Cosa aiuta le compresse di Askofen-P? Istruzioni e recensioni

Emicrania

Ascofen è un analgesico combinato anti-prescrizione.

Grazie ai suoi componenti costitutivi, ha un effetto antinfiammatorio, analgesico e psicostimolante.

In questa pagina troverai tutte le informazioni su Askofen-P: istruzioni complete per l'uso di questo farmaco, prezzi medi nelle farmacie, analoghi completi e incompleti del farmaco, nonché recensioni di persone che hanno già utilizzato Askofen-P. Vuoi lasciare la tua opinione? Si prega di scrivere nei commenti.

Gruppo clinico-farmacologico

Composizione combinata antipiretica analgesica.

Condizioni di vendita della farmacia

Viene rilasciato senza prescrizione medica.

Quanto costa Askofen-P? Il prezzo medio nelle farmacie è a 45 rubli.

Rilascia forma e composizione

Askofen-P è disponibile in compresse, ognuna delle quali contiene:

  1. Aspirina (acido acetilsalicilico): agisce sulle prostaglandine - sostanze attive che aumentano la sensibilità dei recettori, anestetizza, riduce la temperatura e ha un effetto antinfiammatorio. Il farmaco previene i coaguli di sangue, "diluisce" il sangue. Il contenuto di aspirina in 1 compressa di ascophen è 200 mg.
  2. Caffeina (40 mg in 1 compressa). Migliora l'effetto analgesico dei primi due farmaci; stimola i centri respiratori e vasomotori del cervello, contribuendo al miglioramento dell'attività fisica e mentale. Espande i vasi sanguigni, previene l'adesione delle piastrine nel sangue.
  3. Paracetamolo. Ha anche effetti antipiretici e analgesici; Particolarmente efficace in combinazione con acido acetilsalicilico. Il contenuto quantitativo di askofen è lo stesso, e il dosaggio totale dei due farmaci nel complesso non supera le dosi indicate per la monoterapia.

Effetto farmacologico

L'acido acetilsalicilico inibisce la biosintesi dei mediatori del dolore e dell'infiammazione - le prostaglandine, riducendo così il gonfiore e la gravità del dolore nelle malattie della genesi infiammatoria. Questa sostanza è in grado di rallentare l'aggregazione piastrinica, che riduce il rischio di formazione di trombi, ma aumenta la probabilità di sanguinamento.

La caffeina ha proprietà psicostimolanti e vasodilatanti. Questo componente normalizza il tono dei vasi cerebrali, accelera il flusso sanguigno, riduce la sensazione di affaticamento fisico e mentale e stimola il centro respiratorio. La sostanza aumenta l'effetto dei restanti ingredienti.

Le proprietà antalgiche e antipiretiche dell'acido acetilsalicilico aumentano la fenocetina. Il paracetamolo presente in Askofen-P blocca non selettivamente l'enzima cicloossigenasi, che contribuisce a ridurre la produzione di prostaglandine. Colpisce anche direttamente il centro ipotalamico di termoregolazione. Il suo vantaggio rispetto alla fenocetina è che la metaemoglobina non si forma nel processo del metabolismo.

Indicazioni per l'uso

Cosa aiuta Askofen in forma di pillola? Il farmaco è raccomandato per:

  • artralgia;
  • nevralgie;
  • dolori con reumatismo;
  • ciclo mestruale doloroso;
  • mal di testa;
  • mal di denti;
  • mialgia di varie eziologie;
  • febbre che accompagna l'influenza e ARVI.

Il farmaco medico Askofen-P agisce come un classico Aspirina, fornisce un moderato effetto anestetico, la stabilizzazione della temperatura.

Controindicazioni

L'uso di Askofen-P è controindicato nelle seguenti condizioni:

  • gipoprotrombinemii;
  • Avitaminosi K;
  • emofilia;
  • Ipersensibilità ai componenti del farmaco, tra cui - asma "aspirina";
  • Lesioni ulcerative del tubo digerente;
  • Sanguinamento gastrointestinale;
  • Diatesi emorragica;
  • Insufficienza renale;
  • Carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
  • il glaucoma;
  • Disturbi del sonno;
  • Gravidanza e allattamento;
  • Ipertensione arteriosa severa;
  • Cardiopatia ischemica;
  • Età da bambini fino a 15 anni.

Askofen-P deve essere usato con cautela nelle malattie del fegato e della gotta.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

L'ammissione a Askofen durante la gravidanza, specialmente nei trimestri I e III, è severamente vietata. In caso di emergenza, è consentita una singola dose di Askofen durante la gravidanza nell'II trimestre. Secondo i ricercatori, l'uso del farmaco all'inizio della gravidanza causa spesso malformazioni del feto, cioè patologie quali labbro leporino o palatoschisi, che è caratterizzato dalla scissione del palato superiore.

L'uso di Askofen in gravidanza per più di 25 settimane può portare ad un indebolimento del travaglio. Anche Askofen influisce negativamente sul bambino, causando la chiusura del dotto venoso, che contribuisce allo sviluppo di iperplasia delle arterie polmonari e ipertensione vascolare nel sistema circolatorio.

Se necessario, l'uso del farmaco durante l'allattamento dovrebbe interrompere l'allattamento al seno. L'acido acetilsalicilico viene escreto nel latte materno, il che aumenta il rischio di sanguinamento in un bambino a causa della disfunzione delle piastrine.

Istruzioni per l'uso

Le istruzioni per l'uso indicano che assumono Askofen-P per via orale dopo i pasti, 1-2 compresse 2-3 volte al giorno.

  1. La dose giornaliera massima è di 6 compresse.
  2. La pausa tra l'assunzione del farmaco dovrebbe essere di almeno 4 ore.
  3. Per ridurre l'effetto irritante sul tratto gastrointestinale, il farmaco deve essere assunto dopo i pasti con acqua, latte, acqua minerale alcalina.

In caso di funzionalità renale o epatica compromessa, l'intervallo tra le dosi è di almeno 6 ore.

Il farmaco non deve essere assunto più di 5 giorni se prescritto come anestetico e più di 3 giorni come antipiretico. Altre dosi e regimi sono determinati dal medico.

Effetti collaterali

Il farmaco può contribuire allo sviluppo di tali indesiderate reazioni collaterali: lesioni erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale, vomito, tachicardia, aumento della pressione sanguigna, broncospasmo, manifestazioni allergiche.

L'uso prolungato di pillole può innescare lo sviluppo di vertigini, mal di testa, visione offuscata, tinnito, gengive sanguinanti, sangue dal naso.

overdose

Un sovradosaggio di Ascofen-P si manifesta con dolori allo stomaco, disturbi dell'udito / visione e indigestione. Se il dosaggio di questo farmaco è stato superato in modo significativo, è possibile il coma.

In caso di avvelenamento del corpo con questo farmaco, è necessario sciacquare immediatamente lo stomaco e condurre una terapia sintomatica.

Istruzioni speciali

L'aspirina ha effetti teratogeni, se usato nel primo trimestre, porta ad una scissione del palato superiore, nel terzo - per chiudere il dotto arterioso nel feto e l'inibizione del lavoro. L'acido acetilsalicilico viene escreto nel latte materno e altera la funzione delle piastrine, con conseguente aumento del rischio di sanguinamento in un bambino, e pertanto è vietato assumere Askofen-P durante l'allattamento.

  1. La preparazione potenzia l'azione degli ormoni steroidei, anticoagulanti, eparina, reserpina, agenti ipoglicemizzanti, riduce l'efficacia dei farmaci antiipertensivi, furosemide, spironolattone e agenti protivopodagricakih promuovono l'escrezione di acido urico.
  2. Con l'uso prolungato di Askofen-P, è necessario monitorare l'immagine del sangue periferico e lo stato funzionale del fegato.
  3. Con l'uso simultaneo di Askofen-P con etanolo aumenta il rischio di sanguinamento gastrointestinale ed effetti epatotossici, quindi durante il periodo di trattamento dovrebbe astenersi dall'uso di bevande contenenti alcol.
  4. Se un paziente che sta assumendo Askofen-P deve sottoporsi a un'operazione chirurgica, deve comunicarlo al medico, poiché l'acido acetilsalicilico rallenta il processo di coagulazione del sangue.
  5. I bambini sotto i 15 anni sono controindicati tutti i farmaci contenenti acido acetilsalicilico, come nel caso di un'infezione virale, può causare la sindrome di Reye - una condizione pericolosa, accompagnato da vomito continuo, acidosi metabolica, iperpiressia, encefalopatia severa, ingrossamento del fegato e una violazione delle sue funzioni.

Il rischio di effetti collaterali di Askofen-P aumenta con l'uso simultaneo con altri farmaci anti-infiammatori e metotrexato.

Interazione farmacologica

Askofen-P riduce l'effetto terapeutico di coagulante indiretta, reserpina, eparina, ipoglicemizzanti, ormoni steroidei, spironolattone, furosemide, serdstv antipertensivi, agenti protivopodagricakih promuovono l'escrezione di acido urico.

Askofen-P migliora l'effetto tossico di GCS, derivati ​​sulfonilurea, metotrexato, analgesici non narcotici e farmaci antiinfiammatori non steroidei.

Non è consigliato combinare il farmaco con barbiturici, farmaci antiepilettici, zidovudina, rifampicina e alcol.

Il paracetamolo è in grado di potenziare l'effetto degli anticoagulanti.

Recensioni

Secondo numerose recensioni, Askofen è un farmaco economico ma allo stesso tempo efficace che aiuta a combattere il dolore e la temperatura. Molti indicano che anche con l'uso a lungo termine del farmaco, la sua efficacia non diminuisce, tuttavia, chiariscono che dovrebbe essere preso periodicamente.

Specialisti che discutono anche del farmaco, notano che i suoi antinfiammatori, antidolorifici e capacità antipiretici sono equivalenti. Inoltre, i medici in vari forum consigliano di non trarre conclusioni premature sugli effetti collaterali del farmaco.

analoghi

Le seguenti sono medicine efficaci con un effetto simile:

  • aspirina;
  • Atsifein;
  • Tsitramarin;
  • Tsitrapar;
  • Kofitsil plus;
  • Excedrin;
  • Migrenol Extra.

Prima di usare analoghi, consultare il medico.

Condizioni di conservazione e durata

Il farmaco deve essere conservato fuori dalla portata dei bambini a una temperatura non superiore a 25 ° C. Periodo di validità - 3 anni.

Askofen - istruzioni per l'uso, analoghi, recensioni e forme di rilascio (compresse P antidolorifici) del farmaco per il trattamento del mal di testa, dolore dentale in nevralgia, emicrania negli adulti, bambini e durante la gravidanza. Composizione e alcol

In questo articolo, puoi leggere le istruzioni per l'uso del farmaco Askofen. Recensioni presentate dei visitatori del sito - consumatori di questa medicina anestetica, nonché le opinioni dei medici specialisti sull'uso di Askofen nella loro pratica. Una grande richiesta per aggiungere il vostro feedback sul farmaco più attivamente: il medicinale ha aiutato o non ha aiutato a sbarazzarsi della malattia, quali complicazioni ed effetti collaterali sono stati osservati, che potrebbero non essere stati dichiarati dal produttore nell'annotazione. Analoghi di Askofen in presenza di analoghi strutturali disponibili. Utilizzare per il trattamento di mal di testa, dolore dentale in nevralgia, emicrania negli adulti, bambini, così come durante la gravidanza e l'allattamento. La composizione e l'interazione del farmaco con l'alcol.

Ascofen è un farmaco combinato il cui effetto è determinato dai componenti che lo compongono.

L'acido acetilsalicilico ha un effetto analgesico, antipiretico, antiinfiammatorio associato alla soppressione di COX-1 e -2, che regolano la sintesi di PG; inibisce l'aggregazione piastrinica.

La caffeina aumenta l'eccitabilità riflessa del midollo spinale, stimola i centri respiratori e vasomotori, dilata i vasi sanguigni dei muscoli scheletrici, del cervello, del cuore, dei reni, riduce l'aggregazione piastrinica; riduce la sonnolenza, l'affaticamento, aumenta le prestazioni mentali e fisiche.

Il paracetamolo ha un effetto antipiretico, analgesico.

struttura

Acido acetilsalicilico + Paracetamolo + Caffeina + eccipienti.

testimonianza

  • sindrome da dolore moderatamente o lieve (cefalea, mal di denti, nevralgia, mialgia, sindrome toracica radicolare, lombalgia, artralgia, algomenorrea, emicrania) negli adulti;
  • diminuzione della temperatura corporea, con raffreddori e altre malattie infettive e infiammatorie negli adulti e nei bambini oltre i 15 anni.

Forme di rilascio

Istruzioni per l'uso e il dosaggio

Dentro, dopo aver mangiato. 1-2 compresse 2-3 volte al giorno. La dose giornaliera massima è di 6 compresse. La pausa tra l'assunzione del farmaco dovrebbe essere di almeno 4 ore.

Per ridurre l'effetto irritante sul tratto gastrointestinale, il farmaco deve essere assunto dopo i pasti con acqua, latte, acqua minerale alcalina.

In caso di funzionalità renale o epatica compromessa, l'intervallo tra le dosi è di almeno 6 ore.

Il farmaco non deve essere assunto per più di 5 giorni se prescritto come anestetico e più di 3 giorni come antipiretico. Altri dosaggi e regimi stabiliti dal medico.

Effetti collaterali

  • anoressia;
  • nausea, vomito;
  • gastralgia;
  • diarrea;
  • lesioni erosive e ulcerative del tubo digerente;
  • sanguinamento gastrointestinale;
  • insufficienza epatica e / o renale;
  • ipertensione;
  • tachicardia;
  • eruzione cutanea;
  • angioedema;
  • broncospasmo;
  • vertigini;
  • mal di testa;
  • menomazione della vista;
  • tinnito;
  • diminuzione dell'aggregazione piastrinica;
  • hypocoagulation;
  • sindrome emorragica (sangue dal naso, gengive sanguinanti, porpora e altri);
  • danno renale con necrosi papillare;
  • la sordità;
  • Sindrome di Stevens-Johnson;
  • necrolisi epidermica tossica (sindrome di Lyell);
  • Sindrome di Reye nei bambini (disordini metabolici dell'acidosi del sistema nervoso e della psiche, vomito, alterazione della funzionalità epatica).

Controindicazioni

  • ipersensibilità all'acido acetilsalicilico o altri FANS o xantine;
  • ipersensibilità ad altri componenti del farmaco;
  • lesioni erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale (nella fase acuta), sanguinamento gastrointestinale;
  • grave compromissione della funzionalità epatica o renale;
  • asma indotto dall'assunzione di acido acetilsalicilico, salicilati e altri FANS;
  • diatesi emorragica (malattia di Willebrand, emofilia, telangiectasia, ipoprotrombinemia, trombocitopenia, porpora trombocitopenica);
  • stratificazione dell'aneurisma aortico;
  • carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
  • ipertensione portale, carenza di vitamina K;
  • irritabilità, disturbi del sonno, disturbi d'ansia (agorafobia, disturbi di panico);
  • malattie organiche del sistema cardiovascolare (infarto miocardico acuto, cardiopatia ischemica grave, ipertensione), tachicardia parossistica, extrasistole ventricolare frequente;
  • il glaucoma;
  • intervento chirurgico che coinvolge sanguinamento;
  • età da bambini fino a 15 anni.

Con cura: iperuricemia, nefrolitiasi urata, gotta, ulcera gastrica e / o ulcera duodenale (nella storia), insufficienza cardiaca grave.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Askofen è controindicato durante la gravidanza nel 1 ° e 3 ° trimestre. Nel secondo trimestre di gravidanza, una singola dose del farmaco nelle dosi raccomandate è possibile solo se il beneficio atteso per la madre non supera il potenziale rischio per il feto.

Se necessario, l'uso del farmaco durante l'allattamento dovrebbe interrompere l'allattamento al seno.

Usare nei bambini

Controindicato nei bambini sotto i 15 anni di età.

Istruzioni speciali

Con l'uso prolungato del farmaco è necessario monitorare il sangue periferico e lo stato funzionale del fegato. Poiché l'acido acetilsalicilico ha un effetto antipiastrinico, il paziente, se deve sottoporsi ad intervento chirurgico, deve informare il medico in anticipo sull'assunzione del farmaco.

L'acido acetilsalicilico a basse dosi riduce l'escrezione di acido urico. Questo in alcuni casi può provocare un attacco di gotta.

Durante il trattamento, è necessario abbandonare l'uso di alcol e bevande contenenti alcol (aumento del rischio di sanguinamento gastrointestinale).

L'acido acetilsalicilico ha un effetto teratogeno: se applicato nel primo trimestre di gravidanza porta a malformazioni - scissione del palato superiore; nel 3 ° trimestre - provoca l'inibizione dell'attività del lavoro (inibizione della sintesi di GHG), la chiusura del dotto arterioso nel feto, che causa iperplasia dei vasi polmonari e ipertensione nei vasi della circolazione polmonare.

L'acido acetilsalicilico viene escreto nel latte materno, il che aumenta il rischio di sanguinamento in un bambino a causa della disfunzione delle piastrine.

Il farmaco non è prescritto come anestetico per le persone sotto i 18 anni, come antipiretico per i bambini sotto i 15 anni con infezioni respiratorie acute causate da infezioni virali a causa del rischio di sindrome di Reye (encefalopatia e fegato grasso acuto con sviluppo acuto di insufficienza epatica).

Interazione farmacologica

Migliora l'azione di eparina, anticoagulanti indiretti, reserpina, ormoni steroidei e agenti ipoglicemizzanti. Riduce l'efficacia di spironolattone, furosemide, farmaci antipertensivi, rimedi anti-gotta che favoriscono l'escrezione di acido urico.

Rafforza gli effetti collaterali dei glucocorticosteroidi (GCS), dei derivati ​​sulfonilurea, del metotrexato, degli analgesici non narcotici e dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

La combinazione del farmaco con barbiturici, farmaci antiepilettici, zidovudina, rifampicina e bevande contenenti alcol deve essere evitata (aumenta il rischio di un effetto epatotossico).

Sotto l'influenza del paracetamolo, il tempo di escrezione di cloramfenicolo è aumentato di 5 volte.

La caffeina accelera l'assorbimento di ergotamina.

La salicilamide e altri stimolanti dell'ossidazione microsomiale contribuiscono alla formazione di metaboliti tossici del paracetamolo che influiscono sulla funzionalità epatica.

La metoclopramide accelera l'assorbimento del paracetamolo. Con l'uso ripetuto di paracetamolo può aumentare l'effetto degli anticoagulanti (derivati ​​del dicumarina).

Analoghi della droga Ascophen

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

  • Akvatsitramon;
  • Askofen P;
  • Atsifein;
  • Kofitsil plus;
  • Migrenol Extra;
  • Tsitramarin;
  • tsitramon;
  • Citramon Ultra;
  • Tsitrapar;
  • Excedrin.

Analoghi sull'effetto terapeutico (mezzi per il trattamento dell'emicrania):

  • Amigrenin;
  • amitriptilina;
  • Analgin;
  • Inderal;
  • andipal;
  • aspirina;
  • paracetamolo;
  • betalok;
  • Vazobral;
  • diclofenac;
  • Zomig;
  • Zorex Morning;
  • Ibufen;
  • Kaffetin;
  • ketonal;
  • Korvitol;
  • metoprololo;
  • MIG 200;
  • Naklofen;
  • Bonifen;
  • AVANTI;
  • Nilogrin;
  • Nobrassit;
  • Novigan;
  • novopassit;
  • Nomigren;
  • Nurofen;
  • Nurofen per i bambini;
  • obzidan;
  • Omaron;
  • Panadol;
  • paracetamolo;
  • Pentalgin;
  • pikamilon;
  • Plivalgin;
  • propranololo;
  • Revalgin;
  • Rudotel;
  • solpadein;
  • Stugeron;
  • Suma migren;
  • Collezione sedativa (sedativa);
  • Faspik;
  • Fezam;
  • Flamaks;
  • Hayrumat;
  • Tsefekon;
  • cinnarizina;
  • egilok;
  • Egilok Retard;
  • Efkamon.

askofen

Istruzioni per l'uso:

Azione farmacologica

Ascofen è un farmaco combinato che ha un effetto analgesico e antipiretico.

La composizione di una compressa di Ascophen contiene 0,2 g di acido acetilsalicilico e fenacetina, nonché 0,04 g di caffeina. L'acido acetilsalicilico sopprime la sintesi delle prostaglandine responsabili della comparsa di dolore e gonfiore nel sito di infiammazione, inibisce la formazione di trombi e l'aggregazione piastrinica. A causa di questo componente, l'uso di Askofen consente di alleviare il dolore, in particolare causato da processi infiammatori, per migliorare la microcircolazione nel fuoco infiammatorio.

La fenacetina aumenta le proprietà antipiretiche e analgesiche dell'acido acetilsalicilico. La caffeina, parte di Askofen, influenza l'eccitabilità riflessa del midollo spinale, stimola il vasomotore e i centri respiratori, riduce l'aggregazione piastrinica e dilata i vasi sanguigni. Inoltre, la caffeina consente di aumentare le prestazioni fisiche e mentali, ridurre l'affaticamento e la sonnolenza, normalizzare il tono vascolare del cervello e accelerare il flusso sanguigno.

In Askofen P, la fenacetina è sostituita dal paracetamolo (0,2 g), che determina le proprietà antinfiammatorie, antipiretiche e analgesiche di questo farmaco. Il vantaggio di questo componente è che la probabilità di formazione di metaemoglobina durante l'utilizzo è minima.

Indicazioni per l'uso Askofen

Questo farmaco è raccomandato per mal di testa, malattie catarrali, nevralgie. Va notato che l'uso di Askofen sta sempre più sostituendo l'uso di Askofen P e Askofen L, a causa della maggiore sicurezza del paracetamolo rispetto alla fenacetina, così come una combinazione più efficace dei componenti che compongono questi farmaci.

Askofen P è prescritto per:

  • sindrome da dolore moderato (mal di denti, emicrania, mal di testa, artralgia, nevralgia, mestruazioni dolorose);
  • febbre causata da malattie reumatiche e catarrale.

Istruzioni per l'uso Askofen

Secondo le istruzioni, Askofen viene somministrato 1 compressa 2-3 volte al giorno. Askofen P è raccomandato in una dose di 1-2 compresse, che deve essere assunto tre volte al giorno dopo i pasti, accompagnando l'assunzione di droga bevendo molti liquidi. Il corso del trattamento di Ascophen P di solito dura 5-7 giorni. Per alleviare il dolore acuto una volta prendere 2 compresse.

Effetti collaterali

L'uso di Askofen e Askofen P può portare a conseguenze indesiderabili quali reazioni allergiche, disturbi dispeptici, esacerbazione dell'asma bronchiale, disturbi del fegato e dei reni, lesioni dello stomaco e ulcera duodenale dell'ulcera emorragica.

Controindicazioni Ascophen

Le istruzioni per Askofen P indicano le malattie in cui l'uso di questo farmaco può danneggiare il corpo:

  • sanguinamento gastrointestinale;
  • ulcera peptica e ulcera duodenale;
  • insufficienza renale-epatica;
  • hypocoagulation;
  • carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi;
  • ipertensione portale.

La gravidanza, l'allattamento al seno e l'ipersensibilità ai componenti di Askofen e Askofen P sono le ragioni per non assumere questi farmaci.

Ulteriori informazioni

La durata di conservazione di Askofen è di 4 anni, Askofen P - 3 anni. Questi farmaci devono essere conservati in un luogo asciutto e buio, a una temperatura non superiore a 25 ° C.

Le informazioni sul farmaco sono generalizzate, sono fornite a scopo informativo e non sostituiscono le istruzioni ufficiali. L'autotrattamento è pericoloso per la salute!

Oltre alle persone, solo una creatura vivente sul pianeta Terra - i cani - soffre di prostatite. Questo è davvero il nostro più fedele amico.

Secondo molti scienziati, i complessi vitaminici sono praticamente inutili per gli esseri umani.

I nostri reni sono in grado di pulire tre litri di sangue in un minuto.

Durante la vita, la persona media produce ben due grandi piscine di saliva.

Il fegato è l'organo più pesante del nostro corpo. Il suo peso medio è di 1,5 kg.

Durante il funzionamento, il nostro cervello impiega una quantità di energia pari a una lampadina da 10 watt. Quindi l'immagine di un bulbo sopra la testa al momento dell'emergere di un pensiero interessante non è così lontana dalla verità.

Cadendo da un asino, hai più probabilità di romperti il ​​collo che cadere da un cavallo. Basta non provare a confutare questa affermazione.

Secondo uno studio dell'OMS, una conversazione giornaliera di mezz'ora su un cellulare aumenta del 40% la probabilità di un tumore al cervello.

La malattia più rara è la malattia di Kourou. Solo i rappresentanti della tribù della pelliccia in Nuova Guinea sono malati. Il paziente muore dalle risate. Si ritiene che la causa della malattia sia il consumo del cervello umano.

Una persona che assume antidepressivi nella maggior parte dei casi soffrirà ancora di depressione. Se una persona ha affrontato la depressione con le proprie forze, ha tutte le possibilità di dimenticare per sempre questo stato.

Milioni di batteri nascono, vivono e muoiono nel nostro intestino. Possono essere visti solo con un forte aumento, ma se si uniscono, si inseriscono in una normale tazza di caffè.

Il peso del cervello umano è circa il 2% dell'intera massa corporea, ma consuma circa il 20% dell'ossigeno che entra nel sangue. Questo fatto rende il cervello umano estremamente suscettibile ai danni causati dalla mancanza di ossigeno.

Tutti hanno non solo impronte digitali uniche, ma anche linguaggio.

Lo stomaco di una persona si comporta bene con oggetti estranei e senza intervento medico. È noto che il succo gastrico può persino sciogliere le monete.

Esistono sindromi mediche molto curiose, ad esempio l'ingestione ossessiva di oggetti. Nello stomaco di un paziente affetto da questa mania, sono stati trovati 2500 oggetti estranei.

La diagnosi di erniazione del disco intervertebrale di solito causa paura e stupore nell'uomo comune, e all'orizzonte appare subito l'idea che un'operazione debba aver luogo. V.

Askofen-P: istruzioni per l'uso

Askofen-P è una combinazione di farmaci del gruppo di analgesici-antipiretici.

Questo farmaco è un farmaco analgesico non narcotico che combina un agente antinfiammatorio non steroideo, un componente analgesico e psico-stimolante.

struttura

Il contenuto di sostanze attive nella composizione del farmaco Askofen-P:

  • Acido acetilsalicilico - 200 mg.
  • Paracetamolo - 200 mg.
  • Caffeina - 40 mg.

Come eccipienti usati: fecola di patate, acido stearico, povidone, talco, paraffina liquida.

Effetto farmacologico

I principi attivi del farmaco contribuiscono ai seguenti effetti farmacologici:

  • Caffeina - elimina la sensazione di stanchezza e sonnolenza, aumenta l'attività mentale e fisica, aiuta ad aumentare l'eccitabilità del centro respiratorio, dilata i vasi sanguigni.
  • L'acido acetilsalicilico contribuisce agli effetti antipiretici e anti-infiammatori; riduzione del dolore dovuta allo sviluppo del processo infiammatorio; migliorare la microcircolazione nell'epidemia di infiammazione.
  • Paracetamolo - aiuta a fornire antipiretici, analgesici e moderati effetti anti-infiammatori.

Cosa aiuta le compresse di Askofen-P?

L'indicazione per l'uso di Ascophen-P è la terapia della sindrome del dolore debole e moderata di varie origini:

  • Mal di testa ed emicrania
  • Mal di denti.
  • Nevralgie.
  • Mialgia.
  • Artralgia.
  • Algodismenorei.
  • Trattamento sintomatico della febbre nelle malattie respiratorie acute e influenza.

L'assunzione del farmaco non influisce sul decorso della malattia ed è un elemento ausiliario del trattamento.

Controindicazioni

L'uso di Askofen-P non è raccomandato in caso di sviluppo di intolleranza individuale a sostanze attive o ausiliarie del farmaco, con lesioni erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale (stadio acuto), sanguinamento gastrico, asma aspirina, emofilia, diatesi emorragica, ipertensione portale, avitaminosi K, insufficienza renale.

Il farmaco è anche controindicato in caso di deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi, grave ipertensione arteriosa, grave cardiopatia ischemica, glaucoma, aumento dell'eccitabilità, disturbi del sonno e interventi chirurgici che sono accompagnati dallo sviluppo di sanguinamento.

Askofen-P non può essere usato durante il parto (1 ° e 3 ° trimestre), durante l'allattamento e nei pazienti di età inferiore ai 15 anni.

Questo medicinale è stato prescritto con estrema cautela nello sviluppo della gotta e della malattia del fegato.

Modalità d'uso, dosaggio

L'assunzione di pillole deve essere assunta per via orale durante o immediatamente dopo un pasto. Si raccomanda di prendere una pillola ogni 4 ore. Con dolore intenso, una singola dose può essere aumentata a 2 compresse. La dose giornaliera media è fino a 4 compresse, il massimo - 8 compresse. La durata della terapia non deve superare 1 settimana - 10 giorni.

Il farmaco non può essere usato per più di 5 giorni come analgesico e più di 3 giorni come farmaco antipiretico senza appuntamento e osservazione di un medico. Il medico può prescrivere un diverso dosaggio, frequenza e durata del farmaco, tenendo conto dei sintomi della malattia e delle caratteristiche individuali del paziente.

overdose

In caso di sovradosaggio, aumenta il rischio di tali reazioni avverse:

  • Con lieve intossicazione con acido acetilsalicilico può sviluppare nausea, ronzio nelle orecchie, nausea, vertigini.
  • In grave intossicazione, possono verificarsi convulsioni, sonnolenza, letargia, collasso. In caso di aumento degli effetti negativi di una sostanza sul corpo, possono verificarsi problemi respiratori. In questo caso, dovresti consultare immediatamente un medico.

Come terapia, l'elettrolito dell'acqua e l'equilibrio acido-base dovrebbero essere costantemente monitorati. L'aumento di alcali contribuisce alla rimozione dell'acido acetilsalicilico dal corpo.

Reazioni avverse

L'accettazione di Askofen-P può contribuire allo sviluppo di tali indesiderate reazioni collaterali: lesioni erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale, vomito, tachicardia, aumento della pressione sanguigna, broncospasmo e manifestazioni allergiche.

L'uso prolungato di pillole può innescare lo sviluppo di vertigini, mal di testa, visione offuscata, tinnito, gengive sanguinanti, sangue dal naso.

Interazione con altri gruppi di farmaci

Askofen-P può aiutare ad aumentare gli effetti degli anticoagulanti indiretti, eparina, ormoni, farmaci ipoglicemici.

Se assunto contemporaneamente al metotrexato e ai farmaci del gruppo di farmaci antinfiammatori non steroidei aumenta il rischio di reazioni avverse indesiderate.

In caso di uso simultaneo di diuretici, spironolattone, antipertensivi e farmaci anti-gotta, ci può essere una diminuzione dell'efficacia di questi farmaci.

Askofen-P non è raccomandato per essere combinato con barbiturici, rifampicina, farmaci antiepilettici, salicilamidi a causa del rischio di un effetto negativo sul fegato.

La somministrazione simultanea con metoclopramide può accelerare l'assorbimento del paracetamolo.

La combinazione di paracetamolo con alcol aumenta il rischio di effetti epatotossici.

Ulteriori raccomandazioni

Poiché il componente attivo di Ascophen-P - l'acido acetilsalicilico ha un effetto sulla coagulazione del sangue (rallenta il processo), il paziente deve informare il medico sull'uso di questo strumento se è necessario un intervento chirurgico.

L'uso del farmaco non è raccomandato durante l'infanzia, perché in caso di adesione dell'infezione esiste il rischio di sindrome di Reye. Questa malattia si manifesta sotto forma di vomito e ingrossamento del fegato.

Sullo sfondo dell'uso prolungato del farmaco, è necessario un monitoraggio sistematico del sangue periferico e del funzionamento del fegato.

L'acido acetilsalicilico può favorire l'escrezione dell'acido urico, che può innescare una esacerbazione della gotta.

Al momento di assumere le compresse, Askofen-P deve astenersi dall'uso di alcol a causa del rischio di sanguinamento gastrico.

Analoghi di Askofen-P

Analoghi del farmaco sono i seguenti farmaci: Exedrine, Citramon II, Kofitsl-plus, Citramon Ultra, Citrapar, Migrenol Extra. Se è necessario selezionare un sostituto, è consigliabile consultare prima un medico.

immagazzinamento

Lo stoccaggio di Ascophen-P deve essere effettuato in un luogo buio, protetto dalla luce solare diretta a una temperatura non superiore a 25 gradi.

Prezzo Askopen-P

Il costo del farmaco Askofen-P:

  • Compresse, 10 pz. - 17-20 rubli.
  • Compresse, 20 pz. - 35-45 rubli.

Askofen-P

Descrizione del 10 luglio 2014

  • Nome latino: Ascophenum-P
  • Codice ATX: N02BA71
  • Principio attivo: Acido acetilsalicilico + Caffeina + Paracetamolo (Acido acetilsalicilico + Caffeina + Paracetamolo)
  • Produttore: Pharmstandard OJSC, Russia

Composizione Askofen-P

Ogni compressa contiene i seguenti ingredienti attivi: paracetamolo 200 mg, acido acetilsalicilico 200 mg, caffeina 40 mg.

Eccipienti: acido stearico, povidone, fecola di patate, talco, stearato di calcio, emulsione di silicone e paraffina liquida.

Modulo di rilascio

Askofen-P è prodotto nella forma di targhe di un'ombra leggera, una forma piatta-cilindrica senza un odore speciale. Nelle farmacie, il farmaco viene venduto in confezioni da 10 pezzi.

Azione farmacologica

Il farmaco ha un effetto combinato che combina l'antinfiammatorio non steroideo, l'analgesico non narcotico e l'effetto psicoattivo.

Farmacodinamica e farmacocinetica

Farmaco combinato, la cui efficacia è fornita dalle sue componenti costitutive.

L'acido acetilsalicilico ha un significativo effetto analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio, inibisce l'aggregazione piastrinica.

Il paracetamolo ha anche un effetto antipiretico e analgesico.

La caffeina aiuta ad aumentare l'eccitabilità riflessa del midollo spinale, stimola le funzioni respiratorie e vasomotorie, espande i vasi sanguigni, i muscoli, il cuore, il cervello, i reni e riduce l'aggregazione piastrinica. Inoltre, l'assunzione di caffeina aiuta a ridurre la sonnolenza e l'affaticamento, migliorare le prestazioni e così via.

Di conseguenza, l'ingestione assorbe quasi il 90% del farmaco. La concentrazione massima di sostanze nel siero è raggiunta in tempi diversi: paracetamolo - entro un'ora, caffeina - 2,5 ore, acido acetilsalicilico - 1-2 ore.

Dal corpo, quasi l'80% dell'acido delle sostanze attive espulso dai reni.

Indicazioni per l'uso Askofen-P

  • sindrome da dolore moderato di varie eziologie, ad esempio: mal di testa o mal di denti, emicranie, nevralgie, mialgia, artralgia e così via;
  • febbre causata da raffreddori e malattie reumatiche.

Askofen-P durante la gravidanza

Va notato che questo farmaco non è raccomandato per l'uso durante la gravidanza, in particolare nel I e ​​III trimestre. L'uso una tantum del farmaco è consentito nel 2 ° trimestre di gravidanza, ma se è ben stabilito che ciò non danneggerà il feto.

Come sapete, l'assunzione del farmaco nel primo trimestre può causare una malformazione del feto sotto forma di scissione del palato superiore, causata dall'effetto teratogeno dell'acido acetilsalicilico.

Nel terzo trimestre - la probabilità di inibizione dell'attività lavorativa, la chiusura del dotto arterioso in un futuro bambino, causando iperplasia dei vasi sanguigni nei polmoni e ipertensione nei vasi sanguigni, viene preservata.

Controindicazioni

  • intolleranza al farmaco o ai suoi componenti;
  • varie lesioni gastrointestinali;
  • anomalie nel fegato o nei reni;
  • anomalie nell'attività dell'apparato respiratorio, ad esempio nell'asma;
  • stratificazione dell'aneurisma aortico;
  • alcuni disturbi del sistema nervoso e cardiovascolare;
  • età inferiore a 15 anni;
  • allattamento, gravidanza e così via.

Effetti collaterali

Durante il trattamento di questo farmaco, possono sorgere vari problemi nell'attività del tratto gastrointestinale sotto forma di: anoressia, nausea, vomito, gastralgia, diarrea, lesioni erosive e ulcerative, sanguinamento. È anche possibile lo sviluppo: insufficienza epatica o renale, tachicardia e aumento della pressione sanguigna.

I farmaci a lungo termine causano: vertigini, tinnito, mal di testa, ipocoagulazione, una varietà di sindromi indesiderate e disturbi del fegato.

Compresse Askofen, istruzioni per l'uso (metodo e dosaggio)

Come indicato dalle istruzioni per l'uso di Askofen-P, queste compresse sono prescritte per ricevere dopo i pasti 2-3 volte al giorno in una quantità di 1-2 pezzi. Allo stesso tempo, la dose massima giornaliera non deve superare i 6 pezzi e la pausa dovrebbe essere inferiore a 4 ore.

Date le indicazioni per l'uso di Askofen, è necessario osservare alcune caratteristiche della reception:

  • è meglio lavare le compresse con latte, acqua calda o minerale ordinaria;
  • i pazienti con funzionalità renale o epatica compromessa dovrebbero aumentare l'intervallo tra l'assunzione del farmaco - da 6 ore.

Inoltre, il corso di terapia del dolore non deve superare i 5 giorni e il trattamento del calore - più di 3 giorni. In altri casi, la durata del trattamento e il dosaggio sono determinati dal medico.

overdose

L'overdose può manifestarsi:

  • nausea, vomito, dolore nel tratto digestivo;
  • sudorazione, pelle pallida;
  • tachicardia;
  • suonare nelle orecchie;
  • sonnolenza, collasso, stato convulso;
  • broncospasmo, problemi respiratori e così via.

Se c'è il sospetto di avvelenamento, allora un urgente bisogno di cercare assistenza medica. Di solito la vittima viene lavata e nomina gli assorbenti.

interazione

Il trattamento simultaneo con Askofen-P porta ad un aumento degli effetti di eparina, reserpina, anticoagulanti indiretti, ormoni steroidei e alcuni agenti ipoglicemizzanti. È anche probabile che diminuisca l'efficacia di furosemide, spironolattone, antipertensivi e farmaci anti-gotta che aiutano a rimuovere l'acido urico dal corpo.

È stato notato un aumento degli effetti collaterali dei glucocorticosteroidi, del metotrexato, dei derivati ​​sulfonilurea, dei farmaci antinfiammatori non steroidei e degli analgesici non narcotici.

Non è raccomandato combinare questo farmaco con barbiturici, farmaci antiepilettici, zidovudina, rifampicina e bevande contenenti alcool, poiché permane la probabilità di sviluppare un effetto epatotossico.

L'effetto del paracetamolo aumenta il periodo di clearance del cloramfenicolo di quasi 5 volte. Per quanto riguarda la caffeina, aiuta ad accelerare l'assorbimento di ergotamina.

La terapia combinata con salicilamide e altri stimolanti dell'ossidazione microsomiale contribuisce alla produzione di metaboliti tossici del paracetamolo che influenzano negativamente la funzionalità epatica.

L'assunzione simultanea con metoclopramide aumenta l'assorbimento del paracetamolo. L'uso ripetuto può aumentare l'effetto degli anticoagulanti.

Istruzioni speciali

Il trattamento prolungato con questo farmaco richiede il monitoraggio del sangue periferico e della funzionalità epatica.

L'acido acetilsalicilico ha un effetto antiaggregante, per questo motivo i pazienti devono immediatamente avvertire i medici che stanno assumendo questo farmaco prima di eseguire una procedura chirurgica. Bassi dosaggi di acido acetilsalicilico riducono l'escrezione di acido urico, che spesso provoca un attacco di gotta.

Condizioni di vendita

Queste compresse sono disponibili senza prescrizione medica.

Condizioni di conservazione

Il farmaco deve essere conservato in un luogo abbastanza secco e buio a temperature fino a 25 ° C.

Periodo di validità

Il farmaco è valido per 2 anni.

analoghi

Anche i seguenti farmaci hanno un effetto simile: Orafen, Fleksen, Diklovit, Artrozilen, Bofen e altri.

Alcool e Askofen-P

Nel trattamento di questo farmaco è vietato l'uso di bevande alcoliche, in quanto aumentano il rischio di sanguinamento nel tratto gastrointestinale.

Recensioni Askofen-P

Come dimostrato dalle numerose recensioni di pazienti lasciati in vari forum, questo farmaco è un rimedio combinato eccellente, economico ed efficace. Molti utenti hanno assunto le compresse di Ascophen per un lungo periodo di tempo, il che non riduce l'effetto curativo, poiché vengono utilizzati periodicamente.

Allo stesso tempo, alcuni pazienti chiedono, da che cosa Askofen-P aiuta meglio e quanto spesso può essere usato? Per questo, gli esperti dicono che le pillole hanno un effetto analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio equivalente. Tuttavia, quando questi sintomi indesiderati non scompaiono rapidamente, è necessario consultare un medico.

Inoltre, ci sono molte caratteristiche e controindicazioni per l'assunzione di questo farmaco. Ad esempio, Askofen Darnitsya è in grado più di altre forme di esacerbare la manifestazione di asma, causando lo sviluppo delle più forti reazioni allergiche.

Ascofen aumenta o abbassa la pressione sanguigna?

Questo farmaco è spesso assunto da persone che soffrono di ipotensione, cioè bassa pressione sanguigna, per liberarsi da questa malattia. Tuttavia, sostengono che tale trattamento è stato raccomandato a loro da un medico. La maggior parte dei pazienti è soddisfatta dell'effetto prodotto.

Naturalmente, questa combinazione di sostanze include un piccolo dosaggio di caffeina, che non è in grado di esercitare un effetto stimolante sul sistema nervoso centrale, ma normalizza il tono vascolare del cervello e accelera il flusso sanguigno. Pertanto, i pazienti con pressione alta dovrebbero prendere queste pillole con cautela e le persone con pressione sanguigna bassa non dovrebbero comunque abusare di questa terapia.

Prezzo Askofen-P, dove acquistare

Questo medicinale è disponibile per quasi tutti i pazienti, poiché nelle farmacie russe il prezzo è di 14 rubli.

Askofen: istruzioni per l'uso, indicazioni, recensioni e analoghi

Il farmaco medico Askofen consente di minimizzare il dolore causato dallo sviluppo di processi infiammatori e migliora anche la microcircolazione nei focolai di infiammazione. I componenti del farmaco riducono la sonnolenza e l'affaticamento, normalizzano il tono dei vasi cerebrali e accelerano il flusso sanguigno.

Ascofen è un farmaco combinato con effetti analgesici, antinfiammatori e psicogogici. Questi effetti terapeutici sul corpo forniscono le sue componenti costitutive.

Gli agenti attivi Ascophen sono paracetamolo, fenacetina e caffeina. La composizione di una compressa di Ascophen contiene 0,2 g di acido acetilsalicilico e fenacetina, nonché 0,04 g di caffeina.

In Askofen P, la fenacetina è sostituita dal paracetamolo (0,2 g), che determina le proprietà antinfiammatorie, antipiretiche e analgesiche di questo farmaco.

L'acido acetilsalicilico ha un significativo effetto analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio, inibisce l'aggregazione piastrinica.

La fenacetina aumenta le proprietà antipiretiche e analgesiche dell'acido acetilsalicilico. Il paracetamolo, che ha sostituito la fenacetina in Askofen P, ha anche un effetto febrifugo e analgesico.

La caffeina, parte di Askofen, influenza l'eccitabilità riflessa del midollo spinale, stimola il vasomotore e i centri respiratori, riduce l'aggregazione piastrinica e dilata i vasi sanguigni. Oltre a queste proprietà, la caffeina aumenta la resistenza fisica, migliora le prestazioni mentali e riduce anche l'affaticamento e la sonnolenza del paziente, normalizza il tono vascolare del cervello e generalmente accelera il flusso sanguigno.

A causa delle proprietà terapeutiche dei prodotti farmaceutici, sono state evidenziate le seguenti raccomandazioni per l'uso di questo agente:

1. Eliminazione del dolore. Allo stesso tempo, la natura del dolore non ha importanza: dentale, mal di testa, tipo di emicrania, nevralgico, artralgia, mialgico, "come una donna".
2. L'effetto antipiretico è giustificato quando si rimuove la febbre causata da raffreddore o malattie reumatiche.

Indicazioni per l'uso Askofen e Askofen P

Askofen P, da che cosa sono queste pillole? Si raccomanda l'assunzione di Ascofen con sindrome del dolore di gravità debole e moderata (di varia genesi), anche con:

  • mal di testa, emicrania,
  • nevralgie,
  • mialgia,
  • artralgia,
  • algodismenorei,
  • ciclo mestruale doloroso,
  • mal di denti.

Inoltre, Askofen viene utilizzato per le condizioni febbrili causate da raffreddori e / o malattie reumatiche.

A causa della rapida insorgenza dell'effetto analgesico, Askofen è così efficace nella nevralgia, nell'artralgia e anche in caso di comparsa di sensazioni di malattia durante le mestruazioni. Inoltre, le compresse di Askofen devono essere assunte per la febbre causata da malattie catarrale o reumatiche.

Vale la pena sottolineare che l'assunzione del farmaco non influisce sul decorso della malattia di base ed è solo un elemento ausiliario del trattamento.

Istruzioni per l'uso Askofen, dosaggio

Il farmaco Askofen usato all'interno dopo aver mangiato 1-2 compresse 2-3 volte al giorno. La dose giornaliera massima è di 6 compresse. La pausa tra l'assunzione del farmaco dovrebbe essere di almeno 4 ore.

Per ridurre l'effetto irritante sul tratto gastrointestinale, il farmaco deve essere assunto dopo i pasti con acqua, latte intero, acqua minerale alcalina.

Secondo le annotazioni ufficiali Askofen prese nel seguente dosaggio:

- adulti e bambini da 15 anni: 1-2 pezzi tre volte al giorno con un intervallo di 4-6 ore (dose giornaliera - fino a 6 pz); durata del corso - 10-12 giorni;
- come febrifuge - secondo il programma non più di 3 giorni;
- come antidolorifico - secondo il programma non più di 5 giorni;
- su appuntamento del dottore si possono stabilire altri termini di terapia e dosaggio.

Caratteristiche dell'applicazione

Al momento di assumere le compresse, Askofen deve astenersi dall'uso di alcol a causa del rischio di sanguinamento gastrico.

L'uso di Askofen non influisce sulla capacità di guidare veicoli e lavorare con dispositivi potenzialmente pericolosi.

Come anestetico, Askofen può essere preso non più di 5 giorni, e come antipiretico - non più di 3 giorni. Il farmaco viene assunto solo dopo aver consultato un medico.

Effetti collaterali e controindicazioni Askofen

L'uso di Askofen e Askofen P può portare a conseguenze indesiderabili - disturbi dispeptici, esacerbazione di asma, disturbi del fegato e dei reni, lesioni dello stomaco e del duodeno, natura ulcerativa-emorragica, aumento del sanguinamento, dolore nella regione epigastrica, orticaria e altre reazioni allergiche, izgoga.

Quando si utilizzano sedativi di origine vegetale (ad esempio, valeriana, Motherwort, tintura di peonia), Askofen non è raccomandato perché contiene caffeina, che ha un effetto stimolante sul sistema nervoso centrale, causando disturbi del sonno e un'eccessiva stimolazione del sistema nervoso.

overdose

Sintomi: nausea, vomito, mal di stomaco, sudorazione, pelle pallida, tachicardia.

Per lieve intossicazione, ronzio nelle orecchie; intossicazione grave - sonnolenza, collasso, convulsioni, broncospasmo, difficoltà respiratorie, anuria, sanguinamento.

All'aumentare dell'intossicazione, la progressiva paralisi della respirazione e la dissociazione della fosforilazione ossidativa provocano l'acidosi respiratoria. Se il dosaggio di questo farmaco è stato superato in modo significativo, è possibile il coma.

In caso di avvelenamento da Ascofene, è necessario lavare immediatamente lo stomaco, prescrivere l'assunzione di adsorbenti (carbone attivo), lassativi salini e terapia sintomatica. Durante il trattamento con un sovradosaggio di Askofen, è necessario il controllo dell'equilibrio elettrolitico e dell'equilibrio alcalino.

Controindicazioni:

  • sanguinamento gastrointestinale;
  • insufficienza renale-epatica;
  • ulcera peptica e ulcera duodenale;
  • hypocoagulation;
  • ipertensione portale;
  • carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi e molto altro.

Secondo le istruzioni, l'uso di Askofen nel primo e nel terzo trimestre di gravidanza è controindicato.

Nel secondo trimestre, Askofen è consentito solo su prescrizione medica, se il beneficio atteso per la madre supera i possibili rischi per il feto.

L'uso di Askofen durante l'allattamento (l'allattamento al seno) è controindicato. Se è necessario prendere Askofen l'allattamento al seno deve essere interrotto andando in uno speciale alimento per l'infanzia (miscela).

Il farmaco non deve essere usato nei bambini a causa del rischio di sindrome di Reye (iperpiressia, acidosi metabolica, disturbi del sistema nervoso e della psiche, vomito, alterazione della funzionalità epatica) in caso di ipertermia in presenza di malattie virali.

Un elenco completo di controindicazioni e condizioni in cui Askofen è usato con cautela dovrebbe essere studiato prima di assumere il farmaco. L'istruzione è allegata ad ogni confezione del farmaco.

Analoghi di Askofen, una lista

I seguenti farmaci sono analoghi di Ascofen:

  1. Excedrin,
  2. Citramon II,
  3. Kofitsil plus,
  4. Citramon Ultra,
  5. Tsitrapar,
  6. Migrenol Extra.

Se è necessario selezionare un sostituto, è consigliabile consultare prima un medico. Importante - Le istruzioni per l'uso di Askofen, il prezzo e le recensioni agli analoghi non si applicano e non possono essere utilizzate come guida per l'uso di farmaci di composizione o azione simili. Tutti gli appuntamenti terapeutici dovrebbero essere eseguiti da un medico. Quando si sostituisce Askofen con un analogo, è importante consultare un esperto, potrebbe essere necessario modificare il corso della terapia, i dosaggi, ecc. Non automedicare!

Come numerose recensioni dei medici dimostrano, Askofen è un rimedio combinato eccellente, economico ed efficace. Molte persone hanno assunto compresse di Ascophen per un lungo periodo, senza ridurre l'effetto terapeutico del farmaco.