancanza acuta di ossigeno nei tessuti cerebrali e nel decorso rapido della malattia. La chirurgia endovascolare, lo stent vascolare, può essere indicata per ripristinare il flusso sanguigno al paziente. Questo tipo di operazione si riferisce a un intervento chirurgico minimamente invasivo, durante il quale il carico sul corpo del paziente è minimo.

Il trattamento per l'encefalopatia vascolare è selezionato da un neurologo in accordo con la natura del danno al tessuto cerebrale e il grado di abbandono della malattia.

Metodi tradizionali di trattamento

Per mantenere le strutture del cervello e l'inibizione del processo di morte cellulare insieme alle cure mediche, puoi considerare l'uso di rimedi popolari. Si tratta principalmente di infusi e decotti a base di erbe che contribuiscono alla nutrizione del cervello, nonché al miglioramento dei processi metabolici tra i suoi tessuti:

  1. Infusione di trifoglio Fiori d'erba nella quantità di 1 cucchiaio. versato in un barattolo da un litro, quindi versato la vodka. L'infusione viene messa da parte per 2 settimane in un luogo buio. Dovrebbe essere consumato tre volte al giorno in una forma diluita poco prima dei pasti: 1 cucchiaio. 0,5 st. acqua.
  2. Tintura di cipolla Spremuto da succo di cipolla mescolato con miele in un rapporto di 1: 2. La miscela risultante deve essere presa poco prima dei pasti tre volte al giorno, 1 cucchiaio.
  3. Infuso di fiori di valeriana, buccia di limone e camomilla. Sbuccia 1 limone, 3 cucchiai. camomilla essiccata e 2 radici di valeriana si mescolano e schiacciano insieme. Le materie prime versano un bicchiere di acqua bollente e lasciano in infusione per 1 ora. Bevanda filtrata refrigerata consumata due volte al giorno per 1 bicchiere.
  4. Infuso di biancospino In 1 cucchiaio. acqua bollente alla sera mettere 2 cucchiai. frutta di biancospino e lasciare in infusione durante la notte. Devi prendere il farmaco al mattino poco prima di colazione.

La ricezione e il dosaggio delle infusioni a base di erbe devono essere coordinati con il medico, tenendo conto dei possibili effetti collaterali.

Conseguenze dell'encefalopatia vascolare

La progressione della malattia e la formazione nei tessuti dei foci cerebrali delle cellule morenti comporta conseguenze irreversibili per il paziente.

Nella fase di sottocompensazione in un paziente, c'è una limitazione delle funzioni vitali. Può svolgere la maggior parte delle attività quotidiane, ma non può rifiutare completamente l'aiuto esterno.

L'ultima fase dell'encefalopatia vascolare ha conseguenze più gravi. Di regola, a questo punto il paziente è già riconosciuto come disabilitato. Sullo sfondo della patologia principale, ha un'alta probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer e la demenza senile. Una persona diventa completamente dipendente dall'assistenza di terzi nella vita di tutti i giorni, nella sua attività professionale viene riconosciuto come non idoneo.