aracnoidite

Commozione cerebrale

L'aracnoidite è una lesione infiammatoria autoimmune della membrana aracnoidea del cervello, che porta alla formazione di aderenze e cisti in essa. Clinicamente, l'aracnoidite si manifesta nelle sindromi da fluido ipertensivo, astenico o neurastenico, così come i sintomi focali (lesioni dei nervi cranici, disturbi piramidali, disordini cerebellari), a seconda della localizzazione predominante del processo. La diagnosi di aracnoidite viene effettuata sulla base dell'anamnesi, della valutazione dello stato neurologico e mentale del paziente, dell'Echo EG, dell'EEG, della puntura lombare, dell'esame oftalmologico e otorinolaringoiatrico, della RM e del TC, della cistografia TC. Aracnoidite trattata principalmente terapia farmacologica complessa, inclusi farmaci antinfiammatori, disidratanti, antiallergici, antiepilettici, assorbibili e neuroprotettivi.

aracnoidite

Oggi la neurologia distingue tra aracnoidite vera, che ha una genesi autoimmune e condizioni residue causate da alterazioni fibrotiche nella membrana aracnoidea dopo lesione traumatica cerebrale o neuroinfettiva (neurosifilide, brucellosi, botulismo, tubercolosi, ecc.). Nel primo caso, l'aracnoidite è di natura diffusa e si differenzia in un decorso progressivo o intermittente, nel secondo caso ha spesso un carattere locale e non è accompagnata da una progressione del flusso. Tra le lesioni organiche del sistema nervoso centrale, la vera aracnoidite rappresenta fino al 5% dei casi. Molto spesso l'aracnoidite si verifica tra i bambini e i giovani di età inferiore ai 40 anni. Gli uomini si ammalano 2 volte più spesso delle donne.

Cause di aracnoidite

In circa il 55-60% dei pazienti, l'aracnoidite è associata a una precedente malattia infettiva. Molto spesso si tratta di infezioni virali: influenza, meningite virale e meningoencefalite, varicella, infezione da citomegalovirus, morbillo, ecc. E anche focolai purulenti cronici nell'area del cranio: parodontite, sinusite, tonsillite, otite media, mastoidite. Nel 30%, l'aracnoidite è il risultato di una lesione cerebrale traumatica, più spesso emorragia subaracnoidea o contusione del cervello, sebbene la probabilità di aracnoidite non dipenda dalla gravità del danno. Nel 10-15% dei casi, l'aracnoidite non ha un'eziologia chiaramente definita.

Fattori predisponenti per lo sviluppo dell'aracnoidite sono stanchezza cronica, varie intossicazioni (incluso alcolismo), duro lavoro fisico in condizioni climatiche avverse, frequenti infezioni virali respiratorie acute, lesioni ripetute, indipendentemente dalla loro posizione.

Patogenesi dell'arachnoidite

L'aracnoide si trova tra la dura e la pia madre. Non è unito a loro, ma si adatta strettamente alla pia madre in punti in cui quest'ultimo copre la superficie convessa delle circonvoluzioni del cervello. A differenza della pia mater, l'aracnoide non entra nel giro e sotto quest'area si formano spazi subaracnoidi pieni di liquido cerebrospinale. Questi spazi comunicano tra loro e con la cavità del ventricolo IV. Il liquido cerebrospinale fuoriesce dalla cavità cranica dagli spazi subaracnoidi attraverso la granulazione della membrana aracnoidea, così come lungo le lacune perineurali e perivascolari.

Sotto l'influenza di vari etiofattori nel corpo, gli anticorpi iniziano a essere prodotti contro la propria membrana del ragno, causando la sua infiammazione autoimmune, l'aracnoidite. L'aracnoidite è accompagnata da ispessimento e opacizzazione della membrana aracnoidea, formazione di aderenze del tessuto connettivo e espansioni cistiche in esso. Le adesioni, la cui formazione è caratterizzata da aracnoidite, portano alla cancellazione di queste vie di deflusso del liquido cerebrospinale con lo sviluppo di crisi idrocefalo e liquoroso-ipertensive, causando l'insorgenza di sintomi cerebrali. Accompagnare i sintomi focali dell'arachnoidite associati a effetti irritanti e coinvolgimento nelle aderenze delle strutture cerebrali sottostanti.

Classificazione di aracnoidite

Nella pratica clinica, l'aracnoidite è classificata per localizzazione. Aracnoidite cerebrale e spinale si distinguono. Il primo a sua volta è suddiviso in convessità, basilare e aracnoidite della fossa cranica posteriore, sebbene con un carattere diffuso del processo tale separazione non sia sempre possibile. Secondo le caratteristiche della patogenesi e dei cambiamenti morfologici, l'aracnoidite si divide in adesivo, cistica adesiva e cistica.

Sintomi di aracnoidite

Il quadro clinico dell'aracnoidite si sviluppa dopo un considerevole periodo di tempo dagli effetti del fattore che lo causa. Questo tempo è dovuto ai processi autoimmuni che si verificano e può differire a seconda di ciò che l'aracnoidite è stata provocata da. Quindi, dopo aver sofferto l'influenza, l'aracnoidite si manifesta dopo 3-12 mesi e dopo un trauma cranico in una media di 1-2 anni. Nei casi tipici, l'aracnoidite è caratterizzata da un inizio graduale e discreto all'insorgenza e all'esordio dei sintomi caratteristici di astenia o nevrastenia: aumento della fatica, debolezza, disturbi del sonno, irritabilità e aumento della labilità emotiva. In questo contesto, la comparsa di crisi epilettiche. Nel corso del tempo, i sintomi cerebrali e locali (focali) che accompagnano l'aracnoidite iniziano ad apparire.

Sintomi cerebrali di aracnoidite

I sintomi cerebrali sono causati da una violazione della dinamica dei liquori e nella maggior parte dei casi si manifesta la sindrome ipertensiva da CSF. Nell'80% dei casi, i pazienti con aracnoidite lamentano un mal di testa piuttosto intenso, più pronunciato al mattino e aggravato da tosse, tensione e sforzo fisico. Con un aumento della pressione intracranica, il dolore è anche associato al movimento dei bulbi oculari, alla pressione sugli occhi, alla nausea e al vomito. Spesso, l'aracnoidite è accompagnata da acufeni, una diminuzione dell'udito e vertigini non sistematiche, che richiede l'esclusione di malattie dell'orecchio (neurite cocleare, otite media cronica, otite adesiva, labirintite) in un paziente. Eccessiva eccitabilità sensoriale (scarsa tolleranza a suoni aspri, rumore, luce intensa), disturbi autonomici e crisi vegetative tipiche della distonia vegetativa-vascolare.

Spesso, l'aracnoidite è accompagnata da un forte aggravamento periodico dei disordini fluidodinamici, che si manifesta clinicamente sotto forma di crisi liquorodinamica - un attacco improvviso di intenso mal di testa con nausea, vertigini e vomito. Tali attacchi possono verificarsi fino a 1-2 volte al mese (aracnoidite con crisi rare), 3-4 volte al mese (aracnoidite con crisi di frequenza media) e più di 4 volte al mese (aracnoidite con crisi frequenti). A seconda della gravità dei sintomi, le crisi liquorodinamiche sono divise in luce, moderata e grave. La crisi liquorodinamica severa può durare fino a 2 giorni, accompagnata da debolezza generale e vomito ripetuto.

Sintomi focali di aracnoidite

I sintomi focali dell'arachnoidite possono essere diversi a seconda della sua posizione preferenziale.

L'aracnoidite convessa può manifestarsi come una lieve e moderata interruzione dell'attività motoria e della sensibilità in uno o entrambi gli arti dal lato opposto. Nel 35% l'aracnoidite di questa localizzazione è accompagnata da crisi epilettiche. Il polimorfismo di epiphriscups di solito ha luogo. Insieme con primarie e secondarie generalizzate, si osservano convulsioni psicomotorie semplici e complesse. Dopo un attacco, può verificarsi un deficit neurologico temporaneo.

L'aracnoidite basilare può essere comune o localizzata prevalentemente nella regione ottica-chiasmatica, nella fossa cranica anteriore o media. La sua clinica è principalmente dovuta a una lesione localizzata sulla base delle coppie di nervi cranici I, III e IV. Possono insorgere segni di insufficienza piramidale. L'aracnoidite della fossa cranica anteriore spesso procede con problemi di memoria e attenzione, una diminuzione delle prestazioni mentali. L'aracnoidite chiasmatica ottica è caratterizzata da una diminuzione progressiva dell'acuità visiva e del restringimento dei campi visivi. Questi cambiamenti sono spesso di natura bilaterale. L'aracnoidite chiasmatica ottica può essere accompagnata da una lesione dell'ipofisi situata in quest'area e portare alla comparsa di una sindrome endocrino-metabolica, simile alle manifestazioni di adenoma pituitario.

L'aracnoidite della fossa cranica posteriore ha spesso un decorso grave, simile ai tumori cerebrali di questa localizzazione. L'aracnoidite dell'angolo cerebrale-cerebellare, di regola, inizia a manifestarsi come una lesione del nervo uditivo. Tuttavia, è possibile iniziare con nevralgia del trigemino. Quindi compaiono i sintomi della neurite centrale del nervo facciale. Con l'aracnoidite di una grande cisterna, la pronunciata sindrome da ipertensione da liquore con gravi crisi del CSF viene alla ribalta. Caratterizzato da disturbi cerebellari: coordinazione alterata, nistagmo e atassia cerebellare. L'aracnoidite nell'area di una grande cisterna può essere complicata dallo sviluppo dell'idrocefalo occlusivo e dalla formazione di una cisti da siringomielite.

Diagnosi di aracnoidite

Un vero neurologo aracnoidite può stabilire solo dopo un esame completo del paziente e il confronto dei dati anamnestici, i risultati di un esame neurologico e studi strumentali. Durante la presa della storia, l'attenzione è rivolta allo sviluppo graduale dei sintomi della malattia e alla loro natura progressiva, infezioni recenti o lesioni alla testa. Lo studio dello stato neurologico consente di identificare le violazioni dei nervi cranici, determinare deficit focale neurologico, disturbi psico-emotivi e mnestici.

La radiografia del cranio nella diagnosi di aracnoidite è un breve studio informativo. Può solo rivelare segni di una ipertensione intracranica da lungo tempo: depressioni digitali, osteoporosi della parte posteriore della sella turca. La presenza di idrocefalo può essere valutata secondo Echo EG. Con l'aiuto dell'EEG, i pazienti con aracnoidite convessa rivelano irritazione focale ed attività epilettica.

I pazienti con sospetta aracnoidite devono essere esaminati da un oftalmologo. Nella metà dei pazienti con aracnoidite della fossa cranica posteriore, durante l'oftalmoscopia, si osserva un ristagno nella testa del nervo ottico. L'aracnoidite ottico-chiasmatica è caratterizzata da restringimento concentrico o bitemporale dei campi visivi rilevati alla perimetria, nonché dalla presenza di bovini centrali.

Compromissione uditiva e rumore dell'orecchio sono un motivo per consultare un otorinolaringoiatra. Il tipo e il grado di perdita dell'udito sono stabiliti utilizzando l'audiometria di soglia. Per determinare il livello di danno all'analizzatore uditivo, l'elettrococleografia, lo studio dei potenziali evocati uditivi, l'impedimentometria acustica vengono eseguiti.

La TC e la RM del cervello rivelano i cambiamenti morfologici che accompagnano l'aracnoidite (aderenze, la presenza di cisti, i cambiamenti atrofici), determinano la natura e l'estensione dell'idrocefalo, eliminano i processi volumetrici (ematoma, tumore, ascesso cerebrale). Cambiamenti nella forma degli spazi subaracnoidi possono essere rilevati durante la cisternografia CT.

La puntura lombare fornisce informazioni accurate sulla dimensione della pressione intracranica. Lo studio del fluido cerebrospinale con aracnoidite attiva di solito rivela un aumento della proteina a 0,6 g / l e il numero di cellule, nonché un aumento del contenuto di neurotrasmettitori (ad esempio la serotonina). Aiuta a differenziare l'aracnoidite da altre malattie cerebrali.

Trattamento dell'aracnoidite

La terapia dell'aracnoidite viene di solito eseguita in ospedale. Dipende dall'eziologia e dal grado di attività della malattia. Schema di trattamento medico di pazienti con aracnoidite può includere glucocorticosteroidi antinfiammatori terapia (metilprednisolone, prednisolone), agenti assorbibili (ialuronidasi yodvismutat chinino pirogenal), farmaci antiepilettici (carbamazepina, levetiracetam, ecc), agenti di essiccamento (a seconda del grado di aumento pressione intracranica - mannitolo, acetazolamide, furosemide), neuroprotettori e metaboliti (piracetam, meldonium, ginkgo biloba, idrolizzato cerebrale Nyi, ecc), farmaci antiallergici (Clemastine, loratadina, mebidrolina, hifenadina), psicotropi (antidepressivi, tranquillanti, sedativi). Punto obbligato nel trattamento dell'aracnoidite è la riabilitazione di focolai esistenti di infezione purulenta (otite, sinusite, ecc.).

Grave aracnoidite opto-chaosale o aracnoidite della fossa cranica posteriore in caso di progressiva perdita della vista o idrocefalo occlusivo è un'indicazione per il trattamento chirurgico. L'operazione può consistere nel ripristino della pervietà dei principali percorsi del fluido cerebrospinale, la rimozione delle cisti o la separazione delle aderenze, portando alla compressione delle strutture cerebrali adiacenti. Al fine di ridurre l'idrocefalo nelle aracnoiditi, è possibile utilizzare le manovre di smistamento volte a creare modi alternativi di deflusso del liquido cerebrospinale: cistoperitoneale, ventricolo-peritoneale o shunt lomboperitoneale.

Aracnoidite alla risonanza magnetica

L'aracnoidite è un'infiammazione della membrana aracnoide (aracnoidea) situata tra la dura e la pia madre che copre il cervello e il midollo spinale. L'aracnoidite si riferisce alle malattie autoimmuni, perché il suo sviluppo sconvolge il normale funzionamento del sistema nervoso centrale.

Cause di aracnoidite

Questa malattia è una conseguenza delle infezioni - sia comuni che focali (per esempio, seni paranasali o passaggi uditivi) - spesso la malattia si sviluppa sullo sfondo dell'otite acuta o cronica, specialmente se si presenta in una forma complicata. L'aracnoidite può comparire sullo sfondo del processo infiammatorio nell'encefalite o nei tumori progressivamente progressivi.

Alcune delle cause di questa malattia rimangono inspiegabili.

I fattori che contribuiscono allo sviluppo dell'aracnoidite sono:

  • stress cronico e superlavoro;
  • intossicazione di varia natura (chimica, alcolica);
  • lavoro fisico pesante, complicato da condizioni climatiche avverse;
  • raffreddori frequenti.

Sintomi di aracnoidite

Con l'aracnoidite, la membrana aracnoidea del cervello si ispessisce, a volte con l'imposizione di fibre di fibrina. Con l'ulteriore sviluppo della malattia, possono comparire aderenze tra l'aracnoide e la coroide, che porta alla formazione di cisti aracnoidee tra di loro.

Diagnosi di aracnoidite

Per prendere misure tempestive, è necessario eseguire una risonanza magnetica del cervello o una risonanza magnetica del midollo spinale. In alcuni casi, la ricerca più informativa sarà la risonanza magnetica del SNC, che consentirà al complesso di studiare non solo le aree in cui la malattia è localizzata, ma anche le strutture che le circondano.

aracnoidite

L'aracnoidite è un'infiammazione sierosa (non purulenta) dell'aracnoide del midollo spinale o del cervello.

La membrana aracnoidea è un sottile rivestimento di tessuto connettivo, situato tra il solido esterno e la piastra interna. Tra i gusci aracnoidi e molli nello spazio subaracnoideo (subaracnoideo) c'è un liquido cerebrospinale - il liquido cerebrospinale, che mantiene la costanza dell'ambiente interno del cervello, lo protegge dalle lesioni e fornisce un decorso fisiologico dei processi metabolici.

Con l'aracnoidite, l'aracnoide si ingrandisce, perde trasparenza, acquisisce un colore grigio-biancastro. Tra esso e il guscio morbido si formano aderenze e cisti che violano il movimento del liquido cerebrospinale nello spazio subaracnoideo. Limitare la circolazione del liquido cerebrospinale porta ad un aumento della pressione intracranica, spostamento e un aumento dei ventricoli del cervello.

L'aracnoide non ha i suoi stessi vasi sanguigni, quindi la sua infiammazione isolata non è formalmente possibile; processo infiammatorio - una conseguenza della transizione della patologia da gusci adiacenti. A questo proposito, recentemente è stata messa in discussione la legittimità dell'uso del termine "aracnoidite" nella medicina pratica: alcuni autori suggeriscono di considerare l'aracnoidite come un tipo di meningite sierosa.

Sinonimo: leptomeningite, meningopatia adesiva.

Cause e fattori di rischio

L'aracnoidite si riferisce a una malattia polietiologica, cioè in grado di apparire sotto l'influenza di vari fattori.

Il ruolo principale nello sviluppo dell'aracnoidite è assegnato alle reazioni autoimmuni (autoallergiche) alle cellule pial, ai plessi vascolari e al rivestimento tissutale dei ventricoli del cervello, che si manifestano indipendentemente o come risultato di processi infiammatori.

Molto spesso l'aracnoidite si sviluppa come conseguenza delle seguenti malattie:

  • infezioni acute (influenza, morbillo, scarlattina, ecc.);
  • reumatismi;
  • tonsillite (infiammazione delle tonsille);
  • infiammazione dei seni paranasali (antritis, sinusite, etmoidite);
  • infiammazione dell'orecchio medio;
  • infiammazione dei tessuti o delle membrane del cervello (meningite, encefalite).
  • trauma (aracnoidite post-traumatica);
  • intossicazione cronica (alcol, sali di metalli pesanti);
  • rischi professionali;
  • processi infiammatori cronici delle prime vie respiratorie;
  • duro lavoro fisico in condizioni climatiche avverse.

Con una progressiva crisi da aracnoidite, crisi epilettiche, deficit visivo progressivo, i pazienti sono riconosciuti disabili dai gruppi I - III, a seconda della gravità della condizione.

La malattia di solito si sviluppa in giovane età (fino a 40 anni), più spesso nei bambini e in quelli esposti a fattori di rischio. Gli uomini si ammalano 2 volte più spesso delle donne. Non è possibile scoprire la causa della malattia nel 10-15% dei pazienti.

Forme della malattia

A seconda del fattore causale, l'aracnoidite è:

  • vero (autoimmune);
  • residuo (secondario), che si presenta come una complicazione delle malattie passate.

Sul coinvolgimento del dipartimento del sistema nervoso centrale:

  • cerebrale (cervello coinvolto);
  • spinale (midollo spinale coinvolto).

Con la localizzazione predominante del processo infiammatorio nel cervello:

  • convesso (sulla superficie convessa degli emisferi del cervello);
  • basilare o basale (ottico-chiasmatico o interpeduncolare);
  • fossa cranica posteriore (la maggior parte dell'angolo cerebellare o grande cisterna).

Dalla natura del flusso:

La prevalenza di aracnoidite può essere versata e limitata.

Per caratteristiche patologiche:

sintomi

L'aracnoidite si verifica, di regola, in modo subacuto, con il passaggio alla forma cronica.

Le manifestazioni della malattia sono formate da sintomi cerebrali e locali, presentati in diversi rapporti, a seconda della localizzazione del processo infiammatorio.

Lo sviluppo dei sintomi cerebrali sono i fenomeni di ipertensione endocranica e infiammazione del rivestimento interno dei ventricoli del cervello:

  • mal di testa inarcando la natura, spesso al mattino, il dolore durante il movimento dei bulbi oculari, lo sforzo fisico, la tosse, può essere accompagnato da nausea;
  • episodi di vertigini;
  • rumore, ronzio nelle orecchie;
  • intolleranza all'esposizione a stimoli eccessivi (luce intensa, suoni forti);
  • meteosensitivity.

Le crisi liquorodinamiche (disturbi acuti nella circolazione del liquido cerebrospinale) sono caratteristiche dell'aracnoidite, che si manifestano con un aumento dei sintomi cerebrali. A seconda della frequenza, ci sono rare crisi (1 volta al mese o meno), media frequenza (2-4 volte al mese), frequente (settimanale, a volte più volte alla settimana). In termini di gravità, le crisi liquorodinamiche vanno da lievi a gravi.

Manifestazioni locali di aracnoidite sono specifiche per la localizzazione specifica del processo patologico.

Con l'aracnoidite, la membrana aracnoidea del cervello si ispessisce, perde trasparenza, acquisisce un colore grigio-biancastro.

Sintomi focali di infiammazione convulsa:

  • tremore e tensione agli arti;
  • cambiamento dell'andatura;
  • limitazione della mobilità in un singolo arto o metà del corpo;
  • sensibilità ridotta;
  • convulsioni epilettiche e jacksoniane.

Sintomi locali di aracnoidite basilare (la più comune aracnoidite chiasmatica ottica):

  • comparsa di immagini estranee davanti agli occhi;
  • diminuzione progressiva in acuità visiva (più spesso - bilaterale, che dura fino a sei mesi);
  • perdita concentrica (più raramente - bitemporale) dei campi visivi;
  • scotomi centrali singoli o bilaterali.

Sintomi locali di danno all'aracnoide nella fossa cranica posteriore:

  • instabilità e andatura instabile;
  • l'incapacità di produrre movimenti sincroni combinati;
  • perdita della capacità di eseguire rapidamente movimenti opposti (flessione ed estensione, rotazione verso l'interno e verso l'esterno);
  • instabilità nella posizione di Romberg;
  • occhi tremanti;
  • violazione del test delle impronte digitali;
  • paresi dei nervi cranici (più spesso - abduttore, facciale, uditivo e glossofaringeo).

Oltre ai sintomi specifici della malattia, le manifestazioni della sindrome astenica sono di gravità significativa:

  • debolezza generale immotivata;
  • violazione della modalità "sonno-veglia" (sonnolenza durante il giorno e insonnia notturna);
  • alterazione della memoria, diminuzione della concentrazione;
  • diminuzione della capacità lavorativa;
  • aumento della fatica;
  • labilità emotiva.

diagnostica

L'infiammazione della membrana aracnoidea del cervello viene diagnosticata confrontando il quadro clinico della malattia e i dati di ulteriori studi:

  • una radiografia di revisione del cranio (segni di ipertensione endocranica);
  • elettroencefalogramma (cambiamento degli indicatori bioelettrici);
  • studi sul liquido cerebrospinale (conteggio dei linfociti moderatamente aumentato, talvolta con una piccola dissociazione delle proteine-proteine, perdita di fluido sotto pressione elevata);
  • tomografia (calcolo o risonanza magnetica) del cervello (espansione dello spazio subaracnoideo, ventricoli e cisterne del cervello, a volte cisti nello spazio intratecale, aderenze e processi atrofici in assenza di cambiamenti focali nella sostanza del cervello).

L'aracnoidite di solito si sviluppa in giovane età (fino a 40 anni), più spesso nei bambini e in soggetti esposti a fattori di rischio. Gli uomini si ammalano 2 volte più spesso delle donne.

trattamento

La terapia combinata di aracnoidite include:

  • agenti antibatterici per eliminare la fonte di infezione (otite, tonsillite, sinusite, ecc.);
  • desensibilizzanti e antistaminici;
  • mezzi assorbibili;
  • farmaci nootropici;
  • metaboliti;
  • agenti di riduzione della pressione intracranica (diuretici);
  • farmaci anticonvulsivanti (se necessario);
  • terapia sintomatica (se indicata).

Possibili complicazioni e conseguenze

L'aracnoidite può avere le seguenti terribili complicazioni:

  • idrocefalo persistente;
  • progressivo deterioramento della vista, fino alla completa perdita;
  • convulsioni epilettiche;
  • paralisi, paresi;
  • disordini cerebellari.

Limitare la circolazione del liquido cerebrospinale con aracnoidite porta ad un aumento della pressione intracranica, spostamento e un aumento dei ventricoli del cervello.

prospettiva

La prognosi per la vita è generalmente favorevole.

La prognosi per il lavoro è sfavorevole per un decorso progressivo, crisi epilettiche, deficit visivo progressivo. I pazienti sono riconosciuti disabili dai gruppi I - III, a seconda della gravità della condizione.

I pazienti con aracnoidite sono controindicati in condizioni climatiche avverse, in ambienti rumorosi, a contatto con sostanze tossiche e in condizioni di pressione atmosferica alterata, così come il travaglio associato a vibrazioni costanti e cambiamenti nella posizione della testa.

prevenzione

Al fine di prevenire quanto segue:

  • riabilitazione tempestiva dei focolai di infezione cronica (denti cariati, sinusite cronica, tonsillite, ecc.);
  • pieno mantenimento delle malattie infettive e infiammatorie;
  • controllo dello stato funzionale delle strutture cerebrali dopo lesioni cerebrali traumatiche.

Video di YouTube relativi all'articolo:

Istruzione: superiore, 2004 (GOU VPO "Kursk State Medical University"), specialità "Medicina generale", qualifica "Dottore". 2008-2012. - Studente post-laurea del Dipartimento di Farmacologia Clinica dell'Istituto Educativo di Bilancio di Stato di Istruzione Professionale Superiore "KSMU", Candidato di Scienze Mediche (2013, specialità "Farmacologia, Farmacologia Clinica"). 2014-2015 gg. - riqualificazione professionale, specialità "Management in education", FSBEI HPE "KSU".

L'informazione è generalizzata e viene fornita solo a scopo informativo. Ai primi segni di malattia, consultare un medico. L'autotrattamento è pericoloso per la salute!

Anche se il cuore di un uomo non batte, può ancora vivere per un lungo periodo di tempo, come ci ha mostrato il pescatore norvegese Jan Revsdal. Il suo "motore" si fermò alle 4 dopo che il pescatore si perse e si addormentò nella neve.

Per poter dire anche le parole più brevi e semplici, useremo 72 muscoli.

Le persone che sono abituate a fare colazione regolarmente hanno meno probabilità di essere obese.

Oltre alle persone, solo una creatura vivente sul pianeta Terra - i cani - soffre di prostatite. Questo è davvero il nostro più fedele amico.

Secondo gli studi, le donne che bevono un paio di bicchieri di birra o vino a settimana hanno un aumentato rischio di sviluppare il cancro al seno.

Tutti hanno non solo impronte digitali uniche, ma anche linguaggio.

Gli scienziati dell'Università di Oxford hanno condotto una serie di studi in cui hanno concluso che il vegetarianismo può essere dannoso per il cervello umano, in quanto porta a una diminuzione della sua massa. Pertanto, gli scienziati raccomandano di non escludere il pesce e la carne dalla loro dieta.

Con visite regolari al lettino abbronzante, la possibilità di ottenere il cancro della pelle aumenta del 60%.

Nel Regno Unito esiste una legge secondo cui un chirurgo può rifiutarsi di eseguire un'operazione su un paziente se fuma o è sovrappeso. Una persona deve abbandonare le cattive abitudini e quindi, forse, non avrà bisogno di un intervento chirurgico.

Secondo uno studio dell'OMS, una conversazione giornaliera di mezz'ora su un cellulare aumenta del 40% la probabilità di un tumore al cervello.

Milioni di batteri nascono, vivono e muoiono nel nostro intestino. Possono essere visti solo con un forte aumento, ma se si uniscono, si inseriscono in una normale tazza di caffè.

Il noto farmaco "Viagra" è stato originariamente sviluppato per il trattamento dell'ipertensione arteriosa.

Cadendo da un asino, hai più probabilità di romperti il ​​collo che cadere da un cavallo. Basta non provare a confutare questa affermazione.

Secondo le statistiche, il lunedì il rischio di lesioni alla schiena aumenta del 25% e il rischio di infarto del 33%. Stai attento.

Il farmaco per la tosse "Terpinkod" è uno dei leader delle vendite, non per le sue proprietà medicinali.

Salvisar è un farmaco russo senza prescrizione medica per varie patologie dell'apparato muscolo-scheletrico. Viene mostrato a tutti coloro che si allena attivamente e tempo da.

Aracnoidite: cause, forme, segni, trattamento, prognosi

L'aracnoidite è un'infiammazione della membrana aracnoidea del cervello o del midollo spinale in presenza di un'infezione virale, batterica, un processo autoimmune o un processo allergico più comune tra i giovani.

La malattia fu descritta per la prima volta alla fine del 19 ° secolo, ma le discussioni continuano ancora oggi. Molte persone con cefalea cronica e segni di sindrome ipertensiva vengono ripetutamente trattate negli ospedali neurologici, ma la terapia non patogenetica non porta il risultato desiderato, solo migliorando brevemente le condizioni del paziente.

Nel frattempo, l'aracnoidite può causare una disabilità, e nei casi più gravi, i pazienti devono diventare un gruppo di disabilità, quindi il problema di un approccio competente in questa malattia rimane estremamente importante.

Il cervello è circondato da tre gusci: duro, morbido e aracnoide. La ragnatela è sotto il solido e copre il cervello all'esterno, connettendosi con la coroide, i cui elementi penetrano tra le convoluzioni. Poiché la membrana aracnoidea è strettamente correlata al morbido e non ha il proprio apporto di sangue, il concetto di aracnoidite oggi viene criticato e l'infiammazione della membrana aracnoidea è considerata nel quadro della meningite.

Numerosi studi fino a poco tempo fa erano sparpagliati, sulla base delle osservazioni di molti pazienti, l'analisi di vari cambiamenti nelle meningi, i dati di esami aggiuntivi, ma la chiarezza è apparsa con l'uso di tecniche di neuroimaging.

Oggi, la maggior parte degli esperti è unanime nel fatto che l'aracnoidite si basa su un'infiammazione combinata delle membrane aracnoide e molli del cervello, lo sviluppo di aderenze e cisti con movimenti disturbati del liquido cerebrospinale, sindrome da ipertensione, danni alle strutture nervose del cervello, nervi cranici o radici spinali.

Nel caso delle malattie autoimmuni, è possibile la produzione isolata di anticorpi contro gli elementi della membrana aracnoidea, quindi il processo infiammatorio può essere limitato a una membrana e parlare di vera aracnoidite. L'infiammazione dopo aver subito lesioni o infezioni è definita come condizioni residue.

Tra i pazienti con aracnoidite, i giovani (fino a 40 anni), i bambini predominano, i patologi possono svilupparsi in persone debilitate con alcolismo e disordini metabolici. Vi è un'alta prevalenza di patologia tra gli uomini, nei quali l'aracnoidite viene diagnosticata fino a due volte più spesso rispetto alle donne.

Perché si sviluppa l'aracnoidite?

Come è noto, la maggior parte dei processi infiammatori avviene per colpa dei microbi, ma ci sono anche cause "interne", quando il corpo stesso contribuisce al danno dei suoi stessi tessuti. In alcuni casi, il ruolo principale è svolto dalle reazioni allergiche.

Le cause dell'aracnoidite possono essere:

  • Malattie virali - influenza, varicella, citomegalovirus, morbillo;
  • Meningite trasferita, meningoencefalite;
  • Patologia degli organi ENT: otite, tonsillite, sinusite;
  • Lesioni craniocerebrali spostate - contusione cerebrale, emorragie sotto la membrana aracnoidea;
  • Nuove crescite all'interno del cranio, ascessi.

È noto che l'aracnoidite colpisce spesso pazienti indeboliti, persone che lavorano in condizioni climatiche difficili, dove l'ipotermia può essere un fattore scatenante dell'infiammazione. L'intossicazione da arsenico, piombo, alcol, affaticamento prolungato, carenze vitaminiche può essere anche un presupposto predisponente.

Più della metà dei casi di aracnoidite sono associati a infezioni virali, quando la malattia diventa generalizzata con il coinvolgimento del rivestimento del cervello.

Circa un terzo associato a lesioni del cervello o del midollo spinale - aracnoidite post-traumatica. I più importanti sono la contusione cerebrale e l'emorragia sotto le sue membrane, il rischio aumenta con le ripetute lesioni del sistema nervoso.

Patologia delle alte vie respiratorie gioca un ruolo significativo nella genesi di aracnoidite. Non è una coincidenza, perché le strutture dell'orecchio, i seni paranasali e le tonsille della faringe si infiammano abbastanza spesso nelle persone di tutte le età, e la stretta vicinanza del cervello e delle sue membrane crea i presupposti affinché l'infezione entri nella cavità del cranio. La tonsillite non trattata, l'otite, la patologia periodontale possono causare aracnoiditi.

Nonostante le sufficienti possibilità di diagnosi, accade ancora che la causa dell'aracnoidite non sia chiara e questi pazienti sono circa il 10-15%. Se, dopo un attento esame, non è possibile trovare la causa dell'infiammazione nelle membrane del cervello, allora il processo sarà chiamato idiopatico.

Come si sviluppa l'aracnoidite e quali sono le sue forme

Quindi, è stato stabilito che la membrana aracnoidea non può essere danneggiata isolatamente. A causa della sua stretta aderenza alla coroide, quest'ultimo in un modo o nell'altro è coinvolto nell'infiammazione e di solito stiamo parlando di aracnomeningite (meningite). Esistono vari tipi di questa malattia:

  1. Vera aracnoidite;
  2. Processo infiammatorio residuo

A proposito di vera aracnoidite dire quando la causa - autoimmunizzazione, allergie. L'infiammazione procede con la formazione di anticorpi alle strutture del guscio, la reazione infiammatoria produttiva aumenta, le membrane si addensano, si appannano, si formano tra loro aderenze che impediscono la normale circolazione del liquido cerebrospinale. Di solito il processo è molto diffuso, forse coinvolgendo lo strato cellulare superiore della corteccia cerebrale, i plessi vascolari, il rivestimento ependimale dei ventricoli cerebrali.

Si ritiene che la vera aracnoidite sia una patologia estremamente rara, che si verifica in non più del 3-5% dei casi di danno alle meningi. Una frequenza più alta nelle diagnosi è solitamente il risultato di una diagnosi eccessiva.

L'aracnoidite residua segue neuroinfection o trauma, quindi il suo componente principale sarà l'adesione dello spazio intershell, la formazione di aderenze dense e, di conseguenza, le cisti riempite di liquido cerebrospinale.

L'aracnoidite cerebrale è isolata per localizzazione quando si verifica l'infiammazione nel cervello e aracnoidite del midollo spinale, dotata anche di membrane molli e aracnoidee. L'aracnoidite cerebrale dà l'intera gamma di sintomi cerebrali e procede spinale con segni di danni alle radici motorie e sensoriali.

aracnoidite spinale

Il cambiamento predominante nello spazio subaracnoideo predetermina la selezione:

  • cistica;
  • adesivo;
  • Aracnoidite mista

Il processo cistico è accompagnato dalla formazione di cavità (cisti) dovute a crescite fibrose tra le membrane. Le cisti sono piene di liquore. Con l'aracnoidite aderente, il versamento infiammatorio fibrinoso porta alla comparsa di aderenze lente che impediscono il flusso del liquido cerebrospinale. In alcuni casi, si verifica una combinazione di componenti adesivi e cistici, quindi si parla di aracnoidite mista.

Secondo la localizzazione prevalente l'aracnoidite è:

  1. diffusa;
  2. limitata;
  3. basale;
  4. convexital;
  5. Fossa cranica posteriore.

Le aracnoiditi limitate sono estremamente rare, poiché in quanto tali i confini del rivestimento del cervello non hanno e l'infiammazione diventa comune. Se nello stesso momento i sintomi di danno locale di strutture di un cervello prevalgono, allora parlano su aracnoidit limitato di localizzazione specifica.

L'aracnoidite convessa è predominante nella parte delle membrane che copre il cervello all'esterno. Procede più facilmente del basale, che sorge nella regione della base del cervello e coinvolge i nervi cranici, il tavolo cerebrale, il cervelletto e il chiasma ottico.

Manifestazioni di aracnoidite

I segni di aracnoidite non sembrano acuti. La malattia si sviluppa dopo un periodo di tempo piuttosto lungo: da diversi mesi a un anno dopo ARVI, fino a due anni per lesioni craniche. Il flusso è continuamente progressivo, con fasi alternate di esacerbazione e remissione.

Iniziando subacutamente, la patologia assume un carattere cronico. L'esordio può manifestare sintomi di astenenza, e il paziente lamenterà debolezza, grave affaticamento, mal di testa, basso background emotivo e irritabilità. All'aumentare del processo infiammatorio compaiono sintomi cerebrali e focali.

Come con l'aracnoidite, appaiono aderenze e aderenze tra le membrane del cervello, non è possibile evitare violazioni della fluidodinamica. Il liquido cerebrospinale si accumula nelle cisti, nello spazio subaracnoideo, portando all'espansione delle cavità cerebrali e alla loro ostruzione. La violazione del deflusso del liquido cerebrospinale viene combinata in alcuni casi con il rallentamento della ricaptazione del fluido in eccesso. In parallelo con l'aumento del volume del liquido cerebrospinale, la pressione all'interno del cranio aumenta, quindi la sindrome ipertensiva può essere considerata una delle manifestazioni chiave dell'aracnoidite.

Sintomi cerebrali associati alla sindrome ipertensiva idrocefalica, che inevitabilmente accompagnano il processo adesivo, quando viene disturbato il deflusso e il riassorbimento del liquido cerebrospinale, che è accompagnato da:

  • Grave mal di testa prevalentemente al mattino presto;
  • Nausea e vomito;
  • Dolore nei bulbi oculari.

Spesso tra i sintomi compaiono tinnito, vertigini, fenomeni vegetativi sotto forma di sudorazione, cianosi dei polpastrelli, sete, eccessiva sensibilità alla luce intensa, sonori forti è possibile.

Le fluttuazioni periodiche della pressione intracranica manifestano crisi liquorodinamiche, quando l'ipertensione alta improvvisa porta a un intenso mal di testa con nausea e vomito. Questa condizione può essere ripetuta una volta al mese con una forma grave e può durare fino a due giorni.

I sintomi neurologici focali sono causati dal coinvolgimento delle strutture cerebrali e si differenziano con la diversa localizzazione dell'infiammazione. La manifestazione più frequente sono le convulsioni, che possono essere generalizzate.

L'aracnoidite del cervello è accompagnata da danni alle superfici convesse delle membrane, alla base del cervello e alle formazioni della fossa cranica posteriore. I fenomeni neurologici focali in aracnoidite convessa includono:

  • epipripadki;
  • Paresi e paralisi;
  • Disturbi aree sensibili;

La localizzazione dell'infiammazione nell'area del chiasma ottico, sulla base del cervello, procede alla menomazione visiva, fino alla sua completa perdita, alla perdita dei suoi campi e il processo è di natura bilaterale. Vicino alla ghiandola pituitaria può anche soffrire, e quindi la clinica avrà sintomi di disturbi endocrini.

Quando il danno alle parti frontali del cervello può ridurre la memoria e l'attenzione, le anomalie mentali, la sindrome convulsiva, una violazione della sfera emotiva.

La fossa cranica posteriore dell'aracnoidite suggerisce una condizione grave. I sintomi si riducono a:

  • Danno del nervo cranico (perdita dell'udito, nevralgia del trigemino);
  • Sintomi cerebellari - patologia dell'equilibrio, alterata motilità e coordinazione;
  • Visione alterata;
  • Sindrome ipertensiva grave.

Lo spazio limitato nella parte posteriore della cavità cranica, le strette vie del liquido cerebrospinale predispongono a una forma chiusa di idrocefalo, un forte aumento della pressione intracranica con la comparsa di forti mal di testa, nausea, vomito. Il pericolo di questa localizzazione dell'infiammazione non è solo il coinvolgimento dei nervi cranici, ma anche la probabilità che le strutture nervose si incastrino nel forame occipitale e questo può costare la vita del paziente.

Oltre al danno cerebrale, è possibile l'aracnoidite del midollo spinale. L'infiammazione si verifica più frequentemente nelle parti toracica, lombare o sacrale, manifestandosi come sintomi radicolari, con dolore e cambiamenti di sensibilità e movimento. La clinica di aracnoidite del midollo spinale è molto simile a un tumore, spremendo le radici nervose. La patologia è cronica, accompagnata da processi cistici e adesivi.

Principi di diagnosi e terapia

Il trattamento dell'aracnoidite viene sempre eseguito in ospedale e può essere medico o chirurgico. Le persone con sospetta infiammazione dell'aracnoide sono ospedalizzate nei dipartimenti neurologici, dove è necessario un esame approfondito per stabilire la diagnosi, tra cui:

  1. Radiografia del cranio:
  2. Eco ed elettroencefalografia;
  3. Consultazione di un oculista e uno specialista ORL;
  4. TC e RM del cervello;
  5. Puntura lombare per chiarire le figure della pressione intracranica, campionamento CSF ​​per proteine, composizione cellulare.

risonanza magnetica (MRI) del cervello

La terapia farmacologica è effettuata per molto tempo, i corsi, prendendo in considerazione il fattore etiologico e include:

  • Farmaci antibatterici o antivirali;
  • Antistaminici (pipolfen, difenidramina, suprastin, claritina, ecc.);
  • Trattamento di assorbimento diretto contro le aderenze nello spazio intershell (lidz, rumalon, pirogenico);
  • Diuretici per la sindrome da ipertensione (mannitolo, diacarb, furosemide);
  • Terapia anticonvulsivante (carbamazepina, finlepsina);
  • Farmaci anti-infiammatori, - glucocorticoidi (in particolare, con la natura allergica e autoimmune dell'infiammazione);
  • Trattamento neuroprotettivo (mildronate, cerebrolysin, nootropil, vitamine del gruppo B).

Poiché la malattia è prolungata, è accompagnata da manifestazioni di astenia e disturbi emotivi, a un numero di pazienti devono essere prescritti antidepressivi, sedativi, tranquillanti.

In tutti i casi di aracnoidite, vengono ricercati e trattati altri focolai di un'infezione batterica o virale, poiché possono essere una fonte di reinfiammazione del rivestimento del cervello. Oltre agli antibiotici, vengono mostrati agenti antivirali, misure fortificanti, assunzione di complessi multivitaminici, una buona alimentazione e un regime di bere adeguato.

Con una forte sindrome ipertensiva, i segni di pressione alta all'interno del cranio non sono sempre possibili da rimuovere con l'aiuto di farmaci, e quindi i medici devono ricorrere a interventi chirurgici. I più comuni tra questi sono le operazioni di smistamento che assicurano il deflusso del liquido cerebrospinale dal cranio, così come le operazioni per la dissezione delle aderenze e delle aderenze, la rimozione delle cisti del liquido cerebrospinale, che vengono eseguite nei reparti neurochirurgici.

La prognosi per l'aracnoidite è favorevole alla vita, ma la malattia può portare alla disabilità. Convulsioni convulsive, visione ridotta, frequenti recidive di aracnoidite possono rendere impossibile svolgere le normali mansioni lavorative per il paziente e diventare una ragione per stabilire il gruppo di disabilità. La cecità completa costringe l'assegnazione del primo gruppo e il paziente ha bisogno di cure e di un aiuto esterno nella vita di tutti i giorni.

Se un paziente con aracnoidite mantiene l'attività lavorativa, allora sarà controindicato il tipo di lavoro associato con l'aumento di altezza, la guida di veicoli, la vicinanza di fuoco e meccanismi di movimento. Produzione esclusa, dove tra i fattori dannosi - vibrazioni, rumori forti, basse temperature, condizioni climatiche severe, l'azione delle tossine.

Per la prevenzione dei processi infiammatori nelle membrane del cervello, tutti i focolai di infezioni esistenti dovrebbero essere trattati prontamente, specialmente nell'orecchio, i seni paranasali e le lesioni alla testa dovrebbero essere evitate. Per mal di testa prolungato dopo infezioni o lesioni cerebrali, dovresti andare da un medico per un esame approfondito e l'esclusione di aracnoidite.

Come si manifesta l'aracnoidite: sintomi e trattamento della malattia

L'aracnoidite si riferisce alla categoria di infiammazione sierosa, accompagnata da un flusso sanguigno più lento e un aumento della permeabilità delle pareti dei capillari. Come risultato di questa infiammazione, la parte liquida del sangue penetra attraverso le pareti nei tessuti molli circostanti e ristagna in essi.

L'edema causa un leggero dolore e un leggero aumento della temperatura, influenza moderatamente le funzioni dell'organo infiammato.

Il più grande pericolo è la persistente significativa proliferazione del tessuto connettivo, ignorando la malattia o la mancanza di trattamento. Quest'ultimo è la causa di gravi perturbazioni degli organi.

Meccanismo di malattia

L'aracnoidite del cervello o del midollo spinale è un'infiammazione sierosa di una particolare struttura situata tra il guscio superiore duro e il morbido profondo. Ha l'aspetto di una sottile rete, per la quale ha ricevuto il nome della membrana aracnoidea. La struttura è formata da tessuto connettivo e forma una connessione così stretta con la membrana morbida del cervello che sono considerati insieme.

La membrana aracnoidea è separata dal morbido spazio subaracnoideo contenente il liquido cerebrospinale. Qui sono posizionati i vasi sanguigni che alimentano la struttura.

A causa di questa struttura, l'infiammazione della membrana aracnoidea non è mai locale e si estende all'intero sistema. L'infezione arriva attraverso un guscio duro o molle.

L'infiammazione con aracnoidite sembra ispessimento e opacità del guscio. Si formano delle aderenze tra i vasi e la struttura aracnoidea, che interferisce con la circolazione del liquido cerebrospinale. Nel corso del tempo si formano le cisti aracnoidee.

L'aracnoidite provoca un aumento della pressione intracranica, che provoca la formazione di idrocefalo mediante due meccanismi:

  • insufficiente deflusso di fluido dai ventricoli del cervello;
  • difficoltà nell'assorbimento del liquido cerebrospinale attraverso la guaina esterna.

Sintomi di malattia

Sono una combinazione di sintomi di disturbo cerebrale con alcuni sintomi che indicano il sito di danno principale.

Per qualsiasi tipo di aracnoidite, sono presenti i seguenti disturbi:

  • mal di testa - di solito il più intenso al mattino, può essere accompagnato da vomito e nausea. Può essere di natura locale e apparire durante gli sforzi - tendendo, cercando di saltare, movimento infruttuoso, in cui vi è un solido sostegno sotto i talloni;
  • vertigini;
  • i disturbi del sonno sono spesso osservati;
  • irritabilità, alterazione della memoria, debolezza generale, ansia, ecc.

Poiché la membrana aracnoidea è completamente infiammata, è impossibile parlare della localizzazione della malattia. Con aracnoidite limitata implica violazioni gravi pronunciate in alcune aree sullo sfondo di infiammazione generale.

La posizione del focus della malattia determina i seguenti sintomi:

  • l'aracnoidite convessa fornisce una prevalenza di segni di irritazione cerebrale rispetto alla violazione della funzionalità. Questo si esprime in convulsioni convulsive, simili all'epilettico;
  • quando l'edema si trova principalmente nella parte occipitale, la vista e l'udito cadono. C'è una perdita di campo visivo, mentre lo stato del fondo indica neurite ottica;
  • C'è un'eccessiva sensibilità ai cambiamenti climatici, accompagnata da brividi o sudorazione eccessiva. Qualche volta c'è un aumento in peso, qualche volta sete;
  • l'aracnoidite dell'angolo cerebellare è accompagnata da dolore parossistico nella parte posteriore della testa, tintinnare tinnito e vertigini. In questo caso, l'equilibrio è notevolmente disturbato;
  • con aracnoidite occipitale si manifestano sintomi di danno ai nervi facciali. Questo tipo di malattia si sviluppa in modo acuto ed è accompagnato da un marcato aumento della temperatura.

Il trattamento della malattia viene effettuato solo dopo aver determinato il focus dell'infiammazione e la valutazione del danno.

Cause di malattia

L'infiammazione e l'ulteriore formazione di cisti aracnoidee sono associate a danno primario, proprietà meccaniche o di natura infettiva. Tuttavia, in molti casi, la causa principale dell'infiammazione rimane sconosciuta.

I fattori principali sono i seguenti:

  • Infezione acuta o cronica - polmonite, infiammazione dei seni mascellari, mal di gola, meningite, ecc.
  • intossicazione cronica - avvelenamento da alcol, avvelenamento da piombo, e così via;
  • lesioni: l'aracnoidite cerebrale post-traumatica è spesso il risultato di lesioni spinali e lesioni alla testa, anche se chiuse;
  • occasionalmente, il sistema endocrino è compromesso.

Tipi di malattia

Nella diagnosi della malattia si utilizzano diversi metodi di classificazione associati alla localizzazione e al decorso della malattia.

Corso di infiammazione

Nella maggior parte dei casi, il disturbo non porta alla comparsa di dolori acuti o ad un aumento della temperatura, il che rende difficile la diagnosi e risulta essere la ragione della visita prematura di un medico. Ma ci sono delle eccezioni.

  • Il decorso acuto si osserva, ad esempio, nell'aracnoidite di una grande vasca, accompagnata da vomito, un aumento della temperatura e un forte mal di testa. Tale infiammazione può essere curata senza conseguenze.
  • Subacuto - il più delle volte osservato. Questo combina i sintomi lievi di un disturbo generale - vertigini, insonnia, debolezza e segni di soppressione della funzionalità di certe aree del cervello - compromissione dell'udito, della vista, dell'equilibrio e così via.
  • Cronico - mentre ignora la malattia, l'infiammazione si trasforma rapidamente in una fase cronica. Allo stesso tempo, i segni di disturbi cerebrali diventano sempre più stabili e i sintomi associati al focus della malattia aumentano gradualmente.

Localizzazione aracnoidite

Tutte le malattie di questo tipo sono divise in due gruppi principali: aracnoidite cerebrale, cioè infiammazione della membrana aracnoidea del cervello e infiammazione spinale - infiammazione della membrana del midollo spinale. Secondo la localizzazione della malattia del cervello è divisa in convessa e basale.

Poiché il trattamento prevede l'impatto principalmente sulle aree più colpite, la classificazione associata all'area di maggior danno è più dettagliata.

  • L'aracnoidite cerebrale è localizzata sulla base, su una superficie convessa, anche nella fossa cranica posteriore. I sintomi combinano i sintomi di un disturbo generale e l'infiammazione associata a un nidus.
  • Quando l'aracnoidite convessa colpisce la superficie dei grandi emisferi e del giro. Poiché queste aree sono associate a funzioni motorie e sensoriali, la pressione della cisti formata porta alla rottura della sensibilità cutanea: o blunt o una forte esacerbazione e reazione dolorosa agli effetti del freddo e del calore. L'irritazione in queste aree porta a crisi epilettiche.
  • Aracnoidite cerebrale adesiva diagnosticata estremamente difficile. A causa della mancanza di localizzazione, si osservano solo sintomi comuni e sono inerenti a molte malattie.
  • L'aracnoidite chiasmatica ottica si riferisce all'infiammazione della base. Il suo segno più caratteristico sullo sfondo dei sintomi cerebrali è una diminuzione della vista. La malattia si sviluppa lentamente, è caratterizzata da un danno all'occhio in alternanza: la visione diminuisce a causa della spremitura del nervo ottico durante la formazione delle aderenze. Nella diagnosi di questa forma della malattia è molto importante l'esame del fondo e del campo visivo. C'è una dipendenza del grado di violazione con gli stadi della malattia.
  • Infiammazione della membrana della ragnatela della fossa cranica posteriore - un tipo di diffusione della malattia. La sua forma acuta è caratterizzata da un aumento della pressione intracranica, cioè mal di testa, vomito e nausea. Nel decorso subacuto, questi sintomi sono attenuati, e i disturbi dell'apparato vestibolare e la sincronicità dei movimenti sono presentati in primo luogo. Per esempio, il paziente perde l'equilibrio quando fa cadere la testa. Quando si cammina, i movimenti delle gambe non sono sincronizzati con il movimento e l'angolo del busto, che forma un'andatura irregolare specifica.

L'aracnoidite cistica in quest'area ha sintomi diversi, a seconda della natura delle aderenze. Se la pressione non aumenta, la malattia può durare per anni, manifestandosi come una temporanea perdita di sincronizzazione o un progressivo deterioramento dell'equilibrio.

La peggiore conseguenza dell'aracnoidite è la trombosi o l'ostruzione brusca nell'area danneggiata, che può portare ad una grave alterazione della circolazione e all'ischemia cerebrale.

Ischemia del cervello.

L'aracnoidite spinale è classificata in base al tipo di cistica, adesivo e cistica adesiva.

  • L'adesivo procede spesso senza segni duraturi. Si può notare nevralgia intercostale, sciatica e simili.
  • L'aracnoidite cistica provoca forti dolori alla schiena, di solito su un lato, che coglie l'altro lato. Il movimento è difficile.
  • L'aracnoidite adesiva cistica si manifesta come perdita di sensibilità della pelle e difficoltà di movimento. Il decorso della malattia è molto vario e richiede un'attenta diagnosi.

Diagnosi di disturbo

Anche i sintomi più pronunciati di aracnoidite - vertigini, mal di testa, accompagnati da nausea e vomito, spesso non causano sufficiente ansia nei pazienti. Gli attacchi si verificano da 1 a 4 volte al mese, e solo i più gravi durano abbastanza a lungo da far sì che il malato prenda attenzione a se stesso.

Poiché i sintomi della malattia coincidono con un gran numero di altri disturbi cerebrali, per fare la diagnosi corretta è necessario ricorrere a una serie di metodi di ricerca. Nominali dal neurologo

  • L'esame da parte di un oftalmologo - l'aracnoidite chiasmatica ottica si riferisce ai tipi più comuni di malattia. Nel 50% dei pazienti con infiammazione del ristagno della fossa cranica posteriore nell'area del nervo ottico viene registrato.
  • RM: la precisione del metodo raggiunge il 99%. La risonanza magnetica consente di determinare il grado di cambiamento della membrana aracnoidea, di fissare la posizione della cisti e di escludere anche altre malattie che presentano sintomi simili: tumori, ascessi.
  • Radiografia - utilizzandola per rilevare ipertensione endocranica.
  • Viene effettuato un esame del sangue per stabilire necessariamente l'assenza o la presenza di infezioni, stati di immunodeficienza e altre cose. Quindi determinare la causa principale di aracnoidite.

Solo dopo l'esame, lo specialista e possibilmente più di uno, prescrive il trattamento appropriato. Il corso di solito richiede una ripetizione in 4-5 mesi.

trattamento

Il trattamento dell'infiammazione della dura madre viene effettuato in più fasi.

  • Prima di tutto, è necessario eliminare la malattia primaria - sinusite, meningite. Antibiotici, antistaminici e desensibilizzanti sono usati per questo - difenidramina, per esempio, o diazolina.
  • Al secondo stadio, vengono prescritti agenti assorbenti per aiutare a normalizzare la pressione intracranica e migliorare il metabolismo cerebrale. Questi possono essere stimolanti biologici e preparazioni di iodio - ioduro di potassio. Sotto forma di iniezioni applicare lidzu e pirogenico.
  • Vengono utilizzati decongestionanti e farmaci diuretici - furasemide, glicerina, che prevengono l'accumulo di liquidi.
  • Se si verificano convulsioni convulsive, vengono prescritti farmaci antiepilettici.

Nell'arachnoidite adesiva cistica, se la circolazione del liquido cerebrospinale è molto difficile e il trattamento conservativo non dà risultati, vengono eseguite operazioni neurochirurgiche per eliminare aderenze e cisti.

L'aracnoidite viene trattata con successo e, se visitata tempestivamente da un medico, soprattutto nella fase di infiammazione acuta, scompare senza sequela. In relazione alla vita, la prognosi è quasi sempre favorevole. Quando una malattia entra in una condizione cronica con frequenti ricadute, la capacità lavorativa si deteriora, il che richiede un passaggio a un lavoro più facile.